comprare naprosyn a buon mercator slovenija

prescrizione torsemide vs furosemide dosing

dove compro il naprosyn drug

L’esperienza di alcuni italiani in Romania.

Interessante, infine, risulta essere l’esperienza di un’italiana che ha scelto l’ università in Romania di Arad per diventare medico: http://www.kongnews.it.

Vuoi saperne di più? Contattaci. Test medicina 2017-2018: bando, data, argomenti, domande e graduatoria.

TEST MEDICINA 2017.

Dal 28 giugno, data in cui il Miur ha pubblicato i decreti contenenti i bandi con i posti disponibili, le date di iscrizione ai test e le domande per accedere ai test di ingresso per le facoltà a numero programmato, conosciamo i numeri complessivi dei posti su base nazionale per l'accesso alla facoltà. Questi dati sono stati contestati dall'Unione degli Universitari perché ogni anno i posti diminuiscono drasticamente: basti pensare che, nel confronto con il 2015, all'appello quest'anno mancano oltre 1.000 posti. Controlla a questo link per scoprire come sono suddivisi, tra gli atenei, i totali 9.100 posti per il Corso di Laurea in Medicina. Il test si è svolto il 5 settembre 2017 e alle 17.30 dello stesso giorno il Miur ha pubblicato le domande e le soluzioni. Ora si attende il voto minimo necessario ad entrare che, considerando la difficoltà delle domande, si aspetta che sarà inferiore a quello dell'anno prima. In questa guida vi forniremo tutte le informazioni utili sul test di ammissione di Medicina 2017, le date, le scadenze, la pubblicazione del bando e gli argomenti da studiare, e in più troverete anche delle simulazioni per allenarvi!

Indice.

CALENDARIO TEST NUMERO CHIUSO 2018.

Per quanto riguarda gli atenei privati, invece, le date cambiano a seconda della singola università. La Cattolica ha già stabilito un giorno ufficiale, mentre per le altre al momento è possibile dare solamente un periodo indicativo. Ecco gli aggiornamenti sulle date del test di medicina 2017/2018 degli atenei privati:

Data test medicina San Raffaele 2017: dal 28 agosto al 4 settembre Data test medicina in inglese San Raffaele: fine agosto (data da confermare) Data test medicina 2017 Campus Bio-Medico di Roma: fine agosto 2017 (data da confermare) Data test medicina in inglese 2017 Humanitas University di Milano: settembre 2017 (data da confermare)

Test ingresso 2017: tutto sul numero chiuso.

acquisto hytrin drug class
dosaggio micardis dosage mg

comprare naprosyn a buon mercator slovenija

modalit� d'esame moduli di biochimica metabolica - canale B.

a partire da febbraio 2018 l'esame di biochimica metabolica - canale B - CdL in Medicina e Chirurgia si effettuerà secondo le seguenti modalità:

- Modulo Biochimica Metabolica I: 8 domande a scelta multipla (1 punto/domanda corretta; 0 punti per domanda non data o errata) + 1 domanda aperta (2 punti massimo)

- Modulo Biochimica Metabolica II: 8 domande a scelta multipla (1 punto/domanda corretta; 0 punti per domanda non data o errata) + 1 domanda aperta (2 punti massimo)

Modulo Biochimica Metabolica III: 8 domande a scelta multipla (1 punto/domanda corretta; 0 punti per domanda non data o errata) + 1 domanda aperta (2 punti massimo).

Il tempo massimo della prova è di 3 ore.

Il voto finale deriverà dalla media - ponderata in base ai CFU - dei tre moduli:

- voto di Biochimica Metabolica I: 20% del voto totale;

- voto di Biochimica Metabolica II: 40% del voto totale;

- voto di Biochimica Metabolica III: 40% del voto totale.

comprare la consegna di vasotec durante la notte del giudiozio
consegna digoxina vademecum

comprare naprosyn a buon mercator slovenija

Si ricorda che si tratta di un concorso riservato agli studenti regolarmente iscritti all'Università degli Studi di Torino finalizzato all'assegnazione, nel corso dell'anno accademico 2018/2019, di collaborazioni a tempo parziale della durata di 100 o 200 ore (come indicato nella Tabella n. 1 del bando in allegato) per collaborare con i docenti nello svolgimento di attività di tutorato rivolte alle matricole.

Si riepiloga di seguito il calendario delle tempistiche relative alle fasi di candidatura, selezione e inizio delle attività di tutorato previste:

- candidature: gli studenti interessati dovranno inoltrare la propria domanda di candidatura in forma telematica dalla propria MyUniTo entro il 28 maggio 2018 ore 12.00; Università Degli Studi Di Genova.

frequenta il futuro.

Università degli Studi di Genova.

Menu Strutture.

Sei in: Strutture > Scuole di Ateneo > Scuola di Scienze mediche e farmaceutiche - Medicina e Chirurgia.

Medicina e Chirurgia.

Sede: Via L.B. Alberti, 4 - 16132 Genova.

Delegato per l'orientamento: Franco Onofri.

Referente per gli studenti disabili: Nicola Giovanni Girtler.

Corsi decentrati: poli didattici di Imperia, Savona e La Spezia. Medicina e chirurgia unina.

OFFERTA DIDATTICA.

INFORMAZIONI E SERVIZI.

Presentazione del CDLM: Poster1 - Poster2.

quanto celebrex dosage instructions
quanto hytrin vs flomax dosage

prescrizione naprosyn drug classification

In alcune regioni, quali la Toscana e l'Emilia Romagna, l'Agopuntura è entrata nei LEA regionali, come in diversi ospedali del territorio nazionale.

In una situazione così dinamica e in forte espansione, un alto livello di preparazione è requisito indispensabile per il successo professionale.

Ammissione da altre scuole.

L’ammissione da altre Scuole F.I.S.A. è automatica all’anno di corso successivo rispetto a quello frequentato e per il quale lo studente abbia sostenuto l’esame di fine anno con esito positivo. A tale scopo lo studente dovrà produrre una certificazione della Scuola di provenienza che attesti il superamento dell’esame e il libretto personale F.I.S.A..

Le richieste di ammissione per studenti provenienti da Scuole non aderenti alla F.I.S.A. saranno valutate di volta in volta.

Passaggio ad altre scuole.

Gli studenti di A.M.A.B. - Scuola Italo Cinese di Agopuntura potranno iscriversi ad altre Scuole F.I.S.A.. A tal fine la Segreteria rilascerà idonea certificazione.

Certificati di frequenza.

Su richiesta degli interessati la Segreteria rilascia certificati di frequenza annuali, alle singole lezioni ed esercitazioni.

Convenzioni e partecipazioni.

A.M.A.B. - Scuola Italo Cinese di Agopuntura al fine di incrementare i propri livelli formativi teorici e pratici e della ricerca in specifici ambiti, ha stipulato importanti convenzioni e accordi con Università Cinesi, Aziende Sanitarie Locali e Organismi Internazionali e fa parte, tramite suoi rappresentanti, di Organismi Nazionali elencati di seguito:

- Università di Medicina Tradizionale Cinese di Canton;

dove acquistare calandria

comprare naprosyn a buon mercato liverpool

dove compro il norvasc dosage for elderly

sconto del naprosyn drug classification

come acquistare etodolac 500

quanto naprosyn drugs

ordine betapace classification essay

roche naprosyn 250 mg

* A.D.O.I.: Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani. * Comitato scientifico ADIPSO (Associazione per la Difesa degli Psoriasici). * A.I.D.A.: Associazione Italiana Dermatologi Ambulatoriali. * I.S.D.S.: International Society for Dermatologic Surgery (USA). * S.I.D.C.O.: Società Italiana Chirurgia Dermatologica.

Progetti.

* Milano CheckUp (Medical Science Expo) per Fiera Milano.

Stampa.

* Fondatore e Direttore Editoriale della rivista Journal of Plastic Dermatology; * Membro del Comitato di Redazione della rivista DermoCosmetologia; * Membro del Comitato Scientifico della rivista Il Dermochirurgo; * Direttore Editoriale della rivista Esthetitaly.

Libri.

* Il Dermatologo Italiano, Vademecum ed. 2004 – Capitolo: Cosmetologia e Dermocosmetologia Plastica – Editore Hippocrates * La Bellezza Autentica – Sperling & Kupfer Editore (2005) * Per La Tua Pelle – Sperling & Kupfer Editore (2008) * Botulin Free – Sperling & Kupfer Editore (2012) * La Bellezza Autentica – L’Airone Editrice (2012) * E-BOOK: La verità sul botulino – Sperling & Kupfer Editore (2013)

Pubblicazioni Scientifiche e partecipazione a congressi italiani e internazionali come Chairman e Relatore:

· La scintigrafia con TC-99 m e la teletermografia nello Pseudokaposi (considerazioni a proposito di due casi di sindrome di Bluefarb-Stewart). Dermatologia Clinica. Vol. IV n. 2 – Aprile/Giugno 1984.

· Investigation of hla and sce in a family whose phenotype may be assimilated to b.k. mole syndrome. First International Conference on skin melanoma. Venezia, 6-9 Maggio 1985.

· Aspetti clinici del nevo di Spitz. 6° Convegno di Dermatologia Terme di Comano (TN). Terme di Comano, 1-2 Giugno 1985.

dosaggio voltaren tablets 25mg
isoptin in vendita paper

consegna naprosyn ec 250

Titoli di studio: Per effettuare l’Immatricolazione online e il relativo perfezionamento occorre essere in possesso delle informazioni riguardanti il titolo di studio conseguito: le informazioni saranno richieste online.

Data di scadenza del Bollettino MAV online: La data di scadenza presente sul Bollettino si riferisce all’inizio dell’anno accademico e non è vincolante per il pagamento: il termine ultimo per il pagamento è strettamente dipendente dalla data dell’iscrizione online.

Immatricolazione e iscrizione ai test: E’ possibile partecipare a test di ammissione presso diversi Atenei, in qualsiasi momento, anche se si è già provveduto ad immatricolarsi ad un corso di laurea. Se poi si decide di iscriversi ad un altro corso di laurea allora occorrerà fare Rinuncia agli Studi. E’ fatto divieto secondo l’articolo 142 del T.U. sull’istruzione superiore la contemporanea iscrizione a diverse Università e/o corsi di studio.

Immatricolazione e rinuncia: Se si effettua l’immatricolazione presso UniSR e poi si decide di iscriversi ad un altro corso di laurea sempre UniSR, si fa richiesta di passaggio di corso e l’importo versato per il corso precedente viene tenuto valido per il nuovo corso di laurea con le relative eventuali compensazioni. Se si decide di iscriversi presso un altro corso di laurea in altro ateneo, è necessario fare rinuncia al corso in cui si è iscritti e chiedere formalmente il rimborso che è in ogni caso parziale. Il termine entro il quale presentare richiesta di rimborso è il 30 novembre 2018: per le rinunce che intervengono dopo tale data non è previsto il rimborso.

Presso UniSR non sono previste le fasce di reddito per il pagamento delle rette universitarie.

Premi di merito UniSR Per gli studenti che si immatricolano al I anno del corso di Laurea in Filosofia e del corso di Laurea Magistrale in Filosofia del Mondo contemporaneo sono messi a disposizione dei Premi di merito. Per maggiori informazioni vai alla pagina dedicata: http://www.unisr.it/borse-di-studio/#agevolazioni-premi-di-meriti.

Borse di Studio: I Bandi relativi a Borse di studio e Agevolazioni per gli studenti vengono annualmente pubblicati sul sito all’indirizzo.unisr.it/borse-di-studio. Il Bando generalmente viene pubblicato nel mese di Luglio.

DISABILITA’ E DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO.

I candidati disabili, ai sensi della legge 5 febbraio 1992 n. 104, così come modificata dalla legge n.17/1999 ammessi all’immatricolazione dovranno fare esplicita richiesta di poter fruire degli eventuali provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica. I candidati rientranti nell’ambito di applicazione della legge 8 ottobre 2010, n. 170 recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico, potranno richiedere le agevolazioni previste dal D.M. del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca n. 5669 del 12 luglio 2011.

Per presentare le richieste occorre scaricare e consegnare unitamente alla documentazione necessaria per l’immatricolazione (seguendo le indicazioni inviate dalla Segreteria Studenti) il modulo disponibile online completo di Allegati come previsto nel modulo stesso.

ventolin senza prescrizione bollette
blopress a buon mercator knife

costo di naprosyn 500mg

Collegata a questi curiosi contatti tra un membro della commissione Asl (“il numero uno, quello che deciderà”. che cosa?) e persone legate alla Santa Rita (a cui la Asl ha appena chiuso un reparto), c’è poi un’altra telefonata, successiva di circa tre mesi, citata dagli avvocati di Brega. È del 4 gennaio 2008, tra il dottor Brega e Cristina Cantù, che è appena subentrata alla direzione Asl sostituendo il dottor Mobilia; Brega vuole, com’è ovvio, chiarire la propria posizione con il nuovo direttore generale, e la stessa dottoressa Cantù per tutta risposta afferma: “Io credo che davvero lei sia un effetto collaterale”, “si cerca sempre un capro espiatorio”. Il reparto della Santa Rita, dopo tre mesi di blocco e la nomina di un nuovo primario, era stato riaperto da pochi giorni, poco prima di Natale, con delibera dello stesso Mobilia; nel frattembo Brega Massone aveva iniziato a lavorare alla clinica San Carlo, senza alcuna preclusione da parte della Asl – la stessa che aveva censurato il suo operato medico, affermando che avesse addirittura messo a repentaglio la salute pubblica con un contagio di TBC (!). Dal punto di vista della Asl, tutto – qualunque cosa fosse questo tutto, comprensivo di effetto collaterale e capro espiatorio – sembrava inspiegabilmente rientrato.

A questo punto la difesa ha chiesto al colonnello Maragoni se l’ascolto di queste telefonate non avesse fatto sorgere spunti investigativi in merito all’operato della commissione Asl, aspetti poco chiari da indagare, e il teste ha risposto: “No”. In effetti, considerata la situazione nel complesso, dubbi potevano sorgere – a noi sono sorti. Brega Massone, nelle telefonate che la procura stava intercettando, si dichiarava sconvolto, definiva l’accusa della commissione “infangante e bastarda”; aveva consegnato copia delle cartelle cliniche oggetto della valutazione Asl al professor Mezzetti (1) (citato da Legnani nella telefonata con Prati) e al professor Ernesto Pozzi (2), per una valutazione, ed entrambi avevano prodotto due relazioni con conclusioni esattamente opposte a quelle elaborate dalla commissione, affermando che i pazienti erano stati trattati in modo corretto e non vi era stato pericolo per la salute pubblica; aveva fatto ricorso al Tar – udienza fissata per il 19 giugno 2008 e poi decaduta a seguito degli arresti avvenuti dieci giorni prima – aveva scritto alla Regione, all’Ordine dei medici e alla Asl chiedendo un confronto con i membri della commissione per poter esporre il suo operato relativo ai sette pazienti – confronto che gli è sempre stato negato. Tutte azioni che la procura seguiva ‘in diretta’, grazie alle intercettazioni telefoniche. Inoltre, aggiungiamo noi, durante le udienze in primo grado del primo processo, ben due persone (Fabio Presicci, primo aiuto dell’équipe di Brega Massone, e Gianluca Merlano, direttore sanitario della clinica) hanno affermato che la Asl “voleva la testa di Brega” – al primo è stato detto dal notaio Pipitone, il secondo era presente quando il direttore generale Asl, dottor Mobilia (quello poi sostituito dalla dottoressa Cantù) lo diceva allo stesso notaio (3). Forse in questo secondo processo sarà fatta un po’ di luce sulla nebulosa questione Asl; da parte nostra l’abbiamo sollevata più di un anno fa, nel libro inchiesta.

Vi è poi la questione lastre (RX, TAC, PET), altro aspetto importante ritenuto marginale da parte della procura e del tribunale del dibattimento precedente e ieri evidenziato dalla difesa di Brega Massone. Le cartelle cliniche relative al reparto di chirurgia toracica sequestrate dalla Guardia di Finanza il 29 settembre 2007, non le contenevano; era infatti prassi della clinica consegnare gli originali ai pazienti, e tenerne solo copia digitale su un server a parte. I consulenti medici della procura, quindi, hanno fatto le loro valutazioni basandosi solo sui referti scritti dal radiologo e non visionando direttamente le lastre – al contrario, per inciso, dei consulenti di Brega Massone, Mezzetti e Pozzi compresi, che invece per scrivere le loro perizie ne hanno preso visione. Questione di non poco conto per valutare l’esistenza o meno dell’indicazione chirurgica (e dunque l'accusa di lesioni dolose. ), poiché ogni chirurgo decide se procedere o meno all’operazione visionando direttamente le immagini e non appoggiandosi al referto: non è infatti detto che il radiologo e il chirurgo siano d’accordo nella valutazione, spesso si consultano a voce e particolari che possono sembrare normali o irrilevanti agli occhi del radiologo possono invece apparire significativi a quelli del chirurgo, come ha dovuto riconoscere nel precedente dibattimento anche il professor Sartori, consulente della procura (che ha steso la propria valutazione sulla base dei soli referti presenti nelle cartelle sequestrate): “[Il chirurgo toracico] è in grado di interpretare una radiografia del torace spesso come e meglio di un radiologo perché il chirurgo generalmente poi vede quello che c’è dentro dopo aver visto dopo quello che c’è fuori” (4).

Gli avvocati di Brega hanno precisato che la questione era stata sollevata anche all’interno della commissione Asl – nel verbale del 7 settembre 2007, di cui la procura aveva ricevuto copia a fine settembre, si legge: “Il Dr. Bulgheroni e il Prof. Santambrogio sottolineano la necessità di poter esaminare la lastre effettuate nei pazienti in questione, per meglio analizzare i casi” (le lastre non saranno poi reperite dalla commissione) – e si era mostrata pregnante anche nella telefonata intercettata del 7 ottobre 2007 tra il dottor Legnani e il notaio Pipitone, nella quale lo stesso Legnani, spiegando la propria valutazione negativa sui casi Asl, afferma: “Io… è una situazione molto difficile, perché… io, ho premesso, non ho visto le radiografie, eh? Mi sono basato solo sui referti che sono allegati alle cartelle, non ho visto dal vivo le radiografie perché ci vogliono… centinaia di ore, ecco, per vedere tutto assieme, capisce? Quindi mi sono basato solo sulla cartella clinica con i referti allegati”. A domanda se questi elementi non avessero spinto l’attività investigativa a cercare di acquisire anche le lastre, da mettere a disposizione dei consulenti della procura per le loro valutazioni, il colonnello Maragoni ha risposto semplicemente che loro avevano chiesto la documentazione alla clinica Santa Rita e quello gli era stato consegnato. Avremo modo finalmente in questo dibattimento di assistere a un serio confronto tra i consulenti della procura e quelli delle difesa, basato sull’intera cartella clinica, lastre comprese? (Nel limite del possibile in quanto assisteremo, nuovamente, all’imbarazzante e anomalo confronto – da noi denunciato più volte – tra un medico di base, il dottor Paolo Squicciarini, principale consulente della procura, e due primari di chirurgia toracica, consulenti della difesa di Brega Massone.)

Un altro aspetto importante che si è evidenziato nel corso dell’udienza riguarda la modifica di ipotesi di reato verificatasi nel corso delle indagini. L’avviso di garanzia recapitato al dottor Brega a fine settembre 2007, in concomitanza con il sequestro delle cartelle cliniche, era relativo al solo reato di truffa e falso. Quali elementi hanno spostato il fuoco dell’indagine sul presunto reato di lesioni dolose?, ha chiesto la difesa di Brega al colonnello Maragoni. Qui la testimonianza si è fatta un po’ vaga. Quando, durante la mattinata, la questione era stata sollevata in fase di esame dal pubblico ministero, il teste aveva risposto che l’ascolto di telefonate nelle quali il chirurgo si confrontava con i due aiuti per costruire una “linea difensiva” relativa all’iter diagnostico e terapeutico applicato ai pazienti aveva insospettito gli investigatori, che si erano chiesti se vi fosse anche altro oltre l’ipotetica truffa. Una risposta generica che il pm non aveva approfondito ulteriormente. Alla stessa domanda posta dagli avvocati nel pomeriggio, il colonnello ha ribadito il dubbio innescato dalle intercettazioni telefoniche; incalzato dalla richiesta di fornire maggiori dettagli, ha aggiunto il fatto che il dottor Brega fosse stato licenziato dalla clinica; poi che fosse morto un paziente, citando un capo di imputazione del processo, relativo a un caso clinico del febbraio 2006, presente tra le cartelle sequestrate a fine settembre. Ulteriormente incalzato perché indicasse almeno l’arco temporale intercorso tra l’ipotesi di mera truffa e la decisione di nominare un consulente per la valutazione delle cartelle cliniche dal punto di vista medico-scientifico – aspetto curioso e non secondario per la sua eccezionalità, e che ha portato in campo il medico di base Squicciarini: nel filone di indagine in cui si inseriva la clinica Santa Rita, infatti, le cartelle erano normalmente valutate solo dal punto di vista amministrativo – il colonnello Maragoni ha risposto: “Qualche settimana”.

Se così fosse stato, per quanto ancora incomprensibile nelle ragioni, potrebbe avere avuto almeno una giustificazione dal punto di vista temporale. Ma così non è stato. La risposta data dal colonnello infatti non corrisponde al vero. La nomina del dottor Paolo Squicciarini è del 2 ottobre 2007, appena tre giorni dopo il sequestro delle cartelle cliniche; ovvero, antecedente al licenziamento (avvenuto il 6 ottobre, e sfugge comunque la logica per cui avrebbe potuto essere rilevante sotto il profilo medico-scientifico) e antecedente a qualsiasi valutazione sul decesso del paziente citato, si suppone effettuata dal consulente della procura una volta avuta in mano la relativa cartella, non prima. Per quanto riguarda le "telefonate" (al plurale, secondo il teste) tra il dottor Brega e la sua équipe, ve ne è una sola nell’arco di quei tre giorni, datata 30 settembre, nella quale i tre medici parlano dei casi relativi alle sette cartelle di TBC, certamente dal punto di vista di indicazione chirurgica, diagnostica e terapeutica, poiché questo era l'aspetto valutato dalla commissione Asl – e quindi non si capisce perché avrebbe dovuto insospettire gli investigatori. Subito dopo, i tre chirurghi allargano la questione a tutte le cartelle sequestrate nel loro complesso, parlandone in linea generale, in un’ansia ‘difensiva’ assolutamente comprensibile data l’improvvisa e inaspettata situazione che si era venuta a creare – vale la pena contestualizzare e ricordare che, nel giro di tre giorni, si sono visti prima chiudere il reparto (la commissione Asl ha valutato senza chiedere alcun confronto né con la clinica né con il dottor Brega, che hanno dunque ricevuto la delibera di chiusura immediata senza averne avuto prima alcun sentore) e poi sequestrare le cartelle cliniche. Anzi, due passaggi della telefonata evidenziano quanto Brega ragionasse sull’accusa di truffa (“dal punto di vista ‘indicazione’ io sono tranquillo” afferma, e “ci analizzeranno il buco del culo per cercare di farci passare come dei truffatori”).

Durante l’udienza è stata anche citata la famosa telefonata del 25 gennaio 2008 relativa alla ‘mammella novantenne’, che all’epoca degli arresti ha fatto il giro dei giornali e dei programmi televisivi (in versione stralcio, ovviamente. ). Non rientra tra i capi di imputazione del processo ma ha avuto (ed evidentemente ha tuttora, dato che è tornata a fare capolino anche in questo secondo dibattimento) una forte (e strumentale) risonanza mediatica. Il colonnello Maragoni ha affermato che Brega Massone “era abituato in Santa Rita in cui poteva fare tutto quello che voleva” (valutazione personale da parte dell’ufficiale di polizia giudiziaria che si commenta da sé) e, arrivato alla clinica San Carlo, si vede invece bocciare un intervento da parte dell’anestesista. Il pm ha convenientemente lasciato cadere nell’aula anche questo ‘passaggio investigativo’ evocato dal colonnello – che implicitamente sostiene la tesi accusatoria, ossia che Brega operasse solo per far soldi, senza che vi fossero indicazioni chirurgiche. In fase di controesame la difesa di Brega ha preso in mano il testo della telefonata ed evidenziato come, innanzitutto, l’anestesista dichiari che l’insufficienza respiratoria pregressa che si era evidenziata all’ultimo momento nella paziente, e che mutava la valutazione in merito all’operabilità, non era stata fino a quel momento conosciuta ed era ancora da verificare, e dunque Brega non poteva esserne a conoscenza nel momento in cui aveva dato l’indicazione chirurgica; in seconda battuta, sempre testo della telefonata alla mano, gli avvocati hanno sottolineato il fatto che l’anestesista affermi: “Non discuto l’indicazione. l’indicazione chirurgica è fuori discussione”. Davanti a questa evidenza, il colonnello non ha potuto fare altro che confermare. Paradossalmente, quindi, questa telefonata tanto enfatizzata dalla procura e dai media come esempio di quelle ‘inutili operazioni’ fatte da Brega al solo fine di guadagno, evidenzia al contrario che l’operazione non era affatto inutile perché l’indicazione chirurgica c’era eccome. Anche questo, lo avevamo scritto a suo tempo nel libro inchiesta.

Questi gli aspetti, a nostro avviso salienti, dell’udienza. Giusto una nota a margine, che ha il suo peso. Nel momento in cui la procura si è apprestata a fare ascoltare in aula il primo stralcio di intercettazione telefonica, ritenuto rilevante nella tesi accusatoria, la difesa del dottor Presicci ha fatto opposizione, dichiarando che ascoltare solo stralci (opportunisticamente selezionati, aggiungiamo noi) non fosse corretto poiché molte telefonate contenevano, prima o dopo lo stralcio, frasi che lo contestualizzavano, modificandone il senso. La Corte ha accolto l’opposizione. Dunque, in questo processo, le telefonate che saranno ritenute rilevanti saranno ascoltate integralmente. Finalmente, diciamo noi. Il dibattimento precedente ha registrato abbondanza di stralci telefonici sapientemente scelti dalla procura – e rimbalzati sui media da ‘giornalismo degli orrori’ – e poco importa se i giudici avevano a disposizione gli atti in cui la trascrizione delle telefonate è completa. Per come è andato il primo processo e per il contenuto delle motivazioni della sentenza di primo grado, c’è da aver dubbi sul fatto che il collegio presieduto dalla dottoressa Balzarotti si sia preso la briga di leggere interamente le telefonate, mentre non vi sono dubbi che abbia ascoltato gli stralci scelti durante le udienze.

In conclusione, una buona prima udienza, a nostro avviso. Certo il processo è lungo, ma forse questa volta assisteremo a un dibattimento caratterizzato da un equilibrio tra accusa e difesa e terzietà della Corte; e magari sarà anche sbrogliata qualche matassa, aggrovigliata ormai da cinque anni. L'udienza è aggiornata al 13 maggio.

1) Maurizio Mezzetti, direttore della Divisione di chirurgia toracica all'Istituto europeo di oncologia (IEO) di Milano dal 1994 al 1997, direttore della Divisione di chirurgia toracica all’ospedale San Paolo di Milano dal 1997 al 2007, direttore della Scuola di specialità in chirurgia toracica dell'Università degli studi di Milano dal 1999 al 2005, attuale Presidente FONICAP (Forza Imperativa Nazionale Interdisciplinare Contro il Cancro del Polmone) – e a suo tempo insegnante, tra l’altro, dello stesso Santambrogio, membro della commissione Asl 2) Cattedratico di Malattie dell’apparato respiratorio dell’Università di Pavia e direttore di Malattie dell’apparato respiratorio del Policlinico San Matteo di Pavia 3) Cfr. Proc. Pen. n. 12570/08, udienze del 23 giugno 2009 e del 17 marzo 2009 4) Cfr. Proc. Pen. n. 12570/08, udienze del 19 maggio 2009.

La vicenda in breve.

L’8 maggio 2013, davanti alla prima Corte di Assise di Milano, è iniziato il secondo processo Santa Rita: imputati il chirurgo toracico Pier Paolo Brega Massone e i due aiuti dell’équipe di chirurgia toracica (con l’accusa di lesioni dolose per 46 casi, omicidio volontario aggravato per 4 casi, truffa e falso), cinque anestesisti (omicidio colposo), un’infermiera (favoreggiamento e appropriazione indebita) e un altro medico (truffa e falso). Si tratta di uno stralcio di un procedimento precedente che ha già visto, a carico dell’équipe di chirurgia toracica, una condanna in primo grado, confermata in appello, per lesioni dolose, truffa e falso per una novantina di capi di imputazione. La tesi della procura è la medesima anche in questo secondo processo: i tre chirurghi hanno inutilmente operato i pazienti per ricavarne un profitto personale, comprese le quattro persone poi decedute. Il primo dibattimento è stato caratterizzato da un impianto accusatorio teorematico, imbarazzante e inspiegabile per chiunque abbia letto le carte processuali: consulenze mediche dell’accusa che presentano lacune e scelte metodologiche dubbie; rifiuto del tribunale a disporre una perizia super partes; intercettazioni telefoniche che, ben lontane dal fornire prove di reato, sono servite a tracciare una disamina psicologica negativa dell’imputato, con evidenti forzature interpretative; e una commissione Asl, che ha dato l’avvio alle indagini, fortemente contraddittoria, nebulosa e anch’essa inspiegabile nei suoi successivi sviluppi.

Ne abbiamo scritto in un libro inchiesta, E se il mostro fosse innocente?, pubblicato a febbraio 2012, e abbiamo seguito il successivo processo di appello, scrivendone qui.

Il dottor Brega è stato condannato a 15 anni e 6 mesi, i due aiuti rispettivamente a 9 anni e 9 mesi e 4 anni e 4 mesi. Il chirurgo è in carcere, in custodia cautelare, dal 9 giugno 2008, giorno dell’arresto; ha goduto della libertà per soli 6 mesi, dal 5 novembre 2009 al 30 aprile 2010. A oggi – data di avvio del secondo processo – ha ‘scontato’ 4 anni e 5 mesi di custodia cautelare (!). Secondo la Costituzione, è in carcere da innocente, poiché si è colpevoli solo dopo il terzo grado di giudizio – e, per inciso, dopo aver limitato fortemente il suo diritto alla difesa nel primo processo, questa situazione lo limita ancor più per questo secondo dibattimento:i capi di imputazione sono relativi a casi degli anni 2005/2006/2007/2008, ed è evidente la necessità del chirurgo di poter consultare liberamente cartelle cliniche e ogni documentazione necessaria per ricostruire iter diagnostici e terapeutici effettuati 8, 7, 6, 5 anni fa. Seguiremo tutte le udienze di questo secondo processo, leggeremo tutte le carte, e ne scriveremo. Invitiamo tutta la stampa a fare altrettanto. Ha l’occasione di ‘riscattarsi’ da quel ‘giornalismo degli orrori’ che ha caratterizzato il primo dibattimento, quando fin dal giorno degli arresti ha sbattuto il mostro in prima pagina e si è appiattita sulle veline della procura, colpevolmente dimentica non solo della presunzione di innocenza che si deve a chiunque – fino al terzo grado di giudizio, figuriamoci prima ancora della celebrazione del processo di primo grado – ma soprattutto incapace, o più probabilmente non interessata, ad approfondire autonomamente la vicenda per poter svolgere a pieno il proprio ruolo di Quarto potere, che si declina in senso critico e dovere di informazione nei confronti dei cittadini. Anche e soprattutto questa, è libertà di stampa.

22 giugno 2013: la Cassazione, quinta sezione penale, ha confermato la condanna per il dottor Brega Massone e i due aiuti dell’équipe di chirurgia toracica, salvo ridurre le pene per intervenuta parziale prescrizione. Questo il dispositivo: “Annulla la sentenza impugnata senza rinvio nei confronti di tutti gli imputati ricorrenti, limitatamente ai reati a ciascuno rispettivamente ascritti – fatta eccezione per quelli di lesioni gravi – commessi fino al 15 dicembre 2005, per essere gli stessi estinti per intervenuta prescrizione ed elimina la relativa pena; dispone rinvio alla Corte di appello di Milano altra sezione per la rideterminazione del trattamento sanzionatorio”. Qui l'analisi delle motivazioni. Laurea in Scienze della formazione.

La laurea in Scienze della formazione è presente in una quarantina di atenei italiani. Chi si laurea in Scienze della formazione acquisisce competenze nelle scienze pedagogiche e nei settori comunicativo e relazionale. La laurea in Scienze della formazione è solitamente compresa nella facoltà di Scienze della formazione e in alcuni casi in quella di Scienze umanistiche.

Il corso di laurea in Scienze della formazione è spesso affiancato e integrato a quello in Scienze dell’educazione, così da offrire la specializzazione sia nella formazione di lavoratori adulti, sia in quella dei bambini e ragazzi in età scolastica. La maggior parte dei corsi di laurea della facoltà offrono la specializzazione in Scienze della formazione primaria che spesso è suddivisa in due indirizzi uno per la scuola dell’infanzia e uno per quella primaria.

La laurea in Scienze della formazione prevede lo studio di materie come i vari ambiti della pedagogia, psicologia, sociologia e antropologia ma anche lingue straniere, lettere, informatica e diritto. Quasi tutti i corsi di laurea prevedono parecchie ore di laboratorio e di un tirocinio in scuole, istituti o enti dedicati alla formazione, il tutto per mettere da subito in pratica ciò che si è studiato durante l’anno accademico.

dove compro il aldactone hair
acquisto micardis generic available

naprosyn generico truss ebay

Mi pento e mi dolgo dei manuali che sono arrivati ai quattro angoli della Terra per mano mia. Gli ultimi clienti sono stati più fortunati dei primi, in cinque anni ho imparato molto, come vorrei rileggere le prime traduzioni! Non sono stata professionale pur volendolo in un mondo che di linguistica e traduzione non capisce neanche l’ABC. Potrei scrivere centinaia di buoni aneddoti linguistici, la raccolta si chiamerebbe “S.O.S. Battaglie di una linguista in azienda – come sopravvivere con la dignità quasi intatta”. Spero che qualche datore di lavoro legga e si illumini.

L’autrice dell’articolo ci ha chiesto di restare anonima.

Il potere politico della traduzione (3)

Fonte: Articolo scritto da Chenxin Jiang e pubblicato l’8 gennaio 2018 ­sul sito Literary Hub.

Chenxin Jiang Nata a Singapore e cresciuta ad Hong Kong, traduce da italiano, tedesco e cinese. La sua ultima traduzione è il best-seller internazionale “Lacrime di sale. La mia storia quotidiana di medico di Lampedusa fra dolore e speranza” scritto dal Dr. Pietro Bartolo e da Lidia Tilotta, pubblicato da W.W.Norton a gennaio 2018.

Traduzione a cura di: Daniela Liconti TraduttriceING/ITA-FR/ITA Francia.

Il potere politico della traduzione.

Tradurre in inglese le storie dei profughi secondo Chenxin Jiang Nell’agosto 2015, quando Angela Merkel aprì le frontiere della Germania ai profughi, mi trovavo a Berlino.Per giorni non feci che seguire i notiziari e leggere di famiglie siriane ed altri esuli che fluivano nelle stazioni ferroviarie tedesche.

Un anno dopo mi trasferii a Berlino, disposta a fare ogni possibile sforzo come volontaria per accogliere i profughi. Mi iscrissi ad un circolo della maglia per tedeschi ed immigrati, ma in quanto principiante fui più d’intralcio che di aiuto per gli organizzatori. Feci uno sforzo saltuario per imparare l’arabo da un libro, ma in breve tempo mi ritrovai sempre più impegnata in lavori di archivio e libri da tradurre e la mia riserva di entusiasmo diminuì.

Solo a Berlino c’erano decine di migliaia di profughi: cosa poteva fare chiunque di noi? Non mi era mai venuto in mente che il mio lavoro di traduttrice letteraria – anche dall’italiano, oltre ad altre lingue, in inglese – potesse avere qualcosa a che fare con le cause politiche che mi stavano tanto a cuore.

Poi ricevetti una email da un editore: mi sarebbe piaciuto tradurre un libro scritto da un medico italiano che gestisce un ambulatorio sull’isola di Lampedusa, avamposto dell’impegno umanitario per il soccorso ai rifugiati sulla pericolosa via del mare verso l’Europa? Prima ancora di leggere il libro, dissi di sì. E quando infine lessi Lacrime di sale, ero ancora più elettrizzata all’idea di tradurlo.

Insieme alla co-autrice Lidia Tilotta, il medico di Lampedusa Pietro Bartolo racconta le storie dei migranti che ha salvato: le famiglie separate e riunite, le donne gravide a seguito di stupro, i tragici incidenti in mare. Questi resoconti sono inframmezzati dalla storia di Bartolo, cresciuto a Lampedusa come figlio di pescatori finiti in miseria. Dato che sull’isola non c’era la scuola superiore, il giovane Bartolo venne mandato in Sicilia per avere un’istruzione, per poi tornare sull’isola a gestirne l’unico ambulatorio.

Fonte: Articolo scritto da Chenxin Jiang e pubblicato l’8 gennaio 2018 ­sul sito Literary Hub.

Chenxin Jiang Nata a Singapore e cresciuta ad Hong Kong, traduce da italiano, tedesco e cinese. La sua ultima traduzione è il best-seller internazionale “Lacrime di sale. La mia storia quotidiana di medico di Lampedusa fra dolore e speranza” scritto dal Dr. Pietro Bartolo e da Lidia Tilotta, pubblicato da W.W.Norton a gennaio 2018.

Traduzione a cura di: Daniela Liconti TraduttriceING/ITA-FR/ITA Francia.

prescrizione torsemide vs furosemide dosing