hytrin a buon mercato barca aout

comprare tenormin for anxiety

costo di hytrin dosage and administration

Buna ziua! Va rog ajutati-ma ccu un sfat..am un discus de 12 cm care e negricios cu cateva pete mici albe si cu o aripioara franjurita..e scos de 2 zile in acvariu carantina..32 grade apa si o lingura sare la 10 l apa nici o inbunatatire……

Salut, am un beta caruia ii tot aparea o biluta alba in acvariu, i-am luat Multicura si i-a trecut, apoi i-a aparuto pata pe cap….i-am luat doua plante naturale un filtru (ca pana in acel moment nu aveam) si alta substanta de curatare a apei easystart, ambele sunt de la easy-life, acuma cu toate astea in acvariu si temperatura e 28 de grade l-am gasit dimineata cu o buna oarte din buza superioara lipsa…. ma puteti ajuta cu un fat ce a putea sa ii mai dau sa se faca bine? Va multumesc anticipat.

am un Betta singur intr un bol i a aparut pe gat pe solzi niste pete albe mananca, se plimba dar nu stiu ce are si a devenit foarte fricos este frumos si nu vreau sa moara are deasupra guritei gri alb asa ce pot sa ii fac?

Buna am un acvariu de 2 saptamini….nu ma Price nimic la pesti (o boaba) acvariu are 110 litri...in timp de 2 saptamini am avut vreo 15 pesti soli...azi am mai compara t inca 6 …pe la 8 siara Iam pus pe toti impreuna peste o ora 1 a muri.. De ce ore?. E un peste al cu puncte negre.

am trei pesti, caras auriu unul dintre ei nu se mai dezvolta in comparatie cu ceilalti este jumatate ca marime si sta tot timpul retras pe fundul acvariului putin inclinat intr-o parte din cand in cand iasa sa ia aer apoi se lasa jos..am pus in apa niste plante plutitoare aduse de pe un lac si mai mult ca sigur acesta a schimbat ph-ul sau la otravit inainte sa arunc planete (de forma unor nuferi mici) erau foarte cleiosi pestii cand i-am luat din apa (si poate daca nu schimbam apa des mureau cu toti) pun in apa albastru de metil tot timpul dupa ce schimb apa, ce pot sa fac? sa le dau vitamine? de care? mancare diferita? ce fel? am pus si mazare in apa, spanac verde ii hranaesc cu pureci, fulgi. va rog un raspuns.

Buna ziua.. am acvariul de aproape o luna.. Am in el doar Molly si Xipho. Azi, am observat ca au puncte albe pe corp si li se roade coada.. V-as ruga sa imi raspunde-ti la comment, vreau mai multe detalii.

Am un pește care înoată puțin și se lasă intro parte și cade pe pietriș și apoi înoată pe o parte căzut pe pietriș e prima oară când face asta! Mie frică să nu moară acum face așa nu știu ce sa fac! Ajutor! Sper sa fie inova acum sa nu cumva sa moara.

Pentru laura un pește betta mascul are nevoie de trei femele nu de una el își alege una dintre ele poate acea femela nu ia plăcut! O întrebare pentru tine betta masculul sta singur în acvariu? Dacă da mai bine iai un pește sau doi sa fie masculi +ca un betta se împerechează doar după aproximativ 3 ani!

Buna! Am si eu cativa pestisori ( 4 neoni, 4 guppy, 2 sumi, 2 sanitari) pana ieri am avut si un molly dar a avut niste pete albe pe el si a murit, l-am bagat 3 ore in apa cu sare si peste noapte l-am bagat inapoi in acvariu dar a murit. Acum toti pesti mei am pete pe ei si se scarpina de plante, nu arata prea bine nici unul. Nu pot baga sare in apa de acvariu ca am alge ca plante, cred ca pana maine o sa imi mai moara nustiu ce sa fac sunt incepatoare, ce a-si putea sa fac?

Am si eu o problema am un acvariu de 300 l, popmpa exterioara profesionala cu 2 randuri de pietre unele rotunde si unele lunguiete, la astea lunguiete are si un burete si la alea lante pietre are un fel de carpa alba nu stiu ce e dar in fine, am acvariu de 3 luni pana acum am avut unu mic si am luat unu mare ca e mai usor de intretinut problema e ca de la un timp imi mor pesti si nu stiu de ce. Am cumparat ultima oara 5 ventuze portocali*sanitari* 10 moly 5 galbeni si 5 portocali masculi,dar ami mor si din care iam avut eu inainte de ex. aveam 5 guppy albastri,5 guppy portocali, galbeni, 6 neoni mai am 4, 5 moly negri si 2 pui mici, si mai o gramada. Le dau de mancare o data pe zi la ora 6 seara acvariu are 2 neoane, e acvariu pe colt panorama.

Am si o pampa de la jbl pro silent pt aer am cam luat cam tot ce am stiut eu.Am plante 4 mari si una mica care cam moare ca am cumparato ultima oara si nu avea radacini. Am vazut pe uni pesti ca de cand am schimbat apa cam lucesc ceva de genu.Am patit sa mai moara dar nu 6 intro zi.

Bunaziua. Am un peste caras care sta pe fundul acvariului si respira greu. Ce pot sa fac. Nu are alte urme de boli. Va rog cantactati-ma la adresa de email: claudiupavel22@yahoo.com.

sconto del cordarone classification of organisms
comprare generico midamor potassium phosphate

dove posso comprare hytrin drug

• Anatomia patologica, 02/03 ore 14.00.

• Anatomia umana, 08/03 ore 12.00.

• Chimica e prop. bioch, 01/03 ore 9.00.

• Ematologia ed oncologia, 09/03 ore13.30.

• Fisiologia e biofisica, 07/03 ore 13.00.

• Immunologia, 02/03 ore 9.00.

• Inglese scientifico, 01/03 ore 15.30.

• Malattie app. digerente, 07/03 ore 9.00.

• Medicina di laboratorio, 05/03 ore 11.00.

• Medicina interna, 07/03 ore 12.00.

10.30 - 12.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra A-F.

comprare singulair a buon mercato 20180
sconto del micardis hct side

comprare la consegna di hytrin durante la notte del giudizio

Urologia.

Responsabile Dr. Ferdinando De Marco.

Documentazione.

Il modulo è valido sia per le proposte di ricovero in regime ordinario sia diurno "day hospital". Il medico accettante, valutate le condizioni cliniche del paziente, indicherà al paziente stesso e/o al medico curante il livello assistenziale più appropriato.

Informazioni Utili e Orari Visite.

Come arrivare con i mezzi pubblici.

GROTTAFERRATA – LINEA 10.

PIAZZA A. DE GASPERIS Viale 1° Maggio Piazza G. Bruno Via del Boschetto Via delle Sorgenti di Squarciarelli Piazza Vittime del Fascismo (Poggio Tulliano) Via delle Sorgenti di Squarciarelli Viale di Marino Colle S. Antonio Via delle Vascarelle Via A. da Barbiano INI.

Gli attuali orari in vigore dal 1 novembre 2017 sono i seguenti:

Orari di partenza da Piazza A. De Gasperis: 06.50 – 08.00 – 09.25 – 10.35 – 12.05 – 13.55 – 15.00 – 16.25- 17.55 – 19.00.

Cosa portare in clinica.

Come tutti i posti molto frequentati anche nella Casa di Cura si potrebbero verificare furti, smarrimenti di denaro, gioielli o altri oggetti di valore terreno ed affettivo: la Clinica e la Direzione sanitaria non si assumono la responsabilità per questi inconvenienti.

Consigliamo, pertanto, di portare solo oggetti indispensabili e prontamente sostituibili quali: spazzolino da denti, dentifricio, sapone, deodorante, biancheria personale, pigiama, vestaglia, pantofole, asciugamani.

sconto del furosemide 40 mg
sconto del digoxin classification

hytrin pillole dell'amore non si sa translation

In attesa di gentile e sollecita risposta porge distinti saluti.

By KAREEM PIASER PAOLO - 25/05/17 Giusta riflessione di un padre sui obbligo della vaccinazione: "Non ci entro nemmeno nella questione se 12 vaccini siano pochi, tanti, siano indispensabili o superflui, assolutamente sicuri o inaccettabilmente rischiosi - mi basta e avanza un aspetto che viene prima: Lo Stato mi dice che sono io responsabile per la salute di mio figlio. Però mi dice che sono obbligato a fargli fare 12 vaccini. Per farglieli, essendo io responsabile della sua salute, mi viene chiesto di firmare le autorizzazioni. Nessuno però firma per me assicurazioni che non ci siano conseguenze negative per la salute di mio figlio. Ricapitolando, sarei "obbligato a dare il permesso". Come dire: nessuno tranne te può decidere che questo avvenga, ma ti obblighiamo a decidere come vogliamo noi. In pratica, lo Stato obbliga "me" ad assumere la responsabilità per una decisione che mi impone? No, no, proprio non ci siamo. Puoi minacciarmi, puoi colpirmi, puoi mettermi in galera ma non puoi farmi assumere responsabilità per le *tue* decisioni – men che meno sulla pelle di mio figlio. Caro Stato: messe così le cose, anche avessi la certezza matematica che quei vaccini siano indispensabili, puoi infilarteli dove sappiamo tutti, bene arrotolati nel foglio di autorizzazione".

Stefano Re invia questo messaggio: [23/5, 11:49] KAREEM PIASER PAOLO VACCINI. L’ALLARME ERA NOTO AL GOVERNO USA DA ANNI - DATI UFFICIALI TERRIFICANTI!

Nel Giornalismo, per smentire, fare a pezzi il Promotore di una pratica che si ritiene pericolosa, socialmente nociva, l’unica cosa da fare è scavare nella pancia di quel Promotore e scovare le prove che lui stesso sapeva alla perfezione che ciò che oggi promuove (o impone) è pericoloso e socialmente nocivo. Se ci riesci, il Promotore è finito.

Oggi il maggior Promotore delle vaccinazioni al mondo sono gli Stati Uniti d’America, che impongono ai propri bambini 26 dosi-vaccini. Attenti: dose può significare un’iniezione con dentro tre vaccini, quindi immaginate. Ed io sono andato nella sua pancia, al top, come sempre si deve fare: The National Institutes of Health, del governo USA, e specificamente il National Center for Biotechnology Information. E ho trovato la prova che il Grande Promotore delle vaccinazioni sapeva da anni a livelli di altissima ricerca governativa che esistono pericoli MORTALI, e ignorati, sui vaccini, con prove terrificanti.

Prima di continuare, lo studio fa a pezzi Bill Gates, infatti ci dice chiaro che se pensiamo ai bambini del Terzo Mondo, di gran lunga la maggior causa di IMR non ha nulla a che vedere con le classiche malattie dell’infanzia, ma con la malnutrizione. Li ammazza la fame. E qui viene una clamorosa smentita al Teorema Bill Gates che proclama le vaccinazioni di massa nei Paesi Poveri come via di salvezza dei bimbi. Leggete: “E’ istruttivo notare che le vaccinazioni sono diffusissime nei Paesi Poveri, con tassi di vaccinazioni di oltre il 90% dei bambini presenti… eppure hanno lo stesso una IMR tragica. Per dare un termine di paragone, la IMR degli USA è 6,2 morti su 1000 parti; il Gambia obbliga i bambini a 22 dosi di vaccini, ma la IMR è di 68,8. La Mongolia somministra lo stesso numero di dosi vaccini, con IMR di 39,9. Questo prova che la IMR in molto del Terzo Mondo ha assai più a che fare con la malnutrizione, acqua infetta, e sistemi sanitari carenti. Non l’assenza di vaccini”. Ma peggio: “Abbiamo scoperto che anche nei Paesi in via di Sviluppo esiste una relazione contro-senso fra il numero dei vaccini somministrati e la IMR: le nazioni con la peggiore IMR sono quelle che somministrano ai bambini il maggior numero di vaccini”. Lo studio torna all’Occidente ricco: “Gli USA hanno visto pochissimi progressi nella IMR dall’anno 2000, e le tradizionali cause di IMR (da parto ecc.) non spiegano questo fenomeno… Si noti che nel 2009, cinque delle 34 nazioni con il miglior tasso di IMR richiedevano solo 12 dosi-vaccini, il numero minore, mentre gli Stati Uniti ne richiedeva 26, il maggior numero al mondo”.

Ora attenti a questa frase, di nuovo (ignorate la parte tecnica in inglese, metto la conclusione in italiano grassetto): “A scatter plot of each of the 30 nation’s IMR versus vaccine doses yielded a linear relationship with a correlation coefficient of 0.70 (95% CI, 0.46–0.85) and p immunitario, alle intossicazioni dei tessuti colpiti dalle sostanze tossiche, e soprattutto quelle dei vaccini, per insegnare alla mente conscia del soggetto che sta compiendo azioni contro la sua stessa vita! Una ricerca scientifica ed ufficiale, spiega perchè le infezioni/infiammazioni, in tenera età non sono ottimali, cioe' sono pericolose: http://www.lescienze.it/news/2017/01/26/news/infezioni_infantili_lunghezza_telomeri_salute_globuli_bianchi-3397169/. ed e' proprio cio' che i vaccini inducono. Brutto colpo per chi sostiene di vaccinare a 3 mesi i bambini indifesi. Cari vaccinatori vi inchioderemo alle vostre Responsabilità CRIMINALI!

2.000.000 di reazioni gravi ai farmaci ogni anno!

" Recentemente in Italia, con l’introduzione del D.L. n. 95/03 si è provveduto ad abolire l’ obbligo (diventa spontanea) di segnalazione di tutte le A.D.R. con le correlative sanzioni, ma rimane tuttavia obbligatoria la segnalazione delle A.D.R. gravi o inattese, di tutte le A.D.R. che riguardino i vaccini e quelle per quei farmaci che vengano inseriti in speciali elenchi, periodicamente pubblicati dal Ministero della Salute, riguardanti essenzialmente farmaci immessi di recente in commercio." Tratto da: http://www.altalex.com/index.php?idnot=10104.

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO.

Visionate questo video, parla un'informatore farmaceutico, sul Business dei Farmaci e Vaccini http://ildocumento.it/farmaci/il-business-farmaceutico-current.html.

costo di nitroglycerin drip for hypertension

quanto hytrin vs flomax dosage

prescrizione cardizem iv drip

acquisto hytrin 2mg

cordarone spedizione poste

acquisto hytrin dosage for bph

tablet arjuna herb side

tablet hytrin vs flomax for kidney

Esenzioni ed assicurazioni.

Convenzioni ed Assicurazioni SSN, Unisalute, Caspie, Fasdac, Fasi, Previmedical, Blue Assistance.

Esenzioni dal ticket Avete diritto ad un esenzione dal ticket? Verificatelo qui.

Esenzioni in gravidanza Il decreto Bindi sulle esenzioni in gravidanza.

Detraibilita' delle spese sanitarie Le spese sanitarie, mediche e di assistenza specifica: come detrarle dalle tasse.

La Tessera Sanitaria Serve per avere l'accesso alle prestazioni del SSN. Da richiedere alla ASL.

Medicine alternative.

Medicina Alternativa Sei alternativo? Naturopatia, Chiropratica, Erboristeria, Omeopatia?

Omeopatia Qualche notizia e links sull'omeopatia.

Malattie Neurologiche.

Sclerosi Multipla Disturbi oculari, minzione imperiosa?

Argomenti di medicina.

Salute femminile.

Menopausa Quali sintomi e quali analisi effettuare in menopausa?

prezzo di toprol xl tabs 25mg
ordine celebrex lawsuit risk

quanto hytrin vs flomax dosage

. Lunch Forum – Corso Avanzato di laserterapia – Moderatore Prof. Antonino Di Pietro.

XIV Riunione (1983-2010) Giornate di terapia in dermovenereologia.

Catania, 30-31 Gennaio 2010.

. Una bellezza senza contro-indicazioni: anti-invecchiamento possibile – con il Contributo del Prof. Antonino Di Pietro In collaborazione con “OK La Salute” appuntamento con il benessere Wellness Temporary Village – Milano, 7 febbraio 2010.

. La ciclosporina: a quarant’anni dalla sua scoperta racchiude ancora nuove potenzialità terapeutiche Dermatologia Ambulatoriale, Anno XVIII n.1 gennaio/marzo 2010. D. Colombo, A. Di Pietro, Ospedale Marchesi di Inzago.

. Dermocosmesi e iperpigmentazione NOVAESTETYC Magazine n. 4 – Aprile/Maggio/Giugno 2010.

. Research on vitiligo: state of play. Moderatore Prof. Antonino Di Pietro First Vitiligo World Congress – Milano, 23-25 settembre 2010.

. Sport e pelle: solo benefici con poche regole. Prof. Antonino Di Pietro Lo Sport salva la vita – Novara, 22 ottobre 2010.

. Psoriasi in prospettiva Moderatore Prof. Antonino Di Pietro Venezia, 5-6 novembre 2010.

. Focus on Dermatite Seborroica. Moderatore Prof. Antonino Di Pietro Roma, 20 novembre 2010.

. XIX Giornate di Dermatologia Clinica Moderatore Prof. Antonino Di Pietro Roma, 20-22 gennaio 2011.

quanto coumadin blood test
acquisto colchicine tablets e-bay

quanto hytrin medication

In occasione delle Giornate di Mobilitazione LAV 2017, i giorni 21 e 22 Ottobre scenderemo in piazza a Roma con i nostri tavoli per lanciare la campagna “Aboliamo la Caccia!”, con relativa petizione che chiederemo ai cittadini di firmare.

Ai nostri tavoli sarà possibile iscriversi o rinnovare l'iscrizione alla LAV e saranno disponibili i calendari LAV 2018 fomato tavolo e parete.

Queste le piazze e gli orari dove potete venirci a trovare:

Sabato 21 ottobre 2017.

Piazza del Popolo angolo via del Corso (9:30 – 19:00)

Largo Apollinaire angolo Viale Europa (10:00 – 19:00)

Domenica 22 ottobre 2017.

Piazza Cola di Rienzo fronte Mondadori (10:00 – 19:00)

Viale Guglielmo Marconi fronte Feltrinelli (10:20– 19:20)

Vi aspettiamo! #BastaSparare.

Il macaco Monky, salvato dalla vivisezione e adottato dalla sede LAV di Roma. Ora una cena benefit per lui mercoledì 11 ottobre alle 20:00.

Tempo fa la sede LAV di Roma ha deciso di adottare, e di mantenere a vita, uno dei macachi liberati dalla LAV destinati ai laboratori dell’Università di Modena. I soci della sede LAV di Roma hanno votato ed espresso in maggioranza preferenza di adozione per il simpatico Monky.

Monky ha circa 7 anni, è privo dell’ultima falange del dito medio della mano destra, ha un carattere timido e introverso. E’ uno degli ultimi nella scala gerarchica e spende il suo tempo giocando da solo o relazionandosi con le femmine.

Intimorito da suo padre Alfa, il capo del gruppo, Monky è talvolta preso di mira durante i conflitti. Ha stabilito un legame speciale con sua sorella Psiche, con la quale si intrattiene spesso facendole e ricevendo grooming.

Monky attualmente vive in stato di semi-libertà insieme al suo gruppo in un centro di recupero fauna selvatica in Toscana, assistito da personale qualificato. Ora la STP LAV Roma ha organizzato una cena benefit per lui, per raccogliere fondi per il suo mantenimento. Questi i dettagli della cena per chi volesse partecipare:

Cena vegan benefit per Monky Mercoledì 11 ottobre 2017 ore 20:00 Ristorante “L’Insalatiera - Veg and Wine” in Roma, Via Trionfale 94 (tra metro Cipro e Ottaviano) Quota minima di partecipazione alla cena: € 25,00.

Botticelle: vetturini tutti rinviati a giudizio con veterinario ASL e funzionario comunale. LAV riconosciuta parte offesa.

Il sostituto procuratore Alberto Galanti ha chiuso le indagini per 43 vetturini delle botticelle romane con la seguente accusa: "in ordine al reato previsto e punito dagli articoli 110, 113, 727 comma 2 del Codice penale perché in concorso tra loro detenevano i cavalli addetti al servizio di trasporto a trazione animale dentro una struttura posta all'interno del complesso del Foro Boario di Roma in condizioni incompatibili con la natura degli animali e produttivi di gravi sofferenze".

Altre 2 avvisi di garanzia sono stati inviati a L. T. C., veterinario della Asl Roma1, e L. A., coordinatore della struttura Roma servizi per la mobilità srl di Roma Capitale, responsabile della manutenzione della struttura. L’atto di cui si parla approfonditamente nell’articolo di Margherita D’Amico oggi su Repubblica è di Aprile 2017, ma è stata la LAV ad annunciare che figura come persona offesa.

"Speriamo che l'odierno procedimento giudiziario incoraggi anche la chiusura delle indagini sulla scuderia realizzata al Pincio con sperpero di fondi pubblici e incredibili danni all'integrità di un luogo vincolato come Villa Borghese, e auguriamoci che l'Assemblea Capitolina esamini al più presto la proposta di Delibera di iniziativa popolare per la dismissione delle botticelle".

prezzo di motrin ib ingredients
prescrizione calan sr 120

hytrin a buon mercato barca aout

In concreto, questi scambi culturali furono resi possibili nel '400-'500 da quei medici che, fedeli all'antica tradizione veneziana del "mare colere, terramque postergare", sceglievano di partecipare ai viaggi delle galere, oppure trascorrevano una parte della loro vita nello Stato da mar e nelle basi consolari del Levante, in stretta comunanza di vita con i mercanti.

Fin dal '300 è possibile riscontrare la presenza di medici nelle armate navali della Repubblica: qualcuno di questi fisici riuscì a ottenere proprio sul mare, grazie ai meriti acquistati curando soldati e marinai, il pieno riconoscimento della propria condizione di cittadino veneziano (64). Al di là delle motivazioni patriottiche, non mancano del resto gli allettamenti di tipo economico: all'inizio del '500 le prestazioni del medico che segue il capitano generale da mar sono remunerate con un "salario" massimo di 25 ducati mensili (65). Anche sulle galere da mercato c'era solitamente un medico fisico o un medico chirurgo. Nel 1412 il "salario" del medico delle galere di Fiandra era di ben 16 ducati al mese, per un viaggio che solitamente durava oltre un anno. Queste condizioni così favorevoli non durarono a lungo: nell'ambito di uno sforzo teso a ridurre i costi di gestione delle galere, furono ripetutamente decretate riduzioni di stipendio, fino a un minimo di soli 7 ducati mensili, a partire dal 1472. Inevitabile dunque lo scadimento del prestigio e della qualificazione del personale sanitario (66).

Assai più interessanti erano gli stipendi dei medici condotti salariati dalle comunità d'Istria e Dalmazia, o mantenuti a spese di magistrature e consolati delle isole greche e del Levante. Come medico del consolato di Damasco, l'intraprendente bellunese Andrea Alpago († 1522), che forse non era nemmeno laureato in medicina, ma solo in artibus, riscosse dal 1487 al 1517 un "salario" annuo di 350 ducati (67). Oltre allo stipendio, devono essere messi nel conto anche i vantaggi derivanti da una stretta relazione con il mondo mercantile: lo rilevò esplicitamente nel 1507 il collegio medico veneziano, mosso a questa delazione fiscale dal desiderio di ripartire la sua famosa tassa per il medico della flotta fra un maggior numero di contribuenti. A giudizio del collegio, i medici "navigantes super navibus et galeis" non solo usufruivano degli utili della professione medica, ma "de illis plurimi etiam mercantiis lucrantur, nec ullo tempore stare videntur absque lucro" (68).

In effetti non mancano evidenti tracce dell'attività di questi medici-mercanti, nei quali la curiosità intellettuale non andava disgiunta dal senso degli affari. Nicolò Roccabonella, medico condotto a Zara, avviò nel 1449 assieme al figlio Ludovico un'intensa attività commerciale, mentre al tempo stesso completava, con l'aiuto di uno speziale proveniente dalla Germania, la più straordinaria opera illustrata della botanica quattrocentesca, il celebre codice Rinio (69). Quanto al già ricordato Andrea Alpago, voci ricorrenti lo vollero coinvolto in spregiudicate operazioni commerciali condotte in collaborazione con il patrizio Marino Corner, console a Damasco ai tempi dell'Alpago e suo esecutore testamentario nel 1522. In effetti il medico bellunese lasciò agli eredi un bel capitale, valutato a 7.788 ducati, in cui erano incluse "perle e mercanzie", la proprietà di una bottega, e poi "dinaro in banco e crediti", depositi al "monte novo" e "monte novissimo". Altra viva testimonianza delle sue attitudini mercantili sono le lettere inviate da Damasco nel primo '500 per informare i mercanti veneziani e lo stesso diarista Marin Sanudo sulle drammatiche fluttuazioni del prezzo delle spezie, in quell'agitato momento storico che vide i Portoghesi affacciarsi sull'Oceano Indiano (70).

Per diversi anni il Sanudo annotò queste corrispondenze indicando il proprio informatore come un qualsiasi "medico di Damaxo"; però a partire dal 1510 cominciò a parlarne con maggior rispetto, giacché ora l'Alpago gli era noto come colui che "traduse Avicena di arabaco in latin", offrendone una versione nettamente migliore delle precedenti (71).

C'è infatti nel viaggio mediterraneo dei medici un'importante dimensione filologica e scientifica, quella del ritorno all'antica sapienza medica, o greca o araba, a seconda delle preferenze personali e delle scuole. Questa convergenza tra peregrinazioni nello Stato da mar e umanesimo scientifico è particolarmente avvertibile a partire dalla fine del '400. Certo, anche prima di allora non era mancata al medico la possibilità di arricchirsi culturalmente approfittando degli spostamenti impostigli dall'esercizio della sua professione: nel 1412 Leonardo Buffi da Bertipaglia (che fu poi celebre docente di chirurgia a Padova) aveva clamorosamente abbandonato lo Studio patavino, senza essersi nemmeno addottorato, in violenta polemica con la medicina accademica e con l'incapacità professionale dei "doctores"; e per diversi anni aveva voluto esercitare la propria attività di chirurgo in paesi lontani, spingendosi fino ad Alessandria d'Egitto e alla Mecca ad ammirarvi le "mirabilia opera naturae" (72). Ed il medico umanista Pietro Tommasi aveva praticato la professione a Candia tra il 1414 e il 1418, cogliendo l'occasione per acquistarvi tra l'altro alcuni preziosi codici greci contenenti i Moralia di Plutarco (73).

Ma nel campo medico una vera svolta culturale fu segnata soprattutto dal viaggio nel Levante di Girolamo Ramusio (che come medico del consolato di Damasco, a partire dal 1483, precorse l'Alpago nella traduzione di Avicenna) e dall'esperienza di rapporti col mondo greco compiuta in quegli stessi anni da Alessandro Benedetti da Legnago (circa 1450-1513). Questi aveva conosciuto a Venezia gli umanisti Giorgio Merula e Giorgio Valla; dopo la laurea in arti esercitò per diversi anni la professione medica a Candia, approfondendovi lo studio del greco e degli antichi autori. Tornato in patria, si sarebbe distinto come uno dei maggiori medici del suo tempo e avrebbe tra l'altro realizzato il primo anfiteatro anatomico in legno (74).

Va comunque ricordato che non tutti questi scambi mediterranei avvenivano con facilità e avevano esito felice: oltre alla lunghezza e alla pericolosità dei viaggi, non si devono dimenticare le tensioni politiche e religiose. Parleremo più oltre della difficile e comunque precaria posizione dei medici ebrei. Ma anche qualche medico cristiano è coinvolto in vicende tragiche: uno dei più illustri docenti dello Studio di Padova, quel Gabriele Zerbi (1435-1505), di origine veronese, che si è meritato un posto nella storia della medicina per i suoi studi di anatomia, accettò nel 1504 di recarsi nella Bosnia per curare il pascià Izkander, che si era appunto rivolto alla Signoria "per aver uno miedego". Ma poco dopo il decesso dell'illustre paziente giunse a Venezia la notizia che lo Zerbi, per volontà di un figlio del defunto, "era stà da quelli turchi segato per mezo" assieme a un figlio (75).

Lo Zerbi era stato probabilmente indotto ad accettare il pericoloso incarico non solo dalla promessa di un lauto onorario e da un debito di fedeltà alla Signoria, ma anche da un più orgoglioso desiderio di gloria. Non possiamo infatti assolutamente trascurare l'importanza che questo valore così schiettamente umanistico viene assumendo per i medici veneti del '400-'500. È bensì vero che il loro rapporto con l'umanesimo rimane complesso e tormentato: in particolare, sotto l'influenza dello Studio di Padova, stenta ad affermarsi a Venezia l'"umanesimo scientifico" nella sua più specifica accezione di "critica antiaraba" e di "riconquista dei testi della medicina greca nella loro purezza" (quale si coglie ad esempio nell'opera di un Nicolò Leoniceno) (76). Anche il favore dell'ambiente padovano per l'Alpago non nasce forse dalla possibilità di riproporre con nuovi argomenti filologici la superiorità degli Arabi? Una delle ultime dispute su questi temi si svolgerà proprio a Venezia nel 1532, davanti al doge e alle massime autorità della Repubblica: qui i celebri medici Marino Brocardo e Valerio Superchio, ancora sostenuti dalla maggioranza del loro collegio, difenderanno l'autorità degli Arabi e la loro funzione nell'insegnamento medico, mentre il giovane e già affermato Vittore Trincavella sosterrà con convinzione la superiorità di quel Galeno, di cui diverrà in breve uno dei più illustri commentatori (77).

Ma ben più larga e ben più antica era stata - al di là dell'episodica polemica petrarchesca - la diffusione fra i medici veneziani dei nuovi valori civili e letterari. Infatti alcuni dei più affermati "fisici" della Venezia quattrocentesca furono anche autorevoli esponenti dell'umanesimo veneziano: Nicolò Leonardi (circa 1370-1452), Pietro Tommasi (circa 1375/80-1458) e Giovanni Caldiera (1400-1474) raccolsero manoscritti e formarono biblioteche, furono in corrispondenza con patrizi umanisti come Francesco Barbaro, Lauro Querini e Lodovico Foscarini e composero interessanti opere latine, fra cui spicca il De praestantia Venetae Politiae del Caldiera (78).

Sul piano sociologico, l'adesione ai valori umanistici può rappresentare un momento di accresciuta consapevolezza di un gruppo professionale o, al suo interno, di singoli individui e famiglie che hanno raggiunto il successo economico ed uno "status" sociale relativamente elevato. Sotto questo aspetto appaiono significativi gli scritti del Caldiera, che, nato a Venezia da buona famiglia, si presenta già come un "cittadino", nel significato più onorifico che questo termine comincia ad acquisire nella seconda metà del '400. E difatti nel De praestantia Venetae Politiae egli puntualizza le moderate aspirazioni di questo gruppo e ricorda gli onori cui esso può aspirare: l'amministrazione delle Scuole grandi, gli uffici di cancelleria (79).

consegna cordarone iv