dosaggio blopress

tablet doxazosin medication information

blopress a buon mercatox fees

METODICHE DI TRATTAMENTO NON CONVENZIONALI BASATE SULLA ESPERIENZA CLINICA.

Come è stato descritto nei capitoli precedenti, il trattamento delle patologie tendinee si basa essenzialmente sulla classificazione diagnostica. Ne consegue che, in tutte le tendinopatie di stadio I-III, il trattamento è di tipo conservativo, mentre in quelle di stadio IV, quando possibile, viene attuato il trattamento chirurgico per via artroscopica o “a cielo aperto”. Il primo segno di una compromissione tendinea (o tendinite) è la sensazione di fastidio, seguita da dolore che si accentua nello svolgimento dell’attività fisica; è probabile che il dolore si manifesti anche al riposo, soprattutto al mattino o che si accentui particolarmente sotto la pressione delle dita. Se si dovessero trascurare questi sintomi, il danno tendineo potrebbe aggravarsi, la guaina e/o la borsa tendinee si potrebbero infiammare (peritendinite e/o borsite) con conseguente aggravamento della situazione e aumento dei tempi di recupero funzionale. In questi casi è d’obbligo interrompere l’attività fisica. Ricordando che le tendinopatie dello sportivo sono quasi sempre dovute a sovraccarichi funzionali, tali patologie si possono tuttavia ricondurre a varie cause che, associate tra loro, possono contribuire all’aumento della gravità della tendinite: scarsa o eccessiva preparazione atletica, eccessivo o intenso allenamento, squilibrio o ipotonia muscolare, sovrappeso, problemi po­sturali e dismetrie degli arti inferiori, gestualità atletica scomposta, mancanza di elasticità muscolare, ecc. Il trattamento delle patologie tendinee si basa essenzialmente sulla classificazione diagnostica della patologia che avviene con l’esame obiettivo e l’ecografia. Tra le varie classificazioni utilizzate si ricorda quella basata sull’evoluzione clinica del problema, che prevede una suddivisione della gravità della patologia in quattro stadi (Tabella). Di conseguenza, in tutte le tendinopatie di stadio I-III il trattamento è di tipo farmacologico o conservativo,mentre in quelle di stadio IV, cioè in presenza di rottura del tendine, quando possibile, viene attuato il trattamento chirurgico per via artroscopica o “a cielo aperto”.

TRATTAMENTO CONSERVATIVO.

I trattamenti conservativi variano in maniera considerevole tra i vari specialisti e spesso si fondano esclusivamente su basi empiriche e sulla esperienza clinica di ognuno, piuttosto che su basi scientifiche. Alcuni medici prescrivono farmaci, altri preferiscono mettere l’atleta a riposo e aspettare semplicemente di vedere gli effetti del riposo forzato. A volte, invece, si preferisce intervenire attivamente mediante fisioterapia, con esercizi specifici di rieducazione o con una combinazione tra le due modalità. Qualunque siano le metodiche utilizzate, il trattamento conservativo si prefigge di:

eliminare il dolore ridurre l’infiammazione promuovere la guarigione del tendine ripristinare il prima possibile la funzionalità articolare e quindi l’attività sportiva.

Nelle attività sportive, gli infortuni sono suddivisi in due categorie: infortuni acuti e infortuni da abuso. L’infiammazione è il sintomo più evidente di entrambe le categorie ed è una parte naturale del processo di guarigione di qualsiasi infortunio. In ogni caso, l’infiammazione cronica può causare una maggiore disgregazione del tessuto e ostacolare il processo di riparazione. Spesso, per eliminare o alleviare i sintomi che accompagnano l’infiammazione del tessuto connettivo, sono usati farmaci quali i FANS, infiltrazioni di acido ialuronico o di cortisonici nei casi più gravi, micronutrienti favorenti il processo di riparazione tendinea. Alcune di queste sostanze possono tuttavia modificare il processo di riparazione e di guarigione. Anche le condizioni metaboliche, come l’invecchiamento e il diabete, possono influenzare la salute del tessuto connettivo. Spesso l’invecchiamento è accompagnato da un declino del funzionamento articolare o da una rigidità generale delle articolazioni e influenza la natura e la portata del processo di riparazione nel tessuto infortunato. Infatti, quando il tessuto connettivo invecchia, la presenza di collagene e di proteoglicani cambia e ciò, a sua volta, modifica le proprietà meccaniche e la fisiologia del tessuto. Di conseguenza, le cellule del tessuto perdono la loro capacità di dividersi, specialmente nella cartilagine articolare dove i condrociti sono malnutriti. Inoltre, è bene ricordare che i proteoglicani prodotti dai condrociti vecchi sono molto diversi da quelli prodotti dalle cellule più giovani e ciò modifica le proprietà dell’articolazione. Alcuni Autori hanno dimostrato, inoltre, che l’immobilità dovuta a traumi o infortuni, può ostacolare il normale metabolismo e rimodellamento del tessuto connettivo tendineo. Infatti, quando un’articolazione è immobilizzata, il minore carico e scarico meccanico della cartilagine e dei tessuti circostanti interferisce con il normale ricambio delle cellule e degli elementi della matrice. Il minore stimolo delle cellule si traduce in minore sintesi di proteoglicani. Di conseguenza, la perdita di matrice aumenta la vulnerabilità del tessuto all’infortunio quando si riprende l’attività normale. Gli studi su modelli animali hanno evidenziato che l’attività fisica è utile per il metabolismo normale del tessuto connettivo.È stato dimostrato che i livelli di idrossiprolina, idrossilisina e piridinolina, aminoacidi essenziali, possono essere considerati come indici indiretti della disgregazione del tessuto connettivo, tanto da suggerire che la compromissione o la disgregazione del tessuto connettivo possano essere dovute alla risposta infiammatoria locale al trauma muscolo-tendineo indotto dall’attività fisica. I mediatori dell’infiammazione nell’unità muscolo-tendinea possono favorire la disgregazione del collagene e la susseguente sintesi nei tessuti connettivi circostanti. Dal punto di vista terapeutico, nei casi di compromissione tendinea in fase di stadio I o II, in cui è presente anche un processo infiammatorio caratterizzato da dolore e limitazione funzionale, la terapia di tipo conservativo rappresenta una valida scelta e dovrebbe essere attuata unitamente a riposo funzionale, antinfiammatori, fisiokinesiterapia ed eventuali ortesi. Tuttavia, occorre considerare due aspetti che, di recente, hanno assunto un ruolo nella determinazione della terapia: il ridotto apporto di micronutrienti, essenziali al benessere del tessuto connettivo tendineo, e l’importanza del liquido sinoviale tendineo (TSF, tendon synovial fluid). Infatti, soprattutto quando si instaura una lesione di grado lieve-moderato al tendine, il processo fisiologico di riparazione tendinea è molto lento, poiché, come affermato in precedenza, i tendini, pur essendo vascolarizzati, lo sono in misura minore rispetto ai muscoli. Inoltre, il livello di vascolarizzazione dipende dalla struttura e dalla sede tendinea; il nutrimento, o meglio l’apporto dei micronutrienti necessari al mantenimento delle caratteristiche fisiologiche del tessuto tendineo, diventa quindi un fattore importante di cui tener conto, in particolare in caso di compromissione e lesione tendinea. Fisiologicamente, l’apporto dei micronutrienti è assicurato dal movimento che ne favorisce la diffusione “capillare” fino ai tendini, diffusione che viene invece ostacolata dall’immobilizzazione. L’altro aspetto importante è rappresentato dal fluido sinoviale tendineo che, insieme ai vasi ematici e linfatici, fornisce una quantità significativa di nutrienti per molti tendini. Infatti, così come a livello articolare il liquido sinoviale svolge un’importante azione nutrizionale e visco-lubrificante, in modo analogo,a livello tendineo, il TSF prodotto dai sinoviociti interviene attivamente nella nutrizione del tendine. Una volta prodotto, il TSF si stratifica, come un film protettivo, consentendo quindi al tendine di poter scorrere agevolmente. Ne consegue che, in situazioni caratterizzate da immobilità da trauma, infiammazione o lesioni muscolo-tendinee, l’apporto dei micronutrienti essenziali per il buon funzionamento e la conservazione del tendine si riduce o viene comunque, in qualche modo, ostacolato. Su questo processo, recenti studi sperimentali e clinici sembrano evidenziare come la supplementazione esogena con integratori a base di micronutrienti e l’utilizzo di acido ialuronico infiltrato nei tendini possano prevenire, mitigare e favorire la guarigione dei danni tendinei provocati dall’attività muscolare. Tali evidenze hanno consentito di identificare i micronutrienti essenziali per il tendine, rappresentati dal metil-sulfonil-metano, uno dei principali donatori di solfati naturali organici, indispensabili per l’omeostasi tendinea, dall’alfa-chetoglutarato di ornitina, sostanza che blocca la fase catabolica indotta dalla lesione tendinea e antagonizza i processi flogistici, dalla lisina, un aminoacido essenziale necessario per la crescita e per la sintesi di alcune proteine essenziali per il tendine, dalla glucosamina e dal condrotin solfato, glicosaminoglicani essenziali per la fase riparativa tendinea, dalla vitamina C, che influenza il metabolismo del tessuto connettivo tendineo, dalla biotina, che svolge un ruolo centrale nella formazione del coenzima A, e dalla vitamina E, la cui attività antiossidante aiuta a mantenere l’integrità del tendine. Quest’ultima vitamina è un potente antiossidante, fondamentale nella lotta ai radicali liberi e per i processi vitali e cellulari: protegge la vitamina A dalla scomposizione, la vitamina C e quelle del gruppo B dall’ossidazione e migliora la trasportabilità dell’ossigeno da parte dei globuli rossi. Inoltre, studi su animali da esperimento hanno dimostrato che il deficit di vitamina E induce aumento di collagene insolubile per inefficace protezione verso la formazione di perossidi. Pertanto, la vitamina E rallenterebbe il danno ossidativo attraverso protezione del collagene. Nuove acquisizioni hanno anche permesso di chiarire che tali microelementi essenziali, quando somministrati insieme, agiscono in sinergia e sono efficaci nel mantenere la funzionalità dei tendini, in particolare in soggetti con carenze nutrizionali o sotto sforzo fisico, o in presenza di una patologia tendinea. Sulla base di queste evidenze, è stato condotto uno studio nel trattamento della tendinite dei peronieri e del tibiale posteriore, una affezione dolorosa frequentemente dovuta a microtraumi o traumi acuti, in atleti non professionisti di pattinaggio su rotelle, confrontando un gruppo di pazienti trattati con terapia fisica, riabilitativa e ortesica, e un gruppo di soggetti trattati con un nuovo integratore di micronuitrienti, a base di metil-sulfonil-metano, ornitina-alfachetoglutarato, lisina, condroitin-solfato, glucosamina, vitamina C, vitamina E e biotina, i cui componenti sono stati appositamente studiati e selezionati per via della loro spiccata attività sinergica che assicura il corretto apporto all’organismo dei micronutrienti essenziali, così da integrare e aumentare le difese naturali tendinee. Sono stati arruolati 30 soggetti pattinatori non professionisti di entrambi i sessi (età 22-36 anni, media 29) affetti da tendinite del peroniero e del tibiale posteriore, con RMN negativa per lesioni con soluzione di continuo del tendine, sottoposti precedentemente a trat­tamento medico senza risultati apprezzabili. I pazienti arruolati sono stati suddivisi in due gruppi e trattati secondo il seguente schema:

Gruppo A (15 pazienti): trattamento conservativo consistente in un ciclo di 10 sedute di elettroterapia analgesica e tre sedute di onde d’urto per un totale di 40 giorni Gruppo B (15 pazienti): lo stesso trattamento conservativo del Gruppo A, + trattamento con il nuovo integratore di micronutrienti essenziali alla posologia di 1 bustina da 3,5 grammi al giorno.

Per la valutazione dei risultati sono state utilizzate la scala VAS per la valutazione della riduzione del dolore (0-100 mm), con misurazioni condotte all’arruolamento e ogni 10 giorni fino al termine dello studio, e un questionario per la valutazione del tempo necessario al ritorno all’attività sportiva, con punteggio da 1 a 10 (1=nessun beneficio e assenza di ripresa sportiva – 10=risoluzione sintomatologica e ripresa sportiva completa), con misurazione basale e finale. A tutti i pazienti è stato permessa l’assunzione di paracetamolo 1000 mg, quale terapia antalgica suppletiva. Oltre alla valutazione dei parametri di efficacia, rappresentati dalla riduzione della sintomatologia dolorosa e dalla valutazione del tempo necessario alla ripresa dell’attività sportiva, al termine dello studio è stato chiesto ai pazienti di riferire se avessero assunto paracetamolo quale terapia antalgica suppletiva. Sebbene nei pazienti selezionati per lo studio la gravità della tendinite ai peronieri e al tibiale posteriore fosse di grado 1 secondo Myerson, occorre tuttavia evidenziare che, come in tutte le patologie coinvolgenti i tendini, anche in tendiniti di modesta gravità, il trattamento spesso necessita di tempi lunghi per poter condurre il paziente alla guarigione clinica. In questo studio,l’associazione di un integratore contenente i micronutrienti essenziali per attenuare il danno tendineo ha il razionale di accelerare la riduzione della sintomatologia della tendinite, così da ridurre i tempi di recupero della funzionalità articolare, consentendo un precoce ritorno all’attività sportiva. L’analisi dei risultati relativa ai due regimi di trattamento ha evidenziato differenze rilevanti tra i due gruppi per quanto riguarda i parametri di efficacia valutati.

Nei pazienti del Gruppo B è stata osservata una più rapida e significativa risposta sintomatologica, confermata dalla maggiore riduzione dell’intensità del dolore rispetto al gruppo A di confronto; tale migliore risultato è correlato alla somministrazione dell’integratore di micronutrienti essenziali, in aggiunta al trattamento conservativo ( Fig. 4 ). Inoltre, la percentuale di soggetti che ha assunto paracetamolo quale terapia antalgica suppletiva è risultata essere molto più bassa nel gruppo di pazienti in trattamento con terapia conservativa + integratore di micronutrienti essenziali (Gruppo B), rispetto a quelli in terapia con il solo trattamento conservativo (Gruppo A) ( Fig. 5 ). La capacità del trattamento con l’integratore di micronutrienti essenziali di influenzare positivamente l’outcome clinico è stata osservata anche in seguito alla valutazione dei minori tempi di ripresa dell’attività sportiva, riscontrata nei pazienti del Gruppo B rispetto a quanto evidenziato in quelli appartenenti al Gruppo A ( Fig. 6 ). La tendinite del peroniero e del tibiale posteriore è una patologia non solo di pertinenza degli atleti professionisti, ma interessa anche molti soggetti che praticano attività sportiva amatoriale, soprattutto quando l’attività viene praticata saltuariamente e non con regolarità. In linea generale, questa patologia ha una insorgenza subdola, facilmente legata all’atteggiamento posturale del retropiede in iperpronazione, che determina sovraccarico funzionale sui tendini peroniero e tibiale, che dapprima si manifesta con una sinovite e, successivamente, con alterazioni strutturali in grado di condurre alla rottura. Sulla base dei risultati ottenuti in questo studio, è possibile affermare che nel trattamento della tendinite del peroniero e del tibiale posteriore di grado 1 può essere razionalmente utile l’utilizzo dell’integratore alimentare a base di metil-sulfonil-metano, ornitina-alfachetoglutarato, lisina, condroitin-solfato, glucosamina, vitamina C, vitamina E e biotina, in associazione al trattamento conservativo, grazie alla sua dimostrata capacità nel contribuire a ridurre la sintomatologia dolorosa e i tempi di recupero dell’attività sportiva. I risultati di un altro studio, condotto in soggetti con compromissione del comparto articolare della caviglia e del tendine di Achille, sembrano avvalorare l’utilità sia della supplementazione di micronutrienti essenziali, sia della viscosupplementazione con acido ialuronico nei pazienti in cui si riscontra una alterazione di tutto il comparto articolare. Tale tipologia di lesione articolare è tutt’altro che rara nei soggetti sportivi, siano essi amatoriali che professionisti; infatti, il danno tendineo, quando interessa i tendini più strettamente limitrofi alla articolazione, è frequentemente associato a una alterazione della cartilagine articolare. Un esempio classico è rappresentato dalla articolazione della caviglia, una delle articolazioni più complesse del nostro organismo e sede di frequenti patologie che ne com­promettono la funzionalità, come nei casi di danno dovuto a traumi sportivi o a sovraccarico funzionale. La maggior parte delle lesioni articolari alla caviglia sono frequentemente associate a danneggiamento dei tendini e legamenti, tanto che le lesioni capsulo-tendinee o capsulo-legamentose alla caviglia possono evolvere in una instabilità cronica che nel tempo può favorire l’insorgenza dell’artrosi. La compromissione articolare è spesso associata a una tendinopatia dell’achilleo e può essere dovuta o al fisiologico invecchiamento articolare e tendineo oppure, molto più di frequente, e soprattutto negli sportivi, in seguito a traumi e/o a sovraccarico funzionale. Infatti, l’articolazione della caviglia è estremamente sollecitata durante l’attività sportiva, in particolare negli sport di salto, come pallacanestro, calcio, pallavolo, atletica leggera o ginnastica, durante i quali le ricadute dall’alto, i contatti con gli avversari, gli arresti improvvisi su terreni veloci o l’appoggio a terra scorretto durante la corsa, possono rappresentare situazioni a forte rischio di infortunio. Oltre a ciò, è importante sottolineare come la frequente mancanza di riscaldamento da parte degli atleti, soprattutto amatoriali, prima di incominciare l’attività sportiva, costituisca una delle più frequenti concause nell’insorgenza di traumi alla caviglia, sia muscolari che tendinei. I danni articolari provocano dolore e gonfiore immediati e interessano diverse componenti dell’articolazione, quali muscoli, tendini, legamenti, capsula articolare, che, essendo coinvolte nel loro insieme sia nel movimento che nella stabilizzazione e protezione dell’articolazione, in caso di trauma subiscono lesioni che vanno dallo stiramento alla rottura. In situazioni di danno al comparto articolare della caviglia la terapia può essere conservativa o chirurgica, a seconda delle condizioni e dell’età del paziente, o farmacologica, che può prevedere sia la terapia antinfiammatoria che la viscosupplementazione con acido ialuronico iniettato per via intrarticolare. Sulla base delle evidenze cliniche, i migliori risultati nel trattamento non chirurgico di queste affezioni potrebbero essere ottenuti con una combinazione di trattamento conservativo (consistente in un ciclo di 10 sedute di elettroterapia analgesica e tre sedute di onde d’urto), combinato a terapia infiltrativa intrarticolare e nutrizionale.

Proprio allo scopo di verificare tale ipotesi, è stato condotto uno studio per verificare l’effetto del trattamento combinato (trattamento conservativo associato a infiltrazioni intrarticolari di acido ialuronico e supplementazione con micronutrienti essenziali), rispetto alla sola terapia conservativa o alla terapia combinata ma senza supplementazione di micronutrienti. Per la supplementazione è stato utilizzato un integratore alimentare specifico per le patologie tendinee, in quanto a base di micronutrienti essenziali che la letteratura internazionale indica come utili nel ripristino della funzionalità di tendini e legamenti: Metil-sulfonil-metano (MSM), Ornitina-alfa-cheto­gluta­rato (OKG), Lisina, Condroitinsolfato, Glucosamina, Vitamina C, Vitamina E, Biotina); per la terapia infiltrativa intrarticolare è stato impiegato un acido ialuronico con PM compreso tra 800 e 1200 KDa (medio di 1000 KDa) e concentrazione pari all’1,6% (siringhe preriempite monouso contenenti 32 mg di acido ialuronico sale sodico in 2 ml). Lo studio è stato condotto su 42 soggetti sportivi amatoriali di sesso maschile (età media 35 anni), sottoposti a diagnosi strumentale mediante ecografia e risonanza magnetica (RMN). Di questi, 36 pazienti mostravano segni di infiammazione articolare alla caviglia e parziale sofferenza al tendine achilleo, mentre 6 soggetti sono stati esclusi dallo studio, poiché al controllo strumentale evidenziavano lacerazioni strutturali del tendine e/o artrosi di grado 3-4 secondo Kellgren-Lawrence. I 36 pazienti arruolati dopo lo screening iniziale sono stati trattati per un periodo di 30 giorni e suddivisi in tre gruppi omogenei di trattamento: Gruppo A (n. 12 pazienti), messi in terapia conservativa + acido ialuronico (AI) 1,6% (1 infiltrazione i.a. alla settimana per 3 settimane) + 1 bustina da 3,5 g di integratore di micronutrienti essenziali; Gruppo B (n. 12 pazienti) in terapia conservativa + AI 1,6% (1 infiltrazione i.a. alla settimana per 3 settimane); Gruppo C (n. 12 pazienti) trattati solo con la terapia conservativa. Per la valutazione dei risultati è stata utilizzata la scala VAS (0-10 cm) per la sintomatologia dolorosa; inoltre, alla visita finale, è stato chiesto ai pazienti di rispondere a un questionario nel quale si domandava di specificare il tempo trascorso prima di riprendere l’attività sportiva, utilizzando una scala di valutazione che prevedeva il seguente punteggio: 1=ottimo; 2=buono; 3=mediocre; 4=pessimo, dove “ottimo” era la completa ripresa sportiva e “pessimo” il mancato beneficio del trattamento. Al termine dello studio, i risultati hanno evidenziato in tutti e tre i gruppi un miglioramento sintomatologico; tuttavia, nei pazienti del Gruppo A (terapia conservativa + infiltrazione i.a. con AI 1,6% + integratore di micronutrienti essenziali) è stato osservato un più rapido e significativo sollievo dal dolore, rispetto ai gruppi B e C ( Fig. 7 ). Inoltre, al termine dello studio, la percentuale di pazienti che ha ottenuto un punteggio ottimo + buono relativo alla ripresa dell’attività sportiva è risultata significativamente maggiore per i pazienti del Gruppo A rispetto a quelli dei Gruppi B e C, e per i pazienti del Gruppo B rispetto a quelli del Gruppo C ( Fig. 8 ). I risultati dello studio sembrano confermare che tale approccio terapeutico sia in grado di garantire un migliore sollievo dal dolore e un più precoce recupero funzionale rispetto agli approcci tradizionali che non prevedono la supplementazione con micronutrienti. L’evidente riduzione della sintomatologia dolorosa e la maggiore percentuale di pazienti che ha ottenuto un ottimale beneficio in termini di ripresa dell’attività sportiva riscontrata nei pazienti del Gruppo A, conferma che nei soggetti con compromissione all’articolazione della caviglia e tendinite dell’achilleo di grado lieve-moderato, il trattamento costituito da terapia conservativa in combinazione ad AI 1,6%, al regime di 1 infiltrazione intrarticolare alla settimana per 3 settimane, e supplementazione con un integratore di micronutrienti essenziali può rappresentare l’approccio terapeutico di scelta per favorire una più rapida remissione del dolore e ripresa dell’attività sportiva. Volendo trarre delle conclusioni su questo escursus delle metodiche non convenzionali per il trattamento delle tendinopatie, anche associate a compromissione di tutto il comparto articolare, è possibile affermare che, sebbene tali approcci terapeutici non siano ancora validati dalle linee guida, l’esperienza clinica può tuttavia fornire suggerimenti terapeutici che, in molti casi, possono risultare utili nella risoluzioni di queste affezioni. La medicina nutrizionale è in continua evoluzione, come dimostrano i numerosi studi epidemiologici condotti nel mondo sul ruolo dei micronutrienti, sia nel contribuire al benessere generale dell’organismo, sia nel contribuire, a volte in modo sorprendente, a favorire i processi di guarigione – o quantomeno ad accelerarli -, soprattutto in quelle patologie in cui l’aspetto nutrizionale è riconosciuto come essenziale. Gli integratori di micronutrienti rappresentano oggi un valido supporto di complemento alle terapie farmacologiche e conservative tradizionali; il loro impiego, se attuato secondo i criteri corretti di somministrazione, non presenta rischi per la salute degli individui e, al contrario, contribuisce al successo terapeutico. Una considerazione a parte va fatta per l’acido ialuronico, sostanza ampiamente utilizzata nel trattamento del danno alla cartilagine articolare, ma meno frequentemente impiegata per contribuire a risolvere le lesioni tendinee. L’acido ialuronico rappresenta una componente essenziale del liquido sinoviale, presente sia a livello della cartilagine articolare che a livello del tendine. Quest’ultimo aspetto è spesso misconosciuto, per cui l’impiego dell’acido ialuronico nelle compromissioni tendinee viene spesso ignorato. Benché non si possa negare l’efficacia delle infiltrazioni di corticosteroidi, ampiamente utilizzate nella pratica clinica, sarebbe tuttavia necessario che nella valutazione della strategia terapeutica venisse effettuato un attento esame clinico e diagnostico, così da poter valutare l’opportunità dell’impiego dell’acido ialuronico piuttosto che del cortisonico, soprattutto in quei pazienti in cui il danno tendineo è in fase iniziale, e tale da non compromettere ancora la completa funzionalità di tutto il comparto articolare.

furosemide in vendita gondola barche
dose zestril medication uses

consegna blopress medication rheumatoid

FLM - Fascicolo Longitudinale Mediale. Importante fascicolo di fibre cerebrali mieliniche (cioè bianche). Ha la funzione di connettere i nuclei somatomotori degli occhi. E' responsabile del movimento orizzontale coordinato degli occhi collegando il nucleo del nervo abducente (VI° nervo cranico) con il nucleo oculomotore (III° nervo cranico) ed anche con la formazione reticolare paramediana pontina (vedi PPRF) e il nucleo del nervo accessorio spinale (XI° nervo cranico). Il FLM è importante nello studio otoneurologico dei movimenti oculari.

FKT - Fisio Kinesi Terapia.

FNAB - Fine Needle Aspiration Biopsy - Aspirazione bioptica con ago sottile, detta anche Agobiopsia. Vedi anche articolo sulla biopsia.

FNM - Fuso neuromuscolare. Recettore inserito tra i fasci muscolari ed inviano informazioni al sistema nervoso centrale sulla lunghezza del muscolo e sulla velocità di variazione della lunghezza.

FNOMCeO - Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri.

FR - frequenza respiratoria.

FT3 - Triiodotironina (T3) libera nel sangue circolante - Gli ormoni tiroidei circolano nel sangue legati a proteine. Con la quota fT3 si intende la quota di triiodotironina non legata alle proteine.

FT4 - Tetraiodotironina (T4) libera nel sangue circolante - Gli ormoni tiroidei circolano nel sangue legati a proteine. Con la quota fT4 si intende la quota di tetraiodotironina non legata alle proteine.

G.

GCS - (dall'inglese) Glasgow Coma Scale.

comprare generico medrol 4mg for dogs
doxazosin spedizione in inglese i quali

blopress pillole per erezione clitoride

La miglior cura sei tu.

La Facoltà offre una formazione d’avanguardia grazie all’eccellenza dei suoi docenti e alla stretta integrazione tra didattica, clinica e ricerca.

Formazione avanzata, partecipazione degli studenti all’assistenza e alla ricerca, internazionalizzazione e interdisciplinarietà sono i punti di forza della Facoltà.

La Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele si propone come una Scuola di Medicina avanzata e moderna, aperta al mondo scientifico e all’evoluzione delle conoscenze in ambito scientifico. Fondamentale, inoltre, la formazione del medico in relazione al rapporto con il paziente. Università facoltà di medicina.

La senatrice a vita e le sue memorie di deportata nell'incontro pubblico che inaugura la mostra-racconto del viaggio di 30 studenti nel lager nazista, nell'ambito del progetto Promemoria_Auschwitz. 18 maggio, ore 10.30, Aula Magna, via Festa del Perdono 7.

Open Day 2018.

Seminari, incontri e workshop per la giornata di presentazione dell’offerta formativa dell’Università Statale che vede ogni anno migliaia di futuri studenti a caccia di informazioni tra gli stand del grande cortile d’Onore. Ore 9.30-17, via Festa del Perdono 7.

MINOSSE: il network multidisciplinare per la sostenibilità ambientale.

Punta a diventare un punto di riferimento per lo studio dei micro- e nanomateriali nell'ambiente, in particolare acquatico, il team nato da un'idea del dipartimento di Bioscienze dell'Università Statale e da Fondazione AquaLAB, con il sostegno di Fondazione Cariplo.

Arsenio Veicsteinas, consegna della pergamena di professore emerito ai familiari.

Con una cerimonia che vede la partecipazione del rettore Gianluca Vago, l’Ateneo consegna ufficialmente alla famiglia del professor Veicstenas, venuto a mancare di recente, la pergamena del riconoscimento di professore emerito. 21 maggio, ore 15, Sala di Rappresentanza di via Festa del Perdono 7.

Un teatro contro la violenza sulle donne.

Presso la Sala Alessi del Comune, va in scena la rilettura di testi teatrali, dall'Antigone di Sofocle alla denuncia di Franca Rame, interpretata da studenti e giovani laureati dell'Università Statale, guidati da Mariagabriella Cambiaghi e Alberto Bentoglio. 22 maggio, ore 17, piazza della Scala 2.

L'Orto Botanico Città Studi tra le tappe di Piano City 2018.

prescrizione cardura 8mg
come acquistare colchicine dosage treatment

dose blopress 16plus

• Medicina interna, 07/03 ore 12.00.

10.30 - 12.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra A-F.

12.30 - 14.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra G-Z.

10.30 - 12.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra E-Z.

12.30 - 14.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra A-D.

10.30 - 12.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra A-M.

12.30 - 14.30 Studenti con lettera d'inizio del cognome compresa tra N-Z.

A cura del Dott. Fabio Tarantino. Medicina e chirurgia piano di studi.

Tutto il materiale presente in questo sito è protetto da diritto d'autore; può essere utilizzato per finalità di studio e di ricerca a uso individuale e non può essere utilizzato per finalità commerciali, per finalità di lucro anche indiretto (per es. non può essere condiviso su piattaforme online a pagamento o comunque su servizi erogati a scopo di lucro o su siti che guadagnano con introiti pubblicitari). È inoltre vietata la condivisione su social media di materiale coperto da diritto d'autore, salvo l'adozione di licenze Creative Commons. Si richiama l'attenzione degli utenti a un uso consapevole e corretto dei materiali resi disponibili dalla comunità universitaria, nel rispetto delle disposizioni del Codice Etico di Ateneo.

CALENDARIO DIDATTICO A.A. 2017/2018 CALENDARIO DIDATTICO 2016/2017.

PRIMO SEMESTRE.

1° anno di corso: dal 16/10/2017 al 02/02/2018; dal 2°al 6° anno di corso lezioni dal 02/10/2017 al 02/02/2018.

Sospensioni accademiche 1° semestre: 01/11/2017; 08/12/2017; dal 23/12/2017 al 05/01/2018.

SECONDO SEMESTRE: dal 05/03/2018 al 08/06/2018.

Sospensioni accademiche 2° semestre: dal 29/03/2018 al 03/04/2018; 25/04/2018; 30/04/2018-01/05/2018.

SESSIONI ESAMI.

Finestra di Natale (a.a. 2016/2017): 18-22 dicembre 2017 (già deliberata)

acquisto shuddha guggulu cholesterol medicine

consegna blopress medication rheumatoid

costo di inderal dosage for performance

acquistare a buon mercato blopress medication for anxiety

senza prescrizione arjuna yoga class

blopress a basso costo

comprare generico torsemide 100mg

blopress ordina online filmek

SECONDO SEMESTRE: dal 05/03/2018 al 08/06/2018.

Sospensioni accademiche 2° semestre: dal 29/03/2018 al 03/04/2018; 25/04/2018; 30/04/2018-01/05/2018.

SESSIONI ESAMI.

Finestra di Natale (a.a. 2016/2017): 18-22 dicembre 2017 (già deliberata)

Invernale: dal 05/02/2018 al 02/03/2018 - Finestra di Pasqua: 26/27/28 marzo 2018 - Estiva: dall'18/06/2018 al 31/07/2018 - Autunnale: dal 03/09/2018 al 28/09/2018 - Finestra Natale: dal 17 al 21 dicembre 2018.

I semestre 1° ANNO: 17/10/2016-30/01/2017; 2°-6° ANNO: 03/10/2016-20/01/2017.

II semestre 27 febbraio 2017 - 9 giugno 2017 (per tutti gli anni di corso)

INVERNALE - 1° anno: 31/01/2017-24/02/2017; 2°-6° ANNO: 25/01/2017-24/02/2017 - STRAORDINARIA PASQUA: 10-12/04/2017 - ESTIVA: dal 19/06/2017 al 31/07/2017 - AUTUNNALE: dal 01/09/2017 al 29/09/2017 - STRAORDINARIA NATALE 2017: 18-22 dicembre 2017.

Sospensioni didattiche: 31/10/2016; 09/12/2016; 19/12/2016-06/01/2017; 13/04/2017-18/04/2017; 24/04/2017.

AVVISO PER GLI STUDENTI DEL 3�ANNO CAN A / B.

Si comunica che nell'orario delle lezioni del 3°anno, sono state inserite alcune lezioni di RECUPERO di Metodologia Clinica.

aldactone generico pharma
tenormin generico significado de apellidos

blopress senza prescrizione del reato

Rivosecchi G, (2017). Gli effetti del processo di integrazione europea sulle autonomie territoriali. Rivista AIC,

Rivosecchi G, (2017). I nodi pendenti dell'autonomia finanziaria e tributaria degli enti territoriali. In: Rivosecchi G. (a cura di) G.C. De Martin; F. Merloni, Per autonomie responsabili. Proposte per l'Italia e l'Europa. Roma:Luiss University Press, p.259 - 265, ISBN: 9788861052994.

Rivosecchi G (2017). I partiti politici nella giurisprudenza costituzionale. amministrazione in cammino, p.1 - 19.

BERGONZINI, RIVOSECCHI (2017). L'art. 81 Cost. e le procedure finanziarie. Il Filangieri, p.239 - 260.

Rivosecchi G,RIVOSECCHI (2017). La tutela del voto referendario. Note a margine del ricorso Onida-Randazzo al Tribunale civile di Milano. Osservatorio dell'Associazione Italiana dei Costituzionalisti,

Rivosecchi G. (2017). Le funzioni amministrative. In: Pajno S., Rivosecchi G.. (a cura di) Ruggeri A., D'Amico G. D'Andrea L., Moschella G., Per un nuovo statuto della Regione siciliana. Torino:Giappichelli, p.123 - 133, ISBN: 9788892109155.

Rivosecchi G. (2017). Leggi retroattive e diritti politici: verso la quadratura del cerchio. Diritto e Società, p.471 - 527.

CASTELLA, PAJNO, RIVOSECCHI (2017). Presentation. Revista General de Derecho Constitucional, vol. 24, abril 2017,

RIVOSECCHI G (2016). Armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario (art. 117.3). (a cura di) R. Bifulco e A. Celotto, Le materie dell'art. 117 nella giurisprudenza costituzionale dopo il 2001. Analisi sistematica della giurisprudenza costituzionale sul riparto di competenze fra Stato e Regioni 2001-2014. Napoli:Editoriale Scientifica, p.375 - 402, ISBN: 9788863428391.

Rivosecchi G (2016). Finanza delle autonomie speciali e vincoli di sistema. Rivista AIC,

RIVOSECCHI G (2016). I senatori di nomina presidenziale nella legge costituzionale approvata dal Parlamento. federalismi.it,

RIVOSECCHI G (2016). I senatori di nomina presidenziale: una carica da ripensare?. Rassegna parlamentare, p.211 - 242.

how to dose lasix medication
dose alphagan coupon

dose blopress 16mg

Il curriculum, fortemente innovativo per la connotazione scientifica e la didattica interattiva in uno stretto e continuo rapporto tra discenti, docenti e tutori, garantisce una formazione pienamente allineata a quella dei migliori atenei europei e nordamericani, con i quali vuole competere.

Il successo del Corso è testimoniato sia dal vastissimo numero di iscrizioni al Test di ammissione, sia dal basso numero di studenti fuori corso, nonché dal successo dei nostri laureati nell’ammissione alle principali Scuole di Specializzazione italiane e straniere e ai corsi di Dottorato di Ricerca.

Brochure.

Obiettivi.

La Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia offre differenti sbocchi professionali, in particolare quelli di Medico di Medicina Generale, di Medico Specialista e di Ricercatore.

In ognuno di questi campi, il San Raffaele prepara professionisti altamente qualificati e in grado di competere a livello internazionale. In particolare, i programmi e le caratteristiche peculiari della Facoltà forniscono ai laureati un’eccellente preparazione teorica nelle discipline di base e cliniche nonché significative abilità pratiche, adatte a farne dei medici con solide competenze in tutti i campi della medicina, pronti a perfezionarsi nei differenti corsi di specializzazione successivi alla laurea.

Perche studiare medicina e chirurgia in UniSR?

L’eccellenza della formazione è resa possibile dal basso numero di iscritti; da un corpo docente composto da esperti di statura internazionale e disponibili all’interazione con gli studenti; dall’attività di tutoraggio per l’inserimento in laboratori e reparti, di orientamento e didattico con possibilità di disegnare curricula parzialmente differenziati; da modalità didattico-pedagogiche innovative basate anche sulla soluzione dei problemi (problem-based learning); dall’ampia offerta di conferenze e seminari dei massimi esperti mondiali.

Guardiamo ai numeri.

Percentuale di studenti che dichiara molto efficace la Laurea nel lavoro svolto.

Dati Alma Laurea 2016.

Classifica Censis 2016 per la progressione di carriera e l’internazionalizzazione.

senza prescrizione capoten classification of living
prezzo di avapro generic irbesartan

blopress senza prescrizione medica

Test Medicina 2018: come iscriversi al test.

Scopri tutte le scadenze da rispettare, i documenti necessari e la gestione delle preferenze.

IMAT 2018: quali sono gli argomenti da studiare.

Dal bando Miur le informazioni per prepararsi al test d'ingresso. Miur AFAM.

Bando per l’ammissione alle Scuole di specializzazione in Medicina a.a. 2013/14.

VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive modificazioni, recante "Riforma dell'organizzazione del Governo, a norma dell'articolo 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59" e, in particolare, l'articolo 2, comma 1, n. 11), che, a seguito della modifica apportata dal decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, istituisce il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca;

VISTO il decreto legge 16 maggio 2008, n. 85, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 121, recante "Disposizioni urgenti per l'adeguamento delle strutture di Governo in applicazione dell'articolo 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244" che, all'articolo 1, comma 5, dispone il trasferimento delle funzioni del Ministero dell'università e della ricerca, con le inerenti risorse finanziarie, strumentali e di personale, al Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca;

VISTO il decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 368, recante "Attuazione della direttiva 93/16/CEE in materia di libera circolazione dei medici e di reciproco riconoscimento dei loro diplomi, certificati ed altri titoli e delle direttive 97/50/CE, 98/21/CE, 98/63/CE e 99/46/CE che modificano la direttiva 93/16/CEE", e, in particolare, l'articolo 34, comma 3, che individua le scuole di specializzazione, e l'articolo 35, comma 2, che prevede che il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, acquisito il parere del Ministero della Salute, determina il numero dei posti da assegnare a ciascuna scuola di specializzazione medica;

VISTO il decreto del Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, 1 agosto 2005, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 5 novembre 2005 n. 285, supplemento ordinario n. 176, relativo al riassetto delle scuole di specializzazione di area sanitaria e successive modificazioni e integrazioni;

VISTO il decreto del Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, d'intesa con il Ministero della Salute, del 29 marzo 2006 con il quale sono stati definiti gli standard e i requisiti minimi delle scuole di specializzazione e successive modificazioni e integrazioni;

shuddha guggulu mgoblog recruiting