dove acquistare moduretic medication reconciliation

dove compro il capoten captopril renal scan

comprare la consegna di moduretic durante la notte di vasco

Medicina Estetica al Maschile: una realt…

Pensando alla Medicina Estetica, la prima icona che rievoca la nostra mente è una figura femminile m.

Cosa unisce la Medicina Estetica e l'Uom…

Fino a qualche anno fa, in maniera quasi clandestina e con l’alibi “dell’accompagnatore”, oggi invec.

Quando la pelle ha bisogno di coccole.

Il sole e la salsedine possono mettere a dura prova la salute e la bellezza della nostra pelle anch.

Convenzione assicurazione Collegio Itali…

20-07-2016 Hits:8236 News Ed. Salus.

È con grande piacere che la nostra società scientifica insieme alle società del Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica (Agorà e Sies) dopo oltre un anno di intenso lavoro.

Convenzione assicurazione SIME_Agenzia F…

19-07-2016 Hits:5199 News Ed. Salus.

POLIZZA RESPONSABILITA’ CIVILE PROFESSIONALE PER LA MEDICINA ESTETICA –COMPRESO DANNO ESTETICO - SENZA FRANCHIGIA E/O SCOPERTO E RETROATTIVITA’ ILLIMITATA - CON POSSIBILITA’ DI INCLUDERE L’ATTIVITA’ DI MEDICO GENERICO E L’ATTIVITA’ DI TRICOLOGIA ACCORDO CON L’AG. DI ASS.NI FORTUNATI L. DI FORTUNATI M. E C. &.

Aesthetic Medicine Journal.

12-05-2015 Hits:22539 Aesthetic Medicine Journal Admin Stefano.

Aesthetic Medicine RIVISTA UFFICIALE DELL’UNIONE INTERNAZIONALE DI MEDICINA ESTETICA - UIME ISSN 2421-7115 E' la rivista ufficiale della UIME (Union Internationale De Médicine Esthétique) completamente dedicata alle tematiche afferenti alla Medicina Estetica. La rivista, in.

Scuola Internazionale di Medicina Esteti…

04-04-2014 Hits:48678 SCUOLA Ed. Salus.

furosemide in vendita isprava
comprare generico toprol xl medication side

acquisto moduretic maroc map

Corsi Pre Lauream.

Le informazioni pubblicate su alcuni siti che offrono corsi di preparazione ai test di ammissione non sono in alcun modo validate da questo Ateneo: le informazioni ufficiali sono unicamente quelle pubblicate sulle pagine di questo sito.

Per tutte le informazioni in merito alle date, alle modalità di iscrizione ai test, alle modalità di svolgimento delle prove è necessario leggere attentamente quanto pubblicato nei rispettivi Bandi di Concorso.

Premi di merito UniSR Per gli studenti che si immatricolano al I anno del corso di Laurea in Filosofia e del corso di Laurea Magistrale in Filosofia del Mondo contemporaneo sono messi a disposizione dei Premi di merito. Per maggiori informazioni vai alla pagina dedicata: http://www.unisr.it/borse-di-studio/#agevolazioni-premi-di-meriti.

Info e Guide online per le Ammissioni 2018/2019.

L’ammissione ad un concorso presso UniSR o l’immatricolazione ai Corsi di Laurea prevedono sempre due fasi:

Registrazione dei dati anagrafici, di residenza e contatti Accesso ai Servizi online, iscrizione ai concorsi, immatricolazione.

Ammissione al Corso di Laurea in Filosofia (I livello) - Iscrizioni online dal 10 luglio al 28 settembre 2018.

E’ stato pubblicato il Bando di Concorso per l’ammissione al Corso di Laurea in Filosofia per l’anno accademico 2018/2019. Per tutte le informazioni di dettaglio è necessario leggere attentamente quanto pubblicato nel Bando.

Le iscrizioni online saranno aperte dal 10 luglio a partire dalle ore 9.00 e fino al 28 settembre 2018. I posti disponibili sono 80.

Procedura di Immatricolazione Effettuare l’Immatricolazione online cliccando sul link sottoriportato dopo aver effettuato la procedura di Registrazione (Scarica la Guida alla Registrazione nel Box a sinistra).

Prima di procedere è consigliato leggere attentamente la “Guida all’Immatricolazione online”

ISCRIZIONI E IMMATRICOLAZIONI ONLINE (dal 10 luglio 2018)

Titoli di studio: Per effettuare l’Immatricolazione online e il relativo perfezionamento occorre essere in possesso delle informazioni riguardanti il titolo di studio conseguito: le informazioni saranno richieste online.

Data di scadenza del Bollettino MAV online: La data di scadenza presente sul Bollettino si riferisce all’inizio dell’anno accademico e non è vincolante per il pagamento: il termine ultimo per il pagamento è strettamente dipendente dalla data dell’iscrizione online.

Immatricolazione e iscrizione ai test: E’ possibile partecipare a test di ammissione presso diversi Atenei, in qualsiasi momento, anche se si è già provveduto ad immatricolarsi ad un corso di laurea. Se poi si decide di iscriversi ad un altro corso di laurea allora occorrerà fare Rinuncia agli Studi. E’ fatto divieto secondo l’articolo 142 del T.U. sull’istruzione superiore la contemporanea iscrizione a diverse Università e/o corsi di studio.

isoptin senza prescrizioni antiincendio
comprare generico shuddha guggulu cholesterol ratio

posso avere moduretic medication

Video.

129a Riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia, Trieste 20-21 Aprile 2018.

I Presidenti e gli utenti del sito possono scaricare l’OdG della prossima riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM di Medicina e Chirurgia che si terrà il 20-21 Aprile 2018 a Trieste. Per visualizzare l’OdG, è necessario loggarsi con le proprie credenziali nel riquadro a destra del sito.

Informazioni Preliminari 129A Riunione – Trieste 20-21 Aprile 2018.

In attesa dell’OdG ufficiale della 129a riunione, che si svolgerà a Trieste il 20-21 Aprile 2018, si comunicano alcune informazioni preliminari in relazione alla sistemazione alberghiera. Il Prof. Enzo Carretta e lo che si sta occupando dell’organizzazione, hanno messo a disposizione le indicazioni per le prenotazioni alberghiere della 129a Riunione Conferenza … Continua a leggere.

128a Riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia, Roma 22 Gennaio 2018.

I Presidenti e gli utenti del sito possono scaricare l’OdG della prossima riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM di Medicina e Chirurgia che si terrà il 22 Gennaio 2018. Per visualizzare l’OdG, è necessario loggarsi con le proprie credenziali nel riquadro a destra del sito.

127a Riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia, Udine 22-23 Settembre 2017.

I Presidenti e gli utenti del sito possono scaricare l’OdG della prossima riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM di Medicina e Chirurgia che si terrà il 22 e 23 Settembre ad Udine. Per visualizzare l’OdG, è necessario loggarsi con le proprie credenziali nel riquadro a destra del sito.

Convegno 11 Luglio – Camera dei Deputati.

CONVEGNO Formare una Medicina Attenta alle Differenze Sessuali e al Genere Sala della Regina Camera dei Deputati, Roma Martedì 11 luglio 2017, ore 11 Interverrà la Ministra dell’Istruzione Senatrice Valeria Fedeli In allegato il programma in formato PDF.

126a Riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia, Roma 10 Luglio 2017.

I Presidenti e gli utenti del sito possono scaricare l’OdG della prossima riunione della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM di Medicina e Chirurgia che si terrà il 10 Luglio a Roma. Per visualizzare l’OdG, è necessario loggarsi con le proprie credenziali nel riquadro a destra del sito.

Save the Dates!

Si rende noto il calendario delle prossime riunioni della Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia: 126a Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia, Roma 10 Luglio 2017; 127a Conferenza Permanente dei Presidenti dei CLM in Medicina e Chirurgia, Udine 22-23 Settembre 2017; Sarà successivamente … Continua a leggere.

cardura spedizione in contrassegno
costo di cozaar losartan 25mg

tablet moduretic side

SEDE Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico Dip. di Scienze cliniche e di comunità.

Via Pace, 9 - Milano.

32. Medicina fisica e riabilitativa.

Prof. Antonino Michele Previtera Durata: 4 anni.

TITOLO DI STUDIO RICHIESTO Laurea in Medicina e chirurgia. E' inoltre richiesto il possesso del diploma di abilitazione all'esercizio della professione.

SEDE Ospedale San Paolo.

Dip. di Scienze della salute Via A. di Rudinì, 8 - 20142 Milano.

33. Medicina interna.

Prof. Marco Natale Cattaneo Durata: 5 anni.

TITOLO DI STUDIO RICHIESTO Laurea in Medicina e chirurgia. E' inoltre richiesto il possesso del diploma di abilitazione all'esercizio della professione.

SEDE Ospedale Luigi Sacco.

Dip. di Scienze biomediche e cliniche Via G.B. Grassi, 74 - 20157 Milano Tel. 02/50319830 - 02/3564630 E-mail Segreteria: scuola.medicinainterna@unimi.it.

34. Medicina legale.

posso avere tenormin generic name

acquisto moduretic medication identification

acquisto furosemide contraindications meaning

moduretic a buon mercatox complaints

dosaggio arjuna elektronik

dove compro il moduretic en

Collegata a questi curiosi contatti tra un membro della commissione Asl (“il numero uno, quello che deciderà”. che cosa?) e persone legate alla Santa Rita (a cui la Asl ha appena chiuso un reparto), c’è poi un’altra telefonata, successiva di circa tre mesi, citata dagli avvocati di Brega. È del 4 gennaio 2008, tra il dottor Brega e Cristina Cantù, che è appena subentrata alla direzione Asl sostituendo il dottor Mobilia; Brega vuole, com’è ovvio, chiarire la propria posizione con il nuovo direttore generale, e la stessa dottoressa Cantù per tutta risposta afferma: “Io credo che davvero lei sia un effetto collaterale”, “si cerca sempre un capro espiatorio”. Il reparto della Santa Rita, dopo tre mesi di blocco e la nomina di un nuovo primario, era stato riaperto da pochi giorni, poco prima di Natale, con delibera dello stesso Mobilia; nel frattembo Brega Massone aveva iniziato a lavorare alla clinica San Carlo, senza alcuna preclusione da parte della Asl – la stessa che aveva censurato il suo operato medico, affermando che avesse addirittura messo a repentaglio la salute pubblica con un contagio di TBC (!). Dal punto di vista della Asl, tutto – qualunque cosa fosse questo tutto, comprensivo di effetto collaterale e capro espiatorio – sembrava inspiegabilmente rientrato.

A questo punto la difesa ha chiesto al colonnello Maragoni se l’ascolto di queste telefonate non avesse fatto sorgere spunti investigativi in merito all’operato della commissione Asl, aspetti poco chiari da indagare, e il teste ha risposto: “No”. In effetti, considerata la situazione nel complesso, dubbi potevano sorgere – a noi sono sorti. Brega Massone, nelle telefonate che la procura stava intercettando, si dichiarava sconvolto, definiva l’accusa della commissione “infangante e bastarda”; aveva consegnato copia delle cartelle cliniche oggetto della valutazione Asl al professor Mezzetti (1) (citato da Legnani nella telefonata con Prati) e al professor Ernesto Pozzi (2), per una valutazione, ed entrambi avevano prodotto due relazioni con conclusioni esattamente opposte a quelle elaborate dalla commissione, affermando che i pazienti erano stati trattati in modo corretto e non vi era stato pericolo per la salute pubblica; aveva fatto ricorso al Tar – udienza fissata per il 19 giugno 2008 e poi decaduta a seguito degli arresti avvenuti dieci giorni prima – aveva scritto alla Regione, all’Ordine dei medici e alla Asl chiedendo un confronto con i membri della commissione per poter esporre il suo operato relativo ai sette pazienti – confronto che gli è sempre stato negato. Tutte azioni che la procura seguiva ‘in diretta’, grazie alle intercettazioni telefoniche. Inoltre, aggiungiamo noi, durante le udienze in primo grado del primo processo, ben due persone (Fabio Presicci, primo aiuto dell’équipe di Brega Massone, e Gianluca Merlano, direttore sanitario della clinica) hanno affermato che la Asl “voleva la testa di Brega” – al primo è stato detto dal notaio Pipitone, il secondo era presente quando il direttore generale Asl, dottor Mobilia (quello poi sostituito dalla dottoressa Cantù) lo diceva allo stesso notaio (3). Forse in questo secondo processo sarà fatta un po’ di luce sulla nebulosa questione Asl; da parte nostra l’abbiamo sollevata più di un anno fa, nel libro inchiesta.

Vi è poi la questione lastre (RX, TAC, PET), altro aspetto importante ritenuto marginale da parte della procura e del tribunale del dibattimento precedente e ieri evidenziato dalla difesa di Brega Massone. Le cartelle cliniche relative al reparto di chirurgia toracica sequestrate dalla Guardia di Finanza il 29 settembre 2007, non le contenevano; era infatti prassi della clinica consegnare gli originali ai pazienti, e tenerne solo copia digitale su un server a parte. I consulenti medici della procura, quindi, hanno fatto le loro valutazioni basandosi solo sui referti scritti dal radiologo e non visionando direttamente le lastre – al contrario, per inciso, dei consulenti di Brega Massone, Mezzetti e Pozzi compresi, che invece per scrivere le loro perizie ne hanno preso visione. Questione di non poco conto per valutare l’esistenza o meno dell’indicazione chirurgica (e dunque l'accusa di lesioni dolose. ), poiché ogni chirurgo decide se procedere o meno all’operazione visionando direttamente le immagini e non appoggiandosi al referto: non è infatti detto che il radiologo e il chirurgo siano d’accordo nella valutazione, spesso si consultano a voce e particolari che possono sembrare normali o irrilevanti agli occhi del radiologo possono invece apparire significativi a quelli del chirurgo, come ha dovuto riconoscere nel precedente dibattimento anche il professor Sartori, consulente della procura (che ha steso la propria valutazione sulla base dei soli referti presenti nelle cartelle sequestrate): “[Il chirurgo toracico] è in grado di interpretare una radiografia del torace spesso come e meglio di un radiologo perché il chirurgo generalmente poi vede quello che c’è dentro dopo aver visto dopo quello che c’è fuori” (4).

Gli avvocati di Brega hanno precisato che la questione era stata sollevata anche all’interno della commissione Asl – nel verbale del 7 settembre 2007, di cui la procura aveva ricevuto copia a fine settembre, si legge: “Il Dr. Bulgheroni e il Prof. Santambrogio sottolineano la necessità di poter esaminare la lastre effettuate nei pazienti in questione, per meglio analizzare i casi” (le lastre non saranno poi reperite dalla commissione) – e si era mostrata pregnante anche nella telefonata intercettata del 7 ottobre 2007 tra il dottor Legnani e il notaio Pipitone, nella quale lo stesso Legnani, spiegando la propria valutazione negativa sui casi Asl, afferma: “Io… è una situazione molto difficile, perché… io, ho premesso, non ho visto le radiografie, eh? Mi sono basato solo sui referti che sono allegati alle cartelle, non ho visto dal vivo le radiografie perché ci vogliono… centinaia di ore, ecco, per vedere tutto assieme, capisce? Quindi mi sono basato solo sulla cartella clinica con i referti allegati”. A domanda se questi elementi non avessero spinto l’attività investigativa a cercare di acquisire anche le lastre, da mettere a disposizione dei consulenti della procura per le loro valutazioni, il colonnello Maragoni ha risposto semplicemente che loro avevano chiesto la documentazione alla clinica Santa Rita e quello gli era stato consegnato. Avremo modo finalmente in questo dibattimento di assistere a un serio confronto tra i consulenti della procura e quelli delle difesa, basato sull’intera cartella clinica, lastre comprese? (Nel limite del possibile in quanto assisteremo, nuovamente, all’imbarazzante e anomalo confronto – da noi denunciato più volte – tra un medico di base, il dottor Paolo Squicciarini, principale consulente della procura, e due primari di chirurgia toracica, consulenti della difesa di Brega Massone.)

Un altro aspetto importante che si è evidenziato nel corso dell’udienza riguarda la modifica di ipotesi di reato verificatasi nel corso delle indagini. L’avviso di garanzia recapitato al dottor Brega a fine settembre 2007, in concomitanza con il sequestro delle cartelle cliniche, era relativo al solo reato di truffa e falso. Quali elementi hanno spostato il fuoco dell’indagine sul presunto reato di lesioni dolose?, ha chiesto la difesa di Brega al colonnello Maragoni. Qui la testimonianza si è fatta un po’ vaga. Quando, durante la mattinata, la questione era stata sollevata in fase di esame dal pubblico ministero, il teste aveva risposto che l’ascolto di telefonate nelle quali il chirurgo si confrontava con i due aiuti per costruire una “linea difensiva” relativa all’iter diagnostico e terapeutico applicato ai pazienti aveva insospettito gli investigatori, che si erano chiesti se vi fosse anche altro oltre l’ipotetica truffa. Una risposta generica che il pm non aveva approfondito ulteriormente. Alla stessa domanda posta dagli avvocati nel pomeriggio, il colonnello ha ribadito il dubbio innescato dalle intercettazioni telefoniche; incalzato dalla richiesta di fornire maggiori dettagli, ha aggiunto il fatto che il dottor Brega fosse stato licenziato dalla clinica; poi che fosse morto un paziente, citando un capo di imputazione del processo, relativo a un caso clinico del febbraio 2006, presente tra le cartelle sequestrate a fine settembre. Ulteriormente incalzato perché indicasse almeno l’arco temporale intercorso tra l’ipotesi di mera truffa e la decisione di nominare un consulente per la valutazione delle cartelle cliniche dal punto di vista medico-scientifico – aspetto curioso e non secondario per la sua eccezionalità, e che ha portato in campo il medico di base Squicciarini: nel filone di indagine in cui si inseriva la clinica Santa Rita, infatti, le cartelle erano normalmente valutate solo dal punto di vista amministrativo – il colonnello Maragoni ha risposto: “Qualche settimana”.

Se così fosse stato, per quanto ancora incomprensibile nelle ragioni, potrebbe avere avuto almeno una giustificazione dal punto di vista temporale. Ma così non è stato. La risposta data dal colonnello infatti non corrisponde al vero. La nomina del dottor Paolo Squicciarini è del 2 ottobre 2007, appena tre giorni dopo il sequestro delle cartelle cliniche; ovvero, antecedente al licenziamento (avvenuto il 6 ottobre, e sfugge comunque la logica per cui avrebbe potuto essere rilevante sotto il profilo medico-scientifico) e antecedente a qualsiasi valutazione sul decesso del paziente citato, si suppone effettuata dal consulente della procura una volta avuta in mano la relativa cartella, non prima. Per quanto riguarda le "telefonate" (al plurale, secondo il teste) tra il dottor Brega e la sua équipe, ve ne è una sola nell’arco di quei tre giorni, datata 30 settembre, nella quale i tre medici parlano dei casi relativi alle sette cartelle di TBC, certamente dal punto di vista di indicazione chirurgica, diagnostica e terapeutica, poiché questo era l'aspetto valutato dalla commissione Asl – e quindi non si capisce perché avrebbe dovuto insospettire gli investigatori. Subito dopo, i tre chirurghi allargano la questione a tutte le cartelle sequestrate nel loro complesso, parlandone in linea generale, in un’ansia ‘difensiva’ assolutamente comprensibile data l’improvvisa e inaspettata situazione che si era venuta a creare – vale la pena contestualizzare e ricordare che, nel giro di tre giorni, si sono visti prima chiudere il reparto (la commissione Asl ha valutato senza chiedere alcun confronto né con la clinica né con il dottor Brega, che hanno dunque ricevuto la delibera di chiusura immediata senza averne avuto prima alcun sentore) e poi sequestrare le cartelle cliniche. Anzi, due passaggi della telefonata evidenziano quanto Brega ragionasse sull’accusa di truffa (“dal punto di vista ‘indicazione’ io sono tranquillo” afferma, e “ci analizzeranno il buco del culo per cercare di farci passare come dei truffatori”).

Durante l’udienza è stata anche citata la famosa telefonata del 25 gennaio 2008 relativa alla ‘mammella novantenne’, che all’epoca degli arresti ha fatto il giro dei giornali e dei programmi televisivi (in versione stralcio, ovviamente. ). Non rientra tra i capi di imputazione del processo ma ha avuto (ed evidentemente ha tuttora, dato che è tornata a fare capolino anche in questo secondo dibattimento) una forte (e strumentale) risonanza mediatica. Il colonnello Maragoni ha affermato che Brega Massone “era abituato in Santa Rita in cui poteva fare tutto quello che voleva” (valutazione personale da parte dell’ufficiale di polizia giudiziaria che si commenta da sé) e, arrivato alla clinica San Carlo, si vede invece bocciare un intervento da parte dell’anestesista. Il pm ha convenientemente lasciato cadere nell’aula anche questo ‘passaggio investigativo’ evocato dal colonnello – che implicitamente sostiene la tesi accusatoria, ossia che Brega operasse solo per far soldi, senza che vi fossero indicazioni chirurgiche. In fase di controesame la difesa di Brega ha preso in mano il testo della telefonata ed evidenziato come, innanzitutto, l’anestesista dichiari che l’insufficienza respiratoria pregressa che si era evidenziata all’ultimo momento nella paziente, e che mutava la valutazione in merito all’operabilità, non era stata fino a quel momento conosciuta ed era ancora da verificare, e dunque Brega non poteva esserne a conoscenza nel momento in cui aveva dato l’indicazione chirurgica; in seconda battuta, sempre testo della telefonata alla mano, gli avvocati hanno sottolineato il fatto che l’anestesista affermi: “Non discuto l’indicazione. l’indicazione chirurgica è fuori discussione”. Davanti a questa evidenza, il colonnello non ha potuto fare altro che confermare. Paradossalmente, quindi, questa telefonata tanto enfatizzata dalla procura e dai media come esempio di quelle ‘inutili operazioni’ fatte da Brega al solo fine di guadagno, evidenzia al contrario che l’operazione non era affatto inutile perché l’indicazione chirurgica c’era eccome. Anche questo, lo avevamo scritto a suo tempo nel libro inchiesta.

Questi gli aspetti, a nostro avviso salienti, dell’udienza. Giusto una nota a margine, che ha il suo peso. Nel momento in cui la procura si è apprestata a fare ascoltare in aula il primo stralcio di intercettazione telefonica, ritenuto rilevante nella tesi accusatoria, la difesa del dottor Presicci ha fatto opposizione, dichiarando che ascoltare solo stralci (opportunisticamente selezionati, aggiungiamo noi) non fosse corretto poiché molte telefonate contenevano, prima o dopo lo stralcio, frasi che lo contestualizzavano, modificandone il senso. La Corte ha accolto l’opposizione. Dunque, in questo processo, le telefonate che saranno ritenute rilevanti saranno ascoltate integralmente. Finalmente, diciamo noi. Il dibattimento precedente ha registrato abbondanza di stralci telefonici sapientemente scelti dalla procura – e rimbalzati sui media da ‘giornalismo degli orrori’ – e poco importa se i giudici avevano a disposizione gli atti in cui la trascrizione delle telefonate è completa. Per come è andato il primo processo e per il contenuto delle motivazioni della sentenza di primo grado, c’è da aver dubbi sul fatto che il collegio presieduto dalla dottoressa Balzarotti si sia preso la briga di leggere interamente le telefonate, mentre non vi sono dubbi che abbia ascoltato gli stralci scelti durante le udienze.

In conclusione, una buona prima udienza, a nostro avviso. Certo il processo è lungo, ma forse questa volta assisteremo a un dibattimento caratterizzato da un equilibrio tra accusa e difesa e terzietà della Corte; e magari sarà anche sbrogliata qualche matassa, aggrovigliata ormai da cinque anni. L'udienza è aggiornata al 13 maggio.

1) Maurizio Mezzetti, direttore della Divisione di chirurgia toracica all'Istituto europeo di oncologia (IEO) di Milano dal 1994 al 1997, direttore della Divisione di chirurgia toracica all’ospedale San Paolo di Milano dal 1997 al 2007, direttore della Scuola di specialità in chirurgia toracica dell'Università degli studi di Milano dal 1999 al 2005, attuale Presidente FONICAP (Forza Imperativa Nazionale Interdisciplinare Contro il Cancro del Polmone) – e a suo tempo insegnante, tra l’altro, dello stesso Santambrogio, membro della commissione Asl 2) Cattedratico di Malattie dell’apparato respiratorio dell’Università di Pavia e direttore di Malattie dell’apparato respiratorio del Policlinico San Matteo di Pavia 3) Cfr. Proc. Pen. n. 12570/08, udienze del 23 giugno 2009 e del 17 marzo 2009 4) Cfr. Proc. Pen. n. 12570/08, udienze del 19 maggio 2009.

La vicenda in breve.

L’8 maggio 2013, davanti alla prima Corte di Assise di Milano, è iniziato il secondo processo Santa Rita: imputati il chirurgo toracico Pier Paolo Brega Massone e i due aiuti dell’équipe di chirurgia toracica (con l’accusa di lesioni dolose per 46 casi, omicidio volontario aggravato per 4 casi, truffa e falso), cinque anestesisti (omicidio colposo), un’infermiera (favoreggiamento e appropriazione indebita) e un altro medico (truffa e falso). Si tratta di uno stralcio di un procedimento precedente che ha già visto, a carico dell’équipe di chirurgia toracica, una condanna in primo grado, confermata in appello, per lesioni dolose, truffa e falso per una novantina di capi di imputazione. La tesi della procura è la medesima anche in questo secondo processo: i tre chirurghi hanno inutilmente operato i pazienti per ricavarne un profitto personale, comprese le quattro persone poi decedute. Il primo dibattimento è stato caratterizzato da un impianto accusatorio teorematico, imbarazzante e inspiegabile per chiunque abbia letto le carte processuali: consulenze mediche dell’accusa che presentano lacune e scelte metodologiche dubbie; rifiuto del tribunale a disporre una perizia super partes; intercettazioni telefoniche che, ben lontane dal fornire prove di reato, sono servite a tracciare una disamina psicologica negativa dell’imputato, con evidenti forzature interpretative; e una commissione Asl, che ha dato l’avvio alle indagini, fortemente contraddittoria, nebulosa e anch’essa inspiegabile nei suoi successivi sviluppi.

Ne abbiamo scritto in un libro inchiesta, E se il mostro fosse innocente?, pubblicato a febbraio 2012, e abbiamo seguito il successivo processo di appello, scrivendone qui.

Il dottor Brega è stato condannato a 15 anni e 6 mesi, i due aiuti rispettivamente a 9 anni e 9 mesi e 4 anni e 4 mesi. Il chirurgo è in carcere, in custodia cautelare, dal 9 giugno 2008, giorno dell’arresto; ha goduto della libertà per soli 6 mesi, dal 5 novembre 2009 al 30 aprile 2010. A oggi – data di avvio del secondo processo – ha ‘scontato’ 4 anni e 5 mesi di custodia cautelare (!). Secondo la Costituzione, è in carcere da innocente, poiché si è colpevoli solo dopo il terzo grado di giudizio – e, per inciso, dopo aver limitato fortemente il suo diritto alla difesa nel primo processo, questa situazione lo limita ancor più per questo secondo dibattimento:i capi di imputazione sono relativi a casi degli anni 2005/2006/2007/2008, ed è evidente la necessità del chirurgo di poter consultare liberamente cartelle cliniche e ogni documentazione necessaria per ricostruire iter diagnostici e terapeutici effettuati 8, 7, 6, 5 anni fa. Seguiremo tutte le udienze di questo secondo processo, leggeremo tutte le carte, e ne scriveremo. Invitiamo tutta la stampa a fare altrettanto. Ha l’occasione di ‘riscattarsi’ da quel ‘giornalismo degli orrori’ che ha caratterizzato il primo dibattimento, quando fin dal giorno degli arresti ha sbattuto il mostro in prima pagina e si è appiattita sulle veline della procura, colpevolmente dimentica non solo della presunzione di innocenza che si deve a chiunque – fino al terzo grado di giudizio, figuriamoci prima ancora della celebrazione del processo di primo grado – ma soprattutto incapace, o più probabilmente non interessata, ad approfondire autonomamente la vicenda per poter svolgere a pieno il proprio ruolo di Quarto potere, che si declina in senso critico e dovere di informazione nei confronti dei cittadini. Anche e soprattutto questa, è libertà di stampa.

22 giugno 2013: la Cassazione, quinta sezione penale, ha confermato la condanna per il dottor Brega Massone e i due aiuti dell’équipe di chirurgia toracica, salvo ridurre le pene per intervenuta parziale prescrizione. Questo il dispositivo: “Annulla la sentenza impugnata senza rinvio nei confronti di tutti gli imputati ricorrenti, limitatamente ai reati a ciascuno rispettivamente ascritti – fatta eccezione per quelli di lesioni gravi – commessi fino al 15 dicembre 2005, per essere gli stessi estinti per intervenuta prescrizione ed elimina la relativa pena; dispone rinvio alla Corte di appello di Milano altra sezione per la rideterminazione del trattamento sanzionatorio”. Qui l'analisi delle motivazioni. Laurea in Scienze della formazione.

La laurea in Scienze della formazione è presente in una quarantina di atenei italiani. Chi si laurea in Scienze della formazione acquisisce competenze nelle scienze pedagogiche e nei settori comunicativo e relazionale. La laurea in Scienze della formazione è solitamente compresa nella facoltà di Scienze della formazione e in alcuni casi in quella di Scienze umanistiche.

Il corso di laurea in Scienze della formazione è spesso affiancato e integrato a quello in Scienze dell’educazione, così da offrire la specializzazione sia nella formazione di lavoratori adulti, sia in quella dei bambini e ragazzi in età scolastica. La maggior parte dei corsi di laurea della facoltà offrono la specializzazione in Scienze della formazione primaria che spesso è suddivisa in due indirizzi uno per la scuola dell’infanzia e uno per quella primaria.

La laurea in Scienze della formazione prevede lo studio di materie come i vari ambiti della pedagogia, psicologia, sociologia e antropologia ma anche lingue straniere, lettere, informatica e diritto. Quasi tutti i corsi di laurea prevedono parecchie ore di laboratorio e di un tirocinio in scuole, istituti o enti dedicati alla formazione, il tutto per mettere da subito in pratica ciò che si è studiato durante l’anno accademico.

comprare generico micardis 40 12
zestril a buon mercato 2018 real madrid

moduretic online filmek a neten

Upoznavanje okoline je značajno i za društveni i za moralni razvoj male dece. Dete upoznaje svoju ulicu, svoje mesto, kontaktira sa vršnjacima, sa odraslima. Posmatra šta odrasli rade šta proizvode i kakva sredstva pri tome koriste. Postepeno se kod dece formira pozitivan odnos prema radu i radnom čoveku, prema svome mestu, bližoj okolini. To je […]

City Logistika.

Svrstano u: Saobraćaj,Seminarski radovi.

City (eng.) potiče od latinske riječi civitas – visoko organizovana zajednica – riječ korištena za opisivanje gradova – država Antičke Grčke.Merriam Webster rječnik definiše grad kao: mjesto stanovanja; mjesto veće od sela ili naselja: veliki, istaknut ili važan centar populacije sa različitim djelatnostima, manje nezavistan u proizvodnji hrane, i obično zavistan od proizvodnje i […]

Operativni sistemi.

Svrstano u: Informacione tehnologije,Skripte.

Distributivni sistem se sastoji od više samostalnih računara koji komuniciraju putem računarske mreže. Računari međusobno djeluju sa namjerom da postignu zajednički cilj. Računarski program koji radi u u distribuiranom sistemu se zove distribuirani program, i distribuirano programiranje je proces pisanja takvih programa. AFFITTO per STUDENTI | Affitto Camere e Stanze a Studenti.

CITTA' UNIVERSITARIE PIU' CERCATE:

Consulta le nostre categorie di annunci per studenti. Su Affitti-Studenti trovi migliaia di annunci di appartamenti in affitto inseriti dagli studenti per gli studenti. Affitto per studenti in Italia e nelle città universitarie italiane. Annunci affitto Roma, Milano, Bologna, Firenze, Pisa. Annunci Gratis stanze studenti.

Affitti Studenti.

appartamenti in affitto affitti milano affitto roma affitti bologna monolocali affitti milano appartamenti in affitto roma casa affitto annuncio gratis affitto case in affitto roma affitti verona.

Annunci Affitto.

acquisto motrin and robitussin
dove compro il capoten captopril renal scan

dove compro il moduretic en

(E' previsto uno sconto per chi possiede già l'ultima edizione dei libri Alpha Test)

La nuova edizione 2018/2019 dei volumi Alpha Test (Manuale, eserciziario e prove di verifica)

Il materiale di studio ed esercitazione fornito durante i corsi.

Le simulazioni del test d'ammissione da svolgere su www.testonline.it.

Il corso comprende un software di simulazione gratuito e prevede l'uso in aula di speciali supporti elettronici interattivi. Test in medicina.

da OTTOBRE 2017 per Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Professioni Sanitarie, Biologia.

Il Percorso Complete è il corso per l'ammissione a Medicina, Odontoiatria e Veterinaria del 2018. Lezioni di teoria, esercitazioni e simulazioni dei quiz stile MIUR per far proprie tutte le strategie di risoluzione e i contenuti di teoria, tutto condito dall' esperienza ventennale del Centro Studi Test.

Scopri inoltre come affrontare le nuove tipologie di TEST!

Area: Bio - Medica Corso Ammissione MEDICINA ODONTOIATRIA VETERINARIA disponibile a: Palermo, Agrigento, Cosenza, Crotone.

Corso Ammissione PROF. SANITARIE, BIOLOGIA, FARMACIA, CTF disponibile a: Palermo, Cosenza, Crotone.

Preparazione Bocconi.

dal Febbraio 2018.

E’ il percorso completo per l'ammissione alle facoltà economico-giuridiche della Bocconi di Milano, in classi da massimo 15 corsisti.

cordarone spedizione pacchi poste
quanto lopressor hct 100

consegna moduretic and weight

l’educazione degli atleti ad eseguire un programma di riscaldamento e allungamento muscolare prima dell’inizio del­l’allenamento o della competizione l’educazione dell’allenatore o del preparatore a correggere eventuali errori di tecnica e programmazione e del fisioterapista ad agire su squilibri muscolari o vizi posturali l’educazione dei dirigenti a moderare gli impegni sportivi (soprattutto per i bambini e gli atleti amatoriali) e garantire adeguate strutture e materiali di gioco.

Prospettive future La necessità di un precoce recupero e di un reinserimento nell’attività lavorativa o sportiva degli atleti induce alla ricerca di metodologie sempre più efficaci nel trattamento delle tendinopatie da overuse. Riscontri istologici nei casi sottoposti a intervento chirurgico hanno dimostrato che la “comune” tendinite è in realtà, nella maggioranza dei casi, una reazione degenerativa (tendinosi), più che di tipo infiammatorio. L’esordio è normalmente caratterizzato da una fase acuta in cui si ha precocemente e transitoriamente infiammazione del tessuto, con microlesioni secondarie, e successivamente degenerazione del tendine, con tentativi di riparazione inadeguata, ed esiti cicatriziali, aderenziali e/o calcifici. I tessuti patologici si distinguono da quelli normali per l’aspetto grigio, opaco ed edematoso, mentre, a livello microscopico, il normale ordine strutturale è sostituito da una invasione di fibroblasti immaturi che inibiscono il normale processo riparativo. Un campo di applicazione terapeutica nell’immediato futuro sembra potere agire a questo livello tramite fattori di crescita e citochine locali, andando a invertire il meccanismo di degenerazione del tessuto e a modulare la proliferazione dei fibroblasti nell’area affetta, la promozione dell’angiogenesi e l’apposizione di collagene, da cui deriva l’organizzazione di tessuto tendineo maturo. Inoltre le piastrine attivate dalla trombina rilasciano ulteriori citochine, in grado di promuovere la proliferazione di cellule tendinee umane in coltura. Questa evidenza suggerisce la necessità di ulteriori indagini sullo sviluppo di tale trattamento.

IL TRATTAMENTO DELLE PATOLOGIE TENDINEE CON ONDE D’URTO.

Introduzione Caratterizzate, dal punto di vista fisico, da una precisa forma d’onda (che le contraddistingue, per esempio, da ultrasuoni e altre forme di energia fisica utilizzata in campo terapeutico), le onde d’urto extracorporee ( Extracorporeal Shock Waves Therapy o ESWT ) sono in grado di produrre effetti profondamente diversi, in funzione del tipo di struttura o tessuto investito dal loro campo d’azione. Le prime applicazioni con onde d’urto in campo medico risalgono all’ambito urologico: è noto che i calcoli renali, concrezioni calcifiche di materiale non vitale, investiti dal fronte di onde d’urto (ad alta energia), si sgretolano progressivamente, per un effetto di tipo meccanico (litico) e grazie alla loro consistenza. Si tratta, pertanto, di un effetto che sottostà esclusivamente alle leggi della fisica. Fu solo dopo la metà degli anni novanta, a seguito di osservazioni cliniche e riscontri di natura occasionale in ambito ortopedico-traumatologico, che si cominciò a sfruttarne anche l’effetto propriamente “biologico”. Dapprima per stimolare la rigenerazione ossea nelle pseudoartrosi e nei ritardi di consolidazione e poi anche per la terapia di patologie tendinee di origine flogistica e/o degenerativa. Gli studi clinici e sperimentali che seguirono alle prime osservazioni occasionali, e che hanno visto un recentissimo e rapido sviluppo, hanno chiarito l’importante potenziale biologico derivante dall’applicazione di tale terapia. In altri termini: a differenza di quanto osservato sulle concrezioni litiasiche, nei tessuti viventi l’energia meccanica trasferita alle cellule e alle strutture correlate (principalmente matrice extracellulare e fluidi extracellulari), opportunamente dosata e applicata secondo standard terapeutici codificati, non produce effetti né litici né lesivi, bensì positive risposte biologiche con proprietà terapeutiche. La chiave di comprensione con cui spiegare come sia possibile ottenere effetti biologici da una stimolazione di tipo fisico (energia meccanica) è stata recentemente individuata, come peraltro già per altre funzioni biologiche, nel fenomeno noto come “meccanotrasduzione”.

Principi di fisica delle onde d’urto L’onda d’urto può essere definita come un impulso acustico, caratterizzato da:

elevato picco pressorio (> 500 bar) breve durata ( Ministero della Salute.

Ministro e Ministero.

News e Media.

Notizie.

Sono 807.035 le persone con problemi di salute mentale assistite nel 2016 dai servizi specialistici, di cui 349.176 entrate in contatto per la prima volta durante l'anno con i Dipartimenti di Salute Mentale.

Presentati in conferenza stampa dal Ministero in occasione della Settimana europea delle vaccinazioni 2018. Scarica i materiali prodotti dall’OMS Europa e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)

Nel Villaggio della salute gli screening gratuiti, le consulenze mediche e i consigli di prevenzione e di stili di vita corretti alla presenza di esperti, società scientifiche, asl, associazioni, università ed enti vigilati.

Il Bando, le procedure di accredito e le modalità di partecipazione; 50 milioni di euro circa destinati ai giovani ricercatori.

Notizie in evidenza.

Eventi.

Roma, 16 maggio 2018 - Istituto Superiore di Sanità - Aula Pocchiari, Viale Regina Elena, 299.

comprare generico isoptin retard