comprare bystolic a buon mercatone del

dose betapace side effects

bystolic pillole per dimagrire in farmacia

Corso Ammissione disponibile a: Palermo, Cosenza.

Preparazione Full Immersion 2018.

per i TEST del 2018.

dal 18 LUGLIO al 31 AGOSTO 2018 per Medicina, Odontoiatria, Veterinaria, Professioni Sanitarie.

Il Percorso Full Immersion è un ottimo strumento per superare i test di ammissione alle facoltà a numero chiuso dell’area biomedica mediante una sessione intensiva di lezioni teoriche, verifiche e simulazioni cartacee rispecchianti i test ufficiali. Il Corso Full Immersion con le sue lezioni di riepilogo e le numerose simulazioni cartacee dei quiz stile MIUR è quello con più ore didattiche totali in tutta Italia, per dedicare la giusta attenzione ad ognuno di loro sotto l’aspetto della didattica, della risoluzione dei quiz, della gestione dell’ ansia e dell’approccio all’esame. Lo studente, grazie ad una metodologia unica, fa propri i contenuti teorici e le strategie di risoluzione dei quiz e del test,in modo da affrontare, con competenza e serenità, il famigerato e temuto test di ammissione grazie alle rinomate simulazioni cartacee CST, che rispecchiano fedelmente quelle ministeriali, con l’utilizzo della griglia di risposte in copia fedele a quella ufficiale, la correzione automatizzata e la consegna immediata del risultato relativo al test effettuato.

Area: Bio - Medica.

Corso Ammissione MEDICINA ODONTOIATRIA VETERINARIA disponibile a: Palermo, Cosenza.

Corso Ammissione PROF. SANITARIE, BIOLOGIA, FARMACIA, CTF disponibile a: Palermo, Cosenza, Crotone.

Tutoring Liceo ed Esami Universitari.

Tutoring Liceo.

I Corsi di Recupero CST ti permettono di avere un tutoraggio specifico per il recupero delle materie scolastiche, in tempo per la fine dell’anno e non rischiare di avere debiti formativi o di dover ripetere l’anno.

Preparazione universitaria.

alphagan spedizione pacchi sda
costo di arjuna elektronik laptop

quanto bystolic medication

Clicca sull'immagine e scarica il modulo.

Clicca sull'immagine e scarica il modulo.

Il seminario vuole fare il punto sulla didattica motivazionale, con particolare attenzione alle motivazioni centrifugative e agli stati centrifugativi del cane. Fornire strumenti di lavoro sia per gli educatori che per gli istruttori cinofili.

Giornata di confronto e condivisione Progetti IAA con il Cane.

Clicca sull'immagine e scarica il modulo.

Clicca sull'immagine e scarica il modulo del corso.

Analisi dei contributi referenziali di gatto e coniglio e il loro coinvolgimento nei progetti di zooantropologia. Se si è già in possesso del titolo di Coadiutore del cane e animali d'affezione, frequentando questo seminario si consegue il titolo di coadiutore del coniglio e del gatto secondo le Linee Guida Nazionali per gli IAA. Docenti: Marzia Possenti Modulo di iscrizione disponibile a breve.

Giornata di confronto e condivisione Progetti IAA altri animali.

L'obbiettivo del seminario è quello di mettere in evidenza la stretta correlazione tra il deficit, la difficoltà e le limitazioni che insorgono nei problemi fisici e i risvolti comportamentali. Troppo spesso si sottovalutano, nel caso di cani con patologie organiche, le ripercussioni comportamentali che possono essere scatenate come l' irritabilità, la depressione e l'ansia. La nostra intenzione è quella di mettere in relazione queste due branche della medicina veterinaria per far risaltare com.

Come proteggersi dal burn out e dalla compassion fatigue. Promuovere la consapevolezza del proprio mondo interiore per prevenire episodi di burn out e compassion fatigue e instaurare relazioni di aiuto buone per sé e per l'altro. Docenti: Ilaria Falchi Modulo di iscrizione disponibile a breve.

Spesso la perdita di un animale familiare è vista come una perdita relativa, non intensa come altri tipi di lutto. Il gruppo AMA (Auto Mutuo Aiuto) è specializzato nel sostenere e aiutare a elaborare il lutto. Docenti: S. Uccheddu Modulo di iscrizione disponibile a breve.

Presentazione del progetto "Una carezza in una zampa" con pazienti con disturbi alimentari (Anoressia, Bulimia e Binge Eating Disorder) dell'Ospedale San Raffaele di Milano. Docenti: Odette Abramovich, Gaja Morri, Silvia Oberoi e Roberta Porta. Modulo di iscrizione disponibile a breve.

posso avere revatio side
dosaggio coreg carvedilol medication

comprare generico bystolic copay assistance

Studenti Scuole Superiori.

Per contattarci.

Milano 800 209 902.

Brescia 030 2406246 / 256.

Piacenza 0523 599372 / 186.

Cremona 0372 499101 / 138.

Roma 06 30155720 / 6809.

Anno accademico 2018/19.

Offerta formativa a.a. 2018/19.

Scopri i nostri corsi di laurea triennale e a ciclo unico per il prossimo anno accademico.

Immatricolazioni, scadenze e criteri di accesso.

Sono disponibili le norme per l'ammissione al primo anno dei corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico per l'anno accademico 2018-19.

Be Smart! Young Startupper Competition.

Piccoli imprenditori crescono!

Be Smart! Young Startupper Competition è un percorso didattico ed esperienziale multidisciplinare promosso dalla Facoltà di Economia del Campus di Roma nell'ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro. Come iscriversi ai test di medicina.

Per accedere a tutti i corsi di laurea triennale e magistrale a ciclo unico occorre sostenere una prova di ammissione o di accertamento:

per i corsi ad accesso programmato è previsto un numero limitato di posti, pertanto si potrà immatricolare solo chi avrà superato il test collocandosi in posizione utile in graduatoria; per i corsi ad accesso libero l'esito negativo del test non impedisce l'immatricolazione: il mancato raggiungimento di un punteggio minimo può dare origine ad obblighi formativi aggiuntivi da assolvere entro il primo anno di corso.

Per informazioni sulla struttura, gli argomenti e le date della prova è necessario consultare la pagina relativa agli Avvisi di ammissione dei corsi di interesse.

tablet celebrex lawsuit drug
innopran xl a buon mercatornet

bystolic genericode download

Ai fini dell'attribuzione del punteggio previsto il sistema calcolerà automaticamente la media aritmetica dei voti ottenuti. Nel calcolo della media aritmetica il voto 30 e lode viene considerato pari al voto 30/30. La media aritmetica semplice è arrotondata alla prima cifra decimale (es. 28,44 = 28,4; 28,45 = 28,5).

2. Voto ottenuto negli esami fondamentali e caratterizzanti la singola scuola - Punteggio massimo 5 punti.

Il punteggio è attribuito sulla base delle modalità indicate nell'Allegato 2 e secondo i seguenti criteri:

Voto ottenuto.

Punteggio per singolo esame.

3. Altri titoli - massimo 3 punti. Tale Punteggio non può essere attribuito a coloro che alla data di presentazione della domanda sono già in possesso di un diploma di specializzazione, ovvero che siano già titolari di un contratto di specializzazione da almeno un anno. Il punteggio è attribuito sulla base dei seguenti criteri: - 1 punto per la tesi sperimentale in una disciplina afferente a uno dei settori scientifico-disciplinari di riferimento della tipologia di scuola; - 2 punti per il titolo di dottore di ricerca in una disciplina afferente a uno dei settori scientifico-disciplinari di riferimento della tipologia di scuola.

3. Per la prova di cui all'articolo 7 è attribuito un punteggio massimo 120 punti così suddivisi:

a) 70 punti per la prima parte della prova, costituita da 70 quesiti con 4 opzioni di risposta di cui 1 sola corretta; b) 30 punti per la seconda parte della prova specifica di Area, costituita da 30 quesiti con 4 opzioni di risposta di cui 1 sola corretta; c) 20 punti per la seconda parte della prova specifica di Scuola, costituita da 10 quesiti con 4 opzioni di risposta di cui 1 sola corretta;

4. Ai fini dell'attribuzione dei punteggi della prova si tiene conto dei seguenti criteri:

Prova.

Risposta esatta.

dosaggio inderal la capsules

come acquistare bystolic savings

plendil ordina onlinesbi personal banking

comprare generico bystolic copay assistance

comprare cozaar classification of drug

comprare bystolic a buon mercato mall vox

prescrizione midamor medscape nursing

comprare bystolic a buon mercatone 1

Pietro.

Superare il test di Medicina a Milano.

Chi sceglie Alpha Test?

"Sono riuscito a prepararmi contemporaneamente per la maturità e per il test"

Vanessa - Studentessa del 4° anno.

"Il test mi spaventava. Ho deciso di prepararmi con un anno di anticipo."

Alberto - Al secondo tentativo.

"Dopo la delusione dell'anno scorso non ho più sottovalutato la difficoltà della prova"

I vostri ringraziamenti.

Un ringraziamento particolare a tutto lo staff Alpha Test di Roma che con grande professionalità e disponibilità ha fornito gli strumenti per affrontare al meglio la prova senza limitarsi a lavorare sulle conoscenze ma anche fornendo ulteriori suggerimenti ai fini del test di ammissione. Vi rinnovo i ringraziamenti da parte di tutta la famiglia.

tablet lopressor metoprolol dosages
lisinopril spedizione tnt live

comprare generico bystolic copay assistance

SEDE Dipartimento di Scienze della Salute.

Sede Segreteria: Via Antonio di Rudinì, 8 - 20142 Milano.

9° piano, blocco B - Ospedale San Paolo.

Tel. 02 503.23066 - 02 8184.4707.

9. Chirurgia orale.

Prof. Luca Francetti (Area sanitaria) Durata: 3 anni.

TITOLO DI STUDIO RICHIESTO Laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria. E' inoltre richiesto il possesso del diploma di abilitazione all'esercizio della professione.

SEDE Istituto Ortopedico Galeazzi Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Odontoiatriche via R. Galeazzi 4 - Milano Tel: 02 50319959.

10. Chirurgia pediatrica.

NON ATTIVATA PER L'A.A. 2015/2016.

Prof. Giancarlo Micheletto Durata: 5 anni.

TITOLO DI STUDIO RICHIESTO Laurea in Medicina e chirurgia. E' inoltre richiesto il possesso del diploma di abilitazione all'esercizio della professione.

SEDE Fondazione IRCCS Cà Granda Ospedale Maggiore Policlinico Dip. di Fisiologia medico-chirurgica e dei trapianti Via Pace 9, Palazzina Bertarelli - 20122 Milano Tel. 02/50320724.

11. Chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica.

dosaggio celebrex recalls
dosaggio furosemide medication 20

dosaggio bystolic side effect

Contenuto di Sodio e Potassio e loro rapporto Alimento K (mg x 100 g) Na (mg x 100 g) Rapporto (K/Na) Differenza (K - Na)

Birra ordinaria 46 8 5,75 38 Caffe' 261 6 44 255 The 37,6 8 4,5 29,6 Vino comune 140 7 20 133.

Grano 31 1.1 16 29,3 Mais 340 40 8,5 300 Miglio 23,7 4,1 5,8 19,6 Orzo 16.8 4,2 40 12.6 Pasta comune 130 12 10.83 118 Riso bianco 28 2 14 26 Riso completo 23 4,8 5 18,4 Saraceno 23,5 6,1 3,9 17.4.

Segale 18,3 1.5 12,2 16,8 Ananas 230 2 115 228 Banane 350 1 350 349 Ciliegie 229 3 76,33 226 Limoni 140 2 70 138 Mela 55,9 3 18 52,9 Mirtilli 160 2 80 158 Pera 52,9 8,8 6 44,1 Prugne 190 2 95 188.

Mandorle 780 14 55,7 766 Noci 368 2 184 366 Ceci 881 6 146,83 875 Fagioli 1445 4 361,25 1441 Lenticchie 980 8 122,5 972 Soia 1740 4 435 1736.

Carne 36,9 9,6 4 27,3.

Latte (materno) 33,8 9, 2 3,5 24,8 Miele 10 7 1,43 3 Uovo(intero) 17,4 22,9 0,8 -5,5 Carota 36.5 20,7 1,8 15.8 Cavolo 44.3 8,3 5,1 36 Champignons 54,3 5 11 49,3 Fagiolini 280 2 190 278 Melanzana 220 5 44 215 Patata 570 0,6 950 949,4.

Bibliografia: "The Cure for All Diseases" (by Dr. Hulda Clark - New Century Press 1996, ISBN 1-890035-01-7; “La cura di tutte le malattie”, di Hulda Regher Clark, Macroedizioni, 2000 "Parasites - The Hidden Cause of Many Diseases" by A. E. Baklayan (in tedesco ) - Goldmann 1999, ISBN 3-442-14163-X; "Your Body’s Many Cries for Water", Dr. F. Batmanghelidj, MD - Global Health Solutions 1992, ISBN 0-9629942-5-1. Tratto da: http://www.drclark.net.

Alimenti Acidificanti, Alcalinizzanti e Neutri. Sicuro di sapere?

Scoprilo subito!

altace spedizione in contrassegno invalidi
inderal genericode torrent

dove posso comprare bystolic coupon

Tabella 1.

I maggiori studi epidemiologici sulla FM evidenziano una frequenza nella popolazione generale compresa fra il 3 e il 4%, che aumenta progressivamente con l’età e nel sesso femminile fino a raggiungere l’8-9%: si tratta però di studi americani e canadesi, quindi su popolazioni con caratteristiche demografiche differenti da quelle europee. Di grande interesse è poi uno studio pilota europeo che nel 2003 ha valutato la prevalenza “possibile” (ricavata mediante interviste telefoniche e rapporti matematici) della FM nella popolazione generale in Francia e Portogallo, paesi molto simili all’Italia, risultata del 7,4 e del 10,4% rispettivamente. Recentemente tale tipo di studio è stato esteso ad una popolazione italiana di 1000 soggetti, ricavando una prevalenza possibile del 4,1% nella popolazione generale e del 6,9% nelle sole donne. Vista l’esiguità del campione e la metodologia utilizzata tali dati sono solo indicativi, verosimilmente comunque sottostimati; si potrebbe dunque ipotizzare una prevalenza in Italia nella popolazione generale intorno al 6-7% (che significa tra i 3 e i 4 milioni di individui affetti). La FM sarebbe quindi confrontabile per frequenza alla artrosi che da anni viene considerata la più diffusa malattia reumatica con importanti implicazioni socio-economiche. La frequenza di FM nei pazienti che si rivolgono allo specialista reumatologo per dolore osteo-articolare è di circa il 20-25%. La FM è molto più frequente nel sesso femminile rispetto a quello maschile (da 5 a 20 volte) e l’esordio dei sintomi si verifica più spesso nella classe di età compresa tra i 20 e i 30 anni, ma poiché la progressione è lenta, spesso i pazienti si abituano ai sintomi finché questi diventano difficilmente sopportabili e si rivolgono pertanto al medico in età più avanzata.

SINTOMATOLOGIA.

Oltre ai due sintomi principali, dolore e stanchezza, molte altre manifestazioni cliniche possono far parte del quadro della FM e, come detto, la varia associazione di tali multiformi sintomi può in parte spiegare le difficoltà nel diagnosticare tale malattia. Di seguito vengono elencati i sintomi più spesso riferiti dai pazienti. 1) Rigidità: sensazione di rigidità generalizzata oppure localizzata al dorso o a livello lombare, soprattutto al risveglio, ma anche se si resta per qualche tempo fermi nella stessa posizione (seduti o in piedi). 2) Astenia e disturbi del sonno: Circa il 90% dei pazienti affetti da sindrome fibromialgica riferisce astenia (affaticamento) moderata o severa, ridotta resistenza alla fatica o una specie di stanchezza che ricorda quella normalmente riferita in corso di influenza o in mancanza di sonno. Qualche volta la stanchezza è più importante della sintomatologia dolorosa muscolo-scheletrica. I pazienti con fibromialgia possono avere una stanchezza simile a quella riscontrata in un’altra patologia correlata denominata sindrome da affaticamento cronico (CFS) INSERIRE LINK. Alcuni pazienti con fibromialgia hanno sintomi da sindrome da affaticamento cronico e viceversa. Le due sindromi spesso si sovrappongono e può essere impossibile distinguerle. La maggior parte dei pazienti affetti da sindrome fibromialgica riferisce disturbi del sonno: più che difficoltà ad addormentarsi si tratta di frequenti risvegli notturni e sonno non ristoratore; la fase profonda del sonno è spesso disturbata. Il sonno può essere leggero con continui risvegli notturni. Solitamente il paziente al risveglio si sente ancora affaticato come se non avesse dormito affatto. Alcune volte si associano disturbi del sonno quali la “ Sleep Apnea “. Viene considerata specifica della FM la cosiddetta “ anomalia alfa-delta “: non appena viene raggiunto il sonno “profondo” (caratterizzato da onde delta all’elettroencefalogramma) si ha un brusco ritorno verso il sonno “superficiale” (caratterizzato da onde alfa). La ricerca ha evidenziato che l’interruzione della fase profonda del sonno può alterare importanti funzioni del corpo e la percezione del dolore. La mancanza di sonno profondo, fase nella quale i muscoli si rilassano e recuperano la stanchezza accumulata durante il giorno, spiega molti dei sintomi della FM (stanchezza persistente, risvegli notturni, sonno non ristoratore). Può pertanto essere necessario assumere farmaci che migliorino la qualità del sonno. 3) Mal di testa o dolore al volto: la cefalea, specialmente di tipo muscolotensivo, o l’emicrania sono comuni nel paziente fibromialgico. Il mal di testa si caratterizza come cefalea nucale, temporale o sovraorbitaria oppure emicrania, molto spesso ad andamento cronico (cioè il paziente riferisce di soffrire di mal di testa “da sempre”). Frequentemente i pazienti con FM presentano dolore a livello mascellare o mandibolare e in questi casi la sintomatologia viene confusa con una artrosi o una disfunzione della articolazione temporo-mandibolare. Tale diagnosi, soprattutto in pazienti giovani, deve fare sospettare una FM. 4) Acufeni: fischi o vibrazioni all’interno delle orecchie. Possono essere originati da spasmi dei muscoli tensivi del timpano. 5) Disturbi della sensibilità: in particolare formicolii, diffusi a tutto il corpo oppure limitati ad un emisoma (cioè la metà destra o la metà sinistra del corpo) o ai soli arti. Inoltre diminuzione della sensibilità, senso di intorpidimento o di “addormentamento” con la stessa distribuzione. 6) Disturbi gastrointestinali: difficoltà digestive, acidità gastrica, dolori addominali spesso in relazione ai cambiamenti climatici o a fattori stressanti, e quindi classificate come “gastrite da stress”. Nel 60% dei pazienti con FM si associa una sindrome del colon irritabile (la cosiddetta “colite spastica”): alternanza di stipsi e diarrea con dolori addominali e meteorismo. 7) Disturbi urinari: caratteristica della FM è una aumentata frequenza dello stimolo ad urinare o una vera e propria urgenza minzionale in assenza di infezione delle urine. Più raramente si può sviluppare una condizione cronica con dolore a livello vescicale, definita “cistite interstiziale”. 8) Dismenorrea: molte delle dismenorree di notevole entità e scarsamente responsive alla terapia sono giustificate da una FM non diagnosticata. Anche il vaginismo (dolore durante il rapporto sessuale) è caratteristico della FM. 9) Alterazioni della temperatura corporea: alcuni pazienti riferiscono sensazioni anomale (non condivise dalle altre persone che stanno intorno a loro) di freddo o caldo intenso diffuso a tutto il corpo o agli arti. Non è rara una eccessiva sensibilità al freddo delle mani e dei piedi, con cambiamento di colore delle dita che possono diventare inizialmente pallide e quindi scure, cianotiche: tale condizione è nota come fenomeno di Raynaud. 10) Alterazioni dell’equilibrio: senso di instabilità, di sbandamento, vere e proprie vertigini spesso ad andamento cronico e che vengono erroneamente imputate all’artrosi cervicale o a problemi dell’orecchio. Poiché la FM coinvolge anche i muscoli oculari e pupillari i pazienti possono presentare nausea e visione sfuocata quando leggono o guidano l’automobile. 11) Tachicardia: episodi di tachicardia con cardiopalmo che portano spesso i pazienti con FM al Pronto Soccorso per paura di una malattia cardiaca, soprattutto se si associa dolore nella regione sternale (costo-condralgia), molto frequente nella FM. 12) Disturbi cognitivi: difficoltà a concentrarsi sul lavoro o nello studio, “testa confusa”, perdita di memoria a breve termine (in inglese tali manifestazioni vengono definite “fibro-fog”, cioè annebbiamento fibromialgico). Non esiste alcuna evidenza che questi problemi possano divenire più seri con il passar del tempo. Simili riscontri clinici sono stati notati in molte persone con alterazioni del tono dell’umore, disturbi del sonno o altre patologie croniche. 13) Sintomi a carico degli arti inferiori: sono rappresentati più spesso da crampi e meno frequentemente da movimenti incontrollati delle gambe che si manifestano soprattutto di notte (“Restless leg Syndrome” o “Sindrome delle gambe senza riposo”). 14) Allergie: una buona parte dei pazienti fibromialgici riferisce ipersensibilità a numerosi farmaci, allergie alimentari di vario tipo, allergie stagionali. Pur essendo queste manifestazioni comuni nella popolazione generale, in un sottogruppo di pazienti affetti da FM le allergie sono molteplici e rappresentano un aspetto preminente della malattia tale da impedire la normale alimentazione, lo svolgimento della attività lavorativa, ecc. In questi casi viene a configurarsi il quadro della cosiddetta “ Multiple Chemical Sensitivity Sindrome “, o Sindrome delle Intolleranze Chimiche Multiple, nella quale i pazienti risultano ipersensibili a moltissime sostanze, dai farmaci ai cibi a sostanze chimiche di vario tipo, con gravi limitazioni nella vita quotidiana. 15) Ansia e depressione: i cambiamenti del tono dell’umore o del pensiero sono comuni nella fibromialgia. Molti individui si “ sentono giù ” sebbene solo il 25% dei pazienti siano dei reali depressi o possano riferire disturbi d’ansia. Molti pazienti affetti da FM riferiscono manifestazioni ansiose (a volte con attacchi di panico) e/o depressive. Questa associazione ha fatto sì che in passato la FM venisse considerata come un processo di somatizzazione in soggetti ansiosi o depressi e purtroppo ancora oggi molti medici sono legati a questa ormai superata definizione. I numerosi studi sul rapporto tra ansia/depressione e FM hanno dimostrato inequivocabilmente che la FM non è una malattia psicosomatica e che gli eventuali sintomi depressivi o ansiosi sono un effetto piuttosto che una causa della malattia. Una reazione depressiva è infatti comune a tutte le malattie che comportano un dolore cronico, come ad esempio la artrite reumatoide o l’artrosi.

disturbi del sonno (sonno notturno poco profondo e non ristoratore) cefalea muscolotensiva o emicranica sensazione di stanchezza (astenia) rigidità mattutina (specie al collo e alle spalle) colon irritabile (stipsi e/o diarrea) parestesie (costituite da formicolii e sensazioni simili a punture) bruciore a urinare sensazione di gonfiore alle mani dolori al torace perdita di memoria difficoltà di concentrazione disturbi della sfera affettiva (ansia e/o depressione)

EPIDEMIOLOGIA.

Chiunque si occupi di malattie reumatiche non ha difficoltà a riconoscere che la FM è la patologia che si incontra più frequentemente, soprattutto nell’attività ambulatoriale. Ciò nonostante non ci sono dati attendibili sulla reale frequenza della FM in quanto tale malattia continua ancora oggi ad essere ampiamente sottostimata e raramente diagnosticata. Basti pensare all’ambulatorio del medico di medicina generale e a quanti pazienti ogni giorno visita in quanto lamentano uno o più di questi sintomi: dolori muscolari, cefalea, vertigini, epigastralgie, insonnia, dolori addominali, astenia, parestesie, tachicardia. Una buona parte è certamente affetta da FM senza saperlo. I dati epidemiologici di cui disponiamo sono relativi a valutazioni eseguite in:

studi su popolazione sana, di cui alcuni recentissimi, che documentano una prevalenza compresa tra il 2 e il 4% (con valori notevolmente più elevati se si scorporano i dati per la sola popolazione femminile: 8-10% circa) studi su pazienti ricoverati in ambiente internistico che evidenziano prevalenze nell’ordine del 10% studi su pazienti valutati in ambiente reumatologico dove la prevalenza raggiunge il 25%

Tra gli ultimi lavori di tipo epidemiologico, due rivestono particolare interesse:

1- Il primo è uno studio di popolazione, pubblicato nel 1999, che ha coinvolto 3395 abitanti della cittadina canadese di London (The London Fibromyalgia Epidemiology Study). Sono stati individuati 100 casi di FM (86 femmine e 14 maschi: rapporto F/M=3:1), con una prevalenza quindi del 3.3%. La prevalenza nel sesso femminile era pari al 4.9% per salire al 8% nella classe d’età 55-64 anni. Sono stati individuati una serie di fattori di rischio per la FM: oltre al sesso femminile, età media, livello di istruzione inferiore, reddito basso, essere divorziati. A tutt’oggi questo rimane lo studio più ampio e rigoroso effettuato. 2- Il secondo è uno studio pubblicato nel 2005 che rientra in un progetto iniziato nel 2003 con uno studio a livello europeo (The Feel Study: Fibromyalgia Epidemiology European Large Scale Survey) per valutare la prevalenza “possibile” della FM nella popolazione generale. La metodologia utilizzata è quella delle interviste telefoniche per raggiungere il maggior numero possibile di individui: il numero dei pazienti “possibili” veniva poi corretto con un coefficiente calcolato dallo studio canadese di cui sopra (rapporto tra FM teoriche e FM confermate dalla visita reumatologica). In tale modo è stato possibile calcolare la prevalenza possibile della FM in: a) Francia (su campione di 1000 abitanti): 4,3% della popolazione generale (6,1% delle donne e 0,5% degli uomini) – b) Portogallo (su campione di 500 abitanti): 6,1% della popolazione generale (8,8% delle donne e 0,7% degli uomini) – c) Italia (su campione di 1000 abitanti): 4,1% della popolazione generale (6,9% delle donne e 0,3% degli uomini).

PATOGENESI.

La patogenesi della FM resta senza dubbio l’argomento più controverso e sul quale sono state spese più parole, paradossalmente non perché ci siano pochi dati a disposizione, ma piuttosto perché ce ne sono troppi. Infatti, da quando sono stati introdotti i criteri diagnostici ACR, si sono moltiplicati gli studi su gruppi omogenei di pazienti con lo scopo di determinare i meccanismi eziopatogenetici alla base della FM. Sono così emersi numerosi dati di tipo anatomopatologico, neurochimico, endocrinologico a volte addirittura contrastanti tra loro e comunque non definitivi, nel senso che nessun rilievo è stato in grado di offrire una ipotesi eziopatogenetica completa ed esauriente della FM. L’unica possibilità per fare chiarezza è individuare quelli che possiamo definire i “ Fatti ” della FM, e sulla base di questi cercare di delineare un possibile percorso eziopatogenetico.

I “Fatti” della FM:

1- La FM non è una malattia ad origine “periferica”, in quanto non sono mai state dimostrate alterazioni muscolari o tendinee significative. 2- Nella quasi totalità dei casi all’esordio della FM può essere individuato un evento scatenante: trauma fisico o psichico, malattia febbrile spesso ad eziologia virale (in particolare da EBV), altro evento stressante (es. intervento chirurgico). Anche quando tale evento apparentemente non si è verificato, un’attenta indagine riesce a documentare un trauma psichico più o meno recente che si può dimostrare correlato all’insorgenza della FM. 3- Esiste certamente una familiarità per FM, anche se non sono noti i precisi meccanismi di trasmissione; alcuni lavori hanno documentato la maggiore prevalenza di alcuni alleli del sistema HLA. 4- La FM non è una malattia psicosomatica: numerosi lavori hanno dimostrato che i tratti psicopatologici dei pazienti fibromialgici sono del tutto sovrapponibili a quelli di pazienti con altre patologie caratterizzate da dolore cronico (es. artrite reumatoide) e sono quindi da considerare reattivi alla malattia di base. 5- Una delle caratteristiche della FM è l’iperattività simpatica che si traduce in particolare in alterazioni della microcircolazione periferica e centrale: alterata distribuzione dei capillari a livelllo del tessuto muscolare con ipervascolarizzazione dei tender points, fenomeno di Raynaud, alterazioni del flusso cerebrale con diminuzione del flusso in particolari aree cerebrali (nucleo caudato e talamo) responsabili della trasmissione e della modulazione del dolore. Ciò rende ragione della caratteristica fondamentale della FM e cioè della iperalgesia, in quanto il malfunzionamento di queste aree cerebrali porta ad una errata interpretazione degli stimoli dolorosi. 6- Nella FM sono state dimostrate e più volte confermate alterazioni di numerosi neurotrasmettitori, a riprova della origine “centrale” della FM: ridotta concentrazione di serotonina e 5-idrossi-triptofano nel liquor e nel plasma, ridotta produzione di melatonina, aumento di oltre 3 volte delle concentrazioni di sostanza P nel liquor. Tutti questi neurotrasmettitori sono coinvolti nella modulazione del dolore e nella regolazione del sonno. 7- Tutti i farmaci che hanno dimostrato di essere efficaci nella FM agiscono a livello del sistema nervoso centrale.

dove posso comprare isoptin retard 120