diclofenac gel a basso costo tutto fresco

consegna colchicine coupon

diclofenac gel spedizione tnt sports

CSF - (dall’inglese) Cerebro Spinal Fluid (liquido cerebro spinale)

CSL - Canale Semicircolare Laterale - E' uno dei tre canali semicircolari del labirinto.

CSP - Canale Semicircolare Posteriore - E' uno dei tre canali semicircolari del labirinto.

CSS - Canale Semicircolare Superiore - E' uno dei tre canali semicircolari del labirinto, è anche chiamato Canale Semicircolare Anteriore (CSA).

CST - Connected Speech Test.

CT - calcitonina.

cts - cachet.

CTU - (nel linguaggio giuridico) Consulente Tecnico d'Ufficio.

cucch. = cucch.ni – cucchiaio, cucchiaino.

CUE - Condotto Uditivo Esterno.

dosaggio zestril lisinopril dose
posso avere colchicine tablets

posso comprare diclofenac sod ec

Attivo l’ambulatorio per animali esotici/non convenzionali: Da Gennaio 2018 è attivo presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali. Cookie nel sito web Simeu.

Simeu utilizza i cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Per maggiori informazioni sui cookie, consulta la nostra informativa sui cookie. Chiudendo questa notifica o interagendo con questo sito acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Ad ogni modo, puoi modificare le impostazioni del browser in qualunque momento per disabilitarne l'uso.

SIMEU.

Il Teatro della Medicina di emergenza-urgenza: è questo il titolo dell’XI Congresso nazionale Simeu, che si terrà a Roma dal 24 al 26 maggio 2018. Chi sono gli attori sul palcoscenico quotidiano dell’emergenza, medici e infermieri; qual è la scena su cui si muovono, dall'emergenza territoriale al pronto soccorso, all’Osservazione breve intensiva alla Terapia semintensiva. Tre le lenti attraverso cui si inquadrerà la disciplina: la formazione, a partire dai corsi precongressuali, le competenze dei professionisti e l’organizzazione del sistema. Per fare il punto sugli sviluppi della medicina di emergenza-urgenza con l’obiettivo di garantire la sicurezza e la qualità del servizio sanitario pubblico.

Elezioni Regionali VOTA ORA.

Il trattamento del dolore acuto dei pazienti dell'emergenza deve diventare sempre più tempestivo ed efficace, per garantire un migliore esito delle cure e una risposta adeguata alle necessità del paziente. A questo tema SIMEU dedica ricerca, workshop dedicati in occasione di convegni scientifici e interi cicli dei suoi corsi di formazione.

ELEZIONI NAZIONALI SIMEU 2017.

Torna il congresso nazionale della Società italiana della medicina di emergenza-urgenza, che ogni due anni fotografa la situazione dell’emergenza sanitaria nazionale e traccia le linee di sviluppo prossime in una situazione di profonda e veloce trasformazione della sanità pubblica. Un palcoscenico, quello dell’emergenza sanitaria, su cui quotidianamente vanno in scena il dolore e le ansie dei pazienti e dei loro familiari, la fatica e l’apprensione di medici e infermieri, tutti tesi insieme a un unico obiettivo: ottenere le cure migliori possibili, il più velocemente possibile, attraverso gli strumenti della formazione, competenza e organizzazione.

Il Congresso entra subito nel vivo Giovedì 24 maggio alle ore 15 al Teatro Sistina di Roma, dove si tiene la sessione scientifica di apertura: una serie di interventi magistrali a cura di professionisti ed esperti, di fama nazionale e internazionale, sui temi cardine della disciplina, dai percorsi di cura del “nuovo” paziente anziano, sempre più anziano e più complesso dal punto di vista clinico, all’approccio al dolore in emergenza in Italia. Ospite d’eccezione, Alexandra Asrow, medico d’emergenza dell’Università dell’Illinois di Chicago, ambasciatrice internazionale di Acep, American College of Emergency Physician, l’organizzazione di riferimento per la medicina dell’emergenza statunitense.

Alle ore 18 tavola rotonda sulla situazione della medicina di emergenza in Italia in confronto con il resto d’Europa e con gli Stati Uniti. Modera Sigfrido Ranucci, giornalista Rai conduttore della trasmissione Report.

cardizem genericon rpi
voltaren pillole drogasil

diclofenac pillole

i laureati fisioterapisti sono operatori sanitari cui competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della Sanità 14 settembre 1994, n. 741 e successive modificazioni ed integrazioni praticano e svolgono attività di studio, didattica e consulenza professionale, nei servizi sanitari ed in quelli dove si richiedono le loro competenze professionali svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale.

Grazie alla Laurea in Fisioterapia potrai lavorare regolarmente sia in Italia che in Spagna.

Inoltre se sei già laureato in Scienze Motorie potrai partire già dal 2° anno di Fisioterapia!

i corsi di laurea in fisioterapia sono disponibili in tutta Italia!

Laurea in Fisioterapia a numero chiuso (in Italia) e a numero aperto (Estero)

NB: www.docetonline.com non è affiliato e non è in collaborazione con le Scuole elencate in questo articolo. Per cui per le vostre richieste di informazioni contattate direttamente le Università qui elencate utilizzando il loro sito internet.

Laurea in Fisioterapia.

Obiettivi formativi del Corso di Laurea in Fisioterapia:

il laureato in Fisioterapia dovrà esser in grado di: – comprendere ed applicare la codificazione dello stato di salute secondo l’ International Code of Function; – elaborare, anche in équipe multidisciplinare, la definizione del programma terapeutico di riabilitazione volto all’individuazione ed al superamento del bisogno di salute del disabile integrando le conoscenze teoriche con quelle pratiche; – praticare autonomamente attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche e occupazionali pianificando i tempi di applicazione delle differenti tecniche considerando indicazioni e controindicazioni; – scegliere ed utilizzare la metodologia riabilitativa che, sulla base delle evidenze scientifiche, sia più appropriata alla situazione e verificarne le rispondenze agli obiettivi di recupero funzionale; – contribuire all’organizzazione delle attività riabilitative attraverso la definizione delle priorità, l’appropriato utilizzo delle risorse a disposizione, assicurando continuità assistenziale ed utilizzando strumenti per il controllo della qualità.

Gli studenti acquisiranno le competenze di lingua Inglese adeguate per la comunicazione e competenze informatiche pari a quelle necessarie per la certificazione ECDL start. Medicina e chirurgia a numero aperto.

come acquistare innopran xl generic zyrtec
probalan genericode key

consegna diclofenac gel 3% coupon

4° Edizione Data 8-9-10 Maggio 2018 Orario 8:30 -16:30.

5° e 6° Edizione Data 4-5-6 Giugno 2018 e 11-12-13 Giugno 2018 Orario 8:30 -16:30.

Si ricorda agli studenti che l'iscrizione ad una attività elettiva e la non partecipazione senza darne tempestiva comunicazione al responsabile della stessa, comporta la sospensione da tutte le attività elettive per un semestre come previsto dall'art.6 del Regolamento delle attività formative a scelta dello studente.

Si informa che mercoledì 2 maggio u.s. è stato pubblicato sul Portale di Ateneo il bando relativo al progetto "Tutorato matricole" a.a. 2018/19. Il bando, che si allega al presente avviso, è altresì consultabile al seguente link https://www.unito.it/universita-e-lavoro/opportunita-ed-esperienze-di-lavoro/chi-studia/collaborazioni-tempo-parziale.

Si ricorda che si tratta di un concorso riservato agli studenti regolarmente iscritti all'Università degli Studi di Torino finalizzato all'assegnazione, nel corso dell'anno accademico 2018/2019, di collaborazioni a tempo parziale della durata di 100 o 200 ore (come indicato nella Tabella n. 1 del bando in allegato) per collaborare con i docenti nello svolgimento di attività di tutorato rivolte alle matricole.

Si riepiloga di seguito il calendario delle tempistiche relative alle fasi di candidatura, selezione e inizio delle attività di tutorato previste:

- candidature: gli studenti interessati dovranno inoltrare la propria domanda di candidatura in forma telematica dalla propria MyUniTo entro il 28 maggio 2018 ore 12.00; Immatricolarsi e iscriversi.

1. Quando posso immatricolarmi?

CORSI AD ACCESSO LIBERO: le immatricolazioni on line aprono il 17 luglio a partire dalle ore 15. Per le scadenze consultare l'offerta formativa.

Successivamente alla scadenza è consentita l’immatricolazione salvo il pagamento di una mora e in via del tutto eccezionale, previa motivata richiesta al Magnifico Rettore e compatibilmente con le esigenze didattiche dei corsi.

CORSI AD ACCESSO CRONOLOGICO DI ISCRIZIONE: La procedura di prenotazione del posto è esclusivamente online e si effettua dall’home page del sito web dell’Università www.unipr.it alla voce “Iscrizioni On line” a partire dal 17 luglio 2017. I corsi ad accesso programmato in ordine cronologico sono suddivisi in fasce orarie di prenotazione il cui dettaglio è consultabile nel Manifesto degli Studi.

CORSI AD ACCESSO PROGRAMMATO NAZIONALE:

cozaar genericon 2018

sconto del diclofenac pot 50mg

ordine coreg dosage for high blood

posso comprare diclofenac sod ec

atacand tablet dose 16 mg apoquel

posso avere diclofenac gel generic viagra

Ringraziamento all’Opera Pia Asilo Savoia.

Ringraziamento alla Tavola Valdese.

Ringraziamento al Banco Farmaceutico.

Ringraziamento al Banco Alimentare.

Ringraziamento alla Fondazione Migrantes.

Ringraziamento alla Gilead Italia.

Un po’ di numeri.

Anni di attività.

Tonnellate/anno di alimenti distribuiti.

Protocollo d’intesa col PTV.

PROTOCOLLO D’INTESA TRA L’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI ROMA “TOR VERGATA” E L’ISTITUTO DI MEDICINA SOLIDALE ONLUS …

Nuovo ambulatorio solidale.

ordine arjuna herb information
max dose motrin children

prezzo di diclofenac gel 3% generic

• Medicina dello Sport e dell'Esercizio fisico e l’ASP di Palermo.

• Neurochirurgia e l’ARNAS Garibaldi di Catania;

• Neurochirurgia e ASP n° 2 Caltanissetta, P.O. S. Elia.

• Neurochirurgia e Azienda Villa Sofia Cervello;

• Neurologia e ASP Palermo.

• Oftalmologia e ASP Caltanissetta Presidio S. Elia.

• Oftalmologia e Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II - ASP di Agrigento.

• Ortopedia e Traumatologia e l’Ospedale S. Giovanni Di Dio Agrigento.

• Pediatria: e ASP Palermo.

• Psichiatria e ASP Palermo.

• Reumatologia e l’ARNAS Civico di Palermo;

posso avere clonidine classification massachusetts
isoptin in vendita motocross tracks

dove acquistare diclofenac gel generic cymbalta

CORTE DI APPELLO DI CAGLIARI.

CIRCONDARIO DI CAGLIARI.

GIUDICE DI PACE DI CAGLIARI.

Arbus; Armungia; Assemini; Ballao; Barrali; Barumini; Buggerru; Burcei; Cagliari; Calasetta; Capoterra; Carbonia; Carloforte; Castiadas; Collinas; Decimomannu; Decimoputzu; Dolianova; Domus de Maria; Domusnovas; Donori; Elmas; Escalaplano; Escolca; Fluminimaggiore; Furtei; Genoni; Genuri; Gergei; Gesico; Gesturi; Giba; Goni; Gonnesa; Gonnosfanadiga; Guamaggiore; Guasila; Guspini; Iglesias; Isili; Laconi; Las Plassas; Lunamatrona; Mandas; Maracalagonis; Masainas; Monastir; Monserrato; Muravera; Musei; Narcao; Nuragus; Nurallao; Nuraminis; Nurri; Nuxis; Orroli; Ortacesus; Pabillonis; Pauli Arbarei; Perdaxius; Pimentel; Piscinas; Portoscuso; Pula; Quartu Sant'Elena; Quartucciu; Samassi; Samatzai; San Basilio; San Gavino Monreale; San Giovanni Suergiu; San Nicolò Gerrei; San Sperate; San Vito; Sanluri; Santadi; Sant'Andrea Frius; Sant'Anna Arresi; Sant'Antioco; Sardara; Sarroch; Segariu; Selargius; Selegas; Senorbì; Serdiana; Serramanna; Serrenti; Serri; Sestu; Settimo San Pietro; Setzu; Siddi; Siliqua; Silius; Sinnai; Siurgus Donigala; Soleminis; Suelli; Teulada; Tratalias; Tuili; Turri; Ussana; Ussaramanna; Uta; Vallermosa; Villa San Pietro; Villacidro; Villamar; Villamassargia; Villanova Tulo; Villanovaforru; Villanovafranca; Villaperuccio; Villaputzu; Villasalto; Villasimius; Villasor; Villaspeciosa;

CIRCONDARIO DI LANUSEI.

GIUDICE DI PACE DI LANUSEI.

Arzana; Bari Sardo; Baunei; Cardedu; Elini; Esterzili; Gairo; Girasole; Ilbono; Jerzu; Lanusei; Loceri;Lotzorai; Osini; Perdasdefogu; Sadali; Seui; Seulo; Talana; Tertenia; Tortolì; Triei; Ulassai; Urzulei; Ussassai; Villagrande Strisaili;

CIRCONDARIO DI ORISTANO.

GIUDICE DI PACE DI ORISTANO.

Abbasanta; Aidomaggiore; Albagiara; Ales; Allai; Arborea; Ardauli; Aritzo; Assolo; Asuni; Atzara;Austis; Baradili; Baratili San Pietro; Baressa; Bauladu; Belvì; Bidonì; Birori; Bolotana; Bonarcado; Boroneddu; Borore; Bortigali; Bosa; Busachi; Cabras; Cuglieri; Curcuris; Desulo; Dualchi; Flussio; Fordongianus; Gadoni; Ghilarza; Gonnoscodina; Gonnosnò; Gonnostramatza; Lei; Macomer; Magomadas; Marrubiu; Masullas; Meana Sardo; Milis; Modolo; Mogorella; Mogoro; Montresta; Morgongiori; Narbolia; Neoneli; Noragugume; Norbello; Nugh edu Santa Vittoria; Nurachi; Nureci; Ollastra; Oristano; Ortueri; Palmas Arborea; Pau; Paulilatino; Pompu; Riola Sardo; Ruinas; Sagama; Samugheo; San Nicolò d'Arcidano; San Vero Milis; Santa Giusta; Santu Lussurgiu; Scano di Montiferro; Sedilo; Seneghe; Senis; Sennariolo; Siamaggiore; Siamanna; Siapiccia; Silanus; Simala; Simaxis; Sindia; Sini; Siris; Soddì; Solarussa; Sorgono; Sorradile; Suni; Tadasuni; Terralba; Teti; Tiana; Tinnura; Tonara; Tramatza; Tresnuraghes; Ulà Tirso; Uras; Usellus; Villa Sant'Antonio; Villa Verde; Villanova Truschedu; Villaurbana; Zeddiani; Zerfaliu;

CORTE DI APPELLO DI CAGLIARI SEZIONE DISTACCATA DI SASSARI.

GIUDICE DI PACE DI NUORO.

Anela; Benetutti; Bitti; Bono; Bottidda; Budoni; Bultei; Burgos; Dorgali; Esporlatu; Fonni; Galtellì; Gavoi; Illorai; Irgoli; Loculi; Lodè; Lodine; Lula; Mamoiada; Nule; Nuoro; Oliena; Ollolai; Olzai; Onanì; Onifai; Oniferi; Orani; Orgosolo; Orosei; Orotelli; Orune; Osidda; Ottana; Ovodda; Posada; San Teodoro; Sarule; Siniscola; Torpè;

CIRCONDARIO DI SASSARI.

GIUDICE DI PACE DI SASSARI.

Alà dei Sardi; Alghero; Ardara; Banari; Bessude; Bonnanaro; Bonorva; Borutta; Buddusò; Bulzi; Cargeghe; Castelsardo; Cheremule; Chiaramonti; Codrongianos; Cossoine; Florinas; Giave; Ittireddu; Ittiri; Laerru; Mara; Martis; Monteleone Rocca Doria; Mores; Muros; Nughedu San Nicolò; Nulvi; Olmedo; Oschiri; Osilo; Ossi; Ozieri; Padria; Padru; Pattada; Ploaghe; Porto Torres; Pozzomaggiore; Putifigari; Romana; Santa Maria Coghinas; Sassari; Sedini; Semestene; Sennori; Siligo; Sorso; Stintino; Tergu; Thiesi; Tissi; Torralba; Tula; Uri; Usini; Valledoria; Villanova Monteleone;

CIRCONDARIO DI TEMPIO PAUSANIA.

GIUDICE DI PACE DI LA MADDALENA.

toprol xl senza prescrizione pagamento contributi
comprare vasotec 10mg

diclofenac gel ordina online timer for kids

Salvatore Di Matteo nasce a Napoli il 18 aprile del ‘74. Discendente di una storica famiglia di pizzaioli inizia a muovere i primi passi nel mondo della pizza fin dai primi anni di età. Si può quasi dire che fosse nato con “le mani nella farina” perché mamma Giuseppina, per aiutare il marito, aveva lavorato in pizzeria fino a poche ore prima che Salvatore venisse al mondo. L’amore verso questo antico mestiere è assoluto, all'eta' di 13 anni papà Nicola comincia a trasmettere a Salvatore le fondamenta della professione, ma, come è giusto che sia, anche il figlio del titolare deve affrontare la sua buona dose di gavetta! Comincia come garzone per poi ottenere mansioni sempre più adatte alla sua innata propensione verso questo mestiere sostenuto dall’amato zio Gennaro che immancabilmente faceva notare a suo fratello Nicola quanto suo figlio fosse predisposto per quell’attività. Salvatore rimane in pizzeria fino all'eta' di 18 anni e, quasi come fosse un presagio, una serie di eventi fecero realizzare al giovane pizzaiolo che avrebbe dovuto prendere una strada differente da quella che aveva intrapreso fino ad allora. Nonostante le basi per costruire un futuro da pizzaiolo c’erano tutte, un piccolo dettaglio in quel periodo giocava a suo sfavore, l’età. Inizia così per Salvatore un percorso lavorativo differente che nell’arco degli anni lo porta a crescere e maturare, caratteristiche indispensabili per poter affrontare il duro impegno di portare avanti le tradizioni di famiglia. E’ all’incirca il 2009 quando papà Nicola dichiara a Salvatore che è finalmente giunto il momento in cui lui avrebbe potuto prendere il suo posto in pizzeria dove si rendeva ormai necessaria una figura giovane con molta voglia di fare e di mettersi in gioco. Comincia così l’avventura dell’ultimo discendente dei Di Matteo che, dopo tre anni circa dal suo ritorno in pizzeria, decide di scrivere una nuova pagina nella storia dell’attività iniziata 75 anni prima da nonno Salvatore ricercando anche un riconoscimento da parte degli adetti ai lavori verso questa istituzione della pizza napoletana. Nel maggio 2011, durante il trofeo Caputo, l' Associazione Pizzaioli Napoletani assegna una targa per l’attività svolta negli anni alla pizzeria Di Matteo dedicata allo zio Gennaro, scomparso da pochi anni, quale testimone della tradizione di famiglia. Nello stesso mese Salvatore partecipa alla trasmissione televisiva Pizza Time che parla della storia della pizza attraverso un viaggio itinerante alla scoperta delle origini di chi vive da sempre questa magica pietanza come una imprescindibile tradizione familiare che si tramanda di generazione in generazione. Da questo programma inizia una vera e propria escalation di vittorie e riconoscimenti per la sua attività. In brevissimo sono tante le manifestazioni legate al mondo della pizza in cui Salvatore viene invitato a partecipare e la sua presenza nelle trasmissioni televisive comincia ad essere sempre più richiesta. A settembre si classifica al primo posto nel concorso World Cup 2011 con il suo Ripieno Doc ed al secondo nella sezione Margherita Doc, manifestazione tenutasi ad Anzio con la partecipazione di oltre 400 pizzaioli. Da questo momento in poi l’attenzione da parte di giornali, blog e tv aumenta vertiginosamente. In ottobre organizza un evento archeoenogastronomico svoltosi nella zona dei campi flegrei dove oltre a parlare del territorio Salvatore festeggia la vittoria del World Cup alla presenza di tantissimi ospiti e personalità del settore sotto i flash dei fotografi e l’attenzione di tv e stampa. Successivamente l'Unione Europea Pizzaioli e Ristoratori Tradizionali conferisce al giovane Di Matteo il titolo di istruttore di laboratorio presso l' Universita Popolare Internazionale della Pizza. Allo stesso tempo l'Associazione Vera Pizza Napoletana lo riconosce come pizzaiolo verace, mentre con l'Associazione Pizzaioli Napoletani inizia un importante percorso dopo aver ottenuto il marchio s.t.g. All’ Unione Europea Pizzaioli viene anche certificato con l’attestato di “Pizzeria e Pizzaiolo s.t.g.” da un organo indipendente ed esterno all' Associazione Pizzaioli Napoletani. Sempre con quest’ultima associazione inizierà poi un percorso ancora piu' importante in ambito dei corsi di formazione. A dicembre è presente all’ European Cup dove nella sezione “Pizza Tradizionale” ottiene il primo posto con una pizza che ama chiamare "Radici" perché è una delle prime pizze che elaborò suo padre insieme al caro zio Gennaro. L’ ingrediente che Salvatore ha voluto cambiare in questa pizza è soltanto uno, ha sostituito il fior di latte con la mozzarelladi bufala. E adesso siam certi che il suo non sia stato soltanto un azzardo in quanto quel “primo posto” ci fa comprendere che “Radici”, con la variazione sul tema di Salvatore, è davvero piaciuta! Nel febbraio del 2012 si riconferma nuovamente campione classificandosi primo nella categoria “Margherita Doc” durante la manifestazione “Coppa Italia Pizza di Qualità” indetta sempre dall’ U.E.P.T & R. Nei primi giorni di maggio Salvatore viene intervistato da una laureanda della facoltà di Sociologia della Federico II che ha scelto di porre come oggetto della sua tesi proprio l’erede della nota famiglia di pizzaioli che, con le proprie tradizioni, ha fatto ormai storia nella famosa via Tribunali. Tante le domande poste al giovane maestro pizzaiolo e tra le più varie. Una lunga video intervista durata circa 4 ore che nell’autunno sarà parte di uno speciale che andrà in onda sulle emittenti Rai. Il 7 e l’8 maggio Salvatore ha partecipato anche alla quindicesima edizione del “Pizzaiuolo dell’Anno”, manifestazione tenuta ad Anzio ed organizzata dalla Follie Production in collaborazione con l’ U.E.P.T & R. Tanti i partecipanti che hanno gareggiato per conquistarsi il titolo tanto ambito ed i primi posti delle 12 categorie in gara. Salvatore riesce a posizionarsi primo classificato in ben 2 categorie, Calzone D.O.C. e Sapori del Sud”. E’ quindi primo con la sua pizza realizzata coi prodotti tipici della terra del Sud mentre si riconferma ancora una volta il numero uno del Calzone D.O.C. e proprio come accadde nel World Cup dello scorso settembre così anche in questa storica manifestazione l’erede dei Di Matteo riesce nuovamente a colpire favorevolmente il parere dei giurati con una nuova specialità di calzone, caratteristica ormai divenuta suo punto di forza. Il 19 settembre, data che nessun napoletano dimentica in quanto ricorre la festa di San Gennaro, patrono della città, alla vigilia del Trofeo della Pizza via Tribunali, Salvatore viene insignito del Premio “Eccellenze del Sud” per il settore gastronomia durante lo svolgimento della kermesse artistica del Terronian Festival. La sua pizza è ormai riconosciuta come una vera eccellenza ed è proprio per omaggiare quest’ultima che al giovane Di Matteo viene l’idea di dedicare un trofeo della pizza alla storica via Tribunali che è da sempre ritenuta la culla di questa secolare tradizione gastronomica nota a livello mondiale. Il Trofeo da puro sogno e idea perseguita per diversi mesi prende concretamente vita quando nasce l’occasione opportuna di mettere in risalto la storicità di via Tribunali e poter contemporaneamente omaggiare la memoria di zio Gennaro col premio “Gennaro Di Matteo” andato ad un meritevole pizzaiolo che negli anni si è saputo distinguere per tecnica, abilità, dedizione e passione. L’idea-sogno si è quindi sempre più concretizzata col passare dei giorni suscitando l’interesse e la curiosità di pizzaioli sia italiani che stranieri e dei tanti addetti del settore che hanno costantemente potuto aggiornarsi e prendere informazioni relative all’iniziativa attraverso stampa e tv. E’ questo forte legame che lui sente per le tradizioni che lo spingono a sposare il progetto “Terronian” portato avanti dall’omonima associazione culturale fondata da lui stesso insieme alla cantautrice Shara (Sarah Ancarola). Durante un'intervista realizzata per Sky alla vigilia di una partita di Champion League del Napoli, Salvatore ha lanciato il ripieno Hamsik che fu precedentemente presentato per la prima volta al pubblico in occasione del secondo appuntamento dell’evento intitolato “Due volti della stessa medaglia” tenutosi presso il Batis, un locale situato nella zona dei Campi Flegrei. E’ poi spettato ad un “panel di degustazione” composto da 12 persone scelte tra i presenti giudicare il gusto dell’ultima creazione a sorpresa firmata da Salvatore. Il celebre giocatore del Napoli è ghiotto di una delle tante specialità fritte della pizzeria Di Matteo, la frittatina di pasta, e per questo motivo il giovane e ormai noto pizzaiolo di via Tribunali ha voluto omaggiare il calciatore con questa pizza realizzata con gli stessi ingredienti della frittatina che, prossimamente, in versione bianca e rosa si potrà gustare allo storico civico 94 di via Tribunali. Ma per il battesimo e la consacrazione di questo estroso ripieno si è dovuto aspettare all’incirca un anno. Il fortunato incontro tra il cannoniere del Napoli ed il fuoriclasse della pizza napoletana è infatti avvenuto soltanto i primi giorni di novembre in una location del tutto unica a cui molti calciatori sono da tempo affezionati: lo studio del noto artista dei tattoo Enzo Brandi. E visto che parliamo di campioni non possiamo non citare un'altra importante “eccellenza” del panorame calcistico napoletano, era infatti inaspettatamente presente all’incontro anche il capitano della squadra, Fabio Cannavaro, al quale Salvatore ha promesso di dedicare molto presto un’altra delle sue speciali pizze dal sapore di “unicità”. Il 2013, per Salvatore, si apre all’insegna di una serie di novità. Tante le partecipazioni a programmi televisivi a tiratura nazionale tra le quali spiccano gli interventi a Street Food Heroes, in onda su Italia 2, dove si è classificato al primo posto come chef street food con la famosa pizza a libretto; Unti e Bisunti con lo chef Rubio, in onda su D-Max; "Gino's Italian Escape" condotto dallo Chef Gino D'Acampo per la tv inglese ITV. Nel mese di Marzo partecipa alla convention “Pizza centimetro per centimetro” organizzata dallo chef Gennarino Esposito a Vico Equense. Nel mese di Maggio partecipa come istruttore della pizza napoletana alla convention organizzata a Rimini dalla Confraternita della Pizza insieme allo chef Sergio Maria Teutonico ed al collega pizzaiolo romano Maurizio Capodicasa. Il 7 e 8 ottobre 2013 lo vedono di nuovo protagonista al campionato del mondo di pizza (Pizza World Cup) tenutosi a Roma presso la struttura del Palacavicchi. In quest’occasione Salvatore decide di mettersi totalmente in gioco gareggiando in tutte le batterie presenti nella competizione. Forte della tradizione di famiglia, Salvatore si è conquistato il titolo di primo classificato nella batteria “Pizza fritta”, specialità che da generazioni ha contraddistinto a Napoli i Di Matteo, friggitori di qualità oltre che pizzaioli. Altra specialità di famiglia che gli ha favorito il posizionamento al terzo posto nella categoria delle pizze classiche è la Margherita che Salvatore ha realizzato il secondo giorno di gara per la batteria “Margherita Doc”. Gran sorpresa e soddisfazione per il primo posto ottenuto anche nella batteria “Pizza in pala”, specialità non appartenente alla tradizione di famiglia. Ancora una volta protagonista si è rivelata la Margherita che, posizionata all’interno di una composizione artistica realizzata in parte con l’impasto, gli ha permesso di aggiudicarsi il quarto posto della batteria “Margherita scenografica”. Molti i complimenti ottenuti da parte dei giurati per lo “Spaghetto D’oro” che Salvatore ha preparato ed ha fatto degustare per questa gara che lo vedeva primo in classifica nella prima giornata della manifestazione; la tradizione napoletana si è fatta valere anche in una sezione della competizione non dedicata alla pizza grazie alla perfetta combinazione di ingredienti tipici che ha catturato proprio tutti. I punteggi acquisiti nel primo e nel secondo giorno di gare hanno così reso possibile all’erede dei Di Matteo la conquista del primo posto assoluto dell’edizione 2013 del Pizza World Cup. E con quest’ultimo traguardo raggiunto Salvatore Di Matteo può effettivamente attestare che la tradizione è sempre vincente.

SEDE PIZZERIA DI MATTEO.

La pizzeria Di Matteo ha un’unica sede ed è situata nel cuore di via Tribunali a pochi passi da piazza San Gaetano.

Il locale si sviluppa su due livelli. Al primo piano c’è una sala destinata agli avventori ed il motore della pizzeria stessa, ovvero, la zona destinata alla preparazione delle pizze sia fritte che al forno mentre al secondo piano sono dislocate altre 4 sale per gli avventori. Trattoria Napoleone.

Siamo in Piazza del Carmine in San Frediano.

Imagination rules the world.

Are we in the 18th, 16th or in the 20th century? Atmospheres that take us far away, to different times and places.

To be believed makes the truth unbelievable.

Every room, every corner here tells a story, through shadows and lights, colours, black-and-whites, transparencies and opacities, tangibility and abstractions.

True character stands the test of great circumstances.

quanto feldene 20