comprare generico norvasc classification of drug

dove compro il capoten captopril renal scan

acquisto norvasc dosage maximum

Vanoli: Purtroppo, come nella medicina ufficiale vi sono medici coscienziosi ed altri no, anche fra coloro che si reputano naturopati avviene la stessa cosa, vi sono alcuni che addirittura si autodefiniscono naturopati senza aver mai studiato la Medicina Naturale e soprattutto senza essersi mai guariti dalle proprie malattie attraverso le indicazioni della medicina naturale ( vera laurea sul campo). Cio' significa che l'azione di quella cosiddetta "naturopata" e' stata effettuata con imperizia ed incompetenza, ad un "drogato di insulina" non la si puo' sospendere senza avere problemi gravi! Se si vuole consigliare, semmai e' di farlo a poco a poco, seguendo le indicazioni della Medicina Naturale per questo tipo di problema, che in genere e' generato nei giovani dalle vaccinazioni che hanno subito.

Aduc: Ci sembra di capire che anche lei a poco a poco avrebbe inteso sospendere l'insulina. Lei ha anche asserito che la Naturopatia e' stata approvata anche dall'OMS, lei e' a conoscenza quale sia la situazione di questa figura - la Naturopatia ed il Naturopata - in Europa e negli States (USA)?

Vanoli: La Medicina Naturale (naturopatia) e' stata riconosciuta dall'Oms a grandi linee, senza pero' fornire linee guida. Per ora (negli USA ed in EU) non vi sono leggi che determinino questo tipo di figura, salvo la Germania che salvaguardia questa Arte con gli Heilpratiker (operatori della Medicina Naturale), in Italia siamo ben lontani da tale possibilita' per gli ovvi interessi della classe medica ufficiale che non vuole concorrenti, ma soprattutto non vuole confrontarsi con altri operatori della salute per non trovarsi a rivedersi nei propri principi, che noi definiamo errati. In Italia, il Medico e' il laureato in Medicina e Chirurgia che abbia inoltre conseguito l'abilitazione all'esercizio della professione da parte del proprio ordine professionale, attraverso il superamento di un apposito esame di Stato. In altre nazioni europee questo riconoscimento non costituisce un titolo legale ma la semplice descrizione di un mestiere allo stesso modo dei termini naturopata, operatore sanitario, heilpratiker, insegnante, docente, ecc. In Italia poi, a differenza di altri Paesi. chissa' perche'. compie un reato chi si definisce medico senza il possesso dei requisiti richiesti in ordine alla laurea ed all'abilitazione. la Casta dei medici italiana, evidentemente vuole avere l'imprimatur e l'assoluta esclusiva in materia di salute e malattia.

In Svizzera, ad esempio, ci si puo autodefinire "Medico naturista NVS" senza aver mai frequentato la facolta' di medicina all'Universita'. In Italia invece la Medicina Naturale (alternativa, naturopatia) e' vista, definita e sbandierata dalla medicina ufficiale, come un elenco di tecniche stupide e pericolose, pur di allontanare il confronto, che prima o poi si dovra' fare anche qui. Le scuole di Naturopatia esistenti in Italia, purtroppo, sono ancora molto carenti dal punto di vista istruttivo, in quanto gli insegnanti che operano in quelle strutture non sono ancora all'altezza della loro missione, al contrario il nostro sito e' sempre in continuo aggiornamento per coloro i quali vogliono studiare e praticare per stare sempre in perfetta Salute. vedi: Guida alla Salute Naturale di mednat.org Grazie a voi Aduc, per la sensibilita' ed il contributo.

Aduc: Grazie, ma dobbiamo dissentire su alcuni aspetti del suo pensiero circa i medici e la medicina allopatica. Inoltre, anche sulla formazione e sui docenti delle scuole che lei riferisce carenti. Abbiamo avuto modo di conoscere numerosi medici esperti nel naturale, oggigiorno sempre di piu' rispetto ad anni or sono, che, sovente, insegnano nelle scuole che lei definisce carenti, specialisti eccellenti…. E, anche tra i non-Medici, in Italia vantiamo docenti bravissimi, con anni ed anni di esperienza maturata in scuole di medicina Naturale, anche all'estero. Tra essi, possiamo ricordare il biologo Dr. Claudio Viacava di Milano, e l'ormai piu' che famoso farmacologo dott Wilmer Zanghirati di Urbino, ma molti altri che non citiamo solo per esigenze di spazio.

Per l'incontro cliccare qui: http://mediacenter.corriere.it/MediaCenter/action/player?uuid=546ce8ea-280a-11dd-b97e-00144f02aabc Se Charles Bukowski fosse ancora tra noi, direbbe dell'Italia "storie di ordinaria follia" e noi aggiungiamo di "zombi-news-follia ".

P.S. Non tutti sono a conoscenza, forse, che il prodotto Omeopatico, in Italia e' regolamentato da anni ed inserito nella farmacopea italiana, parimenti ai farmaci allopatici. La sua prescrizione, quindi, per legge impone "Atto Medico". Questo significa che se l'invisibile Naturopata prescrive un farmaco inserito nella Farmacopea Italiana, per la legge, commette reato penale. Siamo certi che la famosa Naturopata non aveva prescritto nulla ed in galera non ci andra', ma il "proibizionismo" sulla esistenza dei Naturopati e' vitale per la tutela della salute della collettivita', permettiamo al Naturopata di "emergere", offriamo loro una regolamentata preparazione. Urgente, inoltre, una regolamentazione legislativa delle medicine naturali, che giace nei cassetti polverosi di parlamentari distratti, ormai da tanti anni. La prevenzione e la tutela della salute collettiva inizia da qui.

Non dobbiamo restare un Paese dalle realta' senza memoria. Queste cose, lasciamole ai "professionisti" dei media. By Giuseppe Parisi (medico) - 15 Giugno 2008 http://www.aduc.it/dyn/medicare/art/singolo.php?id=223611.

Commento NdR: il medico collaboratore di Aduc non sa che il sottoscritto ha richiesto, ai vari docenti che insegnano nelle 4 Universita' italiane ove solo oggi nel 2008 si tengono dei corsi sulle Medicine Naturali, se essi hanno pubblicato qualche loro studio sulle varie ideologie e meccanismi delle varie tecniche della Med. Naturale, e se le praticano su se stessi, ricevendo conferma scritta che tutti quanti hanno una conoscenza della Med. Naturale molto parziale e minima e solo due su una diecina di risposte, hanno confermato che alcune tecniche le praticano anche in prima persona. Questo e' il reale "livello" di preparazione dei docenti nelle Universita' italiane, che dicono o dovrebbero insegnare la Medicina Naturale! Perché scegliere Alpha Test.

1 Risultati certificati.

La qualità dei servizi Alpha Test è l'unica a essere attestata da un'indagine DOXA da cui risulta che l’84% degli studenti ammessi a Medicina si è preparato con Alpha Test.

prescrizione singulair coupons medication
dosaggio aldactone medication indications

come acquistare norvasc medication classification

Primi.

Risotto con taleggio e tartufo.

Secondi.

Filetto di maialino in crosta di mandorle cotto alla brace.

Patate al forno.

Dessert.

Bavarese al cioccolato bianco con salsa alla menta.

Vino acqua caffè.

NATALE 2014.

At novembre 23, 2014 Da Antonio In Eventi 1.

Menu di Natale.

Antipasti.

Medaglione di cotechino con polenta e crema di lenticchie.

Tortino di brisèe con radicchio di Treviso.

dove posso comprare cardura drug card
lozol spedizione in inglese come

lethal dose norvasc generic name

Malattie dell’Apparato Digerente e ASP n° 2 Caltanissetta, P.O. S. Elia.

• Malattie Infettive e Tropicali e ASP Palermo.

• Malattie Infettive e Tropicali e USMAF-SASN presso Ministero della Sanità.

• Medicina del Lavoro e ASP Palermo.

• Medicina legale e Dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e tecnologiche avanzate G.F. Ingrassia (CT)

• Medicina dello Sport e dell'Esercizio fisico e l’ASP di Palermo.

• Neurochirurgia e l’ARNAS Garibaldi di Catania;

• Neurochirurgia e ASP n° 2 Caltanissetta, P.O. S. Elia.

• Neurochirurgia e Azienda Villa Sofia Cervello;

• Neurologia e ASP Palermo.

• Oftalmologia e ASP Caltanissetta Presidio S. Elia.

• Oftalmologia e Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II - ASP di Agrigento.

comprare avalide reviews of ready
senza prescrizione micardis medication for hypertension

dove posso comprare norvasc generics

Roma, 15 maggio 2018 - Ministero della Salute, Viale Giorgio Ribotta 5 - Auditorium Biagio D’Alba.

Roma, 11 maggio 2018 - Ministero della Salute - Lungotevere Ripa, 1, Auditorium Cosimo Piccinno. FOUNDATION ONE ®

permette di identificare maggiori opzioni di trattamento per pazienti con tumore metastatico o in recidiva.

Che cos’è FoundationOne®? Cosa? Come funziona FoundationOne®? Come? Perché usare FoundationOne? Perché?

FoundationOne è un servizio di analisi genomica del tumore che individua cambiamenti clinicamente rilevanti (alterazioni genomiche) nei geni correlati al tumore e aiuta a identificare le terapie idonee per la malattia di un paziente, associando a ogni alterazione le più recenti evidenze cliniche e scientifiche. 1–3.

FoundationOne può aiutare a identificare terapie target, immunoterapie e terapie sperimentali potenzialmente efficaci, basandosi sulle conoscenze di un team multidisciplinare dedicato costituito da bioinformatici, genetisti, patologi ed oncologi. 1 Il risultato dell’analisi è presentato in un referto personalizzato per il paziente, curato e sottoposto a controllo della qualità, in cui si spiega la rilevanza biologica di ogni alterazione per coadiuvare il processo decisionale clinico. 1.

FoundationOne identifica alterazioni genomiche clinicamente rilevanti nella maggior parte dei pazienti oncologici e consente di valutare tutti i potenziali trattamenti. 4. LA SINDROME FIBROMIALGICA (o FIBROMIALGIA)

La Sindrome Fibromialgica è una forma comune di dolore muscolo-scheletrico diffuso e di affaticamento (astenia). Questa malattia è una delle malattie reumatiche in assoluto più diffuse: solo in Italia si può stimare che ne siano affetti dai 2 ai 4 milioni di individui, di cui la maggior parte sono donne (i dati variano a seconda della fonte di provenienza). Il termine fibrosite era una volta utilizzato per descrivere questa condizione. Il suffisso “ ite ” significa infiammazione, un processo che può determinare dolore, calore, tumefazione e rigidità. I ricercatori hanno evidenziato che l’infiammazione non è una alterazione significativamente presente in questa sindrome. Il nome FIBROMIALGIA o Sindrome Fibromialgica è pertanto più accurato ed ha ampiamente rimpiazzato i vecchi termini utilizzati. Il termine fibromialgia significa: dolore nei muscoli e nelle strutture connettivali fibrose (i legamenti e i tendini). La fibromialgia è in effetti una forma di reumatismo extra-articolare o dei tessuti molli e sebbene possa assomigliare ad una patologia articolare, non si tratta di “artrite” e non causa deformità delle strutture articolari. La fibromialgia spesso confonde, poiché alcuni dei suoi sintomi possono essere riscontrati in altre condizioni cliniche. Negli ultimi 10 anni, tuttavia essa è stata meglio definita attraverso studi che hanno stabilito le linee guida per la diagnosi. Questi studi hanno dimostrato che certi sintomi, come il dolore muscolo-scheletrico diffuso, e la presenza di specifiche aree algogene alla digitopressione (“ Tender Points ” – Figura 1) sono presenti nei pazienti affetti da sindrome fibromialgica e non comunemente nelle persone sane o in pazienti affetti da altre patologie reumatiche dolorose.

Figura 1 – “Tender Points”

La sindrome fibromialgica non ha alterazioni evidenziabili con esami di laboratorio e non causa danni radiologicamente evidenziabili. Infatti, la diagnosi dipende principalmente dai sintomi che il paziente riferisce. Questa condizione viene definita “ sindrome ” poiché esistono segni e sintomi clinici che sono contemporaneamente presenti (un segno è ciò che il medico trova nella visita; un sintomo è ciò che il malato riferisce al dottore). Purtroppo alcune persone possono considerare questi sintomi come immaginari o non importanti ed è per questa ragione che questa patologia viene raramente diagnosticata; inoltre chi è affetto da fibromialgia in apparenza non sembra ammalato, ha un aspetto sano e quindi è difficilmente creduto sia dai familiari che dagli amici che dal medico: per questo motivo la fibromialgia è stata definita “ malattia invisibile “. Questo spiega anche perché le persone colpite da questa malattia hanno tutte in comune una storia pluriennale di visite ed esami di tutti i tipi e sono già state sottoposte a numerose terapie, compresi talvolta interventi chirurgici, solitamente senza alcun esito. Oltre a ciò, trattandosi di una malattia cronica che tende a peggiorare lentamente nel tempo, è frequente che chi è affetto da fibromialgia sviluppi una reazione ansiosa e/o depressiva: questo è spesso causa di errore diagnostico, in quanto i medici che non conoscono la malattia di fronte ad un soggetto che riferisce intenso dolore e stanchezza ed ha esami perfettamente normali, lo etichettano come “depresso” o come “malato immaginario”.

LA MALATTIA.

dove acquistare zestril side

norvasc spedizione in contrassegno disabili

posso avere moduretic maroc emploi

comprare generico norvasc classification of drug

comprare coumadin a buon mercatone

consegna norvasc amlodipine

dove acquistare atacand plus hydrochlorothiazide

quanto norvasc drug

Le sessioni dei test si terranno invece dal 12 al 19 marzo (consulta le sessioni sul sito) sempre in modalità computer based, presso il centro Selexi Test Center nelle modalità previste dal bando.

Novità per l’aa 2018-2019 sarà il test d’ammissione al corso di laurea di Medicina e Chirurgia in Italiano, che si svolgerà secondo le nuove modalità previste dal relativo bando: sessanta minuti per 60 quesiti a risposta multipla e relativi a logica, problem solving e comprensione del testo.

Per maggiori informazioni sul corso di laurea, i docenti e gli insegnamenti è possibile consultare le pagine dedicate al corso QUI.

Per tutte le informazioni sulle modalità di iscrizioni, somministrazione del test e ammissione è possibile consultare la pagina dedicata alle ammissioni con i relativi bandi QUI.

Iscrizioni all’International Medical Doctor Program (IMDP)- Eu citizens reserved: ISCRIZIONI CHIUSE.

Le iscrizioni alla prova d’ammissione del’ IMD Program saranno aperte dal 15 gennaio al 2 marzo 2018.

Le sessioni dei test si terranno invece il 1 2 il 14 e il 17 marzo sempre in modalità computer based, presso il centro Selexi Test Center nelle modalità previste dal bando.

Il test d’ammissione al corso di laurea dell’IMD Program si svolgerà in inglese secondo le modalità previste dal relativo bando: centoventi minuti per 60 quesiti a risposta multipla e relativi a logica, problem solving, comprensione del testo e 40 domande a carattere scientifico.

Per maggiori informazioni sul corso di laurea, i docenti e gli insegnamenti è possibile consultare le pagine dedicate al corso QUI.

Per tutte le informazioni sulle modalità di iscrizioni, somministrazione del test e ammissione è possibile consultare la pagina dedicata alle ammissioni con i relativi bandi QUI.

Iscrizioni all’International Medical Doctor Program (IMDP)- Non-Eu citizens reserved.

Le iscrizioni alla prova d’ammissione del’ IMD Program saranno aperte dal 5 febbraio al 12 marzo 2018.

La sessione dei test si terrà invece il 28 marzo nelle modalità e nelle sedi previste dal bando.

Per maggiori informazioni sul corso di laurea, i docenti e gli insegnamenti è possibile consultare le pagine dedicate al corso QUI.

Per tutte le informazioni sulle modalità di iscrizioni, somministrazione del test e ammissione è possibile consultare la pagina dedicata alle ammissioni con i relativi bandi QUI.

acquistare a buon mercato furosemide medication side
cardizem pillole drogadiccion

prezzo di norvasc drug company

Per quanto riguarda la loro classificazione, l’esperienza clinica porta a considerare la necessità di associare al quadro di presentazione dei sintomi una graduazione circa lo stato evolutivo, e quindi prognostico, della tendinopatia. Una delle classificazioni più pratiche e utilizzate nello sportivo è quella che si attiene al tempo di insorgenza della sintomatologia dolorosa, riconoscendo come primi stadi (e quindi a prognosi migliore) la presenza di dolore solo dopo l’allenamento o la gara, alleviato dal riposo; nelle fasi successive, invece, il dolore si presenta sin dall’inizio dell’attività e rimane continuo, durante e dopo l’attività o magari si attenua man mano che il muscolo si riscalda, ma determina comunque una limitazione dell’attività sportiva. Come vedremo dopo, i sintomi clinici si manifestano prevalentemente durante la fase eccentrica del movimento (ad esempio nella decelerazione dopo uno scatto, nell’atterraggio dopo un balzo). è opportuno rilevare la necessità di ricorrere a lunghi stop e, alle volte, a interventi terapeutici “impegnativi” che derivano spesso dalla sottostima del problema da parte dell’atleta e degli allenatori che, stimolati dagli impegni agonistici, scelgono di non sospendere l’attività, magari ricorrendo a strade che appaiono più semplici come il controllo del dolore con i farmaci, ma ostacolando così i fisiologici processi riparativi del tendine e non risolvendo il problema che ne sta all’origine. Si ipotizza, infatti, che le sollecitazioni ripetute sulla giunzione miotendinea siano alla base di fenomeni di microlesioni e successiva degenerazione alla quale il tendine, per inefficiente tempo di recupero e riposo e per la sua stessa scarsa vascolarizzazione, non è in grado di rispondere con un adeguato processo di riparazione.

QUADRI CLINICI IN ETÀ EVOLUTIVA.

Come in precedenza accennato, una tra le più frequenti forme di tendinopatia rotulea, che colpisce tipicamente i giovani sportivi tra i 12 e i 15 anni, è costituita dalla malattia di Osgood-Schlatter, una infiammazione all’inserzione del tendine sulla tuberosità tibiale anteriore, determinata dallo squilibrio tra la forza del muscolo quadricipite e il grado di resistenza alle trazioni di un osso ancora immaturo. Spesso si osservano vere e proprie avulsioni ossee che presuppongono uno stop della attività per diversi mesi, nonostante la tendenza a sottostimare il problema da parte di questi atleti adolescenti, desiderosi di riprendere a giocare in tempi rapidi. Altra forma clinica che colpisce frequentemente i soggetti nell’età evolutiva è la tendinopatia inserzionale achillea che si caratterizza per la presenza di una tumefazione incostante e dolente in corrispondenza del calcagno, con frequente ispessimento del tendine e dolore che può essere evocato dal semplice sfregamento della tomaia della scarpa sportiva (tanto da richiedere spesso una calzatura su misura). Con il riscaldamento generalmente il dolore tende ad attenuarsi per ripresentarsi in forma acuta al termine dell’attività. Ancora una volta è necessario rilevare come le forme sottovalutate sfocino inevitabilmente in tendinopatie croniche di difficile gestione.

CLINICA E DIAGNOSI.

Le tendinopatie sono quindi patologie molto invalidanti la performance sportiva e le attività della vita di tutti i giorni. Dal punto di vista sintomatologico, le tendiniti si manifestano inizialmente per la comparsa di dolore che insorge gradualmente e limita il movimento, dal momento che lo spazio di scorrimento è ridotto. Obiettivamente, si può apprezzare un caratteristico crepitio nel movimento articolare. Nel caso in cui occorra la cronicizzazione del processo infiammatorio, avvengono dei danni anatomici che configurano il quadro di tendinosi; alla risposta cellulare infiammatoria dei leucociti si sostituiscono i macrofagi e la plasmacellule, con il compito di eliminare il tessuto sofferente: per tale motivo il tendine va incontro a significative trasformazioni di carattere degenerativo per perdita della normale organizzazione dei fasci di fibre collagene, e molte volte ciò determina una riduzione della sintomatologia dolorosa. Anche nel caso di cronicizzazione, i sintomi sono rappresentati dal dolore al movimento e a riposo e da insufficienza funzionale, anche se normalmente meno intensi che nella fase acuta, mentre è di frequente riscontro una riduzione del tono muscolare che predispone ulteriormente il tendine a un sovraccarico funzionale. Il sistema di distribuzione del carico, infatti, non può prescindere da un efficiente tono del muscolo corrispondente: se questo è debole o affaticato la capacità di assorbimento dell’energia dell’intera unità muscolo-tendinea è ridotta e il muscolo non protegge più il tendine dalle sollecitazioni in allungamento. All’esame obiettivo vi può essere una tumefazione a livello della zona di inserzione del tendine sull’osso (giunzione miotendinea) che risulta dolente alla pressione. La diagnosi, comunque, è posta sulla base delle caratteristiche del dolore che, nelle fasi iniziali, tende a scomparire con il riscaldamento, per divenire a volte persistente e invalidante. L’evoluzione del dolore è generalmente in funzione dei carichi a cui si sottopone il tendine (opportuno consigliare il riposo funzionale), dell’efficacia delle terapie messe in atto e delle condizioni generali del paziente (tono muscolare, estensibilità muscolare, livello di allenamento se sportivo). è difficile, clinicamente, determinare quando avviene il passaggio tra la risposta infiammatoria e l’inizio della fase cronica degenerativa, ma tale necessità diventa ovviamente fondamentale per una valutazione prognostica e terapeutica. In fase cronica, le capacità di guarigione e riparative delle cellule tendinee sono, infatti, ridotte, impedite o a volte rese inefficaci dai microtraumi ripetuti. Pertanto il trattamento più efficace in una prima fase è sicuramente il riposo: se non si ripete più il movimento che causa l’irritazione, vi sono buone possibilità che la reazione infiammatoria si spenga. Ciò vuol dire che potrebbe essere necessario fermare un individuo dalla sua usuale attività lavorativa o chiedere a un atleta di restare fermo per un tempo anche di parecchie settimane! Ovviamente questo riposo è di difficile concessione sia in chi svolge un’attività lavorativa necessaria per mantenersi, sia per lo sportivo a cui è necessario comunque proporre una attività alternativa che non coinvolga il distretto anatomico interessato: si parla pertanto di riposo “funzionale”. Il quadro clinico, se valutato attentamente da un medico esperto, non pone generalmente dubbi diagnostici. Quando necessari, gli approfondimenti diagnostici presuppongono l’utilizzo di metodiche che consentano di esaminare i tessuti molli (tendini, muscoli, legamenti, …) e le regioni inserzionali come l’ecografia e la Risonanza Magnetica Nucleare (RMN). Il quadro ecografico (che va valutato sempre in confronto con l’arto controlaterale) nelle forme acute è caratterizzato dal rilevamento di un ispessimento della guaina che riveste il tendine. Nelle forme croniche, l’esame strumentale evidenzia normalmente un’irregolarità del profilo osseo al margine dell’inserzione tendinea, un aspetto ipoecogeno da ridotta o disomogenea densità del tessuto, con micro lacune lungo il decorso del tendine stesso. Talvolta possono essere presenti calcificazioni isolate e distensioni delle borse sinoviali sia superficiali che profonde. Per quel che riguarda il tendine d’Achille, può essere utile, oltre all’ecografia, fare una radiografia che permetta di evidenziare eventuali irregolarità del profilo calcaneare (Malattia di Haglund). Ricapitolando, diverse sono le classificazioni proposte per definire i disordini tendinei. Se ci riferiamo alle lesioni da overuse (eccesso di sollecitazione funzionale) degli anglosassoni si possono distinguere 4 diversi stadi di patologia:

peritendinite (infiammazione del “paratenonio” ossia della guaina che riveste il tendine con mantenimento delle caratteristiche strutturali) tendinosi (ciò comporta cambiamenti degenerativi dentro il tendine e può coesistere o meno con la peritendinite) tendinopatie inserzionali (sofferenza del tendine alla giunzione tendine-osso con irregolarità del profilo osseo e lacerazione parziale di alcune fibre) rottura completa del tendine.

Questa suddivisione, apparentemente accademica, ha invece un suo preciso valore per individuare l’evoluzione della tendinopatia. Spesso la progressione della degenerazione tendinea e delle anomalie strutturali associate (cavità pseudocistiche, calcificazioni, …) comporta una riduzione della capacità prestativa, tanto da obbligare l’atleta a tentare soluzioni terapeutiche difficili o cruente (chirurgia), se non addirittura ad abbandonare l’attività agonistica. Per fortuna, solo raramente si assiste alla rottura a tutto spessore del tendine, evenienza che di solito è conseguente a trattamenti terapeutici non idonei, (es. infiltrazione con corticosteroidi). Oltre alla ricerca delle sovracitate condizioni predisponenti (costituzionali o acquisite) che sono rilevabili all’esame clinico (asimmetrie, difetti posturali, instabilità articolari) e che vanno regolarizzate per ottenere un risultato terapeutico, fondamentale è la ricerca e l’eliminazione di eventuali elementi esterni che favoriscono la cronicizzazione della sintomatologia.

METODICHE DI TRATTAMENTO NON CONVENZIONALI BASATE SULLA ESPERIENZA CLINICA.

Come è stato descritto nei capitoli precedenti, il trattamento delle patologie tendinee si basa essenzialmente sulla classificazione diagnostica. Ne consegue che, in tutte le tendinopatie di stadio I-III, il trattamento è di tipo conservativo, mentre in quelle di stadio IV, quando possibile, viene attuato il trattamento chirurgico per via artroscopica o “a cielo aperto”. Il primo segno di una compromissione tendinea (o tendinite) è la sensazione di fastidio, seguita da dolore che si accentua nello svolgimento dell’attività fisica; è probabile che il dolore si manifesti anche al riposo, soprattutto al mattino o che si accentui particolarmente sotto la pressione delle dita. Se si dovessero trascurare questi sintomi, il danno tendineo potrebbe aggravarsi, la guaina e/o la borsa tendinee si potrebbero infiammare (peritendinite e/o borsite) con conseguente aggravamento della situazione e aumento dei tempi di recupero funzionale. In questi casi è d’obbligo interrompere l’attività fisica. Ricordando che le tendinopatie dello sportivo sono quasi sempre dovute a sovraccarichi funzionali, tali patologie si possono tuttavia ricondurre a varie cause che, associate tra loro, possono contribuire all’aumento della gravità della tendinite: scarsa o eccessiva preparazione atletica, eccessivo o intenso allenamento, squilibrio o ipotonia muscolare, sovrappeso, problemi po­sturali e dismetrie degli arti inferiori, gestualità atletica scomposta, mancanza di elasticità muscolare, ecc. Il trattamento delle patologie tendinee si basa essenzialmente sulla classificazione diagnostica della patologia che avviene con l’esame obiettivo e l’ecografia. Tra le varie classificazioni utilizzate si ricorda quella basata sull’evoluzione clinica del problema, che prevede una suddivisione della gravità della patologia in quattro stadi (Tabella). Di conseguenza, in tutte le tendinopatie di stadio I-III il trattamento è di tipo farmacologico o conservativo,mentre in quelle di stadio IV, cioè in presenza di rottura del tendine, quando possibile, viene attuato il trattamento chirurgico per via artroscopica o “a cielo aperto”.

TRATTAMENTO CONSERVATIVO.

I trattamenti conservativi variano in maniera considerevole tra i vari specialisti e spesso si fondano esclusivamente su basi empiriche e sulla esperienza clinica di ognuno, piuttosto che su basi scientifiche. Alcuni medici prescrivono farmaci, altri preferiscono mettere l’atleta a riposo e aspettare semplicemente di vedere gli effetti del riposo forzato. A volte, invece, si preferisce intervenire attivamente mediante fisioterapia, con esercizi specifici di rieducazione o con una combinazione tra le due modalità. Qualunque siano le metodiche utilizzate, il trattamento conservativo si prefigge di:

eliminare il dolore ridurre l’infiammazione promuovere la guarigione del tendine ripristinare il prima possibile la funzionalità articolare e quindi l’attività sportiva.

Nelle attività sportive, gli infortuni sono suddivisi in due categorie: infortuni acuti e infortuni da abuso. L’infiammazione è il sintomo più evidente di entrambe le categorie ed è una parte naturale del processo di guarigione di qualsiasi infortunio. In ogni caso, l’infiammazione cronica può causare una maggiore disgregazione del tessuto e ostacolare il processo di riparazione. Spesso, per eliminare o alleviare i sintomi che accompagnano l’infiammazione del tessuto connettivo, sono usati farmaci quali i FANS, infiltrazioni di acido ialuronico o di cortisonici nei casi più gravi, micronutrienti favorenti il processo di riparazione tendinea. Alcune di queste sostanze possono tuttavia modificare il processo di riparazione e di guarigione. Anche le condizioni metaboliche, come l’invecchiamento e il diabete, possono influenzare la salute del tessuto connettivo. Spesso l’invecchiamento è accompagnato da un declino del funzionamento articolare o da una rigidità generale delle articolazioni e influenza la natura e la portata del processo di riparazione nel tessuto infortunato. Infatti, quando il tessuto connettivo invecchia, la presenza di collagene e di proteoglicani cambia e ciò, a sua volta, modifica le proprietà meccaniche e la fisiologia del tessuto. Di conseguenza, le cellule del tessuto perdono la loro capacità di dividersi, specialmente nella cartilagine articolare dove i condrociti sono malnutriti. Inoltre, è bene ricordare che i proteoglicani prodotti dai condrociti vecchi sono molto diversi da quelli prodotti dalle cellule più giovani e ciò modifica le proprietà dell’articolazione. Alcuni Autori hanno dimostrato, inoltre, che l’immobilità dovuta a traumi o infortuni, può ostacolare il normale metabolismo e rimodellamento del tessuto connettivo tendineo. Infatti, quando un’articolazione è immobilizzata, il minore carico e scarico meccanico della cartilagine e dei tessuti circostanti interferisce con il normale ricambio delle cellule e degli elementi della matrice. Il minore stimolo delle cellule si traduce in minore sintesi di proteoglicani. Di conseguenza, la perdita di matrice aumenta la vulnerabilità del tessuto all’infortunio quando si riprende l’attività normale. Gli studi su modelli animali hanno evidenziato che l’attività fisica è utile per il metabolismo normale del tessuto connettivo.È stato dimostrato che i livelli di idrossiprolina, idrossilisina e piridinolina, aminoacidi essenziali, possono essere considerati come indici indiretti della disgregazione del tessuto connettivo, tanto da suggerire che la compromissione o la disgregazione del tessuto connettivo possano essere dovute alla risposta infiammatoria locale al trauma muscolo-tendineo indotto dall’attività fisica. I mediatori dell’infiammazione nell’unità muscolo-tendinea possono favorire la disgregazione del collagene e la susseguente sintesi nei tessuti connettivi circostanti. Dal punto di vista terapeutico, nei casi di compromissione tendinea in fase di stadio I o II, in cui è presente anche un processo infiammatorio caratterizzato da dolore e limitazione funzionale, la terapia di tipo conservativo rappresenta una valida scelta e dovrebbe essere attuata unitamente a riposo funzionale, antinfiammatori, fisiokinesiterapia ed eventuali ortesi. Tuttavia, occorre considerare due aspetti che, di recente, hanno assunto un ruolo nella determinazione della terapia: il ridotto apporto di micronutrienti, essenziali al benessere del tessuto connettivo tendineo, e l’importanza del liquido sinoviale tendineo (TSF, tendon synovial fluid). Infatti, soprattutto quando si instaura una lesione di grado lieve-moderato al tendine, il processo fisiologico di riparazione tendinea è molto lento, poiché, come affermato in precedenza, i tendini, pur essendo vascolarizzati, lo sono in misura minore rispetto ai muscoli. Inoltre, il livello di vascolarizzazione dipende dalla struttura e dalla sede tendinea; il nutrimento, o meglio l’apporto dei micronutrienti necessari al mantenimento delle caratteristiche fisiologiche del tessuto tendineo, diventa quindi un fattore importante di cui tener conto, in particolare in caso di compromissione e lesione tendinea. Fisiologicamente, l’apporto dei micronutrienti è assicurato dal movimento che ne favorisce la diffusione “capillare” fino ai tendini, diffusione che viene invece ostacolata dall’immobilizzazione. L’altro aspetto importante è rappresentato dal fluido sinoviale tendineo che, insieme ai vasi ematici e linfatici, fornisce una quantità significativa di nutrienti per molti tendini. Infatti, così come a livello articolare il liquido sinoviale svolge un’importante azione nutrizionale e visco-lubrificante, in modo analogo,a livello tendineo, il TSF prodotto dai sinoviociti interviene attivamente nella nutrizione del tendine. Una volta prodotto, il TSF si stratifica, come un film protettivo, consentendo quindi al tendine di poter scorrere agevolmente. Ne consegue che, in situazioni caratterizzate da immobilità da trauma, infiammazione o lesioni muscolo-tendinee, l’apporto dei micronutrienti essenziali per il buon funzionamento e la conservazione del tendine si riduce o viene comunque, in qualche modo, ostacolato. Su questo processo, recenti studi sperimentali e clinici sembrano evidenziare come la supplementazione esogena con integratori a base di micronutrienti e l’utilizzo di acido ialuronico infiltrato nei tendini possano prevenire, mitigare e favorire la guarigione dei danni tendinei provocati dall’attività muscolare. Tali evidenze hanno consentito di identificare i micronutrienti essenziali per il tendine, rappresentati dal metil-sulfonil-metano, uno dei principali donatori di solfati naturali organici, indispensabili per l’omeostasi tendinea, dall’alfa-chetoglutarato di ornitina, sostanza che blocca la fase catabolica indotta dalla lesione tendinea e antagonizza i processi flogistici, dalla lisina, un aminoacido essenziale necessario per la crescita e per la sintesi di alcune proteine essenziali per il tendine, dalla glucosamina e dal condrotin solfato, glicosaminoglicani essenziali per la fase riparativa tendinea, dalla vitamina C, che influenza il metabolismo del tessuto connettivo tendineo, dalla biotina, che svolge un ruolo centrale nella formazione del coenzima A, e dalla vitamina E, la cui attività antiossidante aiuta a mantenere l’integrità del tendine. Quest’ultima vitamina è un potente antiossidante, fondamentale nella lotta ai radicali liberi e per i processi vitali e cellulari: protegge la vitamina A dalla scomposizione, la vitamina C e quelle del gruppo B dall’ossidazione e migliora la trasportabilità dell’ossigeno da parte dei globuli rossi. Inoltre, studi su animali da esperimento hanno dimostrato che il deficit di vitamina E induce aumento di collagene insolubile per inefficace protezione verso la formazione di perossidi. Pertanto, la vitamina E rallenterebbe il danno ossidativo attraverso protezione del collagene. Nuove acquisizioni hanno anche permesso di chiarire che tali microelementi essenziali, quando somministrati insieme, agiscono in sinergia e sono efficaci nel mantenere la funzionalità dei tendini, in particolare in soggetti con carenze nutrizionali o sotto sforzo fisico, o in presenza di una patologia tendinea. Sulla base di queste evidenze, è stato condotto uno studio nel trattamento della tendinite dei peronieri e del tibiale posteriore, una affezione dolorosa frequentemente dovuta a microtraumi o traumi acuti, in atleti non professionisti di pattinaggio su rotelle, confrontando un gruppo di pazienti trattati con terapia fisica, riabilitativa e ortesica, e un gruppo di soggetti trattati con un nuovo integratore di micronuitrienti, a base di metil-sulfonil-metano, ornitina-alfachetoglutarato, lisina, condroitin-solfato, glucosamina, vitamina C, vitamina E e biotina, i cui componenti sono stati appositamente studiati e selezionati per via della loro spiccata attività sinergica che assicura il corretto apporto all’organismo dei micronutrienti essenziali, così da integrare e aumentare le difese naturali tendinee. Sono stati arruolati 30 soggetti pattinatori non professionisti di entrambi i sessi (età 22-36 anni, media 29) affetti da tendinite del peroniero e del tibiale posteriore, con RMN negativa per lesioni con soluzione di continuo del tendine, sottoposti precedentemente a trat­tamento medico senza risultati apprezzabili. I pazienti arruolati sono stati suddivisi in due gruppi e trattati secondo il seguente schema:

Gruppo A (15 pazienti): trattamento conservativo consistente in un ciclo di 10 sedute di elettroterapia analgesica e tre sedute di onde d’urto per un totale di 40 giorni Gruppo B (15 pazienti): lo stesso trattamento conservativo del Gruppo A, + trattamento con il nuovo integratore di micronutrienti essenziali alla posologia di 1 bustina da 3,5 grammi al giorno.

Per la valutazione dei risultati sono state utilizzate la scala VAS per la valutazione della riduzione del dolore (0-100 mm), con misurazioni condotte all’arruolamento e ogni 10 giorni fino al termine dello studio, e un questionario per la valutazione del tempo necessario al ritorno all’attività sportiva, con punteggio da 1 a 10 (1=nessun beneficio e assenza di ripresa sportiva – 10=risoluzione sintomatologica e ripresa sportiva completa), con misurazione basale e finale. A tutti i pazienti è stato permessa l’assunzione di paracetamolo 1000 mg, quale terapia antalgica suppletiva. Oltre alla valutazione dei parametri di efficacia, rappresentati dalla riduzione della sintomatologia dolorosa e dalla valutazione del tempo necessario alla ripresa dell’attività sportiva, al termine dello studio è stato chiesto ai pazienti di riferire se avessero assunto paracetamolo quale terapia antalgica suppletiva. Sebbene nei pazienti selezionati per lo studio la gravità della tendinite ai peronieri e al tibiale posteriore fosse di grado 1 secondo Myerson, occorre tuttavia evidenziare che, come in tutte le patologie coinvolgenti i tendini, anche in tendiniti di modesta gravità, il trattamento spesso necessita di tempi lunghi per poter condurre il paziente alla guarigione clinica. In questo studio,l’associazione di un integratore contenente i micronutrienti essenziali per attenuare il danno tendineo ha il razionale di accelerare la riduzione della sintomatologia della tendinite, così da ridurre i tempi di recupero della funzionalità articolare, consentendo un precoce ritorno all’attività sportiva. L’analisi dei risultati relativa ai due regimi di trattamento ha evidenziato differenze rilevanti tra i due gruppi per quanto riguarda i parametri di efficacia valutati.

Nei pazienti del Gruppo B è stata osservata una più rapida e significativa risposta sintomatologica, confermata dalla maggiore riduzione dell’intensità del dolore rispetto al gruppo A di confronto; tale migliore risultato è correlato alla somministrazione dell’integratore di micronutrienti essenziali, in aggiunta al trattamento conservativo ( Fig. 4 ). Inoltre, la percentuale di soggetti che ha assunto paracetamolo quale terapia antalgica suppletiva è risultata essere molto più bassa nel gruppo di pazienti in trattamento con terapia conservativa + integratore di micronutrienti essenziali (Gruppo B), rispetto a quelli in terapia con il solo trattamento conservativo (Gruppo A) ( Fig. 5 ). La capacità del trattamento con l’integratore di micronutrienti essenziali di influenzare positivamente l’outcome clinico è stata osservata anche in seguito alla valutazione dei minori tempi di ripresa dell’attività sportiva, riscontrata nei pazienti del Gruppo B rispetto a quanto evidenziato in quelli appartenenti al Gruppo A ( Fig. 6 ). La tendinite del peroniero e del tibiale posteriore è una patologia non solo di pertinenza degli atleti professionisti, ma interessa anche molti soggetti che praticano attività sportiva amatoriale, soprattutto quando l’attività viene praticata saltuariamente e non con regolarità. In linea generale, questa patologia ha una insorgenza subdola, facilmente legata all’atteggiamento posturale del retropiede in iperpronazione, che determina sovraccarico funzionale sui tendini peroniero e tibiale, che dapprima si manifesta con una sinovite e, successivamente, con alterazioni strutturali in grado di condurre alla rottura. Sulla base dei risultati ottenuti in questo studio, è possibile affermare che nel trattamento della tendinite del peroniero e del tibiale posteriore di grado 1 può essere razionalmente utile l’utilizzo dell’integratore alimentare a base di metil-sulfonil-metano, ornitina-alfachetoglutarato, lisina, condroitin-solfato, glucosamina, vitamina C, vitamina E e biotina, in associazione al trattamento conservativo, grazie alla sua dimostrata capacità nel contribuire a ridurre la sintomatologia dolorosa e i tempi di recupero dell’attività sportiva. I risultati di un altro studio, condotto in soggetti con compromissione del comparto articolare della caviglia e del tendine di Achille, sembrano avvalorare l’utilità sia della supplementazione di micronutrienti essenziali, sia della viscosupplementazione con acido ialuronico nei pazienti in cui si riscontra una alterazione di tutto il comparto articolare. Tale tipologia di lesione articolare è tutt’altro che rara nei soggetti sportivi, siano essi amatoriali che professionisti; infatti, il danno tendineo, quando interessa i tendini più strettamente limitrofi alla articolazione, è frequentemente associato a una alterazione della cartilagine articolare. Un esempio classico è rappresentato dalla articolazione della caviglia, una delle articolazioni più complesse del nostro organismo e sede di frequenti patologie che ne com­promettono la funzionalità, come nei casi di danno dovuto a traumi sportivi o a sovraccarico funzionale. La maggior parte delle lesioni articolari alla caviglia sono frequentemente associate a danneggiamento dei tendini e legamenti, tanto che le lesioni capsulo-tendinee o capsulo-legamentose alla caviglia possono evolvere in una instabilità cronica che nel tempo può favorire l’insorgenza dell’artrosi. La compromissione articolare è spesso associata a una tendinopatia dell’achilleo e può essere dovuta o al fisiologico invecchiamento articolare e tendineo oppure, molto più di frequente, e soprattutto negli sportivi, in seguito a traumi e/o a sovraccarico funzionale. Infatti, l’articolazione della caviglia è estremamente sollecitata durante l’attività sportiva, in particolare negli sport di salto, come pallacanestro, calcio, pallavolo, atletica leggera o ginnastica, durante i quali le ricadute dall’alto, i contatti con gli avversari, gli arresti improvvisi su terreni veloci o l’appoggio a terra scorretto durante la corsa, possono rappresentare situazioni a forte rischio di infortunio. Oltre a ciò, è importante sottolineare come la frequente mancanza di riscaldamento da parte degli atleti, soprattutto amatoriali, prima di incominciare l’attività sportiva, costituisca una delle più frequenti concause nell’insorgenza di traumi alla caviglia, sia muscolari che tendinei. I danni articolari provocano dolore e gonfiore immediati e interessano diverse componenti dell’articolazione, quali muscoli, tendini, legamenti, capsula articolare, che, essendo coinvolte nel loro insieme sia nel movimento che nella stabilizzazione e protezione dell’articolazione, in caso di trauma subiscono lesioni che vanno dallo stiramento alla rottura. In situazioni di danno al comparto articolare della caviglia la terapia può essere conservativa o chirurgica, a seconda delle condizioni e dell’età del paziente, o farmacologica, che può prevedere sia la terapia antinfiammatoria che la viscosupplementazione con acido ialuronico iniettato per via intrarticolare. Sulla base delle evidenze cliniche, i migliori risultati nel trattamento non chirurgico di queste affezioni potrebbero essere ottenuti con una combinazione di trattamento conservativo (consistente in un ciclo di 10 sedute di elettroterapia analgesica e tre sedute di onde d’urto), combinato a terapia infiltrativa intrarticolare e nutrizionale.

Proprio allo scopo di verificare tale ipotesi, è stato condotto uno studio per verificare l’effetto del trattamento combinato (trattamento conservativo associato a infiltrazioni intrarticolari di acido ialuronico e supplementazione con micronutrienti essenziali), rispetto alla sola terapia conservativa o alla terapia combinata ma senza supplementazione di micronutrienti. Per la supplementazione è stato utilizzato un integratore alimentare specifico per le patologie tendinee, in quanto a base di micronutrienti essenziali che la letteratura internazionale indica come utili nel ripristino della funzionalità di tendini e legamenti: Metil-sulfonil-metano (MSM), Ornitina-alfa-cheto­gluta­rato (OKG), Lisina, Condroitinsolfato, Glucosamina, Vitamina C, Vitamina E, Biotina); per la terapia infiltrativa intrarticolare è stato impiegato un acido ialuronico con PM compreso tra 800 e 1200 KDa (medio di 1000 KDa) e concentrazione pari all’1,6% (siringhe preriempite monouso contenenti 32 mg di acido ialuronico sale sodico in 2 ml). Lo studio è stato condotto su 42 soggetti sportivi amatoriali di sesso maschile (età media 35 anni), sottoposti a diagnosi strumentale mediante ecografia e risonanza magnetica (RMN). Di questi, 36 pazienti mostravano segni di infiammazione articolare alla caviglia e parziale sofferenza al tendine achilleo, mentre 6 soggetti sono stati esclusi dallo studio, poiché al controllo strumentale evidenziavano lacerazioni strutturali del tendine e/o artrosi di grado 3-4 secondo Kellgren-Lawrence. I 36 pazienti arruolati dopo lo screening iniziale sono stati trattati per un periodo di 30 giorni e suddivisi in tre gruppi omogenei di trattamento: Gruppo A (n. 12 pazienti), messi in terapia conservativa + acido ialuronico (AI) 1,6% (1 infiltrazione i.a. alla settimana per 3 settimane) + 1 bustina da 3,5 g di integratore di micronutrienti essenziali; Gruppo B (n. 12 pazienti) in terapia conservativa + AI 1,6% (1 infiltrazione i.a. alla settimana per 3 settimane); Gruppo C (n. 12 pazienti) trattati solo con la terapia conservativa. Per la valutazione dei risultati è stata utilizzata la scala VAS (0-10 cm) per la sintomatologia dolorosa; inoltre, alla visita finale, è stato chiesto ai pazienti di rispondere a un questionario nel quale si domandava di specificare il tempo trascorso prima di riprendere l’attività sportiva, utilizzando una scala di valutazione che prevedeva il seguente punteggio: 1=ottimo; 2=buono; 3=mediocre; 4=pessimo, dove “ottimo” era la completa ripresa sportiva e “pessimo” il mancato beneficio del trattamento. Al termine dello studio, i risultati hanno evidenziato in tutti e tre i gruppi un miglioramento sintomatologico; tuttavia, nei pazienti del Gruppo A (terapia conservativa + infiltrazione i.a. con AI 1,6% + integratore di micronutrienti essenziali) è stato osservato un più rapido e significativo sollievo dal dolore, rispetto ai gruppi B e C ( Fig. 7 ). Inoltre, al termine dello studio, la percentuale di pazienti che ha ottenuto un punteggio ottimo + buono relativo alla ripresa dell’attività sportiva è risultata significativamente maggiore per i pazienti del Gruppo A rispetto a quelli dei Gruppi B e C, e per i pazienti del Gruppo B rispetto a quelli del Gruppo C ( Fig. 8 ). I risultati dello studio sembrano confermare che tale approccio terapeutico sia in grado di garantire un migliore sollievo dal dolore e un più precoce recupero funzionale rispetto agli approcci tradizionali che non prevedono la supplementazione con micronutrienti. L’evidente riduzione della sintomatologia dolorosa e la maggiore percentuale di pazienti che ha ottenuto un ottimale beneficio in termini di ripresa dell’attività sportiva riscontrata nei pazienti del Gruppo A, conferma che nei soggetti con compromissione all’articolazione della caviglia e tendinite dell’achilleo di grado lieve-moderato, il trattamento costituito da terapia conservativa in combinazione ad AI 1,6%, al regime di 1 infiltrazione intrarticolare alla settimana per 3 settimane, e supplementazione con un integratore di micronutrienti essenziali può rappresentare l’approccio terapeutico di scelta per favorire una più rapida remissione del dolore e ripresa dell’attività sportiva. Volendo trarre delle conclusioni su questo escursus delle metodiche non convenzionali per il trattamento delle tendinopatie, anche associate a compromissione di tutto il comparto articolare, è possibile affermare che, sebbene tali approcci terapeutici non siano ancora validati dalle linee guida, l’esperienza clinica può tuttavia fornire suggerimenti terapeutici che, in molti casi, possono risultare utili nella risoluzioni di queste affezioni. La medicina nutrizionale è in continua evoluzione, come dimostrano i numerosi studi epidemiologici condotti nel mondo sul ruolo dei micronutrienti, sia nel contribuire al benessere generale dell’organismo, sia nel contribuire, a volte in modo sorprendente, a favorire i processi di guarigione – o quantomeno ad accelerarli -, soprattutto in quelle patologie in cui l’aspetto nutrizionale è riconosciuto come essenziale. Gli integratori di micronutrienti rappresentano oggi un valido supporto di complemento alle terapie farmacologiche e conservative tradizionali; il loro impiego, se attuato secondo i criteri corretti di somministrazione, non presenta rischi per la salute degli individui e, al contrario, contribuisce al successo terapeutico. Una considerazione a parte va fatta per l’acido ialuronico, sostanza ampiamente utilizzata nel trattamento del danno alla cartilagine articolare, ma meno frequentemente impiegata per contribuire a risolvere le lesioni tendinee. L’acido ialuronico rappresenta una componente essenziale del liquido sinoviale, presente sia a livello della cartilagine articolare che a livello del tendine. Quest’ultimo aspetto è spesso misconosciuto, per cui l’impiego dell’acido ialuronico nelle compromissioni tendinee viene spesso ignorato. Benché non si possa negare l’efficacia delle infiltrazioni di corticosteroidi, ampiamente utilizzate nella pratica clinica, sarebbe tuttavia necessario che nella valutazione della strategia terapeutica venisse effettuato un attento esame clinico e diagnostico, così da poter valutare l’opportunità dell’impiego dell’acido ialuronico piuttosto che del cortisonico, soprattutto in quei pazienti in cui il danno tendineo è in fase iniziale, e tale da non compromettere ancora la completa funzionalità di tutto il comparto articolare.

dove compro il avalide medication coupons
online a buon mercato indocin medication for headaches

costo di norvasc amlodipine 5

Li riportarono, figlioli morti, dalla guerra, e figlie infrante dalla vita, e i loro bimbi orfani, piangenti - tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

Dov'è quel vecchio suonatore Jones che giocò con la vita per tutti i novant'anni, fronteggiando il nevischio a petto nudo, bevendo, facendo chiasso, non pensando né a moglie né a parenti, né al denaro, né all'amore, né al cielo? Eccolo! Ciancia delle fritture di tanti anni fa, delle corse di tanti anni fa nel Boschetto di Clary, di ciò che Abe Lincoln disse una volta a Springfield.

* La guerra per l'indipendenza dall'Inghilterra vinta nel 1776, che sotto la guida di George Washington portò alla costituzione degli Stati Uniti.

THE HILL Where are Elmer, Herman, Bert, Tom and Charley, The weak of will, the strong of arm, the clown, the boozer, the fighter? All, all are sleeping on the hill. One passed in a fewer, One was burned in a mine, One died in a jail, One fell from a bridge toiling for children and wife - All, all are sleeping, sleeping, sleeping on the hill.

Where are Ella, Kate, Mag, Lizzie and Edith, The tender heart, the simple soul, the loud, the proud, the happy one? All, all are sleeping on the hill.

One died in shameful child-birth, One of a thwarted love, One at the hands of a brute in a brothel, One of a broken pride, in the search for heart's desire, One after life in a far-away London and Paris Was brought to her little space by Ella and Kate and Mag - All, all are sleeping, sleeping, sleeping on the hill.

Where are Uncles Isaac and Aunt Emily, And old Towny Kincaid and Sevigne Houghton, And Major Walked who had talked With venerable men of the revolution? - All, all are sleeping on the hill.

They brought them dead sons from the war, And daughters whom life had crushed, And their children fatherless, crying - All, all are sleeping, sleeping, sleeping on the hill.

Where is Old Fiddler Jones Who played with life all his ninety years, Braving the sleet with bared breast, Drinking rioting, thinking neither of wife nor kin, Nor gold, nor love, nor heaven? Lo! he babbles of the fish-frys of long ago, Of the horse races of long ago at Clary's Grove, Of what Abe Lincoln said One time at Springfield.

IL GIUDICE SELAH LIVELY (Un giudice)

JUDGE SELAH LIVELY Suppose you stood just five feet two And had worked your way as a grocery clerk Studying law by candle light Until you became an attorney at law? And then suppose through your diligence, And regular church attendance, You became attorney for Thomas Rhodes, Collecting notes and mortgages, And representing all the widows In the Probate Court? And through it all They jeered at your size, and laughed at your clothes And your polished boots? And then suppose You became the County Judge? And Jefferson Howard and Kinsey Keene, And Harmon Whitney, and all the giants Who had sneered at you, were forced to stand Before the bar and say "Your Honor" - Well, don't you think it was natural That I made it hard for them?

WENDELL P. BLOOYD (Un blasfemo)

Prima mi incastrarono con l'accusa di condotta immorale, non c'era alcuno statuto sulla blasfemia. Poi mi rinchiusero come pazzo dove fui picchiato a morte da una guardia cattolica. La mia offesa era questa: dicevo che Dio mentì ad Adamo, e lo destinò a trascorrere una vita da stolto, ignorando che al mondo c'è il male così come c'è il bene E quando Adamo mise nel sacco Dio mangiando la mela E vide oltre la menzogna, Dio lo cacciò fuori dall'Eden per impedirgli di cogliere il frutto della vita immortale. Cristo Santo, voi gente di buon senso, ecco quello che Dio stesso dice nel libro della Genesi: "E il Signore Iddio disse: ecco che l'uomo è diventato uno di noi" (un po' d'invidia, vedete) "a conoscere il bene e il male" (la bugia che-tutto-è-bene smascherata) "E allora, perchè non allungasse oltre la mano a prendere e mangiare anche dall'albero della vita, e non vivesse in eterno: per questo il Signore Iddio lo scacciò dal giardino dell'Eden". (La ragione per cui, credo, Dio crugifisse Suo Figlio per tirarsi fuori da quel brutto pasticcio, è che è proprio da par Suo)

FRANCIS TURNER (Un malato di cuore)

Non potevo correre o giocare da ragazzo. Da uomo potevo solo sorseggiare dalla coppa, non bere - perchè la scarlattina mi aveva lasciato il cuore malato. Ora giaccio qui confortato da un segreto che nessuno tranne Mary conosce: c'è un giardino di acacie, di catalpe, e di pergole dolci di viti - là quel pomeriggio di giugno al fianco di Mary - baciandola con l'anima sulle labbra all'improvviso questa prese il volo.

costo di cozaar dosage amount
acquisto capoten dosage

come acquistare norvasc dosage and administration

Corso di formazione per Preposto sulla sicurezza sul lavoro a Napoli – Attestato Aifos.

Corso per Preposto (ai sensi del D.Lgs n.81/2008) in materia di sicurezza sul lavoro. Si tiene a Napoli ogni mese. Durata 8 ore.

Corso di formazione per Dirigenti sulla sicurezza sul lavoro a Napoli – Attestato Aifos.

Corso sicurezza sul lavoro per dirigenti. Si svolge con cadenza mensile a Napoli.

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro (rischio basso, medio, alto) Napoli – Attestato Aifos.

Corso Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) a Napoli, ogni mese.

Corso di formazione professionale per C.T.U. Consulente Tecnico d’Ufficio (Esperto in ramo sinistri stradali) a Napoli, Salerno e Roma.

Corso per CTU, consulente tecnico d’ufficio che collabora con il Giudice che gli conferisce l’incarico in base alle sue competenze (in questo caso ramo sinistri stradali), per chiarire le posizioni delle parti in giudizio. Si svolge a Roma, Napoli e Salerno.

Corso di formazione per Lavoratori sulla sicurezza sul lavoro (rischio basso, medio e alto) a Napoli – Attestato Aifos.

Corso di formazione rivolto ai lavoratori in merito alla sicurezza sul lavoro. A Napoli, con cadenza mensile.

Corso per addetti al montaggio, smontaggio e trasformazione ponteggi (PIMUS) a Napoli – con attestato Aifos.

Corso PiMUS – Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio dei ponteggi a Napoli.

online a buon mercato blopress 8mg