moduretic online filmek a neten

singulair generico definicion de filosofia

acquisto moduretic maroc map

Anche per questi Corsi lo studente avrà un tutor a lui dedicato, che lo affiancherà nelle sue esigenze didattiche e organizzative, per un percorso piacevole e proficuo. Esami test medicina.

Sciogliere 4 buste di ISOCOLAN in 2 litri di acqua e bere la sera dopo cena. Sciogliere 4 buste di ISOCOLAN in 2 litri di acqua e bere la mattina. Il giorno prima dell’esame pranzo e cena leggera: - semolino in brodo vegetale con poco olio - carne magra 100 gr. alla griglia - 1 succo di frutta Il giorno dell’esame deve rimanere a digiuno.

1 ora prima dell'esame bere 1 litro di acqua senza più urinare fino a completamento dell'esame.

2 ore prima dell'esame eseguire un clistiere già pronto acquistato in farmacia.

7 giorni prima dell'esame togliere dalla dieta latte, latticini e tutti i derivati che contengono lattosio. La sera prima dell'esame si deve mangiare: riso con olio d'oliva, carne o pesce ai ferri, il tutto non oltre le 20,30. Il giorno dell'esame a digiuno e non fumare.

Per una settimana non si possono prendere nè antistaminici nè cortisonici.

Il prelievo puo' essere eseguito in qualsiasi momento del giorno.

Il giorno prima dell'esame:

Per l'Urografia occorrono esami del sangue: - Creatinina - Azotemia.

Nei due giorni precedenti a quello dell'esame SI PUO' MANGIARE CARNE, PESCE, FRUTTA SENZA SCORIE ( NON FRULLATI).

Azotemia,Creatinina, Protidemia, Protidogramma.

Dieta priva di scorie per tre giorni (no frutta, no verdure, no legumi, no prodotti integrali).

L'esame si esegue tra 8° e 9° giorno dell'inizio del ciclo.

Per in tre giorni che precedono il test, si consiglia una alimentazione ricca di scorie (per esempio legumi, insalata, pane integrale, etc).

Portare esami del sangue di azotemia e creatinina non antecedenti ai 3 mesi e presentarsi a digiuno da almeno sei ore.

sconto del furosemide medication 40mg
comprare generico toprol xl medication uses

moduretic genericon cosplay

Modena e/o Reggio Emilia.

Avvisi Tutti gli Avvisi.

Nell’a.a. 2018/2019 a Unimore partirà una nuova laurea triennale in Storia e Culture contemporanee.

Elevato al rango di “Dipartimento di Eccellenza” da parte del MIUR per un progetto relativo alla creazione di un Polo di Ricerca Interdisciplinare sulla.

Modena e/o Reggio Emilia Mag 15.

Intervento e terapia delle psicosi. Lezione magistrale di Merete Nordentoft il 18 maggio.

Un incontro dedicato agli studi randomizzati controllati sull’intervento precoce e la terapia delle psicosi è l’appuntamento, organizzato dalla Scuola di.

Modena e/o Reggio Emilia Mag 15.

Due iniziative al Museo Gemma e all'Orto botanico venerdì 18 maggio.

Due iniziative rivolte al pubblico sono promosse dal Museo Gemma 1786 del Dipartimento di Scienze chimiche e geologiche e dall’Orto botanico di Unimore in.

Modena e/o Reggio Emilia Mag 15.

Si parla di testamento biologico all'Accademia Nazionale di Scienze Lettere ed Arti il 19 maggio.

colchicine .5 mg
costo di etodolac dosage information

acquisto moduretic maroc map

I servizi si occupano della diagnosi e della terapia medica/chirurgica dei problemi di salute maschili inerenti la funzione sessuale e la funzione riproduttiva. Le principali patologie affrontate comprendono: infertilità, azoospermia, varicocele, disfunzione erettile, calo del desiderio, eiaculazione precoce, curvatura peniena, idrocele, fimosi, frenulo breve.

Diagnosi Prenatale.

La Diagnosi Prenatale comprende le procedure per riconoscere o escludere la presenza di anomalie congenite nel feto. Presso S.I.S.Me.R., le indagini di Diagnostica Prenatale vengono eseguite dall’Unità di Medicina Prenatale di Tecnobios Prenatale.

Laboratori.

Il Laboratorio PMA esegue tutte le tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita di I, II e III livello. Tali tecniche sono parte integrante dei cicli di trattamento e non possono prescindere da essi, quindi vengono prenotate e prescritte contestualmente.

Oculistica.

Il Servizio di Oculistica è attivo presso SISMeR da oltre dieci anni. All’interno della sala operatoria del Centro SISMeR di Bologna, è possibile eseguire i maggiori interventi di chirurgia oculistica in regime di day hospital:

Chirurgia Plastica.

Comunemente la chirurgia plastica viene considerata solo come metodo per migliorare il corpo. Questa disciplina nasce in realtà fin dall’antichità come chirurgia riparatrice e solo negli ultimi decenni si è messa anche al servizio della bellezza.

Il ruolo del chirurgo plastico pertanto è quello di correggere e migliorare difetti ed imperfezioni, ristabilendo armonia ed equilibrio sia nelle proporzioni del corpo sia a livello psicologico; un aspetto piacevole e bello aiuta infatti ad avere maggior fiducia in sé stessi, nel rapporto con gli altri e con il mondo esterno.

Centro per lo studio e la cura della tosse.

Il Centro per lo Studio e la Cura della Tosse, fondato a Bologna nel 1996, è la prima struttura creata in Europa ad occuparsi esclusivamente del problema della tosse.

I PROGRAMMI S.I.S.Me.R.

Gli esperti S.I.S.Me.R. hanno studiato soluzioni innovative da mettere a disposizione dei propri pazienti che possono così usufruire di “programmi” creati ad hoc e di godere di benefici sia.

comprare cardura xl
ventolin generico significado de los nombres

dosaggio moduretic marocain

36° Campus Militare di Studi Veterinari.

Per gli studenti del 4° e 5° anno del corso di laurea in Medicina Veterinaria, è possibile candidarsi alla partecipazione del 36° Campus Militare di Studi Veterinari (dal 18 al 29 giugno 2018). Agli interessati è stata inviata una email nella casella di posta elettronica d'Ateneo con i dettagli sulle procedure da seguire per partecipare alla selezione.

La Medicina Veterinaria nella Prima Guerra Mondiale.

Mostra " La Medicina Veterinaria nella prima guerra Mondiale": dal 27 aprile 2018 all'8 giugno, presso la Segreteria Didattica - Via Celoria 10 - Milano (1° piano) Dal Lunedì al Venerdì. Orario: dalle 9.30 alle 12.00 - dalle 14.00 alle 16.00.

AVVISO ABA SPA STPA.

Il presidente del Collegio Didattico STPA, Prof. Moretti, riceve gli studenti il mercoledì dalle 11.00 alle 12.00 presso la Palazzina del Dipartimento Vespa, 3° piano.

Nuovo Regolamento del tirocinio per i CdL in ABA e SPA.

Dal 1 marzo 2018 entra in vigore il nuovo Regolamento del tirocinio per i CdL in ABA e SPA - Classe L-38 (H13-H16). Tutte le informazioni sono disponibili nella pagina dedicata.

ORARIO LEZIONI II SEMESTRE.

Sono disponibili gli orari delle lezioni del secondo semestre dell'a.a. 2017/2018.

Tirocinio Medicina Veterinaria.

Si comunica che nella pagina dedicata sono pubblicati i calendari ed i turni del tirocinio H15.

Comunicazione urgente per studenti Fuoricorso e Ripetenti del 3°, 4° e 5° anno di Medicina Veterinaria.

Carta del Laureando.

Cari Studenti, in prospettiva dell’inizio del nuovo anno accademico, cogliamo l’occasione per inviarvi, insieme ai migliori auguri per una buona ripresa delle vostre attività didattiche, poche righe di commento per sottolineare, e ricordarvi, l’entrata in vigore della Carta del laureando, un documento alla cui redazione hanno collaborato docenti, studenti e personale amministrativo. La seduta di laurea è un momento solenne e importante, che segna il coronamento di un percorso formativo accademico, che richiede impegno, dedizione e determinazione non solo da parte dello studente ma anche del corpo docente. Il raggiungimento di questo traguardo, che ha comportato un grosso investimento di risorse intellettuali e materiali, deve pertanto essere fonte di soddisfazione e orgoglio per gli studenti, per le loro famiglie, per i docenti coinvolti e per l’intera istituzione accademica. Ogni laureando, in occasione di un evento di tal rilevanza per la propria vita personale e professionale, ha il diritto di attendersi un adeguato riconoscimento e una cerimonia dignitosa, e questo diritto può essere garantito solamente se la responsabilità di un comportamento adeguato e consono alla solennità della situazione è condivisa tra personale accademico, laureandi, famiglie ed accompagnatori. La nostra Università intende celebrare degnamente questo momento, valorizzandolo pienamente in tutto il suo significato e riproponendolo nella sua migliore tradizione culturale. E’ con questo unico intento, e per riportare il momento e il luogo della laurea nella dimensione di giusta solennità e sobrietà, che è stato stilato un codice di comportamento a cui il laureando, insieme a coloro che lo accompagnano e festeggiano nel giorno della sua laurea (triennale o magistrale), è invitato ad attenersi nel rispetto della dignità del titolo di studio che gli viene conferito, del decoro dell’Università degli Studi di Milano e del lavoro di tutti coloro che operano all’interno dell’Ateneo. Siamo sicuri che condividerete lo spirito del documento e che collaborerete a far sì che le semplici disposizioni contenute nella Carta siano diffuse il più possibile fra gli studenti in modo che le facciano proprie.

senza prescrizione arjuna mahabharata

costo di moduretic medication for anxiety

acquisto vasotec contraindications for ultrasound

moduretic genericon schedule

online a buon mercato lanoxin drug label

moduretic generico definicion de tecnologia

comprare la consegna di furosemide durante la notte stellata di

posso avere moduretic medication for depression

FASI DEL TRATTAMENTO.

CENTRAGGIO o SIMULAZIONE: consiste in una TAC (senza mezzo di contrasto) effettuata con il corretto posizionamento del corpo che poi il paziente dovrà mantenere per tutto il ciclo di radioterapia, che ha lo scopo di individuare il volume bersaglio e gli organi circostanti da risparmiare. PIANO DI CURA: il Radioterapista Oncologo in stretta collaborazione con il Fisico Sanitario, elaborano le informazioni acquisite con la TAC e preparano il piano di cura personalizzato. Inoltre l’innovativo software RAY STATION per lo sviluppo dei piani di cura permette di effettuare una “fusione” di immagini di diverse metodiche, come la PET o la RM ( per esempio la RM multiparametrica per il tumore della prostata) con la TAC di centraggio, per una ancor più precisa valutazione del bersaglio e la salvaguardia degli organi circostanti. TRATTAMANTO: il trattamento radiante viene effettuato tramite Acceleratore lineare (Elekta Precise) quotidianamente dal Lunedì al Venerdì per una durata di circa 15 min. Il trattamento radioterapico è eseguito di norma in regime ambulatoriale, non è invasivo e non provoca dolore. Nel corso del trattamento vengono effettuati controlli giornalieri per la corretta esecuzione della terapia e il nostro staff è a disposizione del paziente e dei suoi familiari in qualsiasi fase del trattamento. PRECAUZIONI: nessuna. Il paziente può continuare le sue attività lavorative e familiari, non è assolutamente radioattivo e può pertanto stare a contatto con bambini o donne in stato di gravidanza.

dal Lunedi al Venerdi dalle ore 7.00 alle ore 16.30.

Tel 0694285417 – 0694285462.

Medicina Nucleare.

Responsabile D.ssa Rita Cucchi.

Medico Dr. Claudio Barbarossa.

Allergologia.

Medico D.ssa Francesca Lintas.

Aandrologia.

Responsabile leggi di più → Dr. Patrizio Vicini.

Centro Cefalee.

Medici Dr. Paolo Rossi.

Dr. Lorenzo Cherubino.

comprare torsemide a buon mercatoner
come acquistare hyzaar medication information

acquisto moduretic maroc map

Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Farmacia [LMCU] Scuola di: Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie Laurea Magistrale a ciclo unico - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 9219 Anni Attivi: I Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Farmacia [LMCU] Scuola di: Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie Laurea Magistrale a ciclo unico - A.A.2017/2018 Sede didattica: Rimini Ordinamento D.M. 270 - Codice 9223 Non sono previsti curricula. Non è prevista la possibilità di presentare piani di studio individuali. Anni Attivi: I anno.

Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Scienze delle attivita' motorie e sportive [L] Scuola di: Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Rimini Ordinamento D.M. 270 - Codice 8766 Anni Attivi: I, II, III.

Non sono previsti curricula.

Anni Attivi: I anno.

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

1) Structural engineering 2) Infrastructure design in river basins 3) Offshore engineering.

Corso interamente internazionale Titolo multiplo Lingua: Inglese Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Design del prodotto industriale [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8182 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria aerospaziale [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Forlì Ordinamento D.M. 270 - Codice 9234 Anni Attivi: I Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria biomedica [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Cesena Ordinamento D.M. 270 - Codice 0946 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria biomedica [LM] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Cesena Ordinamento D.M. 270 - Codice 8198 Anni Attivi: I, II Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria chimica e biochimica [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8887 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria chimica e di processo [LM] TDM EN Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8896.

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

Corso con uno o più curricula internazionali Solo alcuni curricula rilasciano titolo multiplo Lingua: Italiano, Inglese Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria civile [LM] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 0930.

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

dosaggio doxazosin cardura
micardis a buon mercatox twitter

acquisto moduretic maroc map

è anticipata nella stessa giornata dalle 10.30 alle 12.30 in aula D.

Variazione orario CdLMCU in Med.e Chirurgia 3°anno (Prof.ssa F.Carle)

La prof.ssa F.Carle, il giorno 18/5/2018 dalle 14.30 alle 17.00 in aula T recupererà una lezione di "Epidemiologia Clinica "non svolta precedentemente per emergenza neve.

Variazione orario CdL in Infermieristica 2°anno (prof.ssa F.Gallone)

La prof.ssa F.Gallone,recupererà un lezione non svolta precedentemente, nelle seguenti giornate:

14 maggio aula O dalle 8.00 alle 10.00 e dalle 17.00 alle 18.00.

18 maggio aula O dalle 17.00 alle 19.00.

variazione orario CdLMCU Medicina 3°anno (Prof. Taccaliti)

Si comunica l'anticipo della lezione del 18 maggio di Endocrinologia del Prof. Taccaliti a giovedì 17 maggio con orario 9.00/14.00 in aula 2.

Comunicazione per CdLMCU in Med.e Chir. 2°anno.

Lo SKILL “Indagini strumentali” per i gruppi dal 201 al 207.

avalide ordina onlinesbi retail
dove compro il betapace af vs betapace

acquisto moduretic maroc map

La formazione universitaria si distingue dall'istruzione perché l'università non è il luogo dell'erudizione, anche se in essa si acquisisce un crescente numero di informazioni. L'erudizione non ha di per sé la capacità di formare la persona, né di coltivare la sua intelligenza. La conoscenza autentica ha bisogno di innalzarsi sulla mera messe dei dati, deve saperli organizzare e giudicare, ricondurli ad un principio, comprenderne le reciproche relazioni, dar loro una forma (cfr. ibidem, p. 176). Per Newman, la finalità dell'università non può essere nemmeno la preparazione professionale, con tutto ciò che anche noi intenderemmo oggi con questo termine. Egli non è per nulla contrario al fatto che vi insegnino delle scienze pratiche, ma ritiene che una scienza di questo tipo, isolata in sé e staccata dal senso che occupa in una visione globale, non può essere l'unico orizzonte della formazione di una mente “universitaria”. Così lo esprime lo stesso Newman in un brano che merita di essere citato per intero: «Se dunque polemizzo, e dovrò polemizzare, contro la conoscenza Professionale o Scientifica come fine sufficiente di un'Educazione Universitaria, non pensiate, Signori, che voglia mancar di rispetto a studi, o arti, o vocazioni particolari, e a coloro che sono impegnati a essi. Nel dire che la Legge o la Medicina non sono il fine di un'educazione Universitaria, non intendo dire che l'Università non deve insegnare la Legge o la Medicina. Che cosa infatti essa può insegnare, se non insegna qualche cosa di particolare? Essa insegna tutta la conoscenza insegnando tutti i suoi settori, e in nessun altro modo. Io dico soltanto che vi sarà questa distinzione per quel che riguarda un Professore di Legge, o di Medicina, o di Geologia, o di Economia Politica, in un'Università e fuori di essa, che fuori di un'Università egli corre il pericolo di essere assorbito e circoscritto dalla sua specializzazione e di fare lezioni che sono nulla più che le Lezioni di un giurista, di un medico, di un geologo, o di un economista politico; mentre in un'Università egli sa dove collocare se stesso e la propria scienza, a cui giunge, per così dire, da una sommità, dopo aver avuto una visione globale di tutto il sapere, è trattenuto dalla stravaganza dalla stessa competizione di altri studi, trae da essi un'illuminazione speciale e un'ampiezza mentale e un senso di libertà e il possesso di sé, e tratta di conseguenza il suo proprio settore con una filosofia ed una ricchezza di risorse, che non appartengono allo studio in se stesso, ma alla sua educazione liberale» ( ibidem, pp. 201-202).

L'educazione universitaria non è finalizzata al sapere religioso o alla formazione morale. La sua libertà è tale da sganciarla anche da un ordinamento di questo tipo. L'educazione liberale offre certamente una valida preparazione alle virtù cristiane, ma da sola non le determina, né viene vista in funzione di esse. Un'intelligenza ben formata non corrisponde necessariamente ad una personalità cristiana e sarebbe ancora compatibile con l’assenza della fede in Dio. Newman terrà pertanto a sottolineare che «l'educazione liberale non fa il cristiano, né il cattolico, ma il gentleman » ( ibidem, p. 159). Caratteristica importante della formazione che l'università è chiamata a dare è la capacità di giungere ad una visione unificata della realtà, alle distinzioni fra le varie discipline ed ai nessi fra le loro conoscenze, ad un giudizio critico sulle conclusioni cui ciascuna di esse perviene, riconoscendo nel contempo il contributo di ogni sapere parziale alla ricerca di una verità colta come coerenza con il tutto. Questa attività di unificazione e di discernimento risponde primariamente ad un “ habitus filosofico”, a quello che forse potremmo chiamare uno “sguardo metafisico”. L'educazione liberale, che in vari luoghi Newman indicherà col termine di «educazione filosofica», diviene allora quell'educazione adeguata ad esercitare tale sguardo, riconoscendovi un sapere che ha valore in sé. «Tutti i settori del sapere sono, almeno implicitamente, l'oggetto dell'insegnamento universitario; questi settori non sono isolati e indipendenti l'uno dall'altro, ma formano insieme un tutto o un sistema; essi si fondono e si completano vicendevolmente, e l'esattezza e la veridicità del sapere che essi, ciascuno per suo conto, trasmettono, sono relative alla visione che ne abbiamo come di un tutto; la vera cultura consiste nel processo di trasmissione del sapere all'intelletto in questa maniera filosofica; una tale cultura è un bene in se stesso; la conoscenza la quale è tanto il suo strumento quanto il suo risultato è chiamata Conoscenza Liberale» ( ibidem, pp. 246-247).

Newman aspira ad un'educazione universitaria dove ogni disciplina venga impartita tenendo presente gli apporti delle altre ed il contesto generale cui tutte appartengono; un’educazione che ha in se stessa il motivo ultimo della sua “utilità”; un'educazione, infine, necessaria per ogni vita morale buona, ma insufficiente, da sola, a causarla. La sua tensione positiva verso la verità, cercata in una sapienza filosofica che tutto unisce e tutto giudica, e l'ascesi intellettuale che ne deriva, la distanziano decisamente da un'educazione “neutra”, anche se non v'è motivo di chiamarla “cristiana”. In un contesto profondamente mutato, come è quello odierno, l'attualità del pensiero di Newman deriva dal fatto che il suo non è un modello di università, bensì un modello di educazione della persona. Egli vuole mostrare fino in fondo le implicazioni personali della cultura, capaci di determinare tutto un modo di porsi di fronte al mondo, agli altri, alla propria coscienza: per questo, la sua «Idea» rappresenta ancor oggi una riflessione suggerente.

2. Verità e interdisciplinarità nella “Idea di Università” di Karl Jaspers. A distanza di un secolo dall’opera di Newman, il saggio Die Idee der Universität del filosofo e psicologo tedesco Karl Jaspers (1883-1968) converge con essa su due importanti concezioni di fondo: nell'università si coltiva una conoscenza che ha valore in se stessa e non in ordine ad altri fini, giustificando così la richiesta della sua autonomia e libertà; essa deve specialmente dedicarsi alla formazione delle virtù, all'interno di una visione fortemente unitaria della conoscenza. Sua caratteristica principale è la libertà accademica, che rappresenta per Jaspers il privilegio implicato dall'obbligo di insegnare la verità. Espressione della prima e fondamentale sete di conoscenza di ogni essere umano, la scienza possiede per Jaspers un fine in se stessa e la sua “utilità” non dipende dalle applicazioni pragmatiche. Con la frase «essere un fine in sé», il filosofo non vuol dire che la scienza leggittimi da sé ogni risultato od ogni applicazione che sia tecnicamente possibile: egli vuole invece indicare che il suo movente adeguato sta nell'impegno dell'uomo verso la conoscenza, nella sua continua speranza di aumentarne le frontiere, fino a trascendere la scienza stessa. La scienza non è però un “assoluto”, sia perché attività di un soggetto che ha bisogno, per esercitarla, di assunzioni, conoscenze previe o convincimenti esterni al sapere scientifico, sia perché essa ha bisogno di un senso che le assegni una direzione.

Siamo così di fronte ad un’apparente aporia: da un lato la scienza rappresenta un valore in se stessa, dall'altro necessita di una direzione. La sua incompletezza non è dovuta solo ad un quadro gnoseologico che non si regge da solo, ma principalmente al suo bisogno di un sostrato vitale: la scienza, per Jaspers, «non può essere né vera, né viva senza una fede sulla quale possa poggiarsi». L’aporia verrà risolta sostenendo che, se vogliamo proteggerla da un asservimento a fini esterni ad essa, l’impresa scientifica deve possedere una dimensione teleologica che provenga dall'interno della sua fenomenologia. Questa direzionalità riconosciuta “dal di dentro” procede da radici più profonde di quelle della scienza medesima, ma innestate su un terreno fondante, antropologico, dal quale discendono i motivi del suo esistere, quello del desiderio di conoscere ciò che ancora non si conosce e quello dell'impegno esistenziale di cercare la verità, l'aspirazione a trovarla nell'unità e nella coerenza del tutto.

L'impresa scientifica, oltrepassando la ragione discorsiva, riceve direzionalità dal desiderio umano di voler porre le parti in relazione con il tutto, dalla volontà di legare la “pluralità” delle esperienze e delle discipline con quella “unità” che deve necessariamente sostenerle affinché esse abbiano senso. «Spinti dalla nostra primaria sete di conoscenza, tale ricerca è guidata dalla nostra visione dell'unicità della realtà. Cerchiamo di conoscere delle particolari informazioni, non per loro stesse, ma come via per giungere a quella unicità. Senza un riferimento all'intero dell'essere, la scienza perde significato. Con esso, al contrario, anche le più specializzate branche della scienza acquistano significato e vita [. ]. Ciò che determina la vera direzione di ogni ricerca è la nostra abilità a perpetuare, cioè a porre continuamente in relazione fra loro, due elementi del pensiero. Uno è la nostra volontà di conoscere l'infinita varietà e molteplicità della realtà che sempre ci sfugge; l'altro è la nostra reale esperienza di unità che soggiace a questa pluralità» (tr. ing. The Idea of University, London 1965 2, p. 38). L'università è, per Jaspers, proprio il luogo ove realizzare, almeno in linea di principio, questa unità del tutto, ove la conoscenza, lasciata libera di spingersi nella ricerca della verità, può giungere fino a trascendere se stessa. La sua concezione dell'unità del sapere condurrà il filosofo a teorizzare anche la presenza di una “Facoltà di Tecnologia”, da affiancare alle quattro tradizionali sorte nell'università medievale, col fine di sottoporre la visione del mondo ed il complesso di trasformazioni di cui la tecnica è ormai protagonista, ad una sorta di “verifica culturale”. La Tecnologia sarebbe così chiamata, nel suo insieme, a chiarire i suoi presupposti, non solo scientifici ma anche culturali, all'interno di un dibattito universitario qualificato, al pari di quanto fecero la Medicina, il Diritto e la Teologia, per mostrare pubblicamente la sua capacità di dare origine ad un complesso di conoscenze coerenti in sintonia con quelle delle altre Facoltà.

Nel dibattito culturale ospitato dalle università, indispensabile per il progresso delle conoscenze, hanno diritto di partecipare le diverse scuole scientifiche e filosofiche, sorte spontaneamente dalla trasmissione della tradizione o dal lavoro personale dei grandi maestri, purché esse siano in grado di esprimere un pensiero realmente “universitario”, cioè capace di confronto dialettico, di analisi razionale, di sguardo critico. Le varie “visioni del mondo” non sono ammesse d'ufficio all'università con il semplice scopo di garantire una pluralità di opinioni, né possono essere forzatamente indotte dall'esterno, perché questo sarebbe ingerenza ideologica. Per legittimarne la presenza, non si richiede loro una fondazione razionale esauriente dei propri asserti (“razionale” è qui usato nel senso empirico-logico del termine) in quanto ogni Weltanschauung si basa anche su criteri extra-scientifici; a ciascuna di esse si richiede piuttosto la capacità di spiegare la propria sintesi in un contesto interdisciplinare, accettando il confronto critico. Se nel corso della storia una determinata “visione” ha dato origine ad un pensiero culturale sufficientemente fondato e profondo, essa si troverà “già di fatto” nel mondo universitario, attraverso i libri, i risultati, le testimonianze dei loro qualificati esponenti. L'università, in sostanza, non è il luogo delle diverse visioni del mondo, ma il luogo degli studiosi che hanno diverse visioni del mondo, e le hanno perché esse sono diventate cultura. Precisa anche la visione dei suoi rapporti con lo Stato: questo provvede istituzionalmente all'università e al suo funzionamento, proteggendola se necessario, ma deve rispettare la sua libertà di ricerca e di insegnamento. Il lavoro universitario deve svolgersi privo di condizionamenti di carattere politico o ideologico. La libertà accademica è paragonata da Jaspers ad una sorta di “libertà religiosa”, qualcosa che lo Stato deve garantire come diritto primario e del quale non può disporre a suo piacimento, perché non ne ha l'autorità.

Nella riflessione di Jaspers sull'università convergono una prospettiva epistemologica di taglio kantiano, una componente idealista presente nella sua visione d'insieme delle scienze e nella loro relazione con il tutto, ed una radice profondamente esistenzialista, riconoscibile in una ricerca del vero concepita come avventura personale e sensata, ma incompiuta. In accordo con le conseguenze ultime dell'esistenzialismo, della verità egli non pone tanto l'accento sulla capacità di dirigere lo sguardo sull'Essere, quanto sull'innato e continuo desiderio della sua ricerca. Di qui i limiti della sua impostazione ma, allo stesso tempo, anche i pregi della radicalità con cui difende l'impegno esistenziale nella ricerca della verità e le esigenze di libertà ad esso associate.

V. La presenza della teologia nel contesto delle altre discipline universitarie.

Considerare l'università come luogo dell'interdisciplinarità e dell'unità del sapere, insistendo sulla sua valenza culturale — come sostenuto da Newman o da Jaspers — legittima la domanda su quale possa essere il ruolo della teologia in un contesto universitario. Non ci riferiamo al fatto che l'insegnamento della teologia venga impartito a livello superiore e conferisca dei corrispondenti gradi accademici — cosa che di fatto già avviene nelle università ecclesiastiche (vedi supra, III) — ma al fatto che la teologia abbia una sua Facoltà all'interno di un campus universitario pubblico. La giustificazione di tale presenza non è cosa immediata: se infatti insegnamenti come storia delle religioni, filosofia della religione o letteratura cristiana antica possono rientrare in un curriculum di materie umanistiche, l'insegnamento della teologia, che si poggia sulla Rivelazione biblica, potrebbe risultare assai meno scontato, potendosi quest’ultima accettare solo nella fede, da un soggetto credente. Attualmente la teologia conserva le sue cattedre nelle università statali di lingua tedesca, mentre in Paesi come l’Italia, la Francia o la Spagna, queste non furono più reinserite dopo la loro chiusura nell’Ottocento. Nei paesi di lingua inglese il processo di ampliamento contenutistico (quando non di sincretismo religioso) ha condotto buona parte delle cattedre di Divinity a perdere molte delle tradizionali specificità dell'insegnamento teologico.

posso avere cardura 4mg side