tablet benicar hct

senza prescrizione isoptin retard

comprare benicar a buon mercato 2018 2019

Il problema principale è la raccolta di informazioni in quanto si tratta di un ambito di ricerca chiaramente molto riservato.

Ogni tipo di aiuto è ben accetto: libri, articoli, contatti personali.

Parlo francese e inglese correntemente quindi accetto materiale in entrambe le lingue incluso l’italiano!

specifica? Insomma avrei bisogno di capire a che riunione per l’assegnazione delle tesi devo andare…a quella di adesso, a quella di giugno o a quella di settembre??Mi laureo a marzo!

Ragazzi, il prof per la tesi mi ha dato da leggere alcuni capitoli del manuale della capacità americano, l’HCM appunto, ma sfortunatamente non so tradurre dall’inglese all’italiano, quindi vorrei sapere se esiste una versione di tale manuale che sia scritta nella nostra lingua Ragazzi, il prof per la tesi mi ha dato da leggere alcuni capitoli (relativi agli spostamenti pedonali), del manuale della capacità americano, l’HCM appunto, ma sfortunatamente non so tradurre dall’inglese all’italiano, quindi vorrei sapere se esiste una versione di tale manuale che sia scritta nella nostra lingua.

che cosa va evitato? come porre gli argomenti in chiave discorsiva e meno manualistica? come fare una buona tesi di storia?

è da mettere nella tesi di terza media.

di quelle canalette che escono dai tetti (vedi duomo di milano o cattedrale di notredame)e che “sparano fuori” l’acqua raccolta dai tetti. Grazie 1000 a tutti quelli che mi aiuteranno! è per la mia tesi di laurea.

ciao a tutti, ques’anno ho l’esame di terza media e ho deciso di portare il nazismo( e mi sono già preparata ciò che devo dire) e poi ricollegarmi a letteratura parlando di libri che ho letto (il bambino con il pigiama a righe e l’amico ritrovato) e film ch ho visto( shindler’s list e la vita è bella). come vi ho detto per quanto riguarda la storia ho già la mia scaletta, voi mi potreste aiutare a preparrne una per quanto riguarda i libri, ciò che potrei dire a proposito, come potrei dirlo, e magari quali approfondimenti potrei fare… spero mi possiate aiutare perchè non so molto bene cosa dire cioè non voglio stare a ripete “quel libro è molto bello e quel film molto interessante” mi capite. spero possiate aiutarmi grazie! 🙂

Sono alle prese con la tesi di laurea (triennale) in economia. Il mio relatore è un professore di diritto privato ed abbiamo scelto come titolo: le polizze assicurative collegate ai servizi bancari. Vi chiedo cortesemente un piccolo aiutino, idea, da dove reperire fonti. L’idea sarebbe quella di fare una casistica quindi: sul versante dell’attività di finanziamento delle banche distinguere il caso di mutuo con polizze vita o danni e il caso del credito al consumo con polizze. Quindi affrontare il problema delle pratiche commerciali scorrette nel settore del credito, l’obbligo del doppio preventivo delle banche introdotto col decreto liberalizzazione n. 1/2012 e cosଠvia. Sul versante della raccolta del risparmio ho un vuoto da colmare.

senza prescrizione nitroglycerin side effects
posso comprare zestril 50

consegna benicar lawsuit litigation

CALENDARIO ESAMI Si comunica che sono stati pubblicati i Calendari esami con gli appelli di recupero per tutti i docenti che hanno aderito allo sciopero.

01/09/2017.

VARIAZIONE AULE ESAMI Si comunica che nei giorni 6, 7 e 8 settembre gli esami dei seguenti docenti previsti in aula 2 subiranno una variazione di aula: -6 settembre: Bonaiuto – Pazzaglia aula 3; -7 settembre: Pazzaglia – De Rosa aula 14; -8 settembre: Pierro – Brugnoli aula 1; Concorsi.

Iscrizione ai concorsi per i corsi ad accesso programmato.

a.a. 2018/19.

I corsi di laurea ad accesso programmato prevedono un numero definito di posti e ad essi si accede solo tramite concorso.

Sono aperte le iscrizioni al concorso per l’accesso ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in Farmacia e Chimica e Tecnologia Farmaceutiche nella sezione “Dettaglio concorsi”.

Gli altri bandi di concorso pubblicati nella sezione “Dettaglio concorsi” sono relativi all’ a.a. 2017/18.

telefono 050/2213429 (dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 13,00)

Per informazioni relative alle procedure on line connesse al portale www.universitaly.it 051/6171959 (lunedì-venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00)

Modalità di pagamento.

senza prescrizione midamor potassium nitrate
cardura spedizione in contrassegno spedizione

acquistare a buon mercato benicar dosage recommendations

Località: Vimercate Sede: ASST Lombardia - PO Vimercate.

Crediti ECM: 10 Professione: Medico chirurgo Disciplina: Urologia.

MADIA Workshop – Neurodegenerative disorders: the challenge of early diagnosis.

Data inizio: 19 Gennaio 2018 Data fine: 19 Gennaio 2018.

Località: Roma Sede: Aula Odeion, Dipartimento Scienze dell’Antichità, Università Sapienza.

Crediti ECM: 6 Professione: Biologo Disciplina: Biologo.

Crediti ECM: 6 Professione: Chimico Disciplina: Chimica analitica.

Crediti ECM: 6 Professione: Fisico Disciplina: Fisica sanitaria.

Crediti ECM: 6 Professione: Fisioterapista Disciplina: Fisioterapista.

Crediti ECM: 6 Professione: Logopedista Disciplina: Logopedista.

Crediti ECM: 6 Professione: Infermiere Disciplina: Infermiere.

Crediti ECM: 6 Professione: Medico chirurgo Disciplina: Biochimica clinica, Medicina generale (medici di famiglia), Geriatria, Psichiatria, Malattie metaboliche e diabetologia, Medicina fisica e riabilitazione, Medicina interna, Neurologia, Neurochirurgia, Neurofisiopatologia, Patologia clinica (laboratorio di analisi chimico-cliniche e microbiologia), Psichiatria, Psicoterapia, Radiodiagnostica, Radioterapia, Reumatologia.

Crediti ECM: 6 Professione: Psicologo Disciplina: Psicologia.

Crediti ECM: 6 Professione: Tecnico della riabilitazione psichiatrica Disciplina: Tecnico della riabilitazione psichiatrica.

Crediti ECM: 6 Professione: Tecnico di neurofisiopatologia Disciplina: Tecnico di neurofisiopatologia.

Crediti ECM: 6 Professione: Tecnico sanitario di radiologia medica Disciplina: Tecnico sanitario di radiologia medica.

consegna nitroglycerin pills for heart
acquisto altace 10mg

comprare benicar generic 40

CHIUSURA EDIFICIO E SEGRETERIE In occasione delle Festività Natalizie, la sede della Facoltà di Medicina e Psicologia di via dei Marsi 78 resterà chiusa al pubblico dal 23/12/17 al 02/01/18. La segreteria didattica e l'ufficio internazionalizzazione (tirocinio ed Erasmus) saranno chiusi dal 23/12/17 al 07/01/18. La segreteria amministrativa studenti sarà chiusa solo nei seguenti giorni: 22 dicembre 2017, 27 dicembre 2017 e il 2 gennaio 2018.

07/12/2017.

Bando borse di collaborazione studenti A.A. 2017-2018.

06/11/2017.

INCONTRO DI INIZIO DELL'ANNO ACCADEMICO Il corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche inizierà l’anno accademico con un incontro in presenza venerdì 10 novembre dalle ore 10 alle ore 13 presso l’aula 3 (piano terra) della Facoltà di Medicina e Psicologia, via dei Marsi 78 Roma. In quell’occasione verrà presentato il corso di laurea e i docenti del primo semestre illustreranno i loro programmi e le modalità di studio e fruizione del corso.

30/10/2017.

LEZIONI PROF.SSA TAFA' Si comunica che le lezioni di "Psicodinamica delle Relazioni" della Prof.ssa Tafà riprenderanno il 9 novembre 2017 ore 16.30.

09/10/2017.

APPELLO SINGOLO PER LAUREANDI DICEMBRE 2017.

18/09/2017.

CALENDARIO ESAMI Si comunica che sono stati pubblicati i Calendari esami con gli appelli di recupero per tutti i docenti che hanno aderito allo sciopero.

01/09/2017.

costo di cozaar 100

benicar a buon mercato liverpool

posso comprare aldactone side

comprare la consegna di benicar durante la notte di stelle

coreg a buon mercato shanghai

come acquistare benicar generic substitute

comprare generico alphagan eye drops

acquistare a buon mercato benicar dosage recommendations

Già nel 2012, il National Cancer Institute (NSC) aveva convocato un gruppo di esperti per valutare il problema degli di errori di classificazione e la successiva sovradiagnosi e trattamento come cancro, determinando che, milioni potrebbero essere stati erroneamente diagnosticati, ad esempio, con "cancro" della mammella, della prostata, della tiroide e del polmone, quando in realtà, nelle loro condizioni erano probabilmente innocui, e avrebbero dovuto essere definiti c ome "escrescenze benigne indolenti o di origine epiteliale". Non ci sono scuse, è stato ammesso ufficialmente. Nessuna informazione da parte dei principali media si è verificato su questo fatto. E ancora più importante, nessun cambiamento radicale avvenuto nella pratica convenzionale di diagnosi di cancro nella prevenzione od il trattamento, che e' rimasto tale e quale. In sostanza, in un gioco di prestigio semantico, intere aree del Stati Uniti e la popolazione globale, che pensavano di avere "il cancro letale", e sono stati successivamente trattati per esso, spesso con procedure violente e trattamenti invasivi, e' stato detto loro che " oops..noi abbiamo sbagliato. Non hai mai avuto il cancro, dopo tutto ".

Se si guarda al problema attraverso la sovradiagnosi di cancro al seno e ipertrattamento "sanitario", negli Stati Uniti nel corso degli ultimi 30 anni, è stato stimato che circa 1,3 milioni di donne sono state trattate in modo sbagliato. La maggior parte di queste donne hanno ancora idea che essi sono state vittime, e molti hanno identificato i loro "aggressori" nella sindrome Stolkholm come una moda, perché pensano che le loro "vite sono state salvate" dagli inutili trattamenti anche invasivi, quando in realtà gli effetti collaterali, sia psicologici e fisici, hanno quasi certamente ridotto sia la qualità che la durata della loro vita dai trattamenti farmacologici e radiologici, che hanno ricevuto.

Quando il rapporto del NSC è stato rilasciato, vi è stata una sorta di rivincita per coloro che erano stati sostenitori della posizione che una forma, comunemente diagnosticata del cosiddetto "cancro al seno in fase iniziale", noto come il "carcinoma duttale in situ" (tumore non invasivo), è ​​stato infatti, non intrinsecamente maligno e non deve essere trattato con i trattamenti convenzionali di mastectomia parziale, mastectomia, radioterapia e chemioterapia.

A quel tempo ho basato tutto questo, sulla ricerca disponibile nella storia naturale del "carcinoma duttale in situ", ed il tasso di sopravvivenza e' estremamente elevato con il carcinoma duttale in situ, così come il fatto che la mortalità correlata cancro al seno, non era sceso al passo con l'espansione della cosiddetta "zero "o" "tumori fase iniziale rilevati attraverso proiezioni mammografia", come ci si dovuto aspettare se queste diagnosi in realtà rappresentavano entità cliniche nocive. Da allora, ho visto da vicino il problema della sovradiagnosi e trattamento eccessivo ed invasivo. Ottengo aggiornamenti quotidiani dal pubmed.gov sul tema, e sempre più ad alto impatto, e Gravitas, con riviste che stanno segnalando questo fenomeno altamente preoccupante. Particolarmente rilevante è una recensione pubblicata alla fine dello scorso anno 2015, che ho riportato nel mio articolo intitolato: "Un gran numero di procedure mediche non hanno alcun beneficio, e possono anche danneggiare" - By JAMA studio.

Lo studio ha trovato che JAMA illustra una vasta gamma di procedure mediche standard, e gli interventi che milioni di soggetti sono sottoposti ogni anno, non sono basate sull'evidenza, come comunemente assunto e dichiarato, ed hanno poco o nessun beneficio, e possono anche causare danni significativi. Di conseguenza, ora credo che la medicina spesso comporta il: non fare, il più nulla sia possibile. Penso anche che le persone devono essere consapevoli che qualsiasi diagnosi di cancro convenzionale ha la capacità di esercitare un danno letale tramite l'effetto nocebo, a prescindere dalla sua accuratezza (vale a dire, anche una diagnosi errata può avere conseguenze letali, perché il potere della mente sul corpo e' molto forte, ( NdR: e la diagnosi di cancro influisce sullo stato della malattia aggravandola). Il cancro della tiroide un'epidemia causata dalla disinformazione, non dal cancro in se'.

Un altro argomento che ho cercato di diffondere, è la consapevolezza circa la sovradiagnosi di cancro alla tiroide e trattamento eccessivo e successivo. Quando ho riferito su questo due anni fa, nel mio articolo, "Cancro alla tiroide un'epidemia causata dalla disinformazione, non il cancro", una serie di studi interessanti da tutto il mondo hanno rivelato che il rapido aumento delle diagnosi di cancro alla tiroide rifletteva i loro errori di classificazione e diagnosi errata. Come è avvenuto con lo screening rilevato per la mammella e quello della prostata come "tumori", e anche molti "tumori" ovarici, lo standard di cura spesso richiesto, la rimozione dell'organo, così come irradiazione e chemioterapia - due noti cancri, per promuovere interventi. Come è tipico, di una ricerca che mina lo standard convenzionale di cura, c'è stato poco segnalazione sul tema, sia alla stampa che ai medici. Cio', fino ad ora.

Il 14 aprile 2016, in un articolo intitolato "Il suo NON e' un Cancro: i Medici riclassificano un tumore della tiroide", ( Its Not Cancer: Doctors Reclassify a Thyroid Tumor ), il New York Times ha riportato un nuovo studio pubblicato su JAMA oncologia, ( a new study published in JAMA Oncology ), dovrebbe cambiare per sempre il nostro modo di classificare, la diagnosi e il trattamento di una forma comune di "cancro della tiroide ". Un gruppo internazionale di medici ha deciso che un tipo di tumore che è stato classificato come un cancro, non è affatto un cancro. Come risultato, hanno ufficialmente declassato la condizione ed a migliaia di pazienti sarà risparmiato la rimozione della loro tiroide, il trattamento con iodio radioattivo e controlli regolari per il resto della loro vita, tutto per proteggere contro un tumore, che non è mai stato una minaccia. La loro conclusione, e il dato che ha portato ad esso, è stato segnalato Giovedi sulla rivista JAMA Oncology. La modifica dovrebbe influenzare circa 10.000 dei circa 65.000 pazienti affetti da cancro alla tiroide di un anno, negli Stati Uniti. Si può anche offrire tale ricerca anche a coloro che hanno sostenuto per la riclassificazione di alcune altre forme di cancro, tra cui alcune lesioni della mammella e della prostata. Il tumore riclassificato, è un piccolo nodulo nella tiroide che è completamente circondata da una capsula di tessuto fibroso. Il suo nucleo appare come un cancro, ma le cellule non hanno rotto dal loro capsule, e la chirurgia per rimuovere tutta la tiroide seguita da trattamento con iodio radioattivo è inutile e dannoso, il e' stato detto nella ricerca. Ora hanno ribattezzato il tumore. Invece di chiamarlo " carcinoma incapsulato, variante follicolare del papillare della tiroide", ora lo chiamano " neoplasia non invasiva follicolare della tiroide con le caratteristiche nucleari papillari-like", o NIFTP. La parola "carcinoma" è stata tolta. ( been calls to downgrade ) Molti esperti di cancro hanno detto che la riclassificazione era attesa da tempo. Per anni ci sono state richieste di declassare le piccole lesioni della mammella, del polmone e della prostata, tra gli altri e per eliminare il termine "cancro" dal loro nome. Ma a parte la ridenominazione di un tumore delle vie urinarie nella fase iniziale, nel 1998, ed alle ovaie nella fase iniziale e le lesioni cervicali più di due decenni fa, nessun gruppo diverso da quelli degli specialisti della tiroide ha ancora avuto il grande passo di ridefinire la dizione-diagnosi. DESPRE INML.

Director: Prof.Dr. Dermengiu Dan.

Servicii medico-legale Judetene:

BUCURESTI Sos. Vitan Bârzeşti 9, sector 4 cod 042122, Bucureşti.

comprare la consegna di capoten durante la notte di salvatore
ventolin in vendita ispravljanje

ordine benicar lawsuits

Incontra l'Università.

Se è arrivato il momento di scegliere la tua Facoltà, non perdere l’occasione di conoscere da vicino la nostra offerta formativa e i servizi a disposizione degli studenti. Venerdì 18 maggio partecipa all' Open day lauree triennali e a ciclo unico!

Innovazioni e sviluppo per gli studenti.

L’Ateneo, nell’ambito delle iniziative orientate all’innovazione e sviluppo dei servizi agli studenti, ha avviato un percorso di revisione degli applicativi a supporto della gestione dell’offerta formativa e carriera studenti, anche finalizzato ad una maggior integrazione con l’ecosistema universitario e con le banche dati ministeriali, il nuovo applicativo è infatti in uso da circa 70 Atenei italiani.

Orari delle lezioni e degli esami.

L'elenco dei corsi, i programmi e le schede ECTS, gli orari delle lezioni e degli esami. Corso di medicina in inglese.

E' online il bando di Riapertura Erasmus+ mobilità per studio 2018/2019. Puoi presentare domanda fino al 5 giugno 2018 alle ore 13.00. Le graduatorie saranno pubblicate il 25 giugno 2018.

Pubblicato il 16 maggio 2018.

La cultura ti appassiona?

Iscriviti alla newsletter UniboCultura, che ti informa sul calendario delle tante iniziative di Ateneo aperte al pubblico.

Pubblicato il 17 maggio 2018.

Formazione studenti del Plesso di Agraria su Salute e Sicurezza sui luoghi di lavoro – MODULO 3.

Il corso è rivolto a tutti gli studenti dei corsi laurea di Agraria con sede a Bologna, iscritti all’anno accademico 2017-2018.

Pubblicato il 10 aprile 2018.

"Unibolife" – Partecipa al concorso fotografico.

Racconta la vita universitaria nei Campus, nelle Scuole, nei Dipartimenti, nelle Biblioteche, nei Musei, nei cortili, in qualsiasi luogo universitario e nella città. Scadenza 30 maggio.

Pubblicato il 06 marzo 2018.

myAlmaOrienta – la App per orientarti fra i corsi di studio.

acquistare a buon mercato capoten classification of computer
acquistare a buon mercato innopran xl generic zoloft

dosaggio benicar medication generic drugs

Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Scienze delle attivita' motorie e sportive [L] Scuola di: Farmacia, Biotecnologie e Scienze motorie Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Rimini Ordinamento D.M. 270 - Codice 8766 Anni Attivi: I, II, III.

Non sono previsti curricula.

Anni Attivi: I anno.

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

1) Structural engineering 2) Infrastructure design in river basins 3) Offshore engineering.

Corso interamente internazionale Titolo multiplo Lingua: Inglese Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Design del prodotto industriale [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8182 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria aerospaziale [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Forlì Ordinamento D.M. 270 - Codice 9234 Anni Attivi: I Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria biomedica [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Cesena Ordinamento D.M. 270 - Codice 0946 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria biomedica [LM] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Cesena Ordinamento D.M. 270 - Codice 8198 Anni Attivi: I, II Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria chimica e biochimica [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8887 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria chimica e di processo [LM] TDM EN Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8896.

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

Corso con uno o più curricula internazionali Solo alcuni curricula rilasciano titolo multiplo Lingua: Italiano, Inglese Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria civile [LM] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 0930.

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

Costruzioni per l'edilizia e le infrastrutture Idraulica e territorio Infrastrutture viarie e trasporti Strutture Anni Attivi: I, II Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria civile [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8888 Anni Attivi:

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

Anni Attivi: I, II Corso con uno o più curricula internazionali Solo alcuni curricula rilasciano titolo multiplo Lingua: Italiano, Inglese Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria dell'energia elettrica [L] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8610 Anni Attivi: I, II, III Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria dell'energia elettrica [LM] EN Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Bologna Ordinamento D.M. 270 - Codice 8611.

Il Corso di Studi è articolato nei seguenti curricula:

Il corso è articolato nei seguenti curricula:

1. Sistemi per l'automazione 2. Automation Engineering.

Anni Attivi: I Solo alcuni curricula rilasciano titolo multiplo Lingua: Italiano Informazioni sul Corso Piano didattico: tutti gli insegnamenti del corso Sito del Corso Ingegneria e scienze informatiche [LM] Scuola di: Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale - A.A.2017/2018 Sede didattica: Cesena Ordinamento D.M. 270 - Codice 8614 Anni Attivi:

ordine clonidine medication class
online a buon mercato diclofenac potassium dosage

benicar a buon mercato 2018

La docu-fiction riporta poi stralci di una telefonata del 12 ottobre 2007, nella quale Brega chiede a La Corte di dire a Pansera di cancellare le cose sul computer del reparto di chirurgia toracica, “tutto ciò che è compromettente, tutto ciò che è inerente alle nostre difese”. Anche qui, questo è quanto emerso in fase processuale: - la perizia tecnica del consulente della procura ha stabilito che dal computer nulla è stato cancellato, e Pansera ha sempre negato che La Corte gli avesse riferito la richiesta di Brega - la procura ha quindi potuto analizzare l’intero contenuto del computer, e quel che ne ha ricavato sono documenti ed email relativi al reato di truffa.

Ne abbiamo sempre scritto, sia nel libro che nelle controcronache: è provato, a nostro parere, che ci sia stata truffa in merito ai passaggi di reparto tra acuti e riabilitazione (passaggi amministrativi di cartelle: è stato riconosciuto anche in aula che le cure fornite ai pazienti erano adeguate e corrette), e in merito alla codifica di alcune cartelle relative ai casi di senologia. Questo è quanto di “compromettente” era contenuto nel computer: nulla a che vedere con l’accusa di lesioni dolose e omicidio volontario. Un conto è una truffa, un conto è un omicidio.

Di tutto questo non c’è il minimo accenno nella docu-fiction di Filippetto, Barbarossa e Benelli, solo l’sms e pochi istanti di telefonata che catapultano nell’immaginario collettivo La Corte come una complice e Brega impegnato a eliminare prove di reati di lesione dolosa e omicidio volontario.

Sulle telefonate in generale c’è ben poco da aggiungere a quanto abbiamo già scritto più volte, nel libro – a cui rimandiamo per un’analisi nel dettaglio delle diverse intercettazioni – e nelle controcronache: tagliate, decontestualizzate, forzate nell’interpretazione proprio grazie ai sapienti tagli effettuati. E se l’operazione funziona sui giornali, crea quel sensazionalismo che produce vendite, figuriamoci la viva voce: il successo di pubblico è assicurato. Ma anche qui, fare informazione significa un’altra cosa.

Ne può dare un esempio una delle tante telefonate della dottoressa Galasso mandate in onda nella docu-fiction (rimandiamo qui, alla testimonianza in aula della Galasso, per la valutazione complessiva della strumentalizzazione delle sue intercettazioni all’interno dell’impianto accusatorio): è quella del primo ottobre in cui la dottoressa cita il caso di un ragazzo affetto da Tbc che avrebbe “impestato tutta la classe”. Semplicemente non è mai accaduto. Al punto che non si è speso un solo minuto al processo su questa bufala. Sono le voci che iniziano a girare e non si sa mai dove siano nate, accade sempre quando esplode uno scandalo, e la Galasso riporta un sentito dire. Ma non è lei che deve rendere conto di questo, di quanto ha detto in una telefonata privata con un’amica, in un momento di rabbia; sono Filippetto, Barbarossa e Benelli che devono rendere conto del perché abbiano deciso di inserire, attraverso le parole della Galasso, un’informazione irrilevante perché falsa. La figura dell’infiltrato infatti, non puntualizza che il fatto non sia mai accaduto, e il tutto si inserisce in quel magma sensazionalistico che va a colpire l’immaginario dello spettatore.

Due parole sul caso del “chiodo reimpiantato”, una storia che ha avuto grande eco e ha contribuito a creare l’immagine della ‘clinica degli orrori’. È curioso che quello che è esploso mediaticamente, divenendo un punto fermo nello scandalo, non sia poi mai entrato nell’aula giudiziaria. Al dottor Scarponi è stata mossa l’accusa di truffa per la falsificazione di cartelle cliniche: perché la procura non gli ha imputato il reato di lesioni dolose per questo caso, se aveva gli elementi per farlo? O addirittura di omicidio. Perché per come la docu-fiction rappresenta la vicenda, attraverso le parole della figura dell’infiltrato, non vi è alcun dubbio sul nesso tra il chiodo reimpiantato, sette successive operazioni subite dal paziente, e la sua morte sette mesi dopo. Forse perché questa vicenda è ghiotta da un punto di vista mediatico ma inesistente sotto il profilo giudiziario? E allora che cosa ci fa inserita in una fiction giudiziaria con il prefisso docu? Domanda retorica: fa audience.

Vi sono poi diversi aspetti marginali, che tralasciamo perché irrilevanti sul piano delle accuse rivolte a Brega; ne sottolineiamo giusto uno, a titolo di esempio, per evidenziare l’approccio della docu-fiction. Al minuto 52 l’attrice che interpreta il pm Tiziana Siciliano afferma che Brega è stato “denunciato per plagio” in merito ad alcune pubblicazioni scientifiche. Stando a quanto emerso nel corso del processo, non esiste alcuna denuncia. In aula si è assistito solo a una noiosa e sterile diatriba tra medici che contestavano l’uno all’altro i dati inseriti nei rispettivi lavori scientifici, come probabilmente accade spesso nell’ambiente medico. Ma una denuncia di plagio è un’altra cosa. È chiaro quindi che nella narrazione della docu-fiction questo dato irrilevante risponde a una sola utilità: inserirsi come piccolo tassello nella costruzione negativa della personalità e della professionalità di Brega.

È importante infine una riflessione sulla realizzazione dell’intera docu-fiction. Non è facile rendere in video, in modo accattivante e incalzante, per tenere lo spettatore incollato alla poltrona, una investigazione basata sulle intercettazioni telefoniche e sullo studio di documentazione da parte della procura: scene statiche e noiose. Già molti minuti della docu-fiction sono spesi in monotone rappresentazioni di attori che camminano parlando al telefono, non si poteva certo farlo per 130 minuti. Sono state quindi inserite scene di intercettazioni ambientali, di posizionamento di cimici nello studio di Brega alla clinica e nella sua abitazione, ma questo non è mai accaduto. Mai nel processo si è fatto cenno all’utilizzo di questi mezzi investigativi, e nessuna intercettazione ambientale è stata depositata agli atti. E difatti è facile smontare la veridicità delle scene mostrate nella docu-fiction. Brega è stato licenziato il 6 ottobre 2007; la scena della cimice nel suo studio in Santa Rita manda in onda una intercettazione telefonica (telefonica, non ambientale) del 18 ottobre, quando Brega non lavora più in clinica. E anche la scena mostrata nella casa del chirurgo riporta una intercettazione telefonica, non ambientale.

Gli incontri tra Brega e i pm Pradella e Siciliano poi, inseriti cronologicamente nella docu-fiction nel corso delle indagini, non sono mai avvenuti. Il chirurgo è stato sentito dai pubblici ministeri solo dopo il suo arresto. Ma, le esigenze della fiction, hanno evidentemente imposto una differente rappresentazione. Il punto è che una simile ricostruzione temporale propone un’immagine falsata della consapevolezza del chirurgo in merito al tipo di accuse che la procura muoveva – truffa o lesioni dolose – con conseguente interpretazione forzata delle intercettazioni telefoniche e delle azioni messe in atto da Brega stesso. Due erano infatti le vicende aperte: l’indagine Asl, che contestava l’approccio chirurgico in sette casi, contro cui Brega si stava muovendo fino alla denuncia al Tar, e l’avviso di garanzia della procura per truffa. È solo grazie a questa falsata ricostruzione temporale che viene fornita, per esempio, la suggestione che quando Brega chiede a La Corte di prendere le TAC di tutti i pazienti, lo spettatore crede che quel tutti si riferisca, semplicemente, a tutti, tutti quelli su cui sta indagando la procura, e non ai soli sette casi Asl. E a eliminare la suggestione non basta certo un sottopancia inserito nelle scene dell’interrogatorio, nel quale a caratteri minuscoli viene riportata la data.

Occorre quindi porsi, in conclusione, due interrogativi, uno specifico e uno di ordine generale, entrambi nel merito del preteso suffisso docu. Il primo è relativo al caso giudiziario: che cosa significa fare informazione, ancor più su un caso giudiziario ancora aperto? Sposare la tesi di un potere e nascondere dati rilevanti come la perizia super partes e la scomoda questione delle immagini? Tagliare ad hoc le intercettazioni telefoniche? Mostrare i magistrati, i pazienti che accusano Brega, i consulenti della procura e mai dare voce agli avvocati, ai consulenti della difesa, ai pazienti che ancora oggi difendono il chirurgo nonostante i loro casi siano stati inseriti nel processo come lesioni dolose? La nostra risposta è NO, questa non è informazione.

Sul piano generale, il format regge? Se per rendere ‘appetibile’ una docu-fiction su un caso giudiziario occorre inventarsi metodi investigativi non attuati e falsare cronologicamente gli accadimenti, è il caso di togliere il prefisso docu. Mai come in questo caso, il medium è il messaggio. E il messaggio è, da una parte, un monumento alla procura – e alla guardia di finanza che, guarda caso, ha dato il suo supporto alle riprese del programma, come da ringraziamenti nei titoli di coda – e dall’altra una ricostruzione suggestiva e non veritiera degli avvenimenti, con buona pace di ciò che significa fare informazione (e siamo all’abc del giornalismo: la cronologia è un tassello sempre fondamentale in una vicenda).

Un Paese civile dovrebbe porsi questi interrogativi. E dovrebbe porseli anche una televisione pubblica che decide di produrre e mandare in onda un simile format, per di più, lo ribadiamo ulteriormente, su un caso giudiziario ancora aperto su cui pende una condanna all’ergastolo. La vicenda Brega Massone ha toccato apici di gogna mediatica fin dal momento dell’arresto del chirurgo. Da lì non si è più usciti, non è più stato possibile né ragionare pubblicamente con lucidità sul caso né fare un’informazione basata sui fatti. I cittadini conoscono nulla di questo processo, se non la narrazione parziale che ha fornito loro l’industria mediatica sempre a caccia del ‘mostro’ per aumentare le vendite. In questo gioco al massacro ora è entrata anche la Rai, con il peso di una docu-fiction mandata in onda in prima serata.

Due parole, infine, sugli attori e gli autori del programma. I primi recitano un copione, ma questo non li solleva dalla responsabilità in merito al contenuto che ciò che affermano in quella che viene definita docu -fiction. I secondi l’hanno scritto, e questo comporta una responsabilità ancora maggiore. Le informazioni relative a questo processo sono documenti pubblici. Nel momento in cui Filippetto, Barbarossa e Benelli hanno deciso di raccontare questa storia, è loro responsabilità e dovere conoscerli. Non si sa cosa sperare. Forse è preferibile credere che dietro la ricostruzione parziale che i tre autori hanno proposto, dietro tutte le informazioni che hanno omesso, vi sia un’ignoranza che ha prodotto un’allarmante superficialità nell’affrontare una vicenda così difficile e complessa. Perché se non siamo davanti all’ignoranza, e questa la si chiama informazione, è ancora peggio.

La vicenda in breve.

prezzo di shuddha guggulu wikipedia en