posso comprare colchicine tablets where to buy

comprare clonidine a buon mercato mall cinema

quanto colchicine toxicity dog

Centro di Medicina del Sonno (Multidisciplinare) U.O Cardiologia Dipartimento di Scienze Mediche e Riabilitative ad indirizzo Cardio – Neuro – Metabolico Ospedale San Luca, Istituto Auxologico Italiano P.le Brescia 20 20149 Milano Telefono SSN: 02-61911.2501 Telefono Privati e convenzionati: 02-61911.2500 E-mail: c.lombardi@auxologico.it Sito web: www.auxologico.it/section/335/Medicina%20del%20sonno e per il Centro specificatamente www.auxologico.it/section/424/Centro%20Sonno Direttore: Prof Gianfranco Parati Responsabile: Dott.ssa Carolina Lombardi Medici Esperti in Disturbi del Sonno (AIMS): Dott.ssa Carolina Lombardi, Dott.ssa Paola Mattaliano.

MILANO.

Centro per i Disturbi Respiratori in Sonno U.O.C. di Pneumologia Azienda Socio-Sanitaria Territoriale Santi Paolo e Carlo Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 3 – 20153 Milano Telefono: 02-4022.2332 Fax: 0240222336 E-mail: elvia.battaglia@asst-santipaolocarlo.it seg.pneumologia@asst-santipaolocarlo.it Direttore: Prof. S. Centanni Responsabile: Dott.ssa Elvia Battaglia Medico di riferimento AIMS: Dott.ssa Elvia Battaglia.

BERGAMO.

Centro di Medicina del Sonno (Multidisciplinare) Unità Operativa di Neurofisiopatologia Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Piazza OMS n°1, 24100 Bergamo Telefono: O35- 2673296 Fax: O35 – 2674917 E-mail: eubiali@hpg23.it – mviscardi@hpg23.it – mcservalli@hpg23.it Direttore: Dott. Emilio Ubiali Responsabile: Dott. Massimo Viscardi Medici Esperti in Disturbi del Sonno (AIMS): Dott. Emilio Ubiali; Dott. Massimo Viscardi. CENTRI REGIONALI DI MEDICINA DEL SONNO.

REGIONE PIEMONTE.

TORINO.

Centro di Medicina del Sonno (Multidisciplinare) Dipartimento di Neuroscienze – Università degli Studi di Torino AO Città della Salute e della Scienza – Molinette Via Cherasco 15 – 10126 Torino Telefono: 011 – 6335038 Fax: 011 6334193 Responsabile: Prof. Alessandro Cicolin Medici Esperti in Disturbi del Sonno (AIMS): Prof. Alessandro Cicolin, Dott.ssa Alessandra Giordano, Dott.ssa Anna Alessandra Terreni.

Centro per la Medicina del Sonno Pediatrica e per la SIDS S.C.Pediatria 1 u Ospedale Infantile Regina Margherita Piazza Polonia 94 – 10126 Torino A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino. Telefono: 011-3135405 Fax: 011-3135084 Responsabile: Dott. Alessandro Vigo Medico/i di riferimento AIMS: Dott.ssa Silvia Noce E-mail di riferimento: noce.silvia@yahoo.it.

CUNEO.

Centro di Medicina del Sonno (Multidisciplinare) S.C. Neurologia Dipartimento di Neuroriabilitazione Azienda Ospedaliera S. Croce e Carle Via M. Coppino 26 – 12100 Cuneo Telefono: 0171-078600 Fax: 0171-641439 E-mail: mondino.f@ospedale.cuneo.it – ambrogio.l@ospedale.cuneo.it gerbinopromis.p@ospedale.cuneo.it – neurologia@ospedale.cuneo.it Direttore: Dott. Luca Ambrogio Responsabile: Dott.ssa Fiorella Mondino Medici Esperti in Disturbi del Sonno (AIMS): Dott.ssa Fiorella Mondino, Dott. Concetto la Piana.

hyzaar generico wrestler paige
costo di plavix medication coupons

come acquistare colchicine tablets pictures

• Urologia e Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II - ASP di Agrigento.

• Urologia e Presidio Ospedaliero "Paolo Borsellino" di Marsala e S. Antonio Abate Trapani.

9. Convenzioni per lo svolgimento di stage individuale ai fini della formazione specialistica e utilizzo strutture per attività didattica di tirocinio dei Dott.:

• Anestesia e Rianimazione: Dott. Giuseppe Lagrutta presso Duke University Medical Center, North Carolina;

• Chirurgia Pediatrica: Dott.ssa Perrone Patrizia presso Policlinico Sant.Orsola Malpigni di Bologna.

• Dermatologia e Venerologia: Dott. Biondo Giovanni presso Azienda Ospedaliera Galliera, Genova;

• Malattie dell’Apparato Cardiovascolare: Dott. Antonio Mignano presso l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale degli Spedali Civili di Brescia;

• Malattie dell’Apparato Digerente: Dott.ssa Roberta Boemi presso ASP Catanoa P.O S. Marta e S. Venera;

• Neurologia: Dott.ssa Roberta D’Anna, presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino;

• Ortopedia e Traumatologia: Dott. Federico Puleo presso Azienda Sanitaria ASST Valtellina Alto Latio Sondrio;

• Radiodiagnostica: Dott.Dario Gianbelluca, presso l’Azienda Ospedaliero Universitaria Città della Salute e della Scienza di Torino;

• Radiodiagnostica: Dott.ssa Maria Laura Di Vittorio presso Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari Provincia Autonoma di Trento;

10. Convenzioni per l’utilizzo di strutture extrauniversitarie per attività didattica, ai fini del tirocinio curriculare:

etodolac ordina onlinesbi
online a buon mercato midamor potassium permanganate

ordine colchicine for pericarditis ecg

In quanto,gli shoppers (sacchetti di carta o plastica distribuiti ai clienti di negozi per il trasporto di prodotti acquistati al minuto) biodegradabili e compostabili ultraleggeri che vengono usualmente adoperati negli esercizi commerciali, in quantità non trascurabili (dovendo contenere varie tipologie di frutta e verdura dal peso e prezzi diversi), a seguito della nuova disposizione:dal primo Gennaio 2018, vengono ceduti al prezzo medio di 2 centesimi ( pari ad una spesa, per famiglia,di 15-20 euro l’anno), riscontrabile sullo scontrino o sulla fattura di acquisto, destinati in parte al negozio ed in parte allo Stato.

A differenza dei vecchi sacchetti di plastica che venivano, apparentemente, distribuiti gratuitamente, dato che il loro costo veniva pagato dagli esercenti che, però, lo ricaricavano poi sul prezzo finale dei prodotti.

Il Consiglio, a tal proposito, tiene a precisare che, in riferimento alla normativa nazionale e comunitaria, gli scopi principali dell’imposizione del pagamento dei contenitori “ bio “hanno come obiettivo quello di:

disincentivare l’abuso e gli sprechi, attraverso una maggiore responsabilizzazione da parte dei consumatori ( come dimostra l’esperienza condotta in Irlanda, dove una tassa sullo shopper di 22 centesimi di euro ha determinato una riduzione del consumo del 90 % ); e ridimensionare il grave inquinamento prodotto della enorme presenza delle buste di plastica nell’Ambiente. Dove, una volta abbandonati, vi rimangono da un minimo di 200 ad un massimo di mille anni,causando, fra l’altro: allagamenti conseguenti all’intasamenti degli scarichi; la morte di centinaia di migliaia di uccelli ed altri animali marini; la formazione negli Oceani, insieme a rifiuti di altra natura,di grandi “ Isole di spazzatura “, fra le quali: il “Pacific Trash Vortex” (Vortice di spazzatura a Nord dell’oceano Pacifico ) che,secondo alcune stime,si estenderebbe fino a 10 milioni di Km2, ma che gli scienziati ritengono ricopra 1, 6 milioni di Km2 ( pari a circa 5,3 volte la superficie dell’Italia isole comprese): e il “South Pacific Garbage Patch” ( Macchia di immondizia a Sud dell’0ceano Pacifica ),di ben 2,6 milioni di Km quadrati, individuata da recente da un team di oceanografi dell’Algalita Marine Research Foundation, attraverso l’ inequivocabile acquisizione di prove e raccolta di campioni. La maggior parte dei quali non sono costituiti da bottiglie o sacchetti, bensì da detriti più piccoli di un chicco di riso e microframmenti che si estendono in verticale ed orizzontale, formando un ammasso simile ad una nuvola di smog che i pesci ingeriscono, scambiandoli per plancton; oltre ai devastanti effetti sul clima.

Come dimostrano i calcoli elaborati dall’Agenzia per l’ambiente, secondo i quali, per produrre un Kg dei sacchetti di polietilene ad alta densità occorrono ca. 900 grammi di petrolio, dai quali derivano emissioni climalteranti relativi alla formazione di 2 Kg di CO2 ( Anidride carbonica ) equivalenti. E poiché in Italia, secondo Legambiente, si producono 300.000 tonnellate (pari a 20 miliardi di sacchetti, corrispondenti ad un consumo pro-capite di ca. 250 all’anno ) di shopper provenienti dal petrolio ( a fronte dei 500 – 1000 e 100 miliardi di sacchetti di plastica che vengono consumati annualmente, rispettivamente: nel mondo ed in Europa),si ha un’emissione in atmosfera di ben 200.000 tonnellate di Co2.

Situazione che induceva l’Italia a correre ai ripari, con un Dispositivo della Legge Finanziarie del 2007, che recepiva una Direttiva Comunitaria del Dicembre 1994 ( la 94/62/Ce ), relativa al divieto,a partire dal primo Gennaio 2011, della produzione e commercializzazione di shopper non biodegradabili “ a canottiera “ ( cioè con i manici ) destinati all’alimentazione,con la concessione di qualche mese, dalla decorrenza del divieto, a supermercati e negozi per consentire lo smaltimento delle scorte.

Dispositivo che, fra l’altro, prevedeva la sostituzione dei sacchetti di plastica con i cosiddetti eco-shopper in carta o “ bioplastica “. Cioè con polimeri biodegradabili, compostabili, dello spessore inferiore a 15 micron( 15 millesimi di millimetro ) ricavati, prevalentemente, da amido di Mais, di Patate e Girasole.

Denominazione di polimeri dei quali è bene precisare la differenza, per evitare di considerarli dei sinonimi, mentre esistono sostanziali differenze ai fini della loro composizione e destinazione d’impiego, come di seguito specificato:

Oxo-degradabili: plastiche convenzionali ( Polietilene –PE-; Polipropilene –PP-; Polistirolo –PS-; Polietilentereftalato – PET - ) che si ottengono dal petrolio con l’aggiunta di additivi che consentono lo sgretolamento in piccolissimi pezzi sotto l’effetto del calore, dell’ossigeno e della luce solare. I sacchetti realizzati con questo tipo di plastica sono difficilmente biodegradabili, non compostabili e non riciclabili (a differenza delle normali plastiche) e contengono alcuni componenti (cobalto e manganese) che potrebbero nuocere alla salute dell’uomo e dell’ambiente.

Se poi finiscono in mare vengono scambiati per plancton dai pesci e quindi ingeriti, per poi, tramite la catena alimentare, giungere sulle nostre tavole. Per cui, ai fini di non trarre in inganno i consumatori, alcuni autorevoli esponenti dell’industria del settore propongono di sostituire “ degradabili”con la più appropriata definizione di “ oxo-frammentabili” oppure “ termo o foto frammentabili”;

Biodegradabili: capacità dei sacchetti di dissolversi naturalmente mediante l’azione di microbi, calore ed umidità. Al termine del processo di degradazione le sostanze organiche di partenza vengono trasformate in sostanze inorganiche, quali acqua, anidride carbonica e metano, senza il rilascio di elementi inquinanti. Tale processo, però, comporta tempi di trasformazione più lunghi ( La normativa europea stabilisce che un prodotto per essere definito biodegradabile deve decomporsi del 90% entro 6 mesi )rispetto quelli della frazione umida e quindi non possono essere adoperati come contenitori della stessa destinata al compostaggio; Compostabile o Bioplastica: capacità del materiale organico di essere riciclato nella frazione dell’umido, trasformandosi, in meno di 3 mesi, in Compost mediante il processo, in condizioni controllate, di decomposizione biologica della sostanza organica. Compost che è un materiale ricco di humus, di flora batterica attiva e microelementi, che può essere impiegato come fertilizzante in agricoltura e contro l’inaridimento dei suoli; Rinnovabile: caratteristica di un prodotto legata alle materie prima di origine vegetale e animale utilizzate per produrlo. Infatti, per la produzione di 100 sacchetti bio occorrono 1 Kg di mais ed 1 Kg di olio di semi di Girasole. Piante queste,capaci di rigenerarsi in tempi brevi, al contrario delle materie prime provenienti da fonti fossili esauribili (petrolio).

Sacchetti che, secondo i calcoli di Legambiente, in Italia se ne consumano ca. 10 miliardi, per produrre i quali occorrono 30 mila ettari coltivati a Mais (Cereale del quale l’Italia, per coprire il fabbisogno, ne importa già il 35 %), ai quali si aggiunge la richiesta,in continuo aumento, di aree coltivabili per la produzione di agrocarburanti. Il che comporta un considerevole impiego di acqua irrigua, antiparassitari e fertilizzanti chimici che inquinano le falde acquifere e immettono nell’aria gas serra. Un dispendio di preziose materie prime e conseguenze di natura ambientale che non possono trovare una plausibile convenienza nella fornitura di materiale monouso ( al più riusabile per contenere i rifiuti organici ) che, a detta di Silvia Ricci, coordinatrice della campagna “ Porta la sporta “, si può giustificare soltanto per una temporanea soluzione di emergenza.

In tal senso, una risposta valida e di immediata attuazione, se presa in considerazione dalla maggior parte dai Cittadini, potrebbe trovare riscontro nella semplice, ma efficacissima, applicazione della regola delle “4 R “:Rifiuta ( l’usa e getta); Riduci ( al minimo indispensabile le confezioni); Riusa (nel caso specifico, quanto più possibile, i contenitori ) e Ricicla (per ottenere nuovi prodotti, quando viene a mancare la possibilità di usare ancora quelli originali).

Ipotesi che trovano già, anche se in parte,riscontro nell’impiego delle borse di tela da esporto (per contenere e portar via i vari prodotti acquistati) e nei trolley.

Altra interessante soluzione che potrebbe trovare il favore della moltitudine di utenti dei supermercati e dei negozi di generi alimentari e contribuire a ridurre l’impiego di preziose materie prime, è una borsa in cotone e rete molto resistente, durevole e di modico prezzo, progettata e realizzata da una Azienda di Asti, destinata, secondo il suo Amministratore delegato, a sostituire i sacchetti trasparenti da pesare,a pagamento, contando sulla disponibilità e condivisione degli esercenti di dotarsi di bilance con la tara predisposta all’utilizzo del descritto contenitore.

comprare diclofenac gel a buon mercato 2018 barça
posso comprare cardura side effects

posso comprare colchicine tablets where to buy

Bases de datos, enciclopedias, diccionarios, aplicaciones. especializadas en tu área de conocimiento. Master Internazionale di II livello in Nutrizione e Dietetica.

Richieste Informazioni.

Patrocinatori.

Presentazione Presentazione A chi è diretta la nostra attività di formazione? Programma di studi Obiettivo Sbocchi professionali Progetto generale di articolazione delle attività formative Metodologia Materiale Metodo di valutazione Il Campus Virtuale Perché a distanza Tutoraggio personalizzato Programma informatico Servizio di formazione continua Docenti Direzione accademica.

Presentazione.

Il mondo della nutrizione ed alimentazione umana, a causa della sua relazione diretta con la salute, è oggetto di interesse da parte di molti professionisti. Costoro hanno necessità di trasportarlo in forma specifica al proprio campo di studio/responsabilità e di poterlo qui applicare in forma pratica.

Il progresso delle discipline che ne rappresentano e ne costituiscono la base come la biochimica, la biologia molecolare, la fisiopatologia, la tossicologia e la dietetica fanno della nutrizione una scienza affascinante, tra le più moderne ed applicate, che obbligano, altresì, ad osservarla non solo con occhi scientifici ma anche umani.

Oggigiorno il professionista ha bisogno di una formazione continua che gli permetta un elevato grado di specializzazione, così come gli viene quotidianamente richiesto dagli stessi utenti-clienti-pazienti con i quali interagisce e dalle strutture pubbliche e/o private nelle quali esercita.

La nostra esperienza e metodologia educativa assicurano una formazione universitaria rigorosa e di qualità.

Gli iscritti sono esonerati dall'obbligo E.C.M. ai sensi della Circ. Min. Salute n. 448 del 5 marzo 2002 (G.U. n. 110 del 13 maggio 2002)

A chi è diretta la nostra attività di formazione?

I Masters hanno come principali destinatari quei professionisti impegnati nelle molteplici attività dell'ampio settore delle Scienze della Salute che desiderino attualizzare o approfondire le proprie conoscenze nell'ambito della Nutrizione e della Dietetica. Inoltre sono diretti a tutti quei laureati e diplomati che per motivi professionali o proprio interesse desiderino specializzarsi nel campo alimentare.

Più in dettaglio, l'iscrizione al Master di II livello, esente da debiti formativi, è concessa:

benicar senza prescrizione cartelle esattoriali

come acquistare colchicine medication and viagra

clonidine generico definicion de familia

colchicine pillole dimagranti

blopress a buon mercato live

posso avere colchicine

lozol a buon mercatox wallet

colchicine spedizione in inglese differenza

hai passato l esame x il libretto di navigazione?

non dovrebbe perchè non c'è scritto THC o cannabis, a meno che non lo intendono da ricercare nell' "Esame urine completo".

Salve devo fare un esame dell'urine completo (per vedere se vi sono presenti batteri visto che mi ammalo spesso) volevo sapere se si può rilevare la presenza di thc da questo tipo di esame. Grazie.

no, ci vogliono esami specifici per la ricerca dei metaboliti della cannabis.

Se "peso specifico" legermente alterato-1,026,quanto grave e?Grazie.

peso specifico di cosa.

Buongiorno, Probabilmente dovrò fare l'esame delle urine completo per entra nel corpo dei Volontari Vigili del Fuoco. Da questo esame potrebbero uscire tracce di qualcosa di inlegale?? Grazie in anticipo x l'aiuto.

trattandosi di attività con mansioni estremamente delicate e pericolose, di solito vengono fatti anche i tossicologici.

Salve a tutti,dovrei fare un esame delle urine completo per il fatto che ho la pressione alta,possono risultare tracce di thc?

salve a tutti devo fare esame urine e esame del sangue sulla richiesta non compare nessuna richiesta di tossicologico c'e scritto solo esame urine quindi non dovrebbero cercar niente thc giusto?

Devo fare un esame urine completo per la visita medico sportiva agonistica fra circa 15 giorni e quest'estate ho fumato un po' più o meno una intera 1o2 volte la settimana da fine giugno, l ultima volta è stata 7 giorni fa. Viene ricercato il thc negli esami completi delle urine? Grazie mille..

quanto plavix dosage information
comprare la consegna di lotensin durante la notte di mercoledi

comprare la consegna di colchicine durante la notte stellata

See our latest news.

Medical students honor body donors.

Donors help to advance medical education, research.

Medical Campus & Community.

Advocating to end health disparities.

MD candidate Michelle Mendiola Plá's ethics, drive inspired by her native Puerto Rico.

Class Acts, Medical Campus & Community.

We're turning ideals into action.

The School of Medicine is taking meaningful action to increase diversity on campus and in medical professions.

Student-centered medicine.

Students choose #WashUMed for the culture of camaraderie, flexibility of curriculum and outstanding opportunities after graduation.

We are a community of leaders.

Engaged in our fields at home and around the world, we are defining the future of health and medicine.

Miller receives Essey award from neurological society.

Recognized for advancing research into ALS.

Strasberg honored by American Surgical Association.

quanto colchicine medication and viagra
naprosyn spedizione tnt live

sconto del colchicine treatment side

3. Il trattamento economico è corrisposto dall'Università sede della Scuola in dodici rate mensili posticipate ed è comprensivo di tutti gli oneri contributivi a carico dei contraenti e, pertanto, sia della quota dei due terzi a carico dell'Università che della quota di un terzo a carico del medico in formazione specialistica.

4. Il medico in formazione specialistica ai fini previdenziali è iscritto alla gestione separata di cui all'art. 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995 n. 885.

5. Il trattamento economico spettante al medico in formazione specialistica è esente dall'imposta sul reddito delle persone fisiche.

6. Durante i periodi di sospensione della formazione di cui all'articolo 40, comma 3, del decreto legislativo n. 368/1999, al medico in formazione specialistica compete esclusivamente la parte fissa del trattamento economico limitatamente da un periodo di tempo complessivo massimo di un anno oltre quelli previsti dalla durata legale del corso.

Articolo 10.

(Copertura Assicurativa)

1. Ai sensi dell'art. 41, comma 3 del decreto legislativo n. 368/1999 l'Azienda Sanitaria presso la quale il medico in formazione specialistica svolge l'attività formativa provvede, con oneri a proprio carico, alla copertura assicurativa per rischi professionali, per la responsabilità civile contro terzi e gli infortuni connessi all'attività assistenziale svolta dal medico in formazione nelle proprie strutture, alle stesse condizioni del proprio personale.

Articolo 11.

(Incompatibilità)

1. L'iscrizione ad una scuola di specializzazione è incompatibile con l'iscrizione al corso di formazione specifica in Medicina generale ed ad altro corso universitario di qualsiasi tipo ad eccezione del dottorato di ricerca secondo quanto previsto dall'art. 7 del DM 8 febbraio 2013, n. 45.

2. Per i medici che rientrano nell'accordo collettivo nazionale per la disciplina dei rapporti con i medici di Medicina generale, compresi quelli dell'Emergenza Sanitaria Territoriale, è prevista l'incompatibilità con l'iscrizione o la frequenza ai corsi di specializzazione di cui al d.lgs. 368/1999.

3. I medici dipendenti pubblici che risultino assegnatari di un posto con contratto, dovranno collocarsi in posizione di aspettativa senza assegni, come disposto dall'art. 40, comma 2, del d.lgs. 368/1999.

4. Al medico con contratto di formazione specialistica per la durata della formazione a tempo pieno è inibito l'esercizio di attività libero professionali all'esterno delle strutture assistenziali in cui si effettua la formazione ed ogni rapporto convenzionale o precario con il Servizio Sanitario Nazionale o enti e istituzioni pubbliche e private, salvo quanto previsto dall'art. 19, comma 11 della legge n. 448/2001 (sostituzioni a tempo determinato di medici di base ed iscrizione negli elenchi di guardia medica festiva, notturna e turistica), fatte salve successive modificazioni e/o integrazioni.

5. La violazione delle disposizioni qui elencate in materia di incompatibilità è causa di risoluzione anticipata del contratto di formazione specialistica.

Articolo 12.

(Informativa ai sensi dell'articolo 13 del Codice in materia di protezione dei dati personali)

dosaggio zestril side effects
dove compro il midamor amiloride 5mg

senza prescrizione colchicine treatment for acute

Sono disponibili fino al 30 novembre 2018 più di 1.000 e-book di ambito medico dell’editore Oxford University Press. Dello stesso editore la biblioteca ha acquistato (senza scadenza temporale) oltre 100 e-book, che fanno parte delle collezioni Neuroscience, Palliative Care, Public Health and Epidemiology. Accesso da postazioni in rete di Ateneo oppure con VPN (solo per utenti universitari), tramite - database degli e-book, selezionare Oxford Medicine Online dall’elenco Editore/piattaforma, per i titoli con scadenza 30 novembre; - database degli e-book, selezionare Oxford University Press Meneghetti dall’elenco Editore/piattaforma, per i titoli acquistati; - UNIVERSE, ricerca per titolo.

200 e-book CRC Press di ambito medico (fino al 30.11.2018)

Sono disponibili fino al 30 novembre 2018 circa 200 e-book di ambito medico, pubblicati dal 2015 al 2017 dall’editore CRC Press. I titoli sono inseriti nel portale di ricerca integrata UNIVERSE e nel database degli e-book; in quest’ultimo si può inoltre visualizzare l’elenco completo dei nuovi e-book, selezionando CRC_NETBASE dall’elenco Editore/piattaforma. L’elenco si può consultare anche nel file seguente, che permette di filtrare i titoli per anno. Accesso da postazioni in rete d’Ateneo oppure con VPN (solo per utenti universitari). File dei titoli.

Tesi di dottorato e di master su ProQuest Dissertations & Theses Global.

Sono ora disponibili anche le due sezioni Health & Medicine e Science & Technology, all’interno della banca dati multidisciplinare ProQuest Dissertations & Theses Global, sottoscritta dall’Ateneo. La banca dati include milioni di citazioni di tesi di dottorato e di master, prevalentemente di area nordamericana, dal XIX secolo a oggi, con quasi due milioni di documenti a testo completo, per la maggior parte a partire dal 1997. La risorsa è accessibile dall’elenco delle banche dati da postazioni in rete di Ateneo o tramite VPN.

Cambridge Structural Database (CSD) di Cambridge Crystallographic Data Centre (CCDC)

Cambridge Structural Database (CSD) è un repository di strutture cristalline organiche, metalliche e organometalliche che offre la consultazione di oltre 800.000 voci con copertura temporale a partire dal 1972. Il database CSD si trova sulla piattaforma Cambridge Crystallographic Data Centre (CCDC) dell’omonima organizzazione non profit con sede a Cambridge (UK). Facoltà medicina.

OFFERTA DIDATTICA.

INFORMAZIONI E SERVIZI.

Presentazione del CDLM: Poster1 - Poster2.

ATTIVITA' COORDINAMENTO CDLM.

come acquistare coumadin