aldactone spedizione pacchi estero

posso comprare blopress drug medication

aldactone genericode software

1. C'è posto per la teologia in un'idea di università?. Una prima posizione degna di essere menzionata è quella di Immanuel Kant (1724-1804). Nella sua opera Il conflitto delle Facoltà ( Der Streit der Facultäten, 1798), egli ironizza sulla divisione fra le Facoltà «superiori» di Medicina, Diritto e Teologia, e la Facoltà «inferiore» di Filosofia. Mentre le prime avrebbero il compito di formare dei funzionari e servire alla conservazione del potere, la filosofia, non avendo finalità immediate, si occupa di un sapere “inutile” ed ha il ruolo di riflettere criticamente sulle cose. Ma a differenza delle Facoltà superiori, quella filosofica non ha altra autorità che la ragione, e può dunque esercitare il suo lavoro libera da condizionamenti. Quando la filosofia, svolgendo il suo ruolo di coscienza intellettuale critica, intendesse riportare alla ragione le altre Facoltà liberandole dai condizionamenti del potere, ciò la farebbe entrare necessariamente in conflitto con esse. Solo accettando il confronto con la Filosofia e rispondendo alle obiezioni e ai dubbi da essa suscitati, le altre Facoltà potranno formare dei funzionari illuminati. L'università ideale è quella in cui la filosofia orienterà criticamente gli studi di tutte le altre discipline, passando allora ad essere una Facoltà superiore, ma sotto un altro e più alto punto di vista.

La presenza della teologia viene dunque vista da Kant nell'ottica di un «conflitto di autorità»: da una parte l'obbedienza al dogma, alla Sacra Scrittura e all'autorità dottrinale dell' establishment; dall'altra, la libertà della ragione che cerca la verità. Una teologia obbediente ad un'autorità costituita si presenterebbe come una disciplina serrata nei propri principi e perciò chiusa all'autentico spirito universitario. Così compresa, per la teologia non vi sono apparenti vie d'uscita: o si trasforma in filosofia, o non raggiungerà mai la condizione di una vera disciplina nell’ideale kantiano di università. In sostanza, la Teologia dovrebbe staccarsi dal suo sapere dogmatico, funzionale alle necessità dello Stato, ed accettare un salutare conflitto. Per superare la posizione di Kant andrebbero chiariti concetti quali «fede» o «autorità», intesi dal filosofo in modo piuttosto riduttivo, per poi mostrare che una teologia intesa come fides quaerens intellectum è un sapere aperto, guidato anch'esso dalla ricerca della verità, e pienamente compatibile sia con l'opzione della fede, sia con l'esistenza di conoscenze di tipo dogmatico, cioè espresse mediante precise formulazioni. Inoltre, esiste un'analogia fra la fede religiosa e le opzioni che altre discipline fanno nel terreno, esterno ad esse, dei fondamenti del loro sapere; o fra le formulazioni dogmatiche e le proposizioni di valore analogo presenti in ogni scienza. A differenza di quanto sostenuto dal filosofo prussiano, la teologia può esercitare un suo sapere proprio ed originale, con la ragione e nella ragione, senza essere per questo «ridotta entro i limiti della ragione». Dall'analisi kantiana emerge tuttavia un elemento di interesse: una teologia all'interno dell'università deve autocomprendersi come sapere aperto e in dialogo, disposto al confronto critico e non finalizzato a scopi meramente funzionali. Una simile idea di teologia esiste certamente, ma nel contesto categoriale e culturale nel quale Kant si muoveva, non veniva da questi riconosciuta.

Il tema viene affrontato anche da Newman, in particolare nelle prime quattro conferenze della sua Idea di Università. Concependo una cultura relativamente autonoma nei confronti della fede teologale, e ritenendo che la formazione filosofica dell'educazione liberale costituisca già una preparazione implicita alla fede, egli comincia col giustificare la presenza della teologia “dal basso”, non come teologia soprannaturale, né come teodicea, ma come tematizzazione razionale ed esplicita di ciò che l'umanità intende implicitamente quando si riferisce a «Dio» quale Essere Supremo. In questa accezione, il termine teologia viene utilizzato da Newman come «filosofia della religione», «scienza della religione», o semplicemente «religione», e l'interlocutore cui dirige le sue argomentazioni è rappresentato dal pensiero ateo o agnostico (cfr. L'Idea di Università, cit.,pp. 102-107).

Occupandosi della conoscenza e della sistemazione delle verità che l'umanità possiede riguardo a Dio, una simile teologia può proporsi come collegamento fra il sapere filosofico dell'educazione liberale e le verità della Rivelazione cristiana. In ogni società o cultura ove il termine «Dio» assume ancora un significato, la teologia ha diritto di cittadinanza nelle sue università. Tenerla fuori vorrebbe dire ignorare una realtà che caratterizza in modo determinante quella società o quella cultura o, alternativamente, riconoscere implicitamente che quanto si possa dire su Dio non appartenga più al sapere, ma interessi soltanto un sentimento soggettivo e non comunicabile. Fra i responsabili di questa seconda impostazione, Newman citerà il fideismo ed il pietismo, favorevoli ad un'idea di religione che non reclami nessun legame con l'esercizio dell'intelletto. Escludendo l'insegnamento teologico, inoltre, si starebbe compiendo di fatto un'opzione confessionale, quella di considerare le religioni come un “non-sapere”, e ciò costituisce già una scelta pregiudiziale. «Se perciò in un'Istituzione che impartisce l'insegnamento di ogni tipo di sapere, non si insegna nulla, non si sostiene nulla circa l'Essere Supremo, si può a ragione concludere che ogni componente del gruppo che ha patrocinato quella Istituzione, supponendo che tale individuo esista, ritiene positivamente che non si conosce nulla di certo intorno all'Essere Supremo; nulla che abbia un qualche diritto di essere considerato come un'aggiunta reale al deposito della conoscenza generale esistente nel mondo. Se d'altra parte si constata che qualche cosa di considerevole è conosciuto circa l'Essere Supremo, sia per mezzo della Ragione, sia per mezzo della Rivelazione, allora l'Istituzione in questione fa professione di ogni scienza, e tuttavia lascia fuori la più importante di esse» ( ibidem, p. 69).

In prima istanza la difesa della teologia intrapresa da Newman non riguarda direttamente il cattolicesimo, ma ogni religione che si consideri intellettualmente adeguata a divenire una scienza. In seconda istanza, questa difesa riguarda una teologia fondata sulla Rivelazione cristiana, poiché una cultura che ha accettato la ragionevolezza di un sapere su Dio in sede filosofica, non può disinteressarsi delle risposte su Dio provenienti da una religione rivelata, il cui impatto sulla storia del genere umano è stato e continua ad essere così rilevante. Non assorbimento della teologia nella filosofia o nel sapere critico, come voluto da Kant, ma specifica presenza della teologia con il proprio bagaglio di conoscenze, perché queste vertono su un “oggetto”, Dio, che la filosofia riconosce significativo. L'autorità che giustifica l'insegnamento della teologia, se di autorità vogliamo parlare, non è dunque quella dell' establishment, ma quella della ragione: l'insegnamento universitario, senza la Teologia, sarebbe semplicemente non filosofico, cioè non rispettoso del sapere.

In una cultura di livello universitario che intendesse eliminare la riflessione della teologia, il vuoto lasciato da questa verrebbe subito occupato da altre scienze. Analogamente a quanto accadrebbe con altre discipline, se una scienza è dimenticata, le altre, oltrepassando i loro limiti, irrompono dove non dovrebbero, facendo sì che la riflessione globale perda in rigore conoscitivo, perché la metodologia dell'una non è adatta all'oggetto dell'altra. «Ove la teologia non sia insegnata — afferma Newman — il suo campo non sarà semplicemente trascurato, ma sarà effettivamente usurpato da altre scienze, che insegneranno, senza garanzia, le loro conclusioni in un argomento che necessita dei propri principii per la sua debita formazione e disposizione» ( ibidem, p. 138). In altre parole, se nell'università non è più la teologia a parlare di Dio, comincerebbero a parlarne la fisica, la biologia, o l'economia. Non è difficile riconoscere l'attualità dell'analisi di Newman, oggi confermata dall’introduzione della nozione di Dio nella riflessione filosofica svolta dalle scienze.

In tempi più recenti, l’interrogativo sulla presenza della teologia nell’università è stato ripreso, fra gli altri, da Karl Rahner (1904-1984) nel suo saggio Teologia oggi (1980). Molte delle obiezioni mosse a tale presenza, osserva Rahner, potrebbero essere rivolte in fondo anche ad altre discipline. A chi ne contesta il carattere scientifico si potrebbe obiettare che pochi, nell'università odierna, saprebbero dire con precisione cosa sia una scienza; a coloro che le segnalano di non godere del sostegno o dell'interesse di tutti i cittadini, si potrebbe chiedere se la mancanza di interesse da parte delle masse sia un motivo sufficiente per eliminare un insegnamento o chiudere una Facoltà. Il ruolo della teologia universitaria resta comunque difficile e non consente facili conformismi: «sa che non appena apre la bocca le altre scienze le danno addosso e dichiarano che il suo tema non può interessarle in quanto tali, perché il suo oggetto non può comparire per definitionem nel loro campo; anzi, esse minacciano di estrometterla o di farla morire coi mezzi molto efficaci di cui dispongono: con una teoria positivistico-scettica della conoscenza e della scienza, con gli strumenti della filologia che dissolvono o relativizzano i suoi testi sacri, con la psicologia e la sociologia, che spiegano in maniera fin troppo comprensibile come questo fenomeno culturale singolare e da lungo tempo in agonia sia sorto e si mantenga faticosamente in vita» (p. 93).

All'interno della sua missione — la cui portata oltrepassa di fatto le mura universitarie — la teologia ha nella comunità accademica, per Rahner, un compito specifico, non rimpiazzabile. In un mondo dove la conoscenza viene concepita come potere, tecnica o interpretazione, la teologia ricorda che esiste una dimensione della conoscenza non disponibile ad essere manipolata, interpretata o formalizzata: esiste un Incondizionato, Qualcuno che l'uomo non può totalmente comprendere, ma dal quale deve lasciarsi comprendere. Con la sua presenza, la teologia richiama le altre discipline ad una sorta di umiltà intellettuale, proteggendole dal rischio di dare soluzioni totalizzanti della realtà, che facilmente degenerano in ideologie. A volte sono le scienze stesse, dal loro interno, ad aprirsi ad altre forme di sapere, ma quando tale richiesta di dialogo non trova sbocco in un interlocutore di pari livello accademico, come sarebbe appunto quello di una Facoltà teologica, esse sconfinano dal proprio orizzonte metodologico, sostituendosi di fatto — come già avvertiva Newman — alla teologia, o cedono alla seduzione di visioni del mondo ove il superamento della razionalità scientifica non indica più trascendenza, ma irrazionalità.

Dal ruolo di provocata, la teologia universitaria dovrebbe passare a quello di provocatrice: non solo giustificazione epistemologica o difesa teorica di un “discorso su Dio,” ma un vero e proprio “parlare di Dio” come necessario riferimento cui legare il senso del proprio operare, come ragione ultima che fonda la dignità di ogni essere umano ed il significato personale della sua libertà. Non più compito dello scienziato, dello storico o del filosofo, ma del teologo, perché concetti come verità o libertà, che Jaspers vedeva nel cuore del lavoro universitario, non vengono esauriti in sede filosofica, ma si aprono ad un senso più pieno, che solo la Rivelazione potrà svelare. Rahner reclama pertanto nell' universitas un ruolo alla teologia in senso stretto, quella insegnata all'interno della fede, anche in un contesto didattico o scientifico ove questo dono non sia da tutti ancora condiviso.

2. Le ragioni di una teologia “universitaria”. La presenza della teologia nell' universitas studiorum è stata ritenuta significativa dalla Chiesa, sia sostenendo le cattedre teologiche nelle università di Stato, sia disponendo che ve ne fossero nelle università da lei promosse (cfr. Gravissimum educationis, 10; Ex corde Ecclesiae, 19). A sostegno dell'opportunità di una Facoltà di Teologia, vogliamo qui segnalare tre ragioni di fondo.

acquisto colchicine dosage treatment
comprare avalide a buon mercato foot

online a buon mercato aldactone side effect

2 Oltre 30 anni di esperienza.

L’esperienza di Alpha Test non ha eguali: oltre 2.500 corsi svolti e 3 milioni di libri venduti.

3 Prima società in Italia.

È la prima e più importante società in Italia specializzata nella preparazione ai test di ammissione.

4 Probabilità di successo X 7.

Per tutti i corsi Alpha Test la probabilità di successo dei partecipanti aumenta fino a 7 volte rispetto a quella degli altri candidati.

5 Didattica per i test.

Ha ideato per prima in Italia una didattica specifica per i test con programmi e materiale costantemente aggiornati in base alla natura dei test.

6 Esperienza docenti.

I docenti Alpha Test hanno competenze specifiche sulle singole materie e una esperienza unica in Italia nella didattica applicata ai test d’ingresso.

senza prescrizione torsemide dose equivalent
costo di inderal medication classification

acquisto aldactone dosage forms

Mercoledì 20 giugno, presso la Sede Centrale di via Festa del Perdono 7, si svolgerà la Job Fair di Ateneo “ From LA STATALE to JOBS 2018 ”. Dalle 10.00 alle 17.00 potrai incontrare le aziende partecipanti presso gli stand nel cortile centrale e nel Colonnato Richini, conoscere le opportunità di stage e lavoro dedicate a studenti e laureati del nostro Ateneo e candidarti. Porta il tuo CV!

Palestra delle Professioni Digitali - Corso gratuito di Digital Marketing.

Il progetto formativo “Palestra delle Professioni Digitali” propone un corso gratuito di 4 settimane orientato al Digital Marketing e destinato a laureandi e laureati da non più di 12 mesi (sia triennali che magistrali) che non studiano e non lavorano, con meno di 29 anni e con un’ottima conoscenza della lingua inglese. La candidatura è aperta a tutte le aree formative ma verrà dato particolare spazio ai laureandi e laureati in materie umanistiche.

Scadenza del bando: 20 Maggio 2018.

Inizio del Corso: dal 31 Maggio 2018 (per 4 settimane)

Si tratta di un progetto promosso dall’ Associazione Young Women Network ed i suoi Partner Accenture, Fondazione Italiana Accenture, Assolombarda, Samsung, JOB Farm, Randstad e Federturismo.

INCONTRI DI ORIENTAMENTO AL LAVORO.

Da febbraio 2018 riprendono gli incontri per supportare i nostri studenti e laureati nella conoscenza degli strumenti della ricerca del lavoro, dei processi di selezione e degli sbocchi professionali.

Il calendario degli eventi è in costante aggiornamento nella sezione dedicata del nostro sito: scopri le iniziative di Ateneo e quelle dedicate alle diverse aree disciplinari.

Laboratorio delle idee: colloqui individuali di orientamento all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità.

Al via il nuovo servizio di consulenza individuale, finalizzato ad offrire un supporto a studenti e laureati che hanno un’idea imprenditoriale e/o di autoimpiego e proposto in collaborazione con AISTP.

Il colloquio è finalizzato esclusivamente ad un primo orientamento/confronto sull’idea iniziale che si intende proporre.

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO.

Online i progetti disponibili in Statale per i percorsi di Alternanza Scuola-Lavoro come previsti dalla Legge n.107/2015 (“Buona Scuola”)

sconto del probalans kapi
coumadin a buon mercato liverpool

aldactone in vendita a castelletto molina

Attestato kit didattico Tesserino plastificato.

Il corso riconosciuto a livello Europeo seguirà le linee guida attualmente in vigore e avrà validità di 2 anni.

Per il corso di Laurea di Infermieristica verrà attribuito 1 CFU.

Come iscriversi.

Per effettuare la'iscrizione basta mettersi in contatto con lo staff della nostra associazione.

Il Corso si terrà giorno 28 Maggio 2018 presso Largo Montalto 5 ( a due passi dalla stazione Notarbartolo )

Le iscrizioni verranno confermate al pagamento della quota di partecipazione che dovrà avvenire entro e non oltre il 24 Maggio 2018.

NB.: Chi non è socio potrà preiscriversi e completare l'iscrizione all'associazione al momento del pagamento della quota di iscrizione.

L'attività proposta, non è un attività promossa dalla scuola di medicina e pertanto non è sostituitiva alle attività didattiche promosse dalla stessa (lezioni e tirocinio).

Luigi Di Liberto: 366.1727805.

comprare la consegna di hytrin durante la notte heraklion airport

aldactone genericode software

comprare generico cozaar drug interaction

prezzo di aldactone hair growth

comprare generico alphagan p eye

online a buon mercato aldactone side effect

Sono state rese note dal MIUR le date per i test di ammissione ai Corsi di Professioni Sanitarie (4 Settembre) e Medicina e Odontoiatria (8 Settembre)

Per conoscere date e sedi di svolgimento delle ADO vi invitiamo a visionare la sezione ADO ATTIVATE del nostro sito.

Area ADO.

Gruppi Facebook.

Visite al nostro sito.

L'associazione " Aulett@'99 - associazione degli studenti di Medicina e delle Professioni Sanitarie di Palermo " in collaborazione con il "C.E.F. Sicilia" presentano il corso BLSD.

Caratteristiche.

il corso è limitato a 24 persone (capienza massima dell'aula) il corso avrà durata di 8 ore il rapporto di allievi istruttori/ manichini sarà di 1:12 (istruttori autorizzati e formati dal centro di formazione C.E.F. Sicilia ) il corso avrà un costo per i soci dell'associazione Aulett@'99 di 60€

A ciascun partecipante verrà fornito:

Attestato kit didattico Tesserino plastificato.

senza prescrizione diovan dosage
dove acquistare doxazosin cardura medication

dove compro il aldactone hair

50. Quale delle seguenti associazioni farmacologiche non è raccomandata per ridurre la pressione arteriosa nel paziente iperteso? a. ACE-inibitori + diuretici tiazidici b. ACE-inibitori + calcio antagonisti c. antagonisti recettoriali dell’angiotensina II + ACE inibitori d. antagonisti recettoriali dell’angiotensina II + calcio antagonisti e. calcio antagonisti + diuretici tiazidici.

51. Qual è il sintomo di esordio più comune della sclerosi multipla? a. mielite trasversa b. oftalmoplegia internucleare c. atassia cerebellare d. neurite ottica e. ritenzione urinaria.

52. Quale tra le seguenti non è una componente della tetralogia di Fallot? a. difetto del setto interventricolare b. ostruzione all’efflusso del ventricolo destro c. trasposizione completa delle grandi arterie d. aorta a cavaliere sul difetto del setto interventricolare e. ipertrofia del ventricolo destro.

53. Quale delle seguenti affermazioni riguardo alla terapia della gotta è errata? a. la terapia farmacologica deve essere prescritta nei casi in cui l’iperuricemia non può essere corretta con semplici misure comportamentali b. gli inibitori della xantino ossidasi riducono l’uricemia anche nei pazienti ipoescretori c. l’uricemia deve essere mantenuta stabilmente sotto i 6 mg/dl d. in caso di attacco acuto di gotta, il trattamento con farmaci ipouricemizzanti deve essere iniziato immediatamente e comunque prima dell’uso della colchicina e. per trattare l’attacco gottoso acuto si possono usare FANS o cortisonici.

54. Quale fra le seguenti patologie non è una zoonosi? a. brucellosi b. tularemia c. peste d. mononucleosi e. malattia di chagas.

55. Nell’esecuzione dell’esame obiettivo del ginocchio, il Lachman test serve ad evidenziare l’eventuale presenza di: a. lesioni del legamento crociato anteriore b. lesione dei menischi c. lesioni ossee d. lesioni del legamento collaterale mediale e. lesioni cartilaginee del ginocchio.

56. Quale tra quelli elencati è l’accertamento di prima scelta per la valutazione basale ed il monitoraggio della cardiotossicità indotta da farmaci antineoplastici? a. elettrocardiogramma b. RMN cuore c. ecocardiogramma d. scintigrafia miocardica e. biopsia miocardica.

57. Un ragazzino di 16 anni si presenta in ambulatorio lamentando un dolore acuto e severo allo scroto con gonfiore del testicolo sinistro. Nel sospetto di torsione del testicolo, quale dei seguenti provvedimenti è corretto? a. prescrizione di riposo e di borsa del ghiaccio ad intervalli sullo scroto b. prescrizione i terapia antibiotica e antinfiammatoria c. invio immediato in pronto soccorso d. richiesta di ecografia scrotale da effettuarsi con criterio prioritario (entro 8-10 giorni) e. rivalutazione a distanza di 24 ore.

58. Qual è la complicanza più frequente dell’herpes zoster? a. disseminazione virale ematogena b. alterazione della motilità dell’apparato digerente o genito urinario c. nevralgia posterpetica d. meningoencefalite e. mielite trasversa.

59. Nel corso dell’esecuzione del test di Romberg un paziente tende precocemente a barcollare e cadere con gli occhi sia aperti che chiusi. Questo risultato del test è suggestivo di una lesione: a. cerebellare b. vestibolare c. visiva d. sensitiva profonda e. midollare.

60. HAS-BLED Score stima il rischio di sanguinamento nei soggetti eleggibili o in terapia anticoagulante orale. quale item non fa parte del suo calcolo? a. ipertensione b. alterazione della funzione renale c. alterazione della funzione epatica d. pregresso ictus e. sesso.

come acquistare colchicine dosage treatment
consegna diclofenac sodium gel

comprare aldactone hair removal

N° Edizioni 3 per studenti terzo anno:

4° Edizione Data 8-9-10 Maggio 2018 Orario 8:30 -16:30.

5° e 6° Edizione Data 4-5-6 Giugno 2018 e 11-12-13 Giugno 2018 Orario 8:30 -16:30.

Si ricorda agli studenti che l'iscrizione ad una attività elettiva e la non partecipazione senza darne tempestiva comunicazione al responsabile della stessa, comporta la sospensione da tutte le attività elettive per un semestre come previsto dall'art.6 del Regolamento delle attività formative a scelta dello studente.

Si informa che mercoledì 2 maggio u.s. è stato pubblicato sul Portale di Ateneo il bando relativo al progetto "Tutorato matricole" a.a. 2018/19. Il bando, che si allega al presente avviso, è altresì consultabile al seguente link https://www.unito.it/universita-e-lavoro/opportunita-ed-esperienze-di-lavoro/chi-studia/collaborazioni-tempo-parziale.

Si ricorda che si tratta di un concorso riservato agli studenti regolarmente iscritti all'Università degli Studi di Torino finalizzato all'assegnazione, nel corso dell'anno accademico 2018/2019, di collaborazioni a tempo parziale della durata di 100 o 200 ore (come indicato nella Tabella n. 1 del bando in allegato) per collaborare con i docenti nello svolgimento di attività di tutorato rivolte alle matricole.

Si riepiloga di seguito il calendario delle tempistiche relative alle fasi di candidatura, selezione e inizio delle attività di tutorato previste:

- candidature: gli studenti interessati dovranno inoltrare la propria domanda di candidatura in forma telematica dalla propria MyUniTo entro il 28 maggio 2018 ore 12.00; Lauree e Lauree Magistrali.

Vedi corsi per.

Il corso è articolato nei seguenti percorsi: ANALISI E MONITORAGGIO DEGLI ECOSISTEMI, PROGETTAZIONE E GESTIONE DEGLI SPAZI VERDI.

Anni Attivi: I,II Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Scienze del territorio e dell'ambiente agro-forestale [L] Scuola di: Agraria e Medicina veterinaria Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8525 Anni Attivi: I,II,III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Scienze e tecnologie agrarie [LM] Scuola di: Agraria e Medicina veterinaria Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 9235.

percorsi possibili: MEDICINA DELLEPIANTE, PRODUZIONI E BIOTECNOLOGIE VEGETALI, TECNICO-ECONOMICO E GESTIONALE.

Tutti (I e II anno)

I, II e III Anno.

Anni Attivi: Tutti gli anni.

I° e II° anno - Regolamento didattico a.a. 2016/17.

curriculum (in lingua inglese) MANAGEMENT.

senza prescrizione etodolac 200mg capsules
comprare la consegna di proventil durante la notte heraklion mapa

comprare generico aldactone 25mg reviews

Ora attenti a questa frase, di nuovo (ignorate la parte tecnica in inglese, metto la conclusione in italiano grassetto): “A scatter plot of each of the 30 nation’s IMR versus vaccine doses yielded a linear relationship with a correlation coefficient of 0.70 (95% CI, 0.46–0.85) and p immunitario, alle intossicazioni dei tessuti colpiti dalle sostanze tossiche, e soprattutto quelle dei vaccini, per insegnare alla mente conscia del soggetto che sta compiendo azioni contro la sua stessa vita! Una ricerca scientifica ed ufficiale, spiega perchè le infezioni/infiammazioni, in tenera età non sono ottimali, cioe' sono pericolose: http://www.lescienze.it/news/2017/01/26/news/infezioni_infantili_lunghezza_telomeri_salute_globuli_bianchi-3397169/. ed e' proprio cio' che i vaccini inducono. Brutto colpo per chi sostiene di vaccinare a 3 mesi i bambini indifesi. Cari vaccinatori vi inchioderemo alle vostre Responsabilità CRIMINALI!

2.000.000 di reazioni gravi ai farmaci ogni anno!

" Recentemente in Italia, con l’introduzione del D.L. n. 95/03 si è provveduto ad abolire l’ obbligo (diventa spontanea) di segnalazione di tutte le A.D.R. con le correlative sanzioni, ma rimane tuttavia obbligatoria la segnalazione delle A.D.R. gravi o inattese, di tutte le A.D.R. che riguardino i vaccini e quelle per quei farmaci che vengano inseriti in speciali elenchi, periodicamente pubblicati dal Ministero della Salute, riguardanti essenzialmente farmaci immessi di recente in commercio." Tratto da: http://www.altalex.com/index.php?idnot=10104.

Informatore dei CDC CONFESSA la FRODE e le FALSIFICAZIONI sugli studi della correlazione VACCINO=AUTISMO.

Visionate questo video, parla un'informatore farmaceutico, sul Business dei Farmaci e Vaccini http://ildocumento.it/farmaci/il-business-farmaceutico-current.html.

Video da visionare per comprendere il meccanismo del FURTO dei nostri beni da parte di questi CRIMINALI a livello mondiale!

La Medicina Allopatica ( allopatia, la medicina del contrasto ) e' un tipo di medicina che identifica la malattia nei sintomi (*) della malattia stessa; di conseguenza, essa somministra all'organismo dei farmaci, purtroppo di sintesi, detti sintomatici, che cercano di eliminare i sintomi dall'organismo (da qui il nome, derivato dal greco allos = diverso / pathos = malattia). La somministrazione di questi farmaci da parte dei medici che seguono questa "dottrina", porta alle volte, non sempre, all'eliminazione dei sintomi, oltre a non eliminare le cause delle malattie, ma molte volte essa genera le cosiddette malattie iatrogene (per diagnosi errate e/o per l'utilizzo di farmaci di sintesi), e/o crea nel malato altre malattie da farmaco e/o vaccini. I sintomi stessi, e' naturale, rappresentano comunque, oltre rappresentare "qualcosa" che non funziona secondo i canoni della perfetta salute, il tentativo, da parte dell'organismo, di reagire alla malattia per poterla eradicare, quindi l'eliminazione dei sintomi NON elimina le Vere cause della malattia in quanto tale, infatti e spesso non si ottiene una reale guarigione, ma solo la scomparsa dei sintomi indicatori delle malfunzioni cellulari (intossicazione, stress ossidativo), tissutali, organiche e sistemiche: Sistema gastrointestinale - Sistema endocrino - Sistema immunitario - Sistema linfatico - Sistema muscolare - Sistema nervoso - Sistema scheletrico e quello dei vari apparati del corpo: Apparato circolatorio - Apparato respiratorio - Apparato locomotore - Apparato lacrimale - Apparato uro-genitale - Apparato urinario - Apparato genitale - Apparato genitale femminile - Apparato genitale maschile - Apparato tegumentario - Apparato visivo - Apparato uditivo - Apparato vestibolare (*) Il termine sintomo deriva dal greco σύμπτωμα: "evenienza", "circostanza"; a sua volta derivato da συμπιπτω: "cadere con, cadere assieme"). Infatti il sintomo non è mai una entità fenomenica unica, ma l'effetto finale, non standardizzato, di un convergere di molteplici azioni e reazioni. Indica un'alterazione della normale sensazione di sé e del proprio corpo in relazione ad uno stato patologico, riferito dal paziente. Si differenzia dal segno che è invece un reperto obiettivo patologico riconosciuto dal medico all'esame del paziente stesso.

TEST INUTILI e COSTOSI E' la conclusione cui è giunto il prestigioso istituto scientifico Cochrane (Nordic Cochrane Center Copenhagen - Danimarca). Gli autori hanno controllato 14 studi randomizzati pubblicati tra il 1963 e il 1999 che riguardavano l'effetto dei check-up medici annuali sulla morbilità e mortalità. Un genere di check-up spesso proposti dalle aziende ai propri dipendenti o dai centri diagnostici privati. Gli autori hanno preso in considerazione solo i check-up effettuati per il solo scopo preventivo e non quelli necessari per controllare l'andamento di una malattia cronica. In sintesi, la conclusione è che questi check-up non riducono per niente la mortalità e sono solo un gran business per chi li propone! Negli USA i cittadini spendono 322 milioni di dollari ogni anno per questo genere di screening, anche se gli autori dello studio sospettano cifre assai maggiori: In Italia dove questa moda ha preso piede negli ultimi anni quanto si spende? Il terrore delle morte e della malattia che attanaglia l'uomo come non mai nella storia dell'umanità è la causa di questo abuso di esami medici. Poi, chiaro c'è chi lo sfrutta. Tutti questi soldi potrebbero essere meglio spesi nel mantenerla la salute e non nel cercare ossessivamente le malattie. Sanare l'ambiente in cui viviamo, curare l'alimentazione, condurre una vita salubre, coltivare interessi più elevati rispetto a quelli materiali, che ormai occupano tutte le preoccupazioni dell'uomo postmoderno, sono aspetti decisamente più vantaggiosi per la salute che sottoporsi ad inutili e costosi esami diagnostici a ripetizione.

Questo video e' estratto da una conferenza tenuta da Bruce Lipton. In questo filmato si mette in discussione la medicina moderna e la sua incapacita' di comprendere il complesso funzionamento del corpo umano. Corpo, spirito e mente per giungere alla salute perfetta e all'integrazione con l'Uno. Video: http://video.google.com/videoplay?docid=8984100529565061308&hl=it vedi: Riforma Sanitaria + Evidenze cliniche e Certificazione di qualita' per il medico + Semeiotica biofisica La medicina, quella ufficiale, non è verità assoluta, ma e’ una teoria in continua ricerca della realta’, salvo quando essa non sia immobilizzata dagli interessi commerciali delle multinazionali dei vaccini e farmaci. Nei decenni numerosi farmaci e vaccini sono stati introdotti e ritirati a seguito delle avversioni riscontrate. A volte la dimostrazione della loro dannosità è avvenuta dopo anni di lotte e di preconcetti istituzionali. Ci sono certezze sui vaccini infantili che meritano, qualunque sia il pensiero d'ognuno, un' attenta ed approfondita valutazione. Se i casi di gravi reazioni ai vaccini sono presenti in Italia come in tutto il mondo, perché le aziende che li producono non avvisano dei possibili rischi attraverso i foglietti illustrativi (bugiardini) o informando opportunamente i pediatri? Se sono necessari, perché sono obbligatori solo in Italia e non ovunque nel mondo? Come mai il vecchio Ministro della Sanità De Lorenzo è stato condannato per una tangente di € 300.000, per l'istituzione dell'obbligatorietà del vaccino per l'epatite B, ma dopo la sua condanna l' obbligo è rimasto? Perchè un'azienda farmaceutica paga una tangente al ministero della Sanità per far istituire un vaccino, che a tutt'oggi, le istituzioni ci dicono che serva davvero? Perché le aziende ASL mettono pressioni con numerosi solleciti ai genitori, affinchè si eseguano le vaccinazioni, non informando che non sono più obbligatorie in certe regioni italiane? Perchè le istituzioni, per affermare la loro politica sulle vaccinazioni, hanno mostrato grafici e statistiche che si sono dimostrate palesemente manomesse? Perchè le aziende farmaceutiche hanno declinato ogni responsabilità penale sui vaccini? E potremmo continuare ancora, con i perche’ …- vedi: I medici sono una minaccia.

" Spiacenti. abbiamo sbagliato, NON era cancro dopo tutto ", questo e' cio' che ammette il National Cancer Institute - vedi JAMA - 18 aprile 2016 Dopo decenni di diagnosi di cancro illeciti e trattamenti con milioni di danneggiati, il National Cancer Institute ha cosi' affermato, cio' e' di alta gravita',. riviste come JAMA finalmente ammettono che si sbagliavano tutti insieme.

Già nel 2012, il National Cancer Institute (NSC) aveva convocato un gruppo di esperti per valutare il problema degli di errori di classificazione e la successiva sovradiagnosi e trattamento come cancro, determinando che, milioni potrebbero essere stati erroneamente diagnosticati, ad esempio, con "cancro" della mammella, della prostata, della tiroide e del polmone, quando in realtà, nelle loro condizioni erano probabilmente innocui, e avrebbero dovuto essere definiti c ome "escrescenze benigne indolenti o di origine epiteliale". Non ci sono scuse, è stato ammesso ufficialmente. Nessuna informazione da parte dei principali media si è verificato su questo fatto. E ancora più importante, nessun cambiamento radicale avvenuto nella pratica convenzionale di diagnosi di cancro nella prevenzione od il trattamento, che e' rimasto tale e quale. In sostanza, in un gioco di prestigio semantico, intere aree del Stati Uniti e la popolazione globale, che pensavano di avere "il cancro letale", e sono stati successivamente trattati per esso, spesso con procedure violente e trattamenti invasivi, e' stato detto loro che " oops..noi abbiamo sbagliato. Non hai mai avuto il cancro, dopo tutto ".

Se si guarda al problema attraverso la sovradiagnosi di cancro al seno e ipertrattamento "sanitario", negli Stati Uniti nel corso degli ultimi 30 anni, è stato stimato che circa 1,3 milioni di donne sono state trattate in modo sbagliato. La maggior parte di queste donne hanno ancora idea che essi sono state vittime, e molti hanno identificato i loro "aggressori" nella sindrome Stolkholm come una moda, perché pensano che le loro "vite sono state salvate" dagli inutili trattamenti anche invasivi, quando in realtà gli effetti collaterali, sia psicologici e fisici, hanno quasi certamente ridotto sia la qualità che la durata della loro vita dai trattamenti farmacologici e radiologici, che hanno ricevuto.

Quando il rapporto del NSC è stato rilasciato, vi è stata una sorta di rivincita per coloro che erano stati sostenitori della posizione che una forma, comunemente diagnosticata del cosiddetto "cancro al seno in fase iniziale", noto come il "carcinoma duttale in situ" (tumore non invasivo), è ​​stato infatti, non intrinsecamente maligno e non deve essere trattato con i trattamenti convenzionali di mastectomia parziale, mastectomia, radioterapia e chemioterapia.

A quel tempo ho basato tutto questo, sulla ricerca disponibile nella storia naturale del "carcinoma duttale in situ", ed il tasso di sopravvivenza e' estremamente elevato con il carcinoma duttale in situ, così come il fatto che la mortalità correlata cancro al seno, non era sceso al passo con l'espansione della cosiddetta "zero "o" "tumori fase iniziale rilevati attraverso proiezioni mammografia", come ci si dovuto aspettare se queste diagnosi in realtà rappresentavano entità cliniche nocive. Da allora, ho visto da vicino il problema della sovradiagnosi e trattamento eccessivo ed invasivo. Ottengo aggiornamenti quotidiani dal pubmed.gov sul tema, e sempre più ad alto impatto, e Gravitas, con riviste che stanno segnalando questo fenomeno altamente preoccupante. Particolarmente rilevante è una recensione pubblicata alla fine dello scorso anno 2015, che ho riportato nel mio articolo intitolato: "Un gran numero di procedure mediche non hanno alcun beneficio, e possono anche danneggiare" - By JAMA studio.

Lo studio ha trovato che JAMA illustra una vasta gamma di procedure mediche standard, e gli interventi che milioni di soggetti sono sottoposti ogni anno, non sono basate sull'evidenza, come comunemente assunto e dichiarato, ed hanno poco o nessun beneficio, e possono anche causare danni significativi. Di conseguenza, ora credo che la medicina spesso comporta il: non fare, il più nulla sia possibile. Penso anche che le persone devono essere consapevoli che qualsiasi diagnosi di cancro convenzionale ha la capacità di esercitare un danno letale tramite l'effetto nocebo, a prescindere dalla sua accuratezza (vale a dire, anche una diagnosi errata può avere conseguenze letali, perché il potere della mente sul corpo e' molto forte, ( NdR: e la diagnosi di cancro influisce sullo stato della malattia aggravandola). Il cancro della tiroide un'epidemia causata dalla disinformazione, non dal cancro in se'.

senza prescrizione hydrochlorothiazide medication dosage