dosaggio zestril side effects

posso avere voltaren dosage card

zestril pillole anticoncezionali ultima

Le date sono pubblicate anche al seguente LINK.

"Modalit� e contenuti delle prove di ammissione ai corsi di laurea e di laurea magistrale a ciclo unico ad accesso programmato nazionale a.a. 2018/2019.

AVVISO PER GLI STUDENTI DEL 3�ANNO CAN A.

Si comunica che il preappello di Otorinolaringoiatria del 23/05/2018 è stato annullato poichè in sovrapposizione con l'attività di Tirocinio di Metodologia Clinica.

Si ricorda che la finestra esami, si aprirà dal 18/06/2018.

Avviso per gli studenti del 2�anno Can. A.

Si comunica che l'esame di Virologia fissato al 11/06/2018, è stato annullato poichè in sovrapposizione con l'attività di tirocinio di Medicina Pratica.Si ricorda che la finestra sessione - esami si aprirà dal 18 giugno 2018.

AVVISO AGLI STUDENTI DEL IV, V E VI ANNO - OSPEDALE MAURIZIANO.

SI COMUNICA CHE NELLA GIORNATA DEL 30 MAGGIO 2018 L'ACCOGLIENZA DEGLI STUDENTI CHE FREQUENTERANNO LE STRUTTURE DELL'OSPEDALE MAURIZIANO SARA' EFFETTUATA DIRETTAMENTE IN REPARTO.

SI PREGA DI NON RECARSI PRESSO GLI UFFICI DELLA S.C.D.U. DI GINECOLOGIA E OSTETRICIA.

comprare atacando al
online a buon mercato colchicine dosage for gout

prezzo di zestril dosage range

ONLINE ENROLMENT As indicated in the competition call, enrolment will be possible from July 17 to September 10, 2018 at 11.30 am (CET) for Candidates in the Non EU list. The places available for the Academic year 2018/2019 are 44 for non EU Citizens.

Admitted candidates must get in contact with the International MD Admissions Team (info.medicine@unisr.it) for receiving guidance on the steps for confirming their place in the program.

The portal for the online review of the test is activated: candidates can review their own tests and view details of the correct and incorrect answers.

Personal, confidential credentials for access to the portal (PIN and Code) were delivered before the test.

For information on the enrolment documentation needed, candidates must refer to the competition call DR 5445 point n° 8 and prepare everything in time for the deadline. In particular, please note that the certification concerning English language knowledge according to the indications given in point n° 8 of the DR 5445, must be ready for when the candidate comes to the appointment for completing enrolment. Those candidates who do not have the certification yet must provide for obtaining it in time for enrolment or they will not be permitted to enrol and will lose their place.

Candidates will ultimately have to present to the Registrar’s office once they arrive in Italy for handing in the documentation: 1. Enrolment Form.

2. Photocopy of the Payment receipt of the first Tuition Fee installment through bank Transfer as detailed below: BANCA POPOLARE DI SONDRIO VIA S. MARIA FULCORINA, 1 20123 MILANO ACCOUNT NUMBER 16782/34 ACCOUNT HOLDER: UNIVERSITA’ VITA-SALUTE SAN RAFFAELE IBAN: IT73U0569601600000016782X34; BIC/SWIFT: POSOIT22.

3. Original High School Diploma/Certificate with verified translation into Italian by the local Italian diplomatic authorities.

4. The “Dichiarazione di Valore” of foreign titles issued by the local Italian diplomatic authorities.

5. English Language knowledge Certification.

comprare generico arjuna yoga class
medrol 32 mg en francais

senza prescrizione zestril lisinopril 20mg

În vederea susținerii interviului privind Planul personal de dezvoltare a carierei, candidatul va prezenta succint următoarele:

Experiența profesională (perioada / funcția sau postul ocupat / activități și responsabilități principale) Educație și formare (perioada / calificarea obținută) studii de licență subiectul lucrării de licenţă/diplomă domeniile de interes abordate în timpul studiilor descrierea succintă a altor proiecte la care a participat ca și student Aptitudini și competențe personale Limbi străine cunoscute Competențe și abilități sociale Competențe și aptitudini organizatorice Competențe și aptitudini tehnice Informații suplimentare considerate relevante de către candidat Direcții de dezvoltare viitoare o motivaţie succintă a alegerii specializării din domeniul de studii de master din care subdomeniu doreşte candidatul să aleagă tema lucrării de disertaţie – cu precizarea unui concept/temă important(ă) în jurul căruia să dezvolte lucrarea; ce profesie din domeniul Managementul serviciilor de sănătate / Managementul afecțiunilor aparatului locomotor vizează în planul de carieră – cu posibile referiri la implicarea în cercetarea ştiinţifică sau realizarea unei cariere universitare (incluzând eventual realizarea unui doctorat ştiinţific), precum şi o scurtă motivaţie şi o scurtă argumentare privind modul în care studiile de masterat pot contribui la cariera aleasă.

NOU – postat 30.07.2017 – Anunt IMPORTANT reconfirmari 2.

Pentru RECONFIRMĂRI se pot prezenta toți candidații care au obținut minim nota 5,00 (cinci) la examenul de admitere, chiar dacă apar pe Listele afișate în data de 30.07.2017 ca respinși. Admiterea candidaților la Reconfirmări se face în ordine descrescătoare a notei obținute la examen.

Candidații care au fost admiși în prima fază și au confirmat locul în perioada 28 – 29.07.2017 NU trebuie să se mai prezinte pentru reconfirmare, chiar dacă au urcat pe opțiuni.

La redistribuire NU pot participa candidații care și-au RETRAS dosarul din concurs și nici candidații care nu și-au confirmat locul.

La specializările Medicină limba engleză și Farmacie, nu se fac reconfirmări locurile fiind ocupate.

NOU – postat 30.07.2017 – Listele după confirmări (admisi + respinsi), pentru reconfirmari la:

A N U N Ț.

Candidații declarați admiși, care nu au Diploma de Bacalaureat în original, pot confirma locul ocupat în perioada: 29-30 iulie 2017 între orele 9,00 – 16,00 și cu o copie a acestei, dar sunt obligați să aducă originalul la facultate până marți, 01.08.2017 ora 12,00.

Comisia de admitere a facultății.

acquistare a buon mercato doxazosin medication
quanto hyzaar 100-25 tablet

dosaggio zestril side effects

Rivosecchi G, (2017). Gli effetti del processo di integrazione europea sulle autonomie territoriali. Rivista AIC,

Rivosecchi G, (2017). I nodi pendenti dell'autonomia finanziaria e tributaria degli enti territoriali. In: Rivosecchi G. (a cura di) G.C. De Martin; F. Merloni, Per autonomie responsabili. Proposte per l'Italia e l'Europa. Roma:Luiss University Press, p.259 - 265, ISBN: 9788861052994.

Rivosecchi G (2017). I partiti politici nella giurisprudenza costituzionale. amministrazione in cammino, p.1 - 19.

BERGONZINI, RIVOSECCHI (2017). L'art. 81 Cost. e le procedure finanziarie. Il Filangieri, p.239 - 260.

Rivosecchi G,RIVOSECCHI (2017). La tutela del voto referendario. Note a margine del ricorso Onida-Randazzo al Tribunale civile di Milano. Osservatorio dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti,

Rivosecchi G. (2017). Le funzioni amministrative. In: Pajno S., Rivosecchi G.. (a cura di) Ruggeri A., D'Amico G. D'Andrea L., Moschella G., Per un nuovo statuto della Regione siciliana. Torino:Giappichelli, p.123 - 133, ISBN: 9788892109155.

Rivosecchi G. (2017). Leggi retroattive e diritti politici: verso la quadratura del cerchio. Diritto e Società, p.471 - 527.

CASTELLA, PAJNO, RIVOSECCHI (2017). Presentation. Revista General de Derecho Constitucional, vol. 24, abril 2017,

RIVOSECCHI G (2016). Armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario (art. 117.3). (a cura di) R. Bifulco e A. Celotto, Le materie dell'art. 117 nella giurisprudenza costituzionale dopo il 2001. Analisi sistematica della giurisprudenza costituzionale sul riparto di competenze fra Stato e Regioni 2001-2014. Napoli:Editoriale Scientifica, p.375 - 402, ISBN: 9788863428391.

Rivosecchi G (2016). Finanza delle autonomie speciali e vincoli di sistema. Rivista AIC,

RIVOSECCHI G (2016). I senatori di nomina presidenziale nella legge costituzionale approvata dal Parlamento. federalismi.it,

RIVOSECCHI G (2016). I senatori di nomina presidenziale: una carica da ripensare?. Rassegna parlamentare, p.211 - 242.

dose lotensin hct manufacturer

dosaggio zestril side effects

acquisto hytrin drug class

comprare la consegna di zestril durante la notte oak park

come acquistare coreg medication classification

posso comprare zestril lisinopril treatment

Laurea in medicina: Come diventare medico in Italia.

Diventare medico è il sogno di tanti, una passione che può dare grandi soddisfazioni. Si dice che quella del medico sia una vera e propria vocazione…ci vuole infatti una forte motivazione a iniziare un percorso di studi non sempre facile, con tanti esami impegnativi da sostenere su libri di migliaia di pagine, molte ore di laboratorio, frequenza assidua, tempo libero assente. La strada è molto lunga, e può essere affrontata solo se si ha chiaro l’obiettivo finale: aiutare gli altri a tutti i costi. In Italia e in altri Paesi, per poter esercitare la professione, un medico deve conseguire l’abilitazione all’esercizio professionale ed essere iscritto all’Ordine dei Medici. L’abilitazione è conferita da una commissione, dopo che il medico ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia e superato l’esame di Stato. Per potersi iscrivere, è necessario superare un test di ingresso molto impegnativo, dal momento che l’iscrizione è a numero chiuso. Il test comprende diverse materie: logica e cultura generale, biologia, chimica, fisica e matematica. Il corso di laurea in medicina ha la durata di sei anni e si conclude con un esame di laurea che comprende la discussione di una tesi. In seguito alla riforma degli studi universitari sono cambiate alcune norme che regolano l’ordinamento. Infatti, il corso ha assunto la denominazione di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia; inoltre, le attività dello studente ora sono espresse in crediti formativi universitari (CFU), cioè delle “unità di apprendimento” di 25 ore ciascuna, che includono sia l’attività didattica impartita dai docenti, che lo studio autonomo. I CFU vengono ottenuti a conclusione di una verifica di esame. La laurea in medicina e chirurgia viene conseguita dopo discussione di una tesi di laurea, previo ottenimento di 360 CFU, pari a circa 30 CFU per semestre. Le discipline di insegnamento sono distribuite su 5 anni di corso, mentre il VI anno è destinato essenzialmente al tirocinio professionalizzante (60 CFU). Quest’ultimo è in un tirocinio pratico di 6 mesi da sostenersi presso policlinici universitari, aziende ospedaliere, presidi ospedalieri di aziende ASL, ambulatori di un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale. Alla fine del tirocinio, bisogna poi sostenere una prova scritta consistente nella soluzione di 90 quesiti.

Corsi di specializzazione in medicina.

Molti medici ottenuta la laurea proseguono gli studi per diventare specialisti e alla fine possono conseguire il diploma di specializzazione.

I corsi di specializzazione hanno durata pluriennale ( variano dai 2 ai 5 anni a seconda del tipo di corso scelto) e comprendono insegnamenti teorici e pratici, esami annuali e la discussione finale di una tesi di specializzazione. Alla fine viene rilasciato un diploma di specializzazione con l’acquisizione di un numero di crediti compreso tra 300 e 360. La frequenza è solitamente obbligatoria. L’ammissione alle scuole di specializzazione è subordinata al superamento di un esame, che consiste in una prova scritta per accertare la cultura generale della propria area e in un’eventuale prova orale sulle medesime tematiche di quella scritta. L’ingresso purtroppo è a numero chiuso e i posti disponibili sono sempre pochi rispetto alle richieste. Dopo di questa, la formazione del medico può proseguire: dopo anni di studi e di esperienze in un dato settore, per esempio, un chirurgo ortopedico può definirsi chirurgo della mano, anche se queste “iperspecializzazioni” non sono certificate in Italia da esami o da diplomi. Di recente istituzione è il corso di formazione per medici in medicina generale: si tratta di un corso biennale che comprende soprattutto esercitazioni pratiche in medicina, chirurgia, ostetricia e pediatria. Al termine di questo corso il medico può conseguire un attestato di formazione, che gli consente di esercitare l’attività professionale nell’ambito del Sistema Sanitario Nazionale. Secondo la legge, il titolo di specialista può essere rilasciato esclusivamente dalle università; in passato, i corsi di specializzazione erano numerosissimi (quasi 150), ma attualmente la CEE ha stabilito un elenco di specializzazioni comuni a tutti o ad alcuni paesi: il numero di specializzazioni che possono essere conseguite in Italia è così sceso a 17 e contemporaneamente è stata istituita la facoltà di odontoiatria. Diversi dalle specializzazioni sono gli attestati e i certificati rilasciati da scuole private o associazioni: alcuni di indubbio valore, altri no. Alcuni di questi attestati vengono rilasciati senza che il medico superi un esame; talvolta, diplomi altisonanti vengono concessi al termine di un corso di poche ore, dietro pagamento di una tassa di iscrizione. La specializzazione non è comunque indispensabile per svolgere la professione medica: in Italia, per esempio, un medico abilitato e iscritto all’Ordine, può esercitare in tutte le branche dell’attività medica (tranne l’anestesiologia, la radiologia e l’odontoiatria). Così, può svolgere la sua attività professionale come ostetrico e definirsi tale (ma non può attribuirsi il titolo di specialista). D’altra parte, molti medici non specialisti sanno curare fin troppo bene i propri pazienti perché un diploma di specializzazione non valuta la personalità e l’umanità del medico.

Ordine dei medici.

L’ordine dei medici è l’organismo ufficiale incaricato di vegliare sulla rigorosa osservanza dei doveri e delle norme deontologiche in vigore nella professione medica. In particolare, si occupa della regolamentazione dei rapporti dei medici con i colleghi e i malati. Si tratta di una giurisdizione interna alla professione, indipendente dalla legge nel senso più generale del termine. Molti sono i Paesi dotati di un Ordine dei medici o un organismo equivalente: oltre all’Italia, Belgio, Germania, Canada, Danimarca, Francia, Grecia, Lussemburgo, Regno Unito, Spagna, Stati Uniti, Svizzera. L’Ordine dei medici contribuisce a regolamentare l’esercizio della professione medica su ciascun territorio nazionale e possiede una competenza disciplinare.

La laurea in Medicina? Meglio prenderla in Romania.

La Romania è il paese in cima alla lista delle nazioni scelte dagli aspiranti medici italiani.

Medicina e Medicina veterinaria in lingua francese e inglese nelle università in Romania.

La Facoltà di Medicina Farmacia e Odontoiatria è nata nel 1991 e si inserisce nella struttura della Western University “Vasile Goldis” di Arad, le cui facoltà erano state fino a quel momento prevalentemente di carattere umanistico.

Nell’anno accademico 2008 stabilire l’educazione medica in francese e in inglese, è stato un grande risultato, come testimoniano i ritrovamenti che fanno gli studenti che hanno scelto di iscriversi nella nostra facoltà. L’intero sforzo accademico è focalizzata sullo sviluppo di laureati con adeguata formazione nella ricerca medica e scientifica, sempre nel rispetto delle norme europee ed internazionali. Il corso di studi è supportato da una moderna infrastruttura, che copre sia la necessità di strutture educative, risorse tecniche a livello europeo, biblioteca e servizi per le attività culturali e sociali: i crediti da acquisire sono 360 in 6 anni. Oggi si registra la nascita di nuove discipline: neurobiologia, Gerontologia – Geriatria, terapie complementari, terapia del dolore, tecniche di rianimazione di emergenza pre-ospedaliera – in linea con i più recenti risultati scientifici. L’Università, attraverso il Dipartimento di Relazioni Internazionali e Senato che supporta la VGWU di Arad, ha favorito lo sviluppo di accordi di cooperazione internazionale per la mobilità di docenti e studenti per aiutare ad aumentare il rendimento scolastico e la comunità scientifica accademica della facoltà.

sconto del naprosyn dosage for children
senza prescrizione nitroglycerin ointment for hemorrhoids

posso comprare zestril 50

Benvenuti.

La nostra è una delle più antiche scuole dedicate allo studio delle malattie degli animali e del loro allevamento. Fu fondata nel 1791 con il nome di "Scuola Veterinaria Minore"

Dove&Quando - Lezioni ed esami.

Numeri ambulatori.

Accettazione sede Milano Orario: 9.00-12.45/13.30-17.00.

Accettazione sede Lodi Orario: 9.00-12.45/13.30-17.00.

Pronto soccorso H24 per visite di urgenza 02/50317810.

Ospedale veterinario e prenotazione visite: Prenotazione visite.

A questi numeri non si rilasciano informazioni di alcun tipo riguardanti la didattica.

In evidenza.

XXVIII Convegno Nazionale AIVI - Milano 12-14 settembre 2018.

senza prescrizione inderal-propranolol 40 mg
calan spedizione

prescrizione zestril 5 mg

Contattaci.

clicca per andare alla pagina di tutti i nostri recapiti e contatti.

Accedi senza registrarti - in un attimo - risparmia tempo.

Accedi e registrati utilizzando un tuo account Social Network, risparmia tempo.

Le Assicurazioni.

Controlla se è presente la tua assicurazione.

Perchè scegliere noi.

Più di 32 reparti e specializzazioni.

Prenota Online.

Prenota Online visita o appuntamento.

senza prescrizione voltaren dosage guidelines
singulair a buon mercato mall staff

comprare zestril a buon mercato barca officiel

N° CASI.

Tabella 1.

I maggiori studi epidemiologici sulla FM evidenziano una frequenza nella popolazione generale compresa fra il 3 e il 4%, che aumenta progressivamente con l’età e nel sesso femminile fino a raggiungere l’8-9%: si tratta però di studi americani e canadesi, quindi su popolazioni con caratteristiche demografiche differenti da quelle europee. Di grande interesse è poi uno studio pilota europeo che nel 2003 ha valutato la prevalenza “possibile” (ricavata mediante interviste telefoniche e rapporti matematici) della FM nella popolazione generale in Francia e Portogallo, paesi molto simili all’Italia, risultata del 7,4 e del 10,4% rispettivamente. Recentemente tale tipo di studio è stato esteso ad una popolazione italiana di 1000 soggetti, ricavando una prevalenza possibile del 4,1% nella popolazione generale e del 6,9% nelle sole donne. Vista l’esiguità del campione e la metodologia utilizzata tali dati sono solo indicativi, verosimilmente comunque sottostimati; si potrebbe dunque ipotizzare una prevalenza in Italia nella popolazione generale intorno al 6-7% (che significa tra i 3 e i 4 milioni di individui affetti). La FM sarebbe quindi confrontabile per frequenza alla artrosi che da anni viene considerata la più diffusa malattia reumatica con importanti implicazioni socio-economiche. La frequenza di FM nei pazienti che si rivolgono allo specialista reumatologo per dolore osteo-articolare è di circa il 20-25%. La FM è molto più frequente nel sesso femminile rispetto a quello maschile (da 5 a 20 volte) e l’esordio dei sintomi si verifica più spesso nella classe di età compresa tra i 20 e i 30 anni, ma poiché la progressione è lenta, spesso i pazienti si abituano ai sintomi finché questi diventano difficilmente sopportabili e si rivolgono pertanto al medico in età più avanzata.

SINTOMATOLOGIA.

Oltre ai due sintomi principali, dolore e stanchezza, molte altre manifestazioni cliniche possono far parte del quadro della FM e, come detto, la varia associazione di tali multiformi sintomi può in parte spiegare le difficoltà nel diagnosticare tale malattia. Di seguito vengono elencati i sintomi più spesso riferiti dai pazienti. 1) Rigidità: sensazione di rigidità generalizzata oppure localizzata al dorso o a livello lombare, soprattutto al risveglio, ma anche se si resta per qualche tempo fermi nella stessa posizione (seduti o in piedi). 2) Astenia e disturbi del sonno: Circa il 90% dei pazienti affetti da sindrome fibromialgica riferisce astenia (affaticamento) moderata o severa, ridotta resistenza alla fatica o una specie di stanchezza che ricorda quella normalmente riferita in corso di influenza o in mancanza di sonno. Qualche volta la stanchezza è più importante della sintomatologia dolorosa muscolo-scheletrica. I pazienti con fibromialgia possono avere una stanchezza simile a quella riscontrata in un’altra patologia correlata denominata sindrome da affaticamento cronico (CFS) INSERIRE LINK. Alcuni pazienti con fibromialgia hanno sintomi da sindrome da affaticamento cronico e viceversa. Le due sindromi spesso si sovrappongono e può essere impossibile distinguerle. La maggior parte dei pazienti affetti da sindrome fibromialgica riferisce disturbi del sonno: più che difficoltà ad addormentarsi si tratta di frequenti risvegli notturni e sonno non ristoratore; la fase profonda del sonno è spesso disturbata. Il sonno può essere leggero con continui risvegli notturni. Solitamente il paziente al risveglio si sente ancora affaticato come se non avesse dormito affatto. Alcune volte si associano disturbi del sonno quali la “ Sleep Apnea “. Viene considerata specifica della FM la cosiddetta “ anomalia alfa-delta “: non appena viene raggiunto il sonno “profondo” (caratterizzato da onde delta all’elettroencefalogramma) si ha un brusco ritorno verso il sonno “superficiale” (caratterizzato da onde alfa). La ricerca ha evidenziato che l’interruzione della fase profonda del sonno può alterare importanti funzioni del corpo e la percezione del dolore. La mancanza di sonno profondo, fase nella quale i muscoli si rilassano e recuperano la stanchezza accumulata durante il giorno, spiega molti dei sintomi della FM (stanchezza persistente, risvegli notturni, sonno non ristoratore). Può pertanto essere necessario assumere farmaci che migliorino la qualità del sonno. 3) Mal di testa o dolore al volto: la cefalea, specialmente di tipo muscolotensivo, o l’emicrania sono comuni nel paziente fibromialgico. Il mal di testa si caratterizza come cefalea nucale, temporale o sovraorbitaria oppure emicrania, molto spesso ad andamento cronico (cioè il paziente riferisce di soffrire di mal di testa “da sempre”). Frequentemente i pazienti con FM presentano dolore a livello mascellare o mandibolare e in questi casi la sintomatologia viene confusa con una artrosi o una disfunzione della articolazione temporo-mandibolare. Tale diagnosi, soprattutto in pazienti giovani, deve fare sospettare una FM. 4) Acufeni: fischi o vibrazioni all’interno delle orecchie. Possono essere originati da spasmi dei muscoli tensivi del timpano. 5) Disturbi della sensibilità: in particolare formicolii, diffusi a tutto il corpo oppure limitati ad un emisoma (cioè la metà destra o la metà sinistra del corpo) o ai soli arti. Inoltre diminuzione della sensibilità, senso di intorpidimento o di “addormentamento” con la stessa distribuzione. 6) Disturbi gastrointestinali: difficoltà digestive, acidità gastrica, dolori addominali spesso in relazione ai cambiamenti climatici o a fattori stressanti, e quindi classificate come “gastrite da stress”. Nel 60% dei pazienti con FM si associa una sindrome del colon irritabile (la cosiddetta “colite spastica”): alternanza di stipsi e diarrea con dolori addominali e meteorismo. 7) Disturbi urinari: caratteristica della FM è una aumentata frequenza dello stimolo ad urinare o una vera e propria urgenza minzionale in assenza di infezione delle urine. Più raramente si può sviluppare una condizione cronica con dolore a livello vescicale, definita “cistite interstiziale”. 8) Dismenorrea: molte delle dismenorree di notevole entità e scarsamente responsive alla terapia sono giustificate da una FM non diagnosticata. Anche il vaginismo (dolore durante il rapporto sessuale) è caratteristico della FM. 9) Alterazioni della temperatura corporea: alcuni pazienti riferiscono sensazioni anomale (non condivise dalle altre persone che stanno intorno a loro) di freddo o caldo intenso diffuso a tutto il corpo o agli arti. Non è rara una eccessiva sensibilità al freddo delle mani e dei piedi, con cambiamento di colore delle dita che possono diventare inizialmente pallide e quindi scure, cianotiche: tale condizione è nota come fenomeno di Raynaud. 10) Alterazioni dell’equilibrio: senso di instabilità, di sbandamento, vere e proprie vertigini spesso ad andamento cronico e che vengono erroneamente imputate all’artrosi cervicale o a problemi dell’orecchio. Poiché la FM coinvolge anche i muscoli oculari e pupillari i pazienti possono presentare nausea e visione sfuocata quando leggono o guidano l’automobile. 11) Tachicardia: episodi di tachicardia con cardiopalmo che portano spesso i pazienti con FM al Pronto Soccorso per paura di una malattia cardiaca, soprattutto se si associa dolore nella regione sternale (costo-condralgia), molto frequente nella FM. 12) Disturbi cognitivi: difficoltà a concentrarsi sul lavoro o nello studio, “testa confusa”, perdita di memoria a breve termine (in inglese tali manifestazioni vengono definite “fibro-fog”, cioè annebbiamento fibromialgico). Non esiste alcuna evidenza che questi problemi possano divenire più seri con il passar del tempo. Simili riscontri clinici sono stati notati in molte persone con alterazioni del tono dell’umore, disturbi del sonno o altre patologie croniche. 13) Sintomi a carico degli arti inferiori: sono rappresentati più spesso da crampi e meno frequentemente da movimenti incontrollati delle gambe che si manifestano soprattutto di notte (“Restless leg Syndrome” o “Sindrome delle gambe senza riposo”). 14) Allergie: una buona parte dei pazienti fibromialgici riferisce ipersensibilità a numerosi farmaci, allergie alimentari di vario tipo, allergie stagionali. Pur essendo queste manifestazioni comuni nella popolazione generale, in un sottogruppo di pazienti affetti da FM le allergie sono molteplici e rappresentano un aspetto preminente della malattia tale da impedire la normale alimentazione, lo svolgimento della attività lavorativa, ecc. In questi casi viene a configurarsi il quadro della cosiddetta “ Multiple Chemical Sensitivity Sindrome “, o Sindrome delle Intolleranze Chimiche Multiple, nella quale i pazienti risultano ipersensibili a moltissime sostanze, dai farmaci ai cibi a sostanze chimiche di vario tipo, con gravi limitazioni nella vita quotidiana. 15) Ansia e depressione: i cambiamenti del tono dell’umore o del pensiero sono comuni nella fibromialgia. Molti individui si “ sentono giù ” sebbene solo il 25% dei pazienti siano dei reali depressi o possano riferire disturbi d’ansia. Molti pazienti affetti da FM riferiscono manifestazioni ansiose (a volte con attacchi di panico) e/o depressive. Questa associazione ha fatto sì che in passato la FM venisse considerata come un processo di somatizzazione in soggetti ansiosi o depressi e purtroppo ancora oggi molti medici sono legati a questa ormai superata definizione. I numerosi studi sul rapporto tra ansia/depressione e FM hanno dimostrato inequivocabilmente che la FM non è una malattia psicosomatica e che gli eventuali sintomi depressivi o ansiosi sono un effetto piuttosto che una causa della malattia. Una reazione depressiva è infatti comune a tutte le malattie che comportano un dolore cronico, come ad esempio la artrite reumatoide o l’artrosi.

disturbi del sonno (sonno notturno poco profondo e non ristoratore) cefalea muscolotensiva o emicranica sensazione di stanchezza (astenia) rigidità mattutina (specie al collo e alle spalle) colon irritabile (stipsi e/o diarrea) parestesie (costituite da formicolii e sensazioni simili a punture) bruciore a urinare sensazione di gonfiore alle mani dolori al torace perdita di memoria difficoltà di concentrazione disturbi della sfera affettiva (ansia e/o depressione)

EPIDEMIOLOGIA.

Chiunque si occupi di malattie reumatiche non ha difficoltà a riconoscere che la FM è la patologia che si incontra più frequentemente, soprattutto nell’attività ambulatoriale. Ciò nonostante non ci sono dati attendibili sulla reale frequenza della FM in quanto tale malattia continua ancora oggi ad essere ampiamente sottostimata e raramente diagnosticata. Basti pensare all’ambulatorio del medico di medicina generale e a quanti pazienti ogni giorno visita in quanto lamentano uno o più di questi sintomi: dolori muscolari, cefalea, vertigini, epigastralgie, insonnia, dolori addominali, astenia, parestesie, tachicardia. Una buona parte è certamente affetta da FM senza saperlo. I dati epidemiologici di cui disponiamo sono relativi a valutazioni eseguite in:

studi su popolazione sana, di cui alcuni recentissimi, che documentano una prevalenza compresa tra il 2 e il 4% (con valori notevolmente più elevati se si scorporano i dati per la sola popolazione femminile: 8-10% circa) studi su pazienti ricoverati in ambiente internistico che evidenziano prevalenze nell’ordine del 10% studi su pazienti valutati in ambiente reumatologico dove la prevalenza raggiunge il 25%

Tra gli ultimi lavori di tipo epidemiologico, due rivestono particolare interesse:

1- Il primo è uno studio di popolazione, pubblicato nel 1999, che ha coinvolto 3395 abitanti della cittadina canadese di London (The London Fibromyalgia Epidemiology Study). Sono stati individuati 100 casi di FM (86 femmine e 14 maschi: rapporto F/M=3:1), con una prevalenza quindi del 3.3%. La prevalenza nel sesso femminile era pari al 4.9% per salire al 8% nella classe d’età 55-64 anni. Sono stati individuati una serie di fattori di rischio per la FM: oltre al sesso femminile, età media, livello di istruzione inferiore, reddito basso, essere divorziati. A tutt’oggi questo rimane lo studio più ampio e rigoroso effettuato. 2- Il secondo è uno studio pubblicato nel 2005 che rientra in un progetto iniziato nel 2003 con uno studio a livello europeo (The Feel Study: Fibromyalgia Epidemiology European Large Scale Survey) per valutare la prevalenza “possibile” della FM nella popolazione generale. La metodologia utilizzata è quella delle interviste telefoniche per raggiungere il maggior numero possibile di individui: il numero dei pazienti “possibili” veniva poi corretto con un coefficiente calcolato dallo studio canadese di cui sopra (rapporto tra FM teoriche e FM confermate dalla visita reumatologica). In tale modo è stato possibile calcolare la prevalenza possibile della FM in: a) Francia (su campione di 1000 abitanti): 4,3% della popolazione generale (6,1% delle donne e 0,5% degli uomini) – b) Portogallo (su campione di 500 abitanti): 6,1% della popolazione generale (8,8% delle donne e 0,7% degli uomini) – c) Italia (su campione di 1000 abitanti): 4,1% della popolazione generale (6,9% delle donne e 0,3% degli uomini).

PATOGENESI.

acquisto cozaar drug interactions