cardizem generico welding equipment

lozol pillole per dimagrire

acquistare a buon mercato cardizem cd 120

Immatricolazione e rinuncia: Se si effettua l’immatricolazione presso UniSR e poi si decide di iscriversi ad un altro corso di laurea sempre UniSR, si fa richiesta di passaggio di corso e l’importo versato per il corso precedente viene tenuto valido per il nuovo corso di laurea con le relative eventuali compensazioni. Se si decide di iscriversi presso un altro corso di laurea in altro ateneo, è necessario fare rinuncia al corso in cui si è iscritti e chiedere formalmente il rimborso che è in ogni caso parziale. Il termine entro il quale presentare richiesta di rimborso è il 30 novembre 2018: per le rinunce che intervengono dopo tale data non è previsto il rimborso.

Presso UniSR non sono previste le fasce di reddito per il pagamento delle rette universitarie.

Premi di merito UniSR Per gli studenti che si immatricolano al I anno del corso di Laurea in Filosofia e del corso di Laurea Magistrale in Filosofia del Mondo contemporaneo sono messi a disposizione dei Premi di merito. Per maggiori informazioni vai alla pagina dedicata: http://www.unisr.it/borse-di-studio/#agevolazioni-premi-di-meriti.

Borse di Studio: I Bandi relativi a Borse di studio e Agevolazioni per gli studenti vengono annualmente pubblicati sul sito all’indirizzo.unisr.it/borse-di-studio. Il Bando generalmente viene pubblicato nel mese di Luglio.

DISABILITA’ E DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO.

I candidati disabili, ai sensi della legge 5 febbraio 1992 n. 104, così come modificata dalla legge n.17/1999 ammessi all’immatricolazione dovranno fare esplicita richiesta di poter fruire degli eventuali provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica. I candidati rientranti nell’ambito di applicazione della legge 8 ottobre 2010, n. 170 recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico, potranno richiedere le agevolazioni previste dal D.M. del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 5669 del 12 luglio 2011.

Per presentare le richieste occorre scaricare e consegnare unitamente alla documentazione necessaria per l’immatricolazione (seguendo le indicazioni inviate dalla Segreteria Studenti) il modulo disponibile online completo di Allegati come previsto nel modulo stesso.

Per ulteriori informazioni: Numero verde: 800 339033.

Ufficio Ammissioni 0291751.564 – 0291751.563 (dalle 9.30 alle 12.00) 0291751.589 (dalle 14.30 alle 16.00) Fax 0291751.453 e-mail: ammissioni@unisr.it.

Ammissione al Corso di Laurea Magistrale in Filosofia del Mondo Contemporaneo (II livello) - Ammissioni online dal 10 luglio 2018 al 29 marzo 2019.

E’ stato pubblicato il bando per l’ammissione al Corso di Laurea magistrale in Filosofia del Mondo Contemporaneo per l’anno accademico 2018/2019.

Le iscrizioni a concorso sono aperte dal 10 luglio 2018 fino al 29 marzo 2019 o fino a copertura dei posti disponibili (60). Per essere ammessi al Corso è necessario accedere, tramite al link evidenziato, alla Registrazione (Scarica la Guida nel Box a sinistra) e all’Iscrizione online: prima di procedere è consigliabile leggere attentamente la Guida all’Iscrizione a Concorso.

Prima di procedere all’iscrizione al concorso si deve essere in possesso dei seguenti documenti in formato pdf:

sconto del shuddha guggulu reviews on spirit
comprare vasotec medication picture

costo di cardizem drip calculation

Contatti.

Segreterie studenti Via Santa Sofia 9/1 - fax 02.503.13728 Orari di apertura degli sportelli: lunedì - mercoledì - venerdì: dalle 9 alle 12 martedì - giovedì: dalle 13 alle 15.

Le segreterie ricevono solo su appuntamento da prenotare utilizzando Infostudenti.

Corsi di laurea.

Dipartimenti.

Servizi.

lun - ven: 9.00 - 17.00.

Il costo della chiamata da telefono fisso è pari a quello di una telefonata urbana, mentre chiamando da telefono mobile il costo dipende dal proprio gestore di telefonia.

Per le chiamate dall'estero: 0039 056676357 (il costo dipende dal tuo gestore di telefonia). Laurea medicina e chirurgia.

OFFERTA DIDATTICA.

INFORMAZIONI E SERVIZI.

Presentazione del CDLM: Poster1 - Poster2.

comprare innopran xl a buon mercato barca officiel
betapace in vendita ispra

cardizem pillole di jenus

Responsabile Prof. Andrea Casasco.

Responsabile Prof. Fabio Buzzi.

Gestione Contabile.

Gestione sistemi informativi.

Gestione Amministrativa Risorse Umane.

Ultime News.

Accreditamento servizio di riprese fotografiche durante le sedute di laurea News del 27 Apr 2018.

Per opportuna informazione, in riferimento all'oggetto, si comunica che l'Ateneo ha aggiornato gli.

BioUpper è una call for ideas volta a formare e finanziare nuove idee di impresa nel campo delle.

Avviso di selezione per l’affidamento dell’incarico di direttore delle Attività Didattiche del Corso di.

comprare generico benicar medication
prezzo di proventil hfa coupon

costo di cardizem drip calculation

Test Medicina 2018: come iscriversi al test.

Scopri tutte le scadenze da rispettare, i documenti necessari e la gestione delle preferenze.

IMAT 2018: quali sono gli argomenti da studiare.

Dal bando Miur le informazioni per prepararsi al test d'ingresso. Miur AFAM.

Bando per l’ammissione alle Scuole di specializzazione in Medicina a.a. 2013/14.

VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni, recante "Riforma dell'organizzazione del Governo, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59" e, in particolare, l'articolo 2, comma 1, n. 11), che, a seguito della modifica apportata dal decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, istituisce il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca;

VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, recante "Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244" che, all'articolo 1, comma 5, dispone il trasferimento delle funzioni del Ministero dell'università e della ricerca, con le inerenti risorse finanziarie, strumentali e di personale, al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca;

VISTO il decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, recante "Attuazione della direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli e delle direttive 97/50/CE, 98/21/CE, 98/63/CE e 99/46/CE che modificano la direttiva 93/16/CEE", e, in particolare, l'articolo 34, comma 3, che individua le scuole di specializzazione, e l'articolo 35, comma 2, che prevede che il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, acquisito il parere del Ministero della Salute, determina il numero dei posti da assegnare a ciascuna scuola di specializzazione medica;

VISTO il decreto del Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, 1 agosto 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 5 novembre 2005 n. 285, supplemento ordinario n. 176, relativo al riassetto delle scuole di specializzazione di area sanitaria e successive modificazioni e integrazioni;

VISTO il decreto del Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, d'intesa con il Ministero della Salute, del 29 marzo 2006 con il quale sono stati definiti gli standard e i requisiti minimi delle scuole di specializzazione e successive modificazioni e integrazioni;

furosemide pillole per l'erezione

prescrizione cardizem medication iv

quanto naprosyn dosage children

costo di cardizem drip calculation

dove acquistare minipresso amazon

quanto cardizem generic and brand

Maggio, Giugno e Luglio 2018.

Laurea Magistrale A23ter (N.O.)

C.I. FISICA MEDICA Cod. A23FM.

CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA Cod. A23CPB (Canale A e C – Prof. Quagliuolo)

CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA Cod. A23CPB (Canale B e D – Prof.ssa Stiuso)

INGLESE SCIENTIFICO Cod. A23VIS.

ISTOLOGIA ED EMBRIOLOGIA MEDICA Cod. A23IEM.

BIOLOGIA, BIOLOGIA MOLECOLARE E GENETICA Cod. A23BBMG AFP Biologia, biologia mol. e gen. Cod. AFPBIO.

SECONDO ANNO.

Dicembre 2017, Gennaio, Febbraio 2018, Marzo 2018.

quanto colchicine medication and viagra
moduretic a buon mercato barca 19

comprare cardizem er dosage

Come già detto, il termine “ FIBROMIALGIA ” ( FM ) deriva da “ fibro ” che indica i tessuti fibrosi (come tendini e legamenti) e “ mialgia ” che significa dolore muscolare. Il dolore è quindi il sintomo predominante della fibromialgia. Generalmente, si manifesta in tutto il corpo, sebbene possa iniziare in una sede localizzata, come il rachide cervicale e le spalle, e successivamente diffondersi in altre sedi col passar del tempo.

Il dolore fibromialgico viene descritto in una grande varietà di modi: sensazione di bruciore, rigidità, contrattura, tensione ecc. Spesso varia in relazione ai momenti della giornata, ai livelli di attività, alle condizioni atmosferiche, ai ritmi del sonno e allo stress. La maggioranza dei pazienti fibromialgici riferisce di sentire costantemente un certo grado di dolore. La FM è quindi una malattia reumatica che colpisce i muscoli causando un aumento di tensione muscolare: tutti i muscoli (dal cuoio capelluto alla pianta dei piedi) sono in costante tensione. Questo comporta numerosi disturbi:

innanzi tutto i muscoli “tesi” sono causa di dolore che in alcuni casi è localizzato (le sedi più frequenti sono il collo, le spalle, la schiena, le gambe), ma talora è diffuso dappertutto i muscoli in tensione provocano rigidità e possono limitare i movimenti o dare una sensazione di gonfiore a livello delle articolazioni i muscoli contratti è come se lavorassero costantemente per cui sono sempre stanchi e si esauriscono con grande facilità: questo significa che chi è affetto da FM si sente sempre stanco e si affatica anche per minimi sforzi i muscoli ipertonici non permettono al paziente di riposare in modo adeguato: chi è affetto da FM ha un sonno molto leggero, si sveglia più volte durante la notte e al mattino, anche se gli sembra di avere dormito, si sente più stanco di quando si è coricato (si parla di “sonno non ristoratore”).

Per alcune persone affette da fibromialgia, il dolore può essere talvolta molto intenso. La tensione muscolare si riflette a livello dei tendini (che sono strutture fibrose tramite le quali i muscoli si attaccano alle ossa) che diventano dolenti in particolare nei loro punti di inserzione: questi punti dolenti tendinei, insieme ad alcuni punti muscolari, evocabili durante la visita medica con la semplice palpazione, sono una caratteristica peculiare della FM e vengono definiti “ Tender Points ” (Figura 1-2).

Figura 2 – Mappa dei Tender Points (American College of Rheumatology – ACR 1990)

La presenza e la tipologia di queste caratteristiche aree algogene (tender points), con i sintomi del dolore diffuso, distingue i fibromialgici dai pazienti affetti da altre patologie simili. I tender points sono quasi sempre presenti su entrambi i lati del corpo. Sebbene i tender points definiti dai criteri classificativi e diagnostici dell’American College of Rheumatology nel 1990 siano stati utilizzati per la diagnosi, molti altri muscoli o aree inserzionali possono essere dolenti. I tender points possono essere latenti normalmente ed il dolore evocabile solo alla digitopressione. Il dolore è considerato diffuso quando sono presenti tutte le seguenti localizzazioni: dolore al lato sinistro del corpo, dolore al lato destro, dolore al di sopra della vita, dolore al di sotto della vita; dolore scheletrico assiale in almeno una sede (rachide cervicale, torace anteriore, rachide dorsale o lombo-sacrale).

MALATTIA ANTICA O NUOVA?

La FM era già stata descritta nella prima metà del 1800. Agli inizi del 1900 venne considerata una malattia infiammatoria dei muscoli (fibrosite). Alla fine degli anni ’40 venne esclusa la presenza di “infiammazione” per cui la FM venne considerata una malattia su base psicologica. Il moderno concetto di FM e di tender points risale al 1978. Nel 1990 sono stati messi a punto i criteri diagnostici e nel 1994 la diagnosi di FM è stata accettata a livello internazionale con la cosiddetta “Dichiarazione di Copenhagen”. Si tratta quindi di una malattia conosciuta da molto tempo, ma che solo recentemente è stata meglio definita.

LE CAUSE.

La FM è una malattia a genesi multifattoriale. La causa di questa sindrome al momento rimane ignota. Molti differenti fattori possono scatenare una sindrome fibromialgica. Per esempio eventi stressanti (come una malattia, un lutto familiare, un trauma fisico o psichico) possono portare a dolore generalizzato, affaticamento e alterazioni del sonno tipici della fibromialgia. È però improbabile che la sindrome fibromialgica sia provocata da una singola causa; infatti molti pazienti non sono in grado di identificare alcun singolo evento che abbia determinato l’insorgenza dei sintomi.

I numerosi studi volti a capire le cause della malattia hanno documentato numerose alterazioni dei neuro-trasmettitori a livello del sistema nervoso centrale, cioè di quelle sostanze di fondamentale importanza nella comunicazione tra le cellule nervose, o di sostanze ormonali. Altri autori hanno osservato significative alterazioni nella qualità del sonno e/o una particolare vulnerabilità dei muscoli a microtraumi ripetuti. In effetti, la sindrome fibromialgica sembra dipendere da una ridotta soglia di sopportazione del dolore dovuta ad una alterazione delle modalità di percezione a livello del sistema nervoso centrale, degli input somatoestesici (alterazione della soglia nocicettiva). La FM può quindi essere considerata essenzialmente una patologia della comunicazione intercellulare. Immaginando il nostro organismo come un computer, nella FM tutte le periferiche sono integre e in grado di raccogliere le informazioni in modo corretto, ma i dati, una volta raccolti ed inviati a livello centrale, vengono interpretati in modo errato: le due caratteristiche principali della FM sono infatti la Iperalgesia e la Allodinia. Per iperalgesia si intende la percezione di dolore molto intenso in risposta a stimoli dolorosi lievi; per allodinia si intende la percezione di dolore in risposta a stimoli che normalmente non sono dolorosi. Sia l’iperalgesia che la allodinia possono verificarsi transitoriamente in soggetti non fibromialgici a seguito di eventi nocivi (es. eritema solare, ferita post-chirugica) che rendono ipersensibile la zona cutanea colpita: nei fibromialgici iperalgesia ed allodinia sono diffuse e persistenti. Uno degli effetti della disfunzione dei neuro-trasmettitori, ed in particolare della serotonina e della noradrenalina, è la iperattività del Sistema Nervoso Neurovegetativo (una parte del nostro sistema nervoso che controlla con meccanismi riflessi numerose funzioni dell’organismo tra cui la contrazione dei muscoli, ma anche la sudorazione, la vasodilatazione e la vasocostrizione, ecc.) che comporta un deficit di irrorazione sanguigna a livello muscolare con insorgenza di dolore ed astenia e tensione. Tipico della FM, come di altri disturbi neurovegetativi, è che l’andamento dei sintomi varia in rapporto a numerosi fattori esterni che sono in grado di provocarne un peggioramento: c’è una evidente influenza dei fattori climatici (i dolori peggiorano nelle stagioni “di passaggio”, cioè primavera e autunno e nei periodi di grande umidità), dei fattori ormonali (peggioramento nel periodo premestruale, peggioramento in caso di disfunzioni della tiroide), dei fattori stressanti (discussioni, litigi, tensioni sul lavoro e in famiglia).

Fattori Esterni che possono peggiorare i sintomi.

dove acquistare calandria bird
comprare diovan hct

come acquistare cardizem drip

Come già si è ricordato, vi erano medici membri del collegio e medici estranei ad esso: gli uni e gli altri erano però sottoposti alla sua autorità, sia per la verifica della preparazione professionale e dei titoli di studio, sia in vista dell'applicazione di norme di portata generale, come quella che prevedeva l'imposizione da parte del collegio di una tassa, proporzionata al reddito stimato di ciascun professionista e destinata al pagamento del salario del medico che serviva il capitano generale da mar nell'Armata veneziana (46). Per far fronte a questo compito il collegio eleggeva tre taxatores; altre cariche, oltre al priore annuale e ai due consiglieri, di durata semestrale, erano il tesoriere e tre sindaci; il collegio salariava inoltre un notaio e un bidello. Le entrate provenienti dalle tariffe riscosse per l'ammissione al collegio, per i dottorati e per le licenze di idoneità erano distribuite fra i membri del collegio. Erano previste forme di assistenza a favore dei medici ammalati o impoveriti; per il resto, beneficiavano regolarmente di queste entrate soprattutto i 25 membri numerarii, o anziani, cui si affiancava un numero variabile di supernumerarii, i quali subentravano man mano nei posti vacanti (47).

Va peraltro notato che, contrariamente a quanto previsto in quest'epoca per gli uffici cancellereschi, non venivano considerate come condizioni obbligatorie per l'ammissione al collegio medico né la legittimità dei natali, né la cittadinanza veneziana: l'appartenenza a una famiglia proveniente dal Dominio veneto o da altri Stati non precludeva neppure l'accesso al priorato. Il collegio veneziano conservò dunque lungo tutto il '500 un'apertura ai nuovi venuti abbastanza insolita per quest'età, che vide la "chiusura" di molti altri collegi medici (48).

Il collegio veneziano è inoltre caratterizzato da un elevato numero di membri: nel 1523 sono 61 e, dopo una flessione fra gli anni '30 e i '50, risalgono a 75 nel 1564 e ad 84 nel 1570. Tenendo presente il censimento del 1563, che indica una popolazione di 168.627 residenti, ci troveremmo di fronte, a quella data, a un rapporto di 4,5 medici di collegio ogni 10.000 abitanti: un dato apparentemente vicino a quelli della Verona di metà '500 e della Firenze del 1630 (49).

Però queste cifre ci danno solo un'idea parziale dell'offerta di prestazioni sanitarie. Non abbiamo infatti conteggiato, ignorandone il numero, i medici non inclusi nel collegio; c'erano poi i medici chirurghi, sovente laureati, il cui collegio aveva raggiunto, già prima del 1500, i 40 membri (anche se non sempre si mantenne a questi livelli di iscrizione: negli anni '40 del '500 i suoi membri erano solo 27) (50). Né bisogna trascurare il fenomeno, certo limitato sul piano quantitativo, ma economicamente e socialmente assai rilevante, dell'esercizio occasionale o continuativo della professione medica a Venezia da parte di professori dello Studio di Padova: nel 1415 pratica a Venezia Giovanni Caronelli; per il medesimo motivo nel 1423 Antonio Cermisone ottiene la nomina di un sostituto nell'insegnamento; nel 1450 Sigismondo Policastro è chiamato a Venezia per curare il doge Foscari. Verso la fine del '400 i medici di Padova sono attirati a Venezia pure dalla possibilità di farvi stampare le proprie opere o di fornirvi consulenze editoriali; così negli anni '90 il medico di origine bresciana Francesco Cavalli collaborò con Aldo Manuzio alla pubblicazione delle opere di Aristotele (51). Nel gennaio del 1499 Si arrivò infine a una protesta ufficiale del collegio medico davanti alla Signoria: constatato che durante le vacanze delle lezioni i professori dello Studio patavino Giovanni dell'Aquila, Girolamo della Torre, Gabriele Zerbi e Nicoletto Vernia (oggi ricordato più come filosofo che come medico) venivano a "miedegar in questa terra", i medici veneziani chiesero ed ottennero che fossero anch'essi sottoposti al pagamento della tassa per il medico dell'Armata (52).

Tutte le testimonianze concordano dunque nel presentare la Venezia della fine del '400 e del '500 come ben provvista di medici, professionisti di successo e professori universitari. Alla base di questa larga disponibilità vi era una domanda di cure sanitarie che si manteneva su livelli particolarmente sostenuti: come osservò col suo sicuro intuito di banchiere Girolamo Priuli, "sempre in la citade veneta ne sonno medici assai convenienti et deli più celebri d'Itallia, perché avadagnanno molta summa de danari" (53). È vero che, rispetto al '300, era venuto meno l'intervento diretto dello Stato per le "condotte": a quest'evoluzione aveva contribuito la fortissima pressione esercitata sulla finanza pubblica dalle guerre della fine del '300 e del '400; un qualche ruolo era stato giocato anche dal ciclico ripetersi delle epidemie, durante le quali i chirurghi e i medici pubblici o morivano o tendevano ad eclissarsi, incuranti della minaccia di licenziamento (54).

Ad ogni modo, per i medici che aspiravano alla sicurezza delle "posizioni ferme" c'era ancora la possibilità di trovare un posto al servizio di fondazioni monastiche e luoghi pii. Il '400-'500 è appunto l'epoca in cui si moltiplicano le fondazioni di istituzioni ospedaliere, mentre le Scuole o confraternite collegate alle Arti provvedono all'assistenza agli artigiani malati, e le maggiori confraternite di devozione - le cinque Scuole grandi, già attive nel '400, e una sesta, aggiuntasi alla metà del '500 - si assumono il compito di tenere al servizio dei confratelli due medici per ciascuna (55). C'era poi un generico impegno del collegio medico, in cambio delle esenzioni fiscali da esso godute, a visitare gratuitamente i carcerati, le monache, i "poveri di schuole" ed altri che non potevano pagare (56).

L'insieme di queste iniziative sembra attenuare la durezza classista apparentemente implicita nella riduzione del diretto intervento pubblico, che in campo assistenziale tese a concentrarsi su un solo obiettivo: la prevenzione della peste (57). In questo settore il governo veneziano adottò fin dal '400 soluzioni di avanguardia, come l'istituzione nel 1423 del Lazzaretto Vecchio, struttura permanente destinata a fungere da ospedale per gli appestati; seguì nel 1468-1471 la costruzione del Lazzaretto Nuovo, in cui ospitare durante la quarantena i risanati ed i casi sospetti. Fu altresì di grande rilievo la decisione assunta nel 1460 e rinnovata con maggior successo nel 1486 di rendere permanente la magistratura dei provveditori alla sanità, che in tempo di peste doveva provvedere alle più urgenti necessità e che ora avrebbe potuto dedicarsi più organicamente anche alla prevenzione. Lasciando questo tema ad altre specialistiche trattazioni, ci limiteremo a segnalare che l'impiego di personale medico alle dipendenze dei provveditori fu quanto mai limitato, analogamente a quanto avveniva negli altri uffici di sanità allora istituiti in Italia: nel 1541 troviamo al servizio di questa magistratura un solo medico; più tardi, un medico fisico e un medico chirurgo (58). Naturalmente i provveditori potevano consultare in qualunque evenienza il collegio medico, che però non fu mai stabilmente associato alla loro attività. A questo riguardo, va tenuto presente che le misure di prevenzione adottate dai provveditori miravano in parte ad impedire il corrompimento dell'aria (in base a dottrine mediche erronee che però produssero una positiva preoccupazione per l'igiene cittadina) e in parte ad evitare il contagio, già individuato dall'esperienza anche se non spiegato dalla scienza medica, mediante l'adozione di procedure di isolamento e di quarantena. L'applicazione di queste misure richiedeva ai provveditori capacità politico-amministrative, buon senso, spirito d'osservazione: le tradizionali virtù del ceto dirigente (59).

Una certa circolazione negli ambienti patrizi delle principali teorie mediche era comunque assicurata in virtù degli studi padovani di molti nobili veneti, non pochi dei quali giungevano a laurearsi in artibus; ma poco giovamento poteva venire ai provveditori da una medicina sostanzialmente ferma, almeno fino al Benedetti e al Fracastoro, alla concezione galenica della peste causata da "corruzione dell'aere" (60).

Così i provveditori erano costretti a battersi, con mezzi e dottrine inadeguati, contro "un nemico invisibile". Sul piano psicologico il loro atteggiamento, così come quello di tutto il patriziato, doveva quindi oscillare tra la fiducia e lo scoramento nei riguardi del corpo medico e delle sue capacità terapeutiche. Ciò appare con chiarezza nelle riflessioni dedicate alla pestilenza del 1506 dal diarista Girolamo Priuli, convinto, come già si è ricordato, che Venezia potesse contare su ottimi medici, fra i migliori d'Italia. Ma all'inizio dell'epidemia questi seri professionisti avevano pensato di praticare ai malati dei vigorosi salassi, "e tutti morivano subito salassati". Finalmente, dopo aver visto perire otto pazienti su dieci, "deliberonno li medici, vedendo che il trazer di sangue era a loro molto contrario, tentar un'altra experientia" e cambiarono terapia, con risultati questa volta un po' migliori. "Et li medici anchora loro non ponno intender il tutto, et cum la experientia et cum lo tempo imparanno, quia nemo natus est magister" (61).

Quest'appello all'esperienza non deve essere anacronisticamente interpretato in senso galileiano: esso si inserisce anzi in un contesto culturale molto complesso, giacché il Priuli, bene esprimendo il sentire comune di larghi strati del patriziato, è pur sempre convinto della grandezza degli antichi maestri, da Galeno ad Avicenna. Né sono certo estranei agli interessi medici del patriziato dell'epoca l'occultismo, la magia naturale e l'astrologia, che sono anzi oggetto di studio anche negli ambienti dell'Università di Padova (62).

Dobbiamo comunque tener conto di questa predisposizione psicologica dei Veneziani in favore della "experientia", sia pure latamente intesa, perché questo dato ambientale aiuta a comprendere in qual modo potesse coesistere nella Venezia del '400-'500 una pluralità di proposte terapeutiche di varia provenienza, la cui diffusione era certamente propiziata dall'attivo ruolo di mediazione che la città ancora svolgeva fra Oriente e Occidente. Per questa via possono essere arrivate in Europa idee feconde, fra cui forse anche quella della circolazione polmonare del sangue, già intuita dai medici arabi (63).

dove acquistare prinivil medication side
cordarone pillole droga krokodil

acquisto cardizem cd dose

• Corso di Laurea in Dietistica con ASP Palermo;

• Corso di Laurea in Infermieristica con ASP Palermo;

• Corso di Laurea in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche con ISMETT;

• Corso di Laurea in Tecniche di Radiologia Medica con ISMETT;

• Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia ed Odontoiatria e Protesi Dentaria con l’ASP Palermo;

• Corso di Laurea in Tecniche della Riabilitazione Psichiatrica con la Cooperativa sociale Cristo Pantocratore, Palermo;

- I punti 8. - 9. -10. Vengono trattati congiuntamente e approvati all’unanimità.

11. Richieste di patrocinio;

Vengono approvate tutte le richieste di Patrocinio pervenute.

12. Varie ed eventuali.

13. Approvazione Linee guida per “Eu incoming students for traineeship” attività di tirocinio; Approvazione all’unanimità.

Si ringraziano i Rappresentanti delle associazioni Studentesche Aulett@'99 e Vivere Medicina, presenti in Consiglio.

sconto del calan sr