comprare coregasm videos

proventil a basso costo tutto

sconto del coreg cr manufacturer

Prin colaps definim in acest caz lesinul sau lipotimia. Animalul in urma unui accident sau a unei intoxicatii grave isi pierde cunostinta. Respiratia, de regula, este superficiala, cu o frecventa scazuta, pulsul este de asemenea slab. Pulsul la caine se ia cel mai usor la incizura mandibulei sau in capul pieptului. Animalului i se deschide gura, se trage limba afara, daca are tendinta de a o trage pe gat este bine sa o legam cu un tifon si s-o tragem usor in exterior fara a forta. Se uda – mai ales vara – botul animalului cu apa rece, eventual se spala si gura daca exista saliva in exces. Animalul trebuie tinut in decubit lateral sau ventral. Este contraindicat decubitul dorsal, adica pe spate, fiindca animalul se poate ineca cu saliva. Daca ochii sunt intredeschisi se verifica reflexul ocular. In cazul in care colapsul este in urma unui traumatism trebuie mutat cu grija pentru a nu i se forta coloana eventual lezionata. In cazul in care sunt plagi si sangerari usoare se va izola zona cu un bandaj, iar in continuare trebuie sa ajungem urgent la medicul veterinar care va administra adrenalina, digoxin, atropina, miofilin, dexametazon, eventual antihemoragice, reechilibrante hidro-electrolitice, antibiotice.

AVULSIA (IESIREA IN AFARA ORBITEI) A GLOBULUI OCULAR.

Cainii in urma unor traumatisme sau muscaturi pot ajunge cu un glob ocular in afara orbitei. Rasele brahicefalice, in special pechinezii au o predispozitie la aceasta, situatie cauzata de arcada osoasa - care cicumscrie orbita – incompleta. Un simplu traumatism cranian anterior poate produce aceasta. In momentul in care s-a produs avulsia, din cauza ingreunarii circulatiei de intoarcere ochiul se edematiaza, si aparent nu mai incape in orbita. Daca se sta mai mult de 30 minute in aceasta stare, apar leziuni degenerative ireversibile ale retinei, globul ocular, chiar repus in pozitie isi va pierde functionalitatea. In consecita, urgent trebuie incercata reintroducerea globului ocular in orbita. Cu degetul mare (indexul) umezit se apasa constant si nu foarte puternic pe globul ocular presandu-l pentru a reintra in orbita. Daca avem taria sa facem aceasta, dupa cateva zeci de secunde de apasare constanta, perioada in care edemul si in consecinta si diametrul ochiului se reduc, vom avea satisfactia sa simtim cum ochiul reintra relativ brusc in orbita. Dupa aceasta cu un tampon umed pe ochi si incercand continuu sa-i inchidem pleoapele va trebui sa ne grabim la un medic veterinar, care dupa o anamneza si o evaluare a ochiului va decide antibioterapia ulterioara si eventual sutura, pentru o scurta perioada, a pleoapelor (blefarorafia).

INECAREA CU UN OS SAU ALT CORP STRAIN.

In primul rand trebuie facuta diferentierea cu tusea, cainii, atunci cand tusesc sunt foarte convingatori, motiv pentru care multi stapani vin la medic acuzand ca au un os in gat. Un caine cu un corp strain in gat se zbate, tuseste si respira agitat, incearca sa-si introduca laba in gura. Daca nu se intervine de urgenta si daca respectivul corp strain are dimensiuni mari se poate produce asfixia. Aceasta se vede reletiv usor, situatie in care se intervine prin o manopera specifica de introducere a doua degete in gura la cainii de talie medie, un deget la cei mici si trei – patru degete la cei de talie mare si foarte mare. Degetele se introduc rapid si destul de adanc, se inspecteaza rapid zona faringiana, incercandu-se demobilizarea corpului strain respectiv fara a leziona mucoasa. Aceasta manopera nu este periculoasa in sensul muscaturii decat in cazul cainilor foarte agresivi, speriati, precum si in cazul pisicilor. Degetele odata introduse in faringe elimina posibilitatea de a fi muscati. Cainele poate musca mana din fata botului sau introdusa doar in gura acestuia. Chiar daca ati reusit extragerea corpului strain respectiv, trebuie sa ajungeti la medicul veterinar care va inspecta mucoasa orofaringiena si va institui o antibioterapie de protectie 3 – 7 zile.

INGESTIA ACCIDENTALA A UNUI CORP STRAIN.

Este un accident relativ frecvent la cateii tineri din rasele de talie mare si in special brahicefalice (cu botul turtit), rase care au si faringele mai larg. La aceasta varsta si la aceste rase, exista o decalibrare care se mai atenueaza cu cresterea, respectiv ce trece prin faringe nu trece si prin pilor (orificiul de golire a stomacului). Corpul strain respectiv poate fi eliminat prin voma existand doua exceptii si anume una in cazul in care respectivul corp strain este contondent, raneste stomacul, produce durere, spasm si in consecinta imposibilitatea vomei, alta in cazul in care o parte a corpului strain este angajata la iesirea din stomac (de exemplu un cordon sau un ciorap). Ar fi bine sa stim natura corpului strain, sa ne grabim la medicul veterinar care va examina palpatoriu, ecografic si eventual radiologic animalul, va decide daca este necesara fortarea vomei, va indrepta animalul catre chirurgie sau va tine animalul sub supraveghere pana la eliminarea prin scaun a corpului strain respectiv. Corpii metalici, din cauza greutatii specifice mari, sunt greu de vomat din pozitie patrupedala, dar pot fi eliminati prin voma de catre animale usor tranchilizate aflate in decubit lateral pe partea dreapta (xilazina este de recomandat in aceste cazuri fiind un tranchilizant si un vomitiv). Nu fortati d-voastra voma prin administrare de apa cu sare, decat in cazul in care sunteti nevoit de imposibilitatea deplasarii si mai ales indrumat de un specialist.

FRACTURA COLOANEI VERTEBRALE.

Este o situatie extrem de grava, ce apare de regula in accidentele de strada, mai rar in cazurile unor caderi, etc. De regula este afectata coloana lombara si toracala, foarte rar cea cervicala. Principalul simptom este paralizia totala sau doar a trenului posterior. In prima faza apare contractura musculara, ce duce la extensia fortata a membrelor, durere si imposibilitatea miscarii, apoi membrele devin atone si insensibile. In prima faza sensibilitatea este exacerbata datorata compresiunii acute pe maduva spinarii, apoi apar in 2-3 zile leziuni degenerative de regula ireversibile care duc la paralizia propriu-zisa, flasca si nedureroasa. Animalul trebuie pus in decubit lateral, fara a fi prea mult manevrat, trebuie improvizata o targa de care eventual trebuie legat. Daca este cazul e bine sa-l tranchilizam cu diazepam sau cu fenobarbital in doze de 0,5 mg/kg, pentru a suporta mai usor socul post-traumatic si de transport. O doza prea mare de tranchilizant poate produce deprimarea functiei respiratorii, iar tranchilizantele nu pot fi folosite pana nu am exclus riscul unei eventuale hemoragii interne situatie in care mucoasele devin palide iar prezentarea la medicul veterinar devine o urgenta majora.

FRACTURI DESCHISE SI INCHISE ALE MEMBRELOR SI MANDIBULEI.

In urma accidentelor de strada sau a altor lovituri, pot aparea fracturi ale membrelor. Fractura daca nu este deschisa (adica nu apar discontinuitati ale pielii cu penetrarea unor fragmente osoase spre exterior), nu constituie o urgenta. Fracturile deschise sunt urgente relativ, animalul trebuie culcat pe partea opusa fracturii, plaga acoperita cu o panza curata pentru a evita o contaminare suplimentara pe parcursul transportului catre medicul veterinar. Fracturile inchise trebuie si ele vazute de medicul veterinar, pentru a putea stabili natura acestora si modalitatea de remediere. Daca se poate face repunerea fara interventie chirurgicala, exista posibilitatea imobilizarii in gips pentru 3 saptamani. De regula, daca este nevoie de interventie chirurgicala, in cazul fracturilor inchise, aceasta se programeaza la 3 – 5 zile de la data fracturii, asteptandu-se organizarea hematomului. In cazul fracturilor deschise, interventia chirurgicala se face imediat. Fracturile de mandibula apar in special la accidente de strada, iar la pisici in mod particular in cazul caderilor de la inaltime. Animalul cu fractura de mandibula are un facies caracteristic, uneori asimetric, cu ptoza (caderea) mandibulei, imposibilitatea inchiderii gurii sau a masticatiei. In functie de localizare si gravitate, complexitatea interventiei chirurgicale variaza, hranirea pacientului continuind o perioada variabila doar cu lichide, supe pasate, etc.

posso avere aldactone 50 mg
comprare indocin a buon mercato 2018/2019

comprare generico coreg dosage for heart

L' unico software per la preparazione al concorso per Operatori di esercizio (autisti) dell'arst Sardegna, con tutti i quiz ufficiali ad un prezzo simbolico!

Un unico software con tutti i quiz ufficiali delle preselezioni dei concorsi per 1.995 posti al Comune di Roma.

L'unico software con tutti i quiz ufficiali della preselezione: simulazioni d'esame, test personalizzabili in tanti modi, funzioni di stampa per avere i quiz o le simulazioni d'esame su carta o su Word o Open Office.

L' unico software per la tua preparazione al concorso per 10 agenti istruttori del Comune di Gaeta, contenente il 75% dei quiz della banca dati ufficiale, comprensivi delle risposte esatte!

L'unico software di esercitazione con i tutti i 3000 quiz RIPAM del concorso, comprensivi delle relative risposte esatte!

L' unico software per la preparazione al concorso a 9 operatori di vigilanza del comune di San Giorgio a Cremano, con tutti i 5000 quiz ufficiali!

Il software per la tua preparazione al concorso per 30 informatici della III area, fascia F1, con tutti i quiz ufficiali.

Dopo aver effettuato il pagamento, riceverai entro pochi minuti una mail che ti permetterà di scaricare il software. Esame ammissione medicina.

Tutto il materiale presente in questo sito è protetto da diritto d'autore; può essere utilizzato per finalità di studio e di ricerca a uso individuale e non può essere utilizzato per finalità commerciali, per finalità di lucro anche indiretto (per es. non può essere condiviso su piattaforme online a pagamento o comunque su servizi erogati a scopo di lucro o su siti che guadagnano con introiti pubblicitari). È inoltre vietata la condivisione su social media di materiale coperto da diritto d'autore, salvo l'adozione di licenze Creative Commons. Si richiama l'attenzione degli utenti a un uso consapevole e corretto dei materiali resi disponibili dalla comunità universitaria, nel rispetto delle disposizioni del Codice Etico di Ateneo.

CALENDARIO DIDATTICO A.A. 2017/2018 CALENDARIO DIDATTICO 2016/2017.

sconto del innopran xl prescribing information
dove compro il lasix generic

consegna coreg generic picture

• Malattie dell’Apparato Cardiovascolare e ASP Trapani P.O. Sant’Antonio Abate;

• Malattie dell’Apparato Cardiovascolare e la Casa di Cura Villa Maria Eleonora.

• Malattie dell’Apparato Cardiovascolare e la Casa di Cura Noto Pasqualino Palermo.

Malattie dell’Apparato Digerente e ASP n° 2 Caltanissetta, P.O. S. Elia.

• Malattie Infettive e Tropicali e ASP Palermo.

• Malattie Infettive e Tropicali e USMAF-SASN presso Ministero della Sanità.

• Medicina del Lavoro e ASP Palermo.

• Medicina legale e Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e tecnologiche avanzate G.F. Ingrassia (CT)

• Medicina dello Sport e dell'Esercizio fisico e l’ASP di Palermo.

• Neurochirurgia e l’ARNAS Garibaldi di Catania;

• Neurochirurgia e ASP n° 2 Caltanissetta, P.O. S. Elia.

• Neurochirurgia e Azienda Villa Sofia Cervello;

acquisto cardizem generic cartia
sconto del midamor diuretic side

acquisto coreg side effects

Psico Neuro Endocrino Immunologia e Scienza della cura integrata.

Un'opera unica nel panorama italiano e internazionale. In libreria in dicembre 2016. • Per averlo subito, ordinalo in libreria (anche online).

Ne discutono con gli Autori, filosofi, medici e psicologi a Milano, Torino e Perugia. Ingresso gratuito, scarica le locandine.

un volume curato da Massimo Fioranelli per la Springer, che contiene capitoli sulle terapie complementari applicabili alla prevenzione e alla terapia dellle malattie cardiovascolari (fitoterapia, omeopatia, agopuntura, funghi medicinali e altro) e anche due capitoli sulla Pnei, lo stress e le malattie cardiovascolari scritti da Anna Giulia e Francesco Bottaccioli. Percorso studi medicina.

È un corso di studio post-laurea o post-laurea specialistica (o magistrale) a carattere di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente, pensato per studenti ma anche per professionisti che sentano la necessità di riqualificarsi. I Master forniscono conoscenze e abilità di carattere professionale, di livello tecnico-operativo o di livello progettuale.

I Master universitari possono essere di primo o secondo livello. Al Master di primo livello si può accedere se in possesso di almeno una laurea di primo livello; al Master di secondo livello si può accedere esclusivamente se in possesso di una laurea specialistica (o magistrale) oppure di una laurea di “vecchio ordinamento”.

Ogni Master ha durata di almeno 1 anno, con date di inizio e procedure di accesso diversificate. L’ammissione è riservata a un numero ristretto di partecipanti per garantire la guida personale di docenti e tutor. La selezione avviene attraverso colloqui o altre forme di verifica. Tutte le istruzioni circa le modalità di iscrizione sono riportate nei bandi Master, pubblicati progressivamente on line su questo sito a partire da settembre di ogni anno nelle pagine dedicate.

Al termine del corso si consegue un titolo di studio accademico, ovvero il Diploma di Master di primo o secondo livello.

Il percorso.

Per conseguire il titolo lo studente deve acquisire almeno 60 crediti formativi universitari, oltre a quelli acquisiti per la laurea (180) o per la laurea magistrale/specialistica (300). Gli obiettivi e i programmi dei Master sono stabiliti dalla struttura proponente il Master, rappresentata da un dipartimento o da una Facoltà stessa, e inseriti nel relativo Regolamento. I Master possono essere organizzati in collaborazione con enti o istituzioni, pubbliche o private. I corsi si articolano in lezioni in aula, studio individuale, esercitazioni, attività di laboratorio, e si concludono, di norma, con un periodo di tirocinio presso enti o imprese. Possono essere previste verifiche periodiche di accertamento delle competenze che vengono via via acquisite, comunque il corso si conclude con una prova finale. La frequenza è obbligatoria ed è incompatibile con la frequenza di altri corsi di studio di qualsiasi livello (corsi di laurea, laurea specialistica, laurea magistrale, scuole di specializzazione, corsi di dottorato, altri Master).

Dove porta.

I Master servono a sviluppare e ampliare conoscenze precedentemente acquisite e a tradurle in competenze professionali, ma possono anche servire per approfondire e potenziare capacità professionali sviluppate nel corso di esperienze lavorative: vi possono dunque accedere anche coloro che, purché laureati, siano già inseriti in contesti di lavoro. Centro Studi Olistici Brahma Vidya.

VACANZA YOGA IN SARDEGNA AD AGOSTO DUE IMPERDIBILI OCCASIONI PER UNA VACANZA INDIMENTICABILE.

naprosyn a buon mercatox wallet

consegna coreg medication information

comprare generico alphagan eye drops

acquisto coregistics packaging

dove posso comprare etodolac medication 300mg

come acquistare coreg generic problems

consegna aldactone medication for facial hair

prescrizione coreg medication side

Acțiunea produsului asupra paraziților intestinali.

Coada-șoarecelui are proprietati viermefuge, antiiflamatoare, antibacteriale, regleaza digestia si metambolismul.

Cuișoarele- contin o cantitate mare de microelemente care contribuie eficient la distrugerea și elimenarea viermelor din organism. Componentii activi elimina atat larvele cat si oule paraziților, au efect antioxidant, regenerează celulele distruse.

Centrarium erythraea(țintaura, fierea pamintului) – stimuleaza apetitul alimentar, regleaza metabolismul, este un depurativ, curăță organismul, detoxifică sangele. Componetul unic – alcolaidul galegina reduce continutul de glucide din sange.

Complexul de 20 aminoacizi restabilesc organismul slabit de dupa perioada incubarii paraziților in organism, regenerează celulele afectate, normalizează funcționalitatea tractului digestiv.

De ce trebuie de administrar Detox.

In fiecare zi organismul nostru, sistemul imunitar este atacat de diverși viruși, bacterii, paraziți. Deseori rămînem inactivi la luarea măsurilor de prevenire sau tratare din start a bolelor provocate de diversi paraziți, lăsind ca aceste boli sa progreseze, ducand adesea la consecințe grave. Puțini dintre noi cunosc faptul ca paraziții depun zilnic cantitați enorme de ouă care circulă leger prin intregul sistem vascular, atacand fiecare organ inter, deregland buna funcționare a lor si intoxicand sangele.

Farmaceutica contemporană ne permite o gamă vasta de medicamente de proveniența chimică care omoară rapid paraziții din organism, ar fi soluția daca ele nu ar avea si efecte adeverse: prin afectarea sistemului imunitar, disfuncții ale tractului digestiv, ficat, pancreas.

Cu Detox reușim eliminare paraziților intestinali din organism făra a avea efecte adverse, componenții naturiști sunt inofensivi, curațirea organismului se petrece făra careva dereglări, desfuncții ale organelor interne. Se administrează atat ca mod preventiv chît și în scopuri terapeutice.

Focarele de contaminare.

Paraziții intestinali apar atat la copii cat și la maturi, ajung in sistemul digestiv prin diferite căi –inghițire ori inhalare. Sursele fiind neglijarea regulelor sanitare, carne, peste insuficient preparate termice, legume, fructe nespălate, apa contaminată, ori contactul cu animalele.

dove acquistare feldene 20mg injection
online a buon mercato inderal 10mg reviews

comprare coreg cr

La “consapevolezza” che questa malattia esiste e la conoscenza dei meccanismi che la inducono può aiutare il paziente ad affrontare lo stato doloroso e gli eventuali cambiamenti dello stile di vita richiesti Il supporto psicologico è molto importante; può servire a superare la depressione che, molto spesso, subentra nelle fasi più acute e a migliorare i rapporti sociali I familiari o le persone vicine al malato non debbono sottovalutare lo stato di prostrazione sia fisico che psichico del paziente o pensare che coloro che ne soffrono, poiché non è una malattia riscontrabile tramite esami di laboratorio, siano solo degli “ipocondriaci”. La fibromialgia esiste, anche se poco conosciuta; quindi un atteggiamento comprensivo nei loro confronti può essere un’importante forma di aiuto Infine, per i pazienti, documentarsi e partecipare insieme ai propri familiari agli eventi o meglio ancora unirsi per formare un’unica voce affinché anche in Italia la fibromialgia possa essere riconosciuta quale malattia sociale (anche se non si muore né tanto meno si rimane su di una sedia a rotelle) può far sì che quanti ne soffrono ritrovino quella fiducia che si perde nella peregrinazione da uno specialista e da un esame ad un altro.

BIBLIOGRAFIA.

Bennett R. Fibromyalgia: present to future. Curr Pain Headache Rep. 2004;8:379-84 Dan Buskila, Piercarlo Sarzi-Puttini *, Fabiola Atzeni*, Stefano Stisi°, Mario Carrabba* La sindrome fibromialgica: recenti acquisizioni. Department of Internal Medicine, Faculty of Health Sciences, Ben Gurion University of the Negev, Beer Sheva, Israel; *Unità Operativa di Reumatologia, Azienda Ospedaliera Polo Universitario L Sacco, Milano; °UO di Reumatologia, Azienda Ospedaliera G. Rummo, Benevento Gowers WR. A lesson on lumbago: its lessons and analogues. BMJ. 1904; 1:117-21 Wolfe F, Ross K, Anderson J, Russell IJ, Hebert L. The prevalence and characteristics of fibromyalgia in the general population. Arthritis Rheum. 1995; 38:19-28 Wolfe F, Anderson J, Harkness D, et al. A prospective, longitudinal, multicenter study of service utilization and costs in fibromyalgia. J Am Coll Rheumatol. 1997; 40:1560-70 Burckhardt CS, Jones KD, Clark SR. Soft tissue problems associated with rheumatic disease. Lippincotts Prim Care Practice. 1998; 2:20-9 Schneider MJ. Tender points/fibromyalgia vs. trigger points/myofascial pain syndrome: a need for clarity in terminology and differential diagnosis. J Manipulative Physiol Ther. 1995; 18:398-406 Robinson RL, Birnbaum HG, Morley MA, et al. Economic cost and epidemiological characteristics of patients with fibromyalgia claims. J Rheumatol. 2003; 30:1318-25 Wolfe F, Smythe HA, Yunus MB, et al. The American College of Rheumatology 1990 Criteria for the Classification of Fibromyalgia: Report of the Multicenter Criteria Committee. Arthritis Rheum. 1990; 33:160-72 Goldenberg DL. Do infections trigger fibromyalgia? Arthritis Rheum. 1993; 36:1489-92 Hudson JI, Goldenberg DL, Pope HG Jr, Keck PE Jr, Schlesinger L. Comorbidity of fibromyalgia with medical and psychiatric disorders. Am J Med. 1992; 92:363-7 Dinerman H, Goldenberg DL, Felson DT. A prospective evaluation of 118 patients with the fibromyalgia syndrome: prevalence of Raynaud’s phenomenon, sicca symptoms, ANA, low complement, and Ig deposition at the dermal-epidermal junction. J Rheumatol. 1986; 13:368-73 Goldenberg DL. Clinical manifestations and diagnosis of fibromyalgia in adults. In: UpToDate [book on CD-Rom]. Wellesley, Mass: UpToDate; 2003 Middleton GD, McFarlin JE, Lipsky PE. The prevalence and clinical impact of fibromyalgia in systemic lupus erythematosus. Arthritis Rheum. 1994; 37:1181-8 Wolfe F, Cathey MA. Prevalence of primary and secondary fibrositis. J Rheumatol. 1983; 10:965-8 Clark S, Tindall E, Bennett RM. A double-blind crossover trial of prednisone vs. placebo in the treatment of fibrositis. J Rheumatol. 1985; 12:980-3 Goldenberg DL, Simms RW, Geiger A, Komaroff AL. High frequency of fibromyalgia in patients with chronic fatigue seen in a primary care practice. Arthritis Rheum. 1990; 33:381-7 Goulding C, O’Connell P, Murray FE. Prevalence of fibromyalgia, anxiety, and depression in chronic hepatitis C virus infection: relationship to RT-PCR status and mode of acquisition. Eur J Gastroenterol Hepatol. 2001; 13:507-11 Hsu VM, Patella SJ, Sigal, LH. “Chronic Lyme disease” as the incorrect diagnosis in patients with fibromyalgia. Arthritis Rheum. 1993; 35:1493-500 Sergi M, Rizzi M, Braghiroli A, Sarzi-Puttini P, Greco M, Cazzola M, Andreoli A. Periodic breathing during sleep in patients affected by fibromyalgia syndrome. Eur Respir J. 1999; 14:203-8 Sarzi-Puttini P, Cazzola M, Randisi G, Colombo S, Atzeni F, Andreoli A, Sergi M. Sleep alteration in fibromyalgia syndrome. J Functional Syndromes 2001; 2-3; 155-63 Rizzi M, Sarzi-Puttini P, Atzeni F, Capsoni F, Andreoli A, Pecis M, Colombo S, Carrabba M, Sergi M. Cyclic Alternating Pattern: a new marker of sleep alteration in patients with fibromyalgia? J Rheumatol 2004; 31: 6; 1193-9 Benjamin S, Morris S, McBeth J, et al. The association between chronic widespread pain and mental disorder: a population-based study. Arthritis Rheum. 2000; 43:561-7 Goldenberg DL. Fibromyalgia syndrome a decade later: what have we learned? Arch Intern Med. 1999; 159:777-85 Hawley DJ, Wolfe F. Depression is not more common in rheumatoid arthritis: a 10-year longitudinal study of 6,153 patients with rheumatic disease. J Rheumatol. 1993; 20:2025-31 Wells KB, Golding JM, Burman MA. Psychiatric disorder in a sample of the general population with and without chronic medical conditions. Am J Psychiatry. 1988; 145:976-81 Neumann L, Zeldets V, Bolotin A, Buskila D. Outcome of post-traumatic fibromyalgia: a 3-year follow-up of 78 cases of cervical spine injuries. Semin Arthritis Rheum. 2003; 32:320-5 Bartels EM, Danneskiold-Samsoe B. Histological abnormalities in muscle from patients with certain types of fibrositis. Lancet. 1988; 1:755-7 Bengtsson A, Henriksson K, Larsson J. Muscle biopsy in fibromyalgia: light microscopical and histochemical findings. Scand J Rheumatol. 1986; 15:1-6 Larsson SE, Bengtsson A, Bodegard L, Henriksson G, Larsson J. Muscle changes in work-related chronic myalgia. Acta Orthop Scand. 1988; 59:552-6 Sarzi-Puttini P, Atzeni F, Montecucco M, Gazzoni M, Balvi P, Fundarò C, Casale R. Surface EMG discloses central motor failure in patients with fibromyalgia syndrome. Ann Rheum Dis abstract EULAR 2005 Hakkinen A, Hakkinen K, Hannoneb P, Alen M. Force production capacity and acute neuromuscular responses to fatiguing loading in women with fibromyalgia are not different from those of healthy women. J Rheumatol. 2000; 27:1277-82 Crofford LJ, Pillemer SR, Kalogeras KT, et al. Hypothalamic-pituitary-adrenal axis perturbations in patients with fibromyalgia. Arthritis Rheum. 1994; 37:1583-92 McCain GA, Tilbe KS. Diurnal hormone variation in fibromyalgia syndrome: a comparison with rheumatoid arthritis. J Rheumatol Suppl. 1989; 19:154-7 Griep EN, Boersma JW, de Kloet ER. Altered reactivity of the hypothalamicpituitary-adrenal axis in the primary fibromyalgia syndrome. J Rheumatol. 1993; 20:469-74 Weigent DA, Bradley LA, Blalock JE, Alarson GS. Current concepts in the pathophysiology of abnormal pain perception in fibromyalgia. Am J Med Sci. 1998; 315:405-12 Ferraccioli G, Cavalieri G, Salaffi F, et al. Neuroendocrinologic findings in primary fibromyalgia (soft tissue chronic pain syndrome) and in other chronic rheumatic conditions (rheumatoid arthritis, low back pain). J Rheumatol. 1990; 17:869-973 Sachar EJ. Neuroendocrine abnormalities in depressive illness. In: Topics in Psychoendocrinology. New York, NY: Grune & Stratton; 1975. Bennett RM. Adult growth hormone deficiency in patients with fibromyalgia. Curr Rheumatol Rep. 2002; 4:306-12 Dinser R, Halama T, Hoffman A. Stringent endocrinological testing reveals subnormal growth hormone secretion in some patients with fibromyalgia syndrome but rarely severe growth hormone deficiency. J Rheumatol. 2000; 27:2482-8 Wehrenberg WB, Janowski BA, Piering AW, Culler F, Jones KL. Glucocorticoids: potent inhibitors and stimulators of growth hormone secretion. Endocrinology. 1990; 126:3200-3 Bennett RM, Cook DM, Clark SR, Burckhardt CS, Campbell SM. Hypothalamic-pituitary-insulin-like growth factor-I axis dysfunction in patients with fibromyalgia. J Rheumatol. 1997; 24:1384-9 Bennett RM, Clark SR, Campbell SM, Burckhardt CS. Low levels of somatomedin C in patients with the fibromyalgia syndrome: a possible link between sleep and muscle pain. Arthritis Rheum. 1992; 35:1113-6 Bennett RM, Clark SC, Walczyk J. A randomized, double-blind, placebo-controlled study of growth hormone in the treatment of fibromyalgia. Am J Med. 1998; 104:227-31 Gracely RH, Petzke F, Wolf JM, Clauw DJ. Functional magnetic resonance imaging evidence of augmented pain processing in fibromyalgia. Arthritis Rheum. 2002; 46:1333-43 Russell IJ. Cerebrospinal fluid biogenic amine metabolites in fibromyalgia/fibrositis syndrome and rheumatoid arthritis. Arthritis Rheum. 1992; 35:550-6 Slavkin H. Chronic disabling diseases and disorders: the challenges of fibromyalgia. 1997. Available at: http://www.talkaboutsleep.com/sleepdisorders/fibromyalgia_challenges.htm Accessed May 5, 2004 Martinez-Lavin M, Hermosillo AG, Mendoza C, et al. Orthostatic sympathetic derangement in subjects with fibromyalgia. J Rheumatol. 1997; 24:714-8 Sarzi-Puttini P, Furlan R, Colombo S, Atzeni F, Diana A. Abnormalities of cardiovascular neural control and reduced orthostatic tolerance in primary fibromyalgia. Arthritis Rheum 2004: 50, abs 64 Arnold LM, Hudson JI, Hess EV, Ware AE, Fritz DA, Auchenbach MB, Starck LO, Keck PE Jr. Family study of fibromyalgia. Arthritis Rheum. 2004; 50:944-52 Buskila D, Neumann L, Hazanov I, Carmi R. Familial aggregation in the fibromyalgia syndrome. Semin Arthritis Rheum. 1996; 26:605-11. Buskila D, Neumann L, Press J. Genetic factors in neuromuscular pain. CNS Spectr. 2005; 10:281-4 Offenbaecher M, Bondy B, de Jonge S, Glatzeder K, Kruger M, Schoeps P, et al. Possible association of fibromyalgia with a polymorphism in the serotonin transporter gene regulatory region. Arthritis Rheum 1999; 42: 2482-8 Lesch KP, Bengel D, Heils A, Sabol SZ, Greenberg BD, Petri S, et al. Association of anxiety-related traits with a polymorphism in the serotonin transporter gene regulatory region. Science 1996; 274: 1527-31 Frank B, Niesler B, Bondy B, Spath M, Pongratz DE, Ackenheil M, Fischer C, Rappold G. Mutational analysis of serotonin receptor genes: HTR3A and HTR3B in fibromyalgia patients. Clin Rheumatol. 2004; 23:338-44 Gursoy S, Erdal E, Herken H, Madenci E, Alasehirli B, Erdal N. Significance of catechol-O-methyltransferase gene polymorphism in fibromyalgia syndrome. Rheumatol Int. 2003; 23:104-7 Worrel LM, Krahn LE, Sletten CD, et al. Treating fibromyalgia with a brief interdisciplinary program: initial outcomes and predictors of response. Mayo Clin Proc. 2001; 76:384-90 Burckhardt CS. Non-pharmacologic management strategies in fibromyalgia. Rheum Dis Clin North Am. 2002; 28:291-304 Bennett RM. Multidisciplinary group programs to treat fibromyalgia patients. Rheum Dis Clin North Am. 1996; 22:351-67 Klug GA. Factors influencing the development and maintenance of aerobic fitness: lessons applicable to the fibrositis syndrome. J Rheumatol Suppl. 1989; 19:30-9 Busch A, Schachter CL, Peloso PM, Bombardier C. Exercise for treating fibromyalgia syndrome. Cochrane Database Syst Rev. 2002; 3:CD003786 Mannerkorpi K. Exercise in fibromyalgia. Curr Opin Rheumatol. 2005; 17:190-4 Rooks DS, Silverman CB, Kantrowitz FG. The effects of progressive strength training and aerobic exercise on muscle strength and cardiovascular fitness in women with fibromyalgia: a pilot study. Arthritis Rheum. 2002; 47:22-8 Sprott H. What can rehabilitation interventions achieve in patients with primary fibromyalgia? Curr Opin Rheumatol. 2003; 15:145-50 Lemstra M, Olszynski WP. The effectiveness of multidisciplinary rehabilitation in the treatment of fibromyalgia: a randomized controlled trial. Clin J Pain. 2005; 21:166-74 Gowans SE. Effect of a randomized, controlled trial of exercise on mood and physical function in individuals with fibromyalgia. Arthritis Rheum. 2001; 45:519-29 Moldofsky H. Sleep, neuroimmune, and neuroendocrine functions in fibromyalgia and chronic fatigue syndrome. Adv Neuroimmunol. 1995; 5:39-56 Russell IJ. Treatment of primary fibrositis/fibromyalgia syndrome with ibuprofen and alprazolam: a double-blind placebo-controlled study. Arthritis Rheum. 1991; 34:552-60 Carrette J, Bell MJ, Reynolds WJ, et al. Comparison of amitriptyline, cyclobenzaprine, and placebo in the treatment of fibromyalgia: a randomized, placebo-controlled, double-blind, clinical trial. Arthritis Rheum. 1994; 37:32-40 Sarzi-Puttini P, Cazzola M, Pettirossi R, Atzeni F, Randisi G, Marrazza MG. Comparative efficacy and tolerability of sertraline vs amitriptyline in patients with fibromyalgia syndrome. J Functional Syndromes 2001; 2-3; 164-77 Arnold LM, Hess EV, Hudson JI, Welge JA, Berno SE, Keck PE Jr. A randomized, placebo-controlled, double-blind, flexible-dose study of fluoxetine in the treatment of women with fibromyalgia. Am J Med. 2002; 112:191-7 Goldenberg D, Mayskiy M, Mossey C, Ruthazer R, Schmid C. A randomized, double-blind crossover trial of fluoxetine and amitriptyline in the treatment of fibromyalgia. Arthritis Rheum. 1996; 39:1852-9 Sarzi-Puttini P, Cazzola M. La sindrome fibromialgica. Edi Ermes 2001 Samborski W, Lezanska-Szpera M, Rybakowski JK. Effects of antidepressant mirtazapine on fibromyalgia symptoms. Rocz Akad Med Bialymst. 2004; 49:265-9 Spath M, Stratz T, Farber L, Haus U, Pongratz D. Treatment of fibromyalgia with tropisetron – dose and efficacy correlations. Scand J Rheumatol Suppl. 2004; 63-6 Arnold LM, Lu Y, Crofford LJ, Wohlreich M, Detke MJ, Iyengar S, Goldstein DJ. A double-blind, multicenter trial comparing duloxetine with placebo in the treatment of fibromyalgia patients with or without major depressive disorder. Arthritis Rheum. 2004; 50:2974-84 Vitton O, Gendreau M, Gendreau J, Kranzler J, Rao SG. A double-blind placebo-controlled trial of milnacipran in the treatment of fibromyalgia. Hum Psychopharmacol. 2004; 19 Suppl 1:S27-35 Crofford LJ, Rowbotham MC, Mease PJ, Russell IJ, Dworkin RH, Corbin AE, Young JP Jr, Lamoreaux LK, Martin SA, Sharma U Pregabalin for the treatment of fibromyalgia syndrome: Results of a randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Arthritis Rheum. 2005; 52:1264-73 White KP, Harth M. Classification, epidemiology, and natural history of fibromyalgia. Curr Pain Headache Rep. 2001; 5:320-9 Sarzi-Puttini P, Atzeni F, Capsoni F, Cazzola M, Vulpio L, Boccassini L, Santalena G, Carrabba M. The diagnosis of fibromyalgia: Analysis of new referrals in an Italian Rheumatology Unit. Arthritis Rheum. 2003: 48, S88 Baffigi A, Granata A, Sarzi-Puttini P, Pettorossi R, Atzeni F, et al. Quality of life and mood disturbances in fibromyalgia and irritable bowel syndrome. Ann Rheum Dis Eular 2002, 61 (suppl 1), 151 Stisi S, Sarzi-Puttini P, Leardini G, Salaffi F, Cazzola M, Biasi M, Atzeni F, Fedrighi S, De Portu S, Mantovani LG. Drug utilization and cost in patients with fibromyalgia: results of a multicenter Italian study. J Musculoske Pain 2004; 12 (suppl 9), 69 Waylonis GW, Ronan PG, Gordon C. A profile of fibromyalgia in occupational environments. Am J Phys Med Rehabil. 1994; 73:112-5 Cathey MA, Wolfe F, Kleinheksel SM, et al. Functional ability and work status in patients with fibromyalgia. Arthritis Care Res. 1988; 1:85-98 Tait RC, Margolis RB, Krause SJ, Liebowitz E. Compensation status and symptoms reported by patients with chronic pain. Arch Phys Med Rehabil. 1988; 69:1027-9 White KP, Speechley M, Harth M, Ostbye T. Comparing self-reported function and work disability in 100 community cases of fibromyalgia syndrome versus controls in London, Ontario: the London Fibromyalgia Epidemiology Study. Arthritis Rheum. 1999;42: 76-83.

Testo e immagini sono stati tratti da: L’APPROCCIO TERAPEUTICO E RIABILITATIVO.

a cura di Stefano Respizzi *, Maria Cristina D’Agostino *, Lucio Genesio *, Pietro Romeo *, Valerio Sansone ** * Dipartimento di Riabilitazione e Rieducazione Funzionale IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) ** Clinica Ortopedica, Università degli Studi di Milano.

Per gentile concessione degli autori e della Rivista il medico SPORTIVO (Articolo pubblicato nel Numero 3 – Anno 10 – 2010)

TRATTAMENTO E RIABILITAZIONE DELLE TENDINOPATIE.

I tendini sono una struttura di connessione tra i muscoli (il motore) e l’impalcatura di sostegno (le ossa), durante il gesto motorio, e allo stesso tempo costituiscono uno snodo di trasmissione delle forze e degli attriti che le attività muscolari esercitano sull’apparato scheletrico. Si configurano quindi come un tessuto fibroso robusto, costituito da un tessuto connettivo estremamente resistente, fatto principalmente di collagene e da una sostanza più elastica, l’elastina, che consente di assorbire, trasmettere e graduare le sollecitazioni che su di esso vengono ad agire durante il movimento. La guaina sinoviale che riveste i tendini ha il compito di ridurre gli attriti.

CLASSIFICAZIONE DELLE TENDINOPATIE.

La conoscenza del comportamento meccanico dei tendini è l’elemento essenziale per capirne il meccanismo alla base della patologia. Da un punto di vista delle modalità con cui si possono presentare, le lesioni tendinee possono essere classificate in:

dirette, in cui il tendine è sottoposto in maniera acuta e diretta a un trauma esterno indirette, cioè dovute a un sovraccarico funzionale (per l’eccessivo utilizzo)

Le lesioni indirette possono a loro volte essere distinte in:

acute: prodotte dallo stiramento eccessivo durante la contrazione muscolare o in risposta a sollecitazioni intense e improvvise (una brusca rottura di alcune fibre o di tutto il tendine, come può avvenire ad esempio in una partenza dei 100 metri) croniche (per un sovraccarico ripetuto nel tempo) fino all’incapacità del tessuto di sopportare ulteriori tensioni e con la produzione di microlesioni acute su pre-esistenti lesioni croniche (come nel caso di una rottura in un tendine degenerato).

L’evenienza più tipica è quella legata all’uso eccessivo (lesioni indirette croniche).I tendini sono, infatti, particolarmente soggetti a usura, indebolimento, insufficienza funzionale e rottura (o lacerazione) per via delle importanti energie e dei carichi che devono sopportare sia nella vita di tutti i giorni, sia durante la pratica sportiva, soprattutto in chi svolge attività motorie ripetitive (Fig. 1). In tale situazione il tendine è sottoposto a costanti e considerevoli “stress” (ad esempio il tendine che sfrega ripetutamente contro una prominenza ossea), che può innescare un processo infiammatorio reattivo. Tuttavia l’eziopatogenesi delle tendinopatie rimane ancora incerta e non è possibile stabilire una relazione tra il tipo e l’intensità del sovraccarico funzionale e l’insorgenza della patologia. Quello che sappiamo è che la struttura tendinea sottoposta al lavoro muscolare va incontro a un continuo rimodellamento, sia a livello cellulare sia a livello della matrice extracellulare. Attraverso questo progressivo rimodellamento, il tessuto si adatta alle tensioni cui è sottoposto: se tale adattamento si realizza adeguatamente e velocemente, il tendine è pronto a ricevere quel carico e non subisce danni a livello della propria struttura. Viceversa se il tempo di recupero e di adattamento sono insufficienti, il tendine si espone ad una situazione di temporanea debolezza: in caso di improvvise sollecitazioni può andare incontro a una lesione. Per quanto riguarda i diversi fattori e le cause che concorrono all’insorgenza di una tendinopatia, distinguiamo:

fattori legati a caratteristiche fisiche individuali quali l’età (i maschi sono più colpiti), i difetti posturali o di malallineamento dell’arto inferiore (ginocchio valgo-varo, tibia vara, rotula alta-bassa, …), difetti dell’appoggio plantare (piede piatto o cavo, …), differente lunghezza degli arti inferiori, deficit del tono mu­scolare, ridotta flessibilità, eccessiva lassità articolare, sovrappeso corporeo, malattie internistiche predisponenti (ad esempio reumatiche o metaboliche) fattori esterni e non dipendenti dalle caratteristiche del soggetto, quali un carico eccessivo sull’organismo per sport o lavoro (in base al tipo di movimento, di velocità, al numero delle ripetizioni di un esercizio o di un gesto motorio), all’uso di particolari calzature o equipaggiamenti, al tipo di superficie di appoggio, per errori di allenamento, infine per condizioni ambientali svantaggiose (caldo-freddo, elevata umidità).

comprare generico aceonedent
posso avere voltaren dosage card

dove posso comprare coreg generic medication

Studio Sperimentale su Filler a base di …

Studio sperimentale sulla percentuale di degradazione dei filler a base di Acido Ialuronico in assoc.

Il consumo quotidiano di frutta fresca r…

Consumo di frutta fresca e principali malattie cardiovascolari in Cina Du H, Li L, Bennett D, et al.

Cheratosi palmo-plantare: quando un ines…

Cheratosi palmo-plantare: quando un inestetismo può essere spia di una potenziale morte improvvisa g.

Rapporto tra la Medicina Estetica e la F…

"Te lo si legge in faccia" è la classica affermazione per dire: l'espressione del tuo viso denota le.

Ruolo della Perossidazione Lipidica nel …

I radicali liberi, composti chimici molto instabili e fortemente reattivi, pur se indispensabili nel.

altace 2.5 mg capsules
dose hyzaar drugs

consegna coregasm for women

Le operazioni di voto si svolgeranno in modalità telematica in prima tornata nel giorno 16/04/2018, ed in seconda tornata, nel caso di mancato raggiungimento del.

LA FACOLTA'

La Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università è la sede della formazione in campo biomedico e sanitario. Essa è attiva nel contesto della formazione, integrando con questa la ricerca scientifica e l'assistenza sanitaria. La Facoltà di Medicina e Chirurgia offre differenti servizi didattici tra cui i corsi di Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia, Medicina e Chirurgia in lingua inglese, Odontoiatria e Protesi Dentaria e Farmacia (in collaborazione con la Facoltà di Scienze MM.FF.NN. ), i Corsi di Laurea Triennale delle Professioni Sanitarie, Scienze Motorie, Lauree Specialistiche e Magistrali, le Scuole di Specializzazione, i Master di primo e secondo livello, i Corsi di Perfezionamento, i Dottorati di Ricerca e la Medical Summer School.

L'offerta formativa della Facoltà è stata negli ultimi anni implementata dall'attivazione di Master di primo e secondo livello che contribuiscono alla formazione post-laurea di profili professionali di elevata competenza.

I corsi di formazione attivi presso la Facoltà rivestono notevole importanza per lo sviluppo della ricerca, sperimentale e clinica, come è dimostrato dalla intensa produzione scientifica specialmente rappresentata dal numero e dalla originalità di lavori pubblicati annualmente su riviste internazionali di alta qualificazione.

I risultati della ricerca svolta all'interno dei Dipartimenti afferenti alla Facoltà consentono significative integrazioni applicative con Enti di ricerca nazionali ed internazionali e con aree industriali finalizzate al continuo sviluppo delle biotecnologie, della strumentazione diagnostica-terapeutica e della sperimentazione clinica.

Gli studenti, specializzandi e i dottorandi si avvalgono per la loro formazione del supporto di un efficiente Policlinico, di strutture, laboratori e strumentazione all'avanguardia. Facoltà medicina e chirurgia.

Benvenuto sul nuovo portale della Scuola di Medicina.

Prof. Petrini Mario.

Prof. Taddei Stefano.

Organo di coordinamento dei tutor:

Prof. Ruffoli Riccardo (presidente)

Prof.ssa Salvetti Alessandra.

Prof. Spinelli Claudio.

Sig. Manca Davide (rappresentante degli studenti)

Dott. Martinelli Fabiano (responsabile di unità didattica nella Direzione Area di Medicina)

sconto del singulair medication